Un aziendalista non contraddice mai il suo capo

Scritto da , il 2020-05-28, genere dominazione

Marco aveva 28 anni e lavorava presso un'azienda da alcuni mesi. Abitava con sua sorella Adele, di 31 anni, anche lei lavoratrice, entrambi fuorisede. Un sabato sera, ad una festa per dipendenti (estesa anche ai loro parenti) organizzata dall'azienda, il capo notò l'avvenenza di Adele e la invitò a ballare. Il lunedì successivo, al lavoro, il capo convocò Marco nel suo ufficio e gli disse "te lo dico in tutta franchezza...mi piace tua sorella. Sabato, a fine serata, ci siamo scambiati i numeri di telefono". Marco arrossì e non disse nulla. Il suo capo aveva 46 anni, era un bell'uomo, molto sicuro di sè, con la fama del donnaiolo. Adele era mora, formosa, mediterranea, elegante e sensuale al tempo stesso. Il capo proseguì "ho intenzione di uscire con tua sorella e di frequentarla. Intendiamoci, una frequentazione senza impegno, giusto per svagarmi un po'" e sorrise. Poi disse "spero non ti dia fastidio..." e Marco, imbarazzato ma anche intrigato da quella situazione, disse "ingegnere, ci mancherebbe...". Il suo capo sorrise e disse "molto bene...". Nelle settimane successive, Adele e l'ingegnere iniziarono a uscire insieme. Anche Adele ne parlò con suo fratello, dicendogli con molto tatto e un po' di imbarazzo che si stava frequentando col suo capo. Dopo alcune settimane, l'ingegnere, pur abitando da solo ed avendo quindi casa sua a disposizione per stare in intimità con Adele, iniziò ogni tanto a "dormire" a casa di Marco. In pratica, quando accompagnava Adele a casa, saliva ed entrava in camera con lei. Era anche piuttosto rumoroso, l'ingegnere, mentre si godeva la sorella di Marco. Marco sentiva i rumori, nella stanza a fianco. Pensava che fosse inopportuno che il suo capo "consumasse" a casa loro, invece di farlo a casa sua...però gli diventava duro quando sentiva quei rumori. Una mattina, in ufficio, l'ingegnere lo convocò nuovamente nella sua stanza, e gli disse "la frequentazione tra me e tua sorella va molto bene. Mi frequento anche con altre donne, lei lo sa. Ci divertiamo senza impegno, con serenità". Marco capì che l'ingegnere voleva provocarlo, forse umiliarlo, con quel resoconto da sbruffone. Per indole, ma anche per aziendalismo, stette al gioco. L'ingegnere proseguì "sai perchè vengo a scopare a casa vostra?" e Marco "perchè?". L'ingegnere lo guardò con aria beffarda e disse "per farti capire chi comanda...". Marco sentì una strana eccitazione, ascoltando quella frase insolente. Il suo capo allora disse "vengo a casa tua e faccio i comodi miei...con tua sorella...e tu zitto...ahahahahahhaahahahah". Marco, da bravo aziendalista, stette zitto. La dignità sarà anche importante, ma il lavoro, al giorno d'oggi, bisogna tenerselo stretto.

Questo racconto di è stato letto 6 6 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.