Storia di uno stupro immaginato ma molto realistico

Scritto da , il 2020-05-29, genere pulp

Tra me e Marta si era creata negli anni una tale intesa sessuale che ci permetteva di confidarci anche quelle fantasie altrimenti difficilmente confessabili.
Vi sono fantasie che si desidera realizzare e se condivise si tende a farlo , altre invece sono fantasie destinate a restare tali perché solo in quel modo risultano eccitanti mentre nella realtà avrebbero un effetto traumatico.
Marta mi confidò a volte le capitava di eccitarsi ad immaginarsi vittima di violenza sessuale.
Un'azione talmente orribile poteva veramente risultare eccitante nella mente di una donna?
In effetti ebbi a scoprire che tra le fantasie sessuali estreme delle donne compariva anche quella dello stupro alla quale venivano date spiegazione di carattere psicologico che ne giustificavano la presenza e nella quasi totalità dei casi nessuna delle donne che avevano espresso questa fantasia si diceva disposta a viverlo nella realtà.
Anche Marta non avrebbe mai desiderato di trovarsi in una situazione simile.
Le proposi così di fare un gioco.
“diamo libero sfogo alla fantasia ed immaginiamoci una situazione in cui tu vieni presa con la forza”
Questo racconto è il risultato della collaborazione tra due persone estremamente affiatate e ricche di fantasia.
Spero sarà gradito da chi incuriosito da questa premessa proseguirà nella lettura.
Siamo in vacanza in Marocco e siccome a noi è sempre piaciuto immergerci nelle realtà locali quando visitiamo paesi stranieri una volta giunti a Tangeri ed averci passato alcuni giorni addentrandoci nei suoi vicoli assaporandone l'atmosfera , gli odori ed i sapori decidemmo di noleggiare un auto per poterci spostare liberamente e sostare ogni qualvolta lo desideravamo.
Tra le vetture disponibili scegliemmo un mini van comodo per affrontare anche lunghi spostamenti e sufficientemente spazioso da poterci dormire dentro nell'eventualità di dover pernottare lontani da centri abitati.
Visitammo Fes cinta dalle sue mura color della sabbia la sua medina ricca di una variopinta umanità con le sue botteghe artigianali e quelle delle spezie coloratissime e dagli intensi profumi che riempivano l'aria rendendola inebriante.
Passammo da Rabat e Casablanca da dove prendemmo la strada per Marrakech , forse la città simbolo del Marocco con la sua grande piazza che ospita un gigantesco mercato e le esibizioni di danzatori , musicanti , incantatori di serpenti ed ammaestratori di scimmie senza dimenticare anche qui la suggestiva medina.
Da li ritornando sulla costa all'altezza della ventosa Essaouira per poi scendere fino ad Agadir con le sue magnifiche spiagge ed il suo bazar.
Dopo Agadir proseguendo verso sud il Marocco diventa più selvaggio e si intravedono le prime tracce del deserto. La terra diventa rossa e sassosa mentre la vegetazione si va a diradare rapidamente chilometro dopo chilometro.
Lungo la strada ci accorgiamo di essere scarsi di carburante così usammo le due taniche di riserva confidando di fare il pieno al primo distributore.
Purtroppo non avevamo calcolato bene distanze e consumi così rimanemmo a secco nel bel mezzo del nulla prima di aver incontrato una pompa di benzina.
Il traffico era inesistente e dovemmo aspettare più di un'ora sotto il sole torrido quando vedemmo spuntare qualcosa dalla gobba che faceva la strada più avanti.
Era un grosso pickup. Facemmo cenno con le braccia di fermarsi.
Ne scesero tre uomini , due tra i cinquanta e i sessant'anni ed il terzo un ragazzo che non sembrava superare i venti , tutti indossavano il classico caftano usato in quei luoghi tra coloro che sono più legati alle tradizioni.
L'uomo che guidava si rivolse a noi in francese ed io nel mio francese approssimativo gli spiegai qual'era il problema e chiesi se non avesse una tanica di benzina da venderci ed egli mi rispose che il suo pickup funzionava a gasolio ma che poteva accompagnarci al primo distributore e la avremmo certamente trovato qualcuno che ci avrebbe riportato al nostro mezzo.
Non vedendo alternative se non rinunciare con la speranza che passasse di li a breve qualcuno con della benzina ma avrebbe comportato il rischio di restare a lungo in attesa al sole senza nessuna certezza accettammo il passaggio.
Il proprietario del pickup che disse di chiamarsi Hamed invitò Marta a sedersi all'interno con lui mentre io e gli altri due dopo aver caricato le taniche da riempire salimmo sul pianale e ci sedemmo con le spalle appoggiate alla cabina.
I due accanto a me , io mi trovavo al centro non erano persone loquaci o forse non parlavano nemmeno il francese e si limitavano a scambiare qualche breve parola in arabo di tanto in tanto. Io me ne stavo in silenzio sperando che il distributore non fosse lontanissimo.
Dopo nemmeno mezzora dalla partenza sentii del trambusto all'interno e Marta che chiamava il mio nome.
Mi voltai di scatto e vidi attraverso il vetro Hamed con una mano tra le cosce strette di lei che cercava di liberarsene.
Feci per intervenire picchiando con forza contro il vetro ma fui bloccato dai due accanto a me , uno dei quali estrasse un grosso coltello che mi appoggiò minaccioso alla gola.
Quando Marta se ne accorse rimase pietrificata dalla paura.
Quello alla guida le disse qualcosa che non potei sentire ma che ebbe l'effetto di farle aprire le gambe e di lasciare che quella mano risalisse la coscia e raggiungesse il suo fiore più intimo.
Io ero rivolto con il viso verso il vetro e non potevo muovermi così ero costretto ad assistere impotente a quella mano che si muoveva sotto la gonna e che anche se non vedevo capivo dai movimenti che le aveva scostato le mutande e le stava toccando la figa.
Ad un certo punto tolse la mano e si annusò le dita , piegò la testa un attimo verso di me e se le leccò e mi guardò sorridendomi in modo beffardo.
Si rivolse di nuovo a Marta con fare perentorio e lei prima di ubbidire alla sua richiesta mi guardò , aveva le lacrime agli occhi.
Lui le prese un braccio e la strattonò così fu costretta a distogliere lo sguardo da me e si mise a sbottonare i pantaloni del porco alla guida , vi infilò la mano e tirò fuori il cazzo già duro.
Si chinò e lo prese in bocca iniziando un pompino , i due accanto a me ridevano scambiandosi battute nella loro lingua a me incomprensibile.
Marta ubbidiva ai suoi voleri così prese a segarlo senza smettere di succhiare e in pochi istante quello sborrò.
Lei aprì la bocca di scatto liberandosi della sborra e fece per allontanare la faccia ma lui le prese la testa e la spinse in basso obbligandola a riprenderlo in bocca ed a ingoiare tutto il resto.
Una volta scaricatosi nella sua bocca la prese per i capelli e le fece girare la testa in modo che potesse guardarlo in faccia poi dopo averle rivolto alcune parole la fece girare di nuovo verso il basso e la obbligò a raccogliere con la lingua tutta la sborra che aveva lasciato cadere quando aveva aperto la bocca.
La vidi leccargliela dalle palle e dal ventre per poi fare lo stesso col cazzo fino a che non ebbe pulito tutto per bene.
Lui la prese di nuovo per i capelli e la riportò seduta poi si voltò verso di noi e scoppiò in una grassa risata che contagiò anche gli altri due.
Ridendo parlavano tra loro e il più anziano dei due fece con la mano il gesto del pompino e mi rise in faccia facendosi beffa di me.
Avevamo preso nel frattempo una strada sterrata per cui dovetti lasciare la speranza che tutto si sarebbe esaurito con quella violenza e l'umiliazione e ci avrebbero lasciati nei pressi del benzinaio ma quella deviazione mi fece capire che purtroppo quello era stato solo l'inizio.
Dopo una mezzora di viaggio su quella deserta terra rossa giungemmo ad un agglomerato di casupole attorniate dalla vegetazione. Ci fermammo al centro di questa oasi vicino al pozzo. Il luogo sembrava disabitato , il silenzio era assoluto , rotto solamente dalle voci dei tre uomini che ci fecero scendere dal pickup.
Mentre ci guidavano verso una delle casupole sentimmo il cigolio di una persiana che si apriva e da una finestra apparve il volto di una donna ma il più anziano dei tre con fare autoritario la fece rientrare immediatamente. Fu l'unica testimonianza che avemmo che il luogo era abitato probabilmente dalle famiglie di quei tre farabutti.
Arrivati di fronte al piccolo edificio ci spinsero ad entrare.
Era composto da un'unica stanza arredata con un grosso tappeto a coprire l'intero pavimento , una specie di basso divano che correva lungo tutta la parete di fondo e girava fino a metà delle pareti laterali. Dal lato opposto della stanza c'era un letto a baldacchino in legno decorato con arabeschi.
Come chiusero la porta ci fecero spogliare completamente e incaricarono il ragazzo di portare fuori i nostri indumenti , presumo per nasconderli nel caso fossimo riusciti in un improbabile fuga.
Mi fecero sedere a ridosso della parete di fondo con il ragazzo una volta rientrato a farmi da guardia con in mano il coltellaccio che gli aveva passato il più anziano.
Quest'ultimo e l'altro uomo presero Marta e la fecero sedere anch'essa sullo stesso lato della parete. Sentimmo bussare alla porta , il giovane si alzò e la aprì quel tanto che bastava a far passare un vassoio portato da una mano femminile che una volta consegnato sparì in un lampo chiudendo la porta,
Il ragazzo poso il vassoio su di un basso tavolino.
Vi erano cinque bicchieri contenti foglie di menta , una teiera fumante al centro , una pipa dalla lunga e sottile imboccatura con un piccolo fornello in ottone ed una tabacchiera in metallo. Fu versato il te che ci fu detto di sorseggiare senza fretta mentre Hamed si incaricò di caricare la piccola pipa con ciò che pareva erba tritata finemente , premette col pollice per compattarla e la passò al vecchio che venni a sapere faceva Said di nome , gliela accese e questi aspirò tre lunghe boccate che bastarono a consumare tutto il contenuto. La seconda pipa la riservò a se stesso mentre la terza toccò a me. Ero titubante ma non ebbi la possibilità di scelta e ne aspirai anch'io il fumo.
Venne la volta di Marta che tentò un timido rifiuto ma che fece arrabbiare Hamed e la persuase a fumare. L'unico escluso fu il ragazzo di nome Youssef , probabilmente alla sua giovane età non era ancora permesso partecipare a questa sorta di rito.
Il te e la pipa non ci fecero perdere la lucida consapevolezza della drammatica situazione che stavamo vivendo ma contribuirono ad allentare la tensione riportando il respiro ed il battito cardiaco a livelli accettabili.
Marta cercava di coprire le sue nudità con le mani ma era un tentativo inutile date le sue misure abbondanti.
Venne il momento di arrivare al temuto dunque.
Hamed e Said presero Marta per le mani e la condussero al centro della stanza dove la fecero mettere in ginocchio.
Si tolsero i caftani e mostrarono di non portare nient'altro.
Le offrirono i loro cazzi circoncisi non ancora nel pieno dell'eccitazione e lei in una sorta di rassegnazione non aspettò i loro ordini , sapeva benissimo cosa volevano da lei.
Li prese prima in mano e iniziò a segarli fino a che raggiunsero la piena erezione e poi si mise a fare un pompino ad entrambi a turno. Hamed si prese il cazzo in mano e le mostrò le palle così lei le prese in bocca e succhiò per poi passare a quelle dell'altro.
Io ad un certo punto vergognandomi di me stesso sentii crescere il mio cazzo e tentai maldestramente di nascondere la mia erezione.
Il giovane Youssef se ne accorse e lo comunicò ai due che erano concentrati sulla bocca di Marta così uno di loro prese Marta per i capelli e le fece voltare il viso nella mia direzione , ordinò al giovane di farmi togliere le mani e lui non esitò a puntarmi addosso il coltello
Riuscii a dire a Marta “perdonami” abbassando la testa e maledicendomi.
L'effetto però fu sorprendente perché Marta rendendosi conto che la situazione per quanto di costrizione o forse proprio per quel motivo mi aveva portato ad uno stato di eccitazione si sentì in un certo senso libera di esprimere a sua volta il suo coinvolgimento.
Riprese a spompinare i due cazzi e accostate le due cappelle le lecco e succhiò contemporaneamente.
I miei sensi di colpa piano piano svanirono a vederla si vittima ma partecipe.
Said si sedette sul bordo del letto e si sdraiò supino con i piedi appoggiati a terra. Hamed fece salire Marta sul letto e lei cominciò a strusciare la passera contro il cazzo teso al massimo . Alzò un po il culo , lo prese in mano e lo guido all'ingresso della sua calda figa e si sedette su di esso facendolo sparire tutto dentro.
Si piegò in avanti ed iniziò a cavalcarlo con le grosse mammelle che gli schiaffeggiavano la faccia. I commenti in arabo si sprecavo e non facevo fatica ad immaginare che usassero termini scurrili.
Devo ammettere che pur tenendo conto della situazione vedere la cavalcata di Marta su quel cazzo con le sue mammelle che sbattevano sul volto di lui che ogni tanto afferrava con le mani nel tentativo di portarsi i capezzoli alla bocca fu la scena che fece si che mi decidessi a prendermi il cazzo in mano ed iniziassi a menarmelo. Hamed allora la fece voltare di nuovo verso di me per farle vedere la scena del suo uomo che si masturbava mentre lei subiva violenza. Marta lasciò ogni inibizioni ed i sensi di colpa per aver ceduto al piacere in una situazione che la vedeva vittima di un vero e proprio abuso.
Ebbe un orgasmo che le fece schizzare un po di miele. Hamed si chinò dietro di lei e le sputò più volte sull'ano spalmando poi la saliva fino al suo interno quindi si avvicinò a Marta e le disse di prenderlo in bocca e di insalivarglielo tanto che quando lo tolse gocciolava . Si posizionò dietro di lei . Le aprì le natiche con le mani e spinse prendendole il culo senza interessarsi se lei potesse provare dolore.
In effetti un urlo di dolore a Marta scappò ma lui non se ne curò e si mise a pompare con forza al che lei iniziò a godere anche di quella seconda asta che le penetrava le carni.
Non riuscii a trattenermi e sborrai una prima volta nel vedere quella doppia penetrazione.
Marta ebbe occasione di venire altre due volte prima che Hamed le sborrasse in culo.
La fecero girare e Said le prese le gambe e gliele spalancò.
Si riprese la figa di Marta e non ci volle molto prima che le venisse dentro. Hamed che si era fatto il culo ora volle anche la passera e la fece mettere a pecorina così si mise a montarla da dietro , Marta non aveva mai preso tanti cazzi uno dietro l'altro come stavolta e mugolava come impazzita mentre Hamed se la sbatteva alla grande . Ebbe altri orgasmi , ormai aveva perso il controllo ed anche Hamed le volle riempire la figa di sborra.
Poi Said si rivolse al ragazzo che fino ad allora era rimasto rispettosamente da una parte e lo invitò ad avvicinarsi.
Gli indicò la passera di Marta che si era di nuovo distesa supina e gli disse qualcosa.
Il giovane si spogliò e rivelò di avere un attrezzo mica da ridere , decisamente bello grosso e ad un punto massimo di eccitazione dopo che aveva dovuto solo assistere alle prestazioni dei due uomini con Marta.
Era giunto il suo turno e appoggiata quella mazza alla passera arrossata e slabbrata del mio amore gliela spinse dentro facendole inarcare la schiena per reazione a quella voluminosa intrusione.
Ansimava e mugolava rumorosamente mentre Youssef forte della sua giovane età la montava energicamente.
Dopo una decina di minuti di monta e tre orgasmi di Marta venne anche lui copiosamente tanto che un po del so seme uscì da quella figa abusata.
Hamed venne da me e mi prese per un braccio.
Mi portò da Marta e mi disse “noi ce la siamo goduta e le abbiamo riempito culo e figa , ora voglio che tu scopi tua moglie stuprata così sarà come se fossi nostro complice.
Io dissi di no e ricevetti un pugno allo sterno che mi bloccò il respiro per alcuni secondi
Marta ebbe la forza di dirmi “amore fai come ti dice”
Così mi decisi , il cazzo era duro già da prima e mi misi su di lei e la baciai mentre glielo infilavo in figa e iniziavo a pompare. Mentre la scopavo potevo sentire benissimo la sborra che mi inzuppava il cazzo che tirandosela dietro usciva ricoperto dello sperma denso e lattiginoso prodotto dalle tre sborrate precedenti.
Mentre scopavo mi accorsi che i tre ai erano massi a fianco di Marta e si stavano segando , qualcuno le strapazzava i seni e quando il primo venne e le sborrò in faccia non mi trattenni e sborrai anch'io nella sua figa ormai sfatta.
Gli altri due sborrarono in sequenza , il primo sui seni mentre mentre l'altro le fece aprire la bocca e gliela riempì costringendola ad ingoiare.
Con quest'ultima sborrata collettiva si ritennero soddisfatti.
Ci condussero così nudi nel cortile dove c'era il pozzo e calato il secchio e riempitolo dell'acqua della falda se la riversarono addosso a turno. Gli ultimi secchi li riservarono a noi. Marta aveva la faccia ed i seni impiastricciati di sperma che le era colato anche lungo le cosce da culo e figa ed accolse quelle secchiate d'acqua fresca con sollievo come se non solo servissero a togliere le tracce degli abusi subiti ma le potessero anche ripulire l'anima dal rimorso che prese ad attanagliarla dopo che fu tutto finito e dovette ammettere a se stessa di aver goduto nell'essere stuprata.
Io vivevo le stesse contrastanti emozioni.
Il sole fece presto ad asciugare i nostri corpi.
Ci furono restituiti i vestiti e Hamed si incaricò di portarci al distributore dove ci lasciò con un “Salam-Alikum” che suonava beffardo in quanto significa “che la pace sia con te”.
Nonostante quell'episodio concludemmo il viaggio come l'avevamo programmato ed alla fine tornammo in Italia con impresso il ricordo di quell'esperienza che fu metabolizzata ma alla quale nessuno dei due riuscì mai a dare una collocazione.

Questo racconto di è stato letto 3 1 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.