Il portiere era curioso

Scritto da , il 2020-05-28, genere tradimenti

Ormai, quando Michele veniva a casa, non era una rarità che io uscissi, facendo intuire al portiere che Nadia era rimasta sola con lui. Mi eccitava che la cosa si capisse...mi divertivano i suoi sorrisi compiaciuti, di chi aveva compreso tutto. Un giorno, mentre tornavo da lavoro, il portiere mi chiese se potevo fermarmi un attimo. Mi disse "Antonio, scusa se mi permetto di chiedertelo. Cosa si prova?". Io feci finta di non capire e dissi "in che senso?", e lui "cosa si prova...a lasciare sola la propria donna con l'amico?". Mi diventò duro come il marmo. Mi aveva fatto intendere esplicitamente che aveva capito tutto, e voleva saperne di più. Provai un forte imbarazzo, ma l'idea di confidarmi era stuzzicante. "Non è facile parlarne...per molti sarebbe difficile da comprendere. Io sono, come si suol dire, un cuck. Mi piace sapere che un altro va a letto con la mia donna. Certo, mi imbarazza, mi rende geloso, mi provoca anche disagio, ma mi eccita molto. E non solo mi eccita sapere che la mia donna gode con un altro...mi eccita altrettanto sapere che un altro si gode la mia donna". Notai un rigonfiamento nei pantaloni del portiere. La voce gli diventò roca, e disse "beh, sono gusti...se vi piace, che male c'è...". Gli risposi "infatti, anche se spiegarlo non è semplice, la gente è sempre pronta a giudicare. Ma a noi piace così". Lui, con voce sempre più roca, disse "fate bene, si vive una volta sola. E...scusami se te lo chiedo, ma...tu li guardi ogni tanto mentre loro...?". "No, preferisco rimanere fuori la camera da letto e lasciarli tranquilli, senza la mia presenza nella stanza. Così si prendono tutto il tempo che occorre, e Michele fa quello che deve fare, con calma". Il rigonfiamento nei pantaloni del portiere era sempre più evidente, ed anche io ero molto stuzzicato da quella confidenza che gli stavo facendo inaspettatamente.Lui fece fatica a trattenere le risatine, mentre mi disse "con calma, eh...beh sì, così se la prende comoda, giusto, eh eh". La situazione lo stava divertendo, e intrigava anche me. Lui proseguì "ma...oltre a Michele...vi è capitato anche con altri?" ed io "una volta, col mio barbiere, a casa sua, molti mesi fa. Però con Michele è una situazione diversa. Con Michele è capitato molte volte". Lui mi guardò intensamente e disse "te la pompa a dovere quindi...e bravo Michele!" e rise. Mi diventò durissimo ma cercai di rimanere lucido e dissi "però quello che ti ho detto deve rimanere tra di noi" e lui "ovvio, ci mancherebbe. Se poi tu e Nadia cercate un nuovo compagno di avventure, tenetemi in considerazione. Insomma, non mi dispiacerebbe...", disse guardandomi con aria sorniona. "Mai dire mai", risposi, e me ne andai, dando un ultimo sguardo al suo pacco vivace. Salii le scale ripensando alle sue parole, e l'unico pensiero che mi frullava in testa era "quasi quasi...".

Questo racconto di è stato letto 6 7 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.