M-arito spettatore della S-ua carriera

Scritto da , il 2020-04-05, genere tradimenti

Continua la mia pena.
Nonostante qualche sprazzo di complicità ed estemporanee avventure, rimaste isolate come oasi nel deserto, la vita sessuale con mia moglie continua ad essere un meccanismo inceppato.
Ho aperto a lei ogni frontiera delle mie fantasie; per contro, a parte rarissime esplosioni erotiche in cui la mia donna lascia intravvedere i suoi desideri, ho trovato un muro invalicabile eretto davanti a me.
Mi sono perfino spinto a dichiarare il mio piacere nel vederla posseduta da altri, e mi sono dichiarato ripetutamente disponibile ad assecondare le sue fantasie più inconfessabili, purché mi renda partecipe.
Tuttavia, la sinergia che ho sempre cercato, resta ancora una lontanissima chimera.
Eppure, sotto quella scorza che fa apparire mia moglie sessualmente fredda nei miei confronti, sono certo che esista un fiume di sensualità bollente, segreto, non accessibile al sottoscritto ma che saltuariamente mostra in superficie gli effetti della sua esistenza.
Un episodio mi ha dato conferma del fatto che mia moglie sia in realtà posseduta da un cinico e spietato erotismo, dedicato anche al servizio di altri interessi; un episodio accaduto circa quattro mesi fa.
Lei è impiegata amministrativa in un ente pubblico e generalmente lavora sino al tardo pomeriggio.
L’ho raggiunta sul suo luogo di lavoro pochissime volte.
In quell’occasione, terminati prima del previsto i miei impegni lavorativi, mi trovavo nelle vicinanze della sede presso cui operava mia moglie.
Speravo di poterle fare una sorpresa recandomi da lei e, magari, attesa l’uscita dei colleghi, dare sfogo e forma a pensieri proibiti proprio nel suo ufficio.
Con questi intenti, avevo persino rifiutato l’invito di una cliente, piuttosto attraente, a concederci un piacevole aperitivo.
Scoccate le diciassette e trenta del pomeriggio, respinto con un certo rammarico l’intrigante proposta, mi sono diretto verso l’ufficio di mia moglie.
Il locale si trovava in un complesso di edifici piuttosto vetusti; un vecchio stabile, con alti soffitti e vagamente lugubre; porte a doppio battente di “vecchio stampo” e spesso dalla chiusura ormai difettosa.
Giunto all’ingresso dell’edificio, non ho avuto difficoltà ad entrare: le porte erano aperte.
Dopo pochi passi nel corridoio, mi sono accorto che il settore era quasi deserto; evidentemente la maggior parte dei dipendenti aveva già terminato il proprio orario lavorativo; sembrava che tutto assecondasse i miei programmi.
Mi sono avvicinato con cautela alla porta del suo ufficio, tentando di non far rumore, considerando che le “visite” dei parenti sono comunque un’eccezione.
Raggiunta l’entrata dell’ufficio, ho percepito un vociare provenire dall’interno; inizialmente ho creduto si trattasse delle college di mia moglie; poi, invece, ho identificato voci maschili.
Temendo di disturbare un’importante riunione mi sono accostato alla porta semichiusa; i due battenti molto usurati dal tempo, lasciavano un pertugio attraverso cui indagare l’interno senza essere visti.
Ho tentato quindi di accertarmi che non fosse inopportuna la mia presenza; intravvedo la figura di mia moglie, seduta sulla sua sedia, alla scrivania; il direttore generale ed un altro “alto” dirigente, seduti sulle poltroncine che generalmente accomodano gli avventori.
Nel silenzio del settore sono riuscito a carpire nitidamente il discorso che stavano sostenendo: parlavano dell’avanzamento di carriera di lei.
Mi moglie si lamentava di inique discriminazioni che l’avevano penalizzata e, dopo aver esposto animatamente, ma rispettosamente ed in modo palesemente ossequioso le sue opinioni, si è lasciata sfuggire una frase che ha scatenato la bufera: “lavoro bene e senza mai negare impegno, sarei disposta a tutto pur di ottenere lo scatto di categoria!”.
Con ogni probabilità si trattava di un’affermazione pronunciata senza alcuna malizia; di getto, sebbene ora m’interroghi su questa conclusione.
Così però non è parso ai due dirigenti che, in quell’attimo, hanno letteralmente cambiato espressione.
Entrambi si sono irrigiditi; si sono guardati in viso quasi fosse un cenno d’intesa; è calato un breve silenzio che però è sembrato infinito.
Lei, per quanto si poteva vedere dal pertugio, non aveva ben inteso l’effetto che stava per sortire la sua azzardata disponibilità.
Il direttore generale, a quel punto ha preso le redini della situazione, ed in tono vagamente scherzoso, ma anche insidioso, ha replicato: “Dottoressa, così dicendo potremmo fraintendere; potremmo pensare che lei si renda disponibile veramente a… tutto”.
Da dietro la porta, per pochi secondi, ho atteso una risposta risolutrice e chiarificatrice di mia moglie; invece, lei ha mosso il capo quasi confermando gestualmente l’ambigua insinuazione del direttore; è arrossita visibilmente e dalla sua bocca è uscito flebilmente un sussurro: “ma sa… si fa quel che si deve… anche se…”.
Udendo queste parole, ho tentato di convincermi che la mia posizione avesse distorto la percezione; quasi subito, però, ho realizzato ciò che stava per accadere.
Non so ancora oggi cosa mi abbia trattenuto dall’irrompere nell’ufficio; la mia è stata una reazione pressoché inspiegabile. Oppure, il mio inconscio voleva mettere alla prova la mia compagna di vita.
Per i due “capi”, l’atteggiamento di mia moglie era un invito, nemmeno troppo criptato.
Il Direttore generale si è alzato dalla propria sedia avvicinandosi con aria prudente a lei.
Prima ha appoggiato le mani sulla sua spalla sinistra, accarezzandola amorevolmente e distraendola con argomenti inutili.
Mia moglie, ora comprendendo le circostanze, si è irrigidita ed ha abbassato lo sguardo sulla scrivania, balbettando pensieri incomprensibili.
La preda era ormai in trappola ed il direttore ha fatto lentamente scivolare la sua mano sul seno di lei, afferrandone con più forza e brama la parte più sostanziosa.
Lui è un sessantenne, non bellissimo ma all’apparenza più che presentabile; non grasso, un viso regolare e proporzionato, occhiali, capelli corti brizzolati; rigorosamente in giacca e cravatta. Non un adone ma, con il suo incarico di “potere”, avrebbe potuto avere qualsiasi altra dipendente molto più avvenente di mia moglie (e forse è accaduto).
Nonostante ciò, si sa che l’occasione fa l’uomo ladro, soprattutto in ambito sessuale, e lo spinge ad accettare ogni opportunità, anche solo per gratificare il proprio “io”.
Lei, non molto alta, non robusta ma i chili guadagnati in eccesso li ha accumulati in maniera evidente sul ventre; glutei poco prominenti ma in fianchi abbastanza stretti; occhiali e capelli a caschetto; naso un pochino pronunciato; seno appesantito dalla gravidanza. Quel giorno indossava una camicetta semplicissima ed una gonna senza calze, considerata la temperatura semi estiva: nulla di particolarmente eccitante. Devo essere onesto: non l’ho mai ritenuta una bellezza da capogiro.
Mentre il Direttore proseguiva nell’esplorazione dei suoi seni, entrando ora nella camicetta e sforzandosi di penetrare il reggiseno, il suo collega si è avvicinato a mia moglie dal lato opposto e, mentre si alzava per percorrere la breve distanza, si è preoccupato di abbassare la cerniera dei suoi pantaloni.
Quest’altro dirigente, leggermente più basso del direttore generale, era un pochino più robusto; calvo con barba ben curata; cinquantacinque anni; giacca e cravatta con aspetto apparentemente pacioso.
Mia moglie, ancora rigida, inizialmente non ha dato modo di facilitare gli intenti dei due uomini; non aveva forse il coraggio di guardarli e di quanto aveva ormai accettato di subire.
Poi, improvvisamente, lei alza lo sguardo verso il direttore generale, si slaccia tutta la camicetta ed aiuta le sue tette ad uscire dal reggiseno, appoggiandole sui suoi bordi; lui, poteva così assaporare avidamente la consistenza del corpo di mia moglie.
Io, da dietro la porta, sopportavo vere e proprie vampate di calore; rabbia, incertezza, sgomento; eppure, anche allora non sono entrato in ufficio.
L’altro dirigente, frugando nei suoi pantaloni, dopo qualche secondo, è riuscito ad estrarre il suo sesso; un fallo non ancora in erezione; dalla radice estremamente pelosa; non lungo ma piuttosto largo e nodoso; il glande rosa pallido abbastanza esposto.
Con la mano sinistra, ha spostato con forza la testa di mia moglie verso il suo membro bisognoso d’attenzione; lei ha volto il suo sguardo verso la sua faccia, quasi con intenti interrogativi; lui è stato lapidario: “dai! Prima che arrivi qualcuno!”. A questo punto, mia moglie, comprendendo il suo destino, ha racchiuso nella bocca il pene ancora riposante; sono bastate poche corse delle sue labbra e l’asta ha raddoppiato le sue dimensioni, mostrandosi notevolmente più turgida.
Nel frattempo, anche il direttore generale ha estratto il suo sesso; più lungo ma decisamente più stretto; già in erezione ma con il glande nascosto; ha afferrato la mano di mia moglie, conducendola verso il pene voglioso.
Venivo sopraffatto da emozioni contrastanti; non nego di aver provato anche un’intensa eccitazione, tanto che ho percepito fastidio per i pantaloni che costringevano le mie intimità.
Da una parte il dirigente che spingeva sempre più forte il suo pene nella bocca di mia moglie che, per eseguire bene il proprio “servizio”, ha iniziato ad aiutarsi con la mano libera; lui già provava un certo godimento ed ansimava sensibilmente.
Il direttore generale, pronto all’assalto decisivo, chiede a lei di alzarsi dalla sedia, chinarsi in avanti in modo da mostrare il sedere ai suoi occhi ed offrirsi al suo sesso; la testa, invece, ancora rivolta al collega, avrebbe potuto continuare l’egregio lavoro di bocca.
Mia moglie esegue gli ordini e si assesta appoggiandosi con la sua mano sinistra alla scrivania che, ora, era parallela al suo corpo, chino in angolo retto.
Il direttore generale, dapprima sfila sollecitamente le mutande di lei; biancheria dozzinale, nulla di particolarmente ricercato; poi, voracemente, con tre dita, trastulla la vagina della mia donna che pare procurarle non poco godimento.
Lei, cede completamente e mostra di gradire la situazione; geme; ansima per quanto gli veniva consentito dall’intruso che accoglieva ancora nella sua bocca.
Dal pertugio, vedo il direttore generale prepararsi alla penetrazione; la mano sinistra appoggiata sulla natica di mia moglie; la mano destra guida il suo sesso verso l’obbiettivo. Il colpo è deciso e violento; lei sobbalza ed urla; lui pare avere difficoltà a entrare e spinge sempre più forte; il suo viso si contrae; la mia donna soffre e grugnisce. Comprendo che la sta possedendo analmente.
Il mio cuore scalpitava nel petto; il mio pene ha lasciato fuggire qualche goccia di liquido seminale; il mio spirito è stato profondamente umiliato.
Conto quattro colpi di reni ed il direttore generale ha raggiunto velocemente l’orgasmo che non ha consentito nemmeno a mia moglie di seguirlo, nonostante, dopo il primo momento di dolore, avesse iniziato a masturbarsi con forza il clitoride.
Lui ha estratto il sesso in maniera altrettanto decisa e la mia donna si è contratta un poco per il gesto violento.
Estrae un fazzoletto, si pulisce velocemente, e ricaccia il suo arnese nei pantaloni, già un poco afflosciato.
Lei è rimasta preda dell’altro; lui le ha chiesto di accomodarsi sulla scrivania, a gambe aperte; la mia donna lo fa senza protestare. Dalle parole che si scambiano nella frenesia, ho compreso che lo sperma del direttore generale colava dall’orifizio anale, imbrattando la sedia ed i documenti appoggiati sul tavolo da lavoro.
Questo dettaglio non ha però fermato gli impeti.
Lui, ormai pronto dopo la prolungata permanenza nella bocca della mia donna, si è posizionato in piedi tra le sue gambe; ha aggiustato un poco l’altezza sollevandosi leggermente sulle punte e, reggendo in alto le caviglie di lei, l’ha penetrata con vigore, entrando nella sua vagina sino allo scroto. La mia donna stava chiaramente apprezzando l’approccio rude; il tutto sotto gli occhi compiaciuti del direttore generale, che si era seduto ad ammirare l’ultima scena.
Anche per l’altro dirigente, sono bastati pochi affondi e, quasi rantolando, ha goduto senza preoccuparsi di interrompere il coito: è venuto riversando il suo sperma nella vagina di mia moglie che, non so se per assecondare il piacere dei suoi amanti, o se per reale raggiungimento dell’estasi, ha mostrato tutti i sintomi dell’orgasmo, non preoccupandosi di aver ricevuto il seme nel suo grembo.
Come il direttore generale, anch’egli ha estratto il sesso, affrettandosi a rassettare il glande fradicio di umori; dopo la sommaria pulitura, lo ripone subito nei pantaloni.
A quel punto, tutto era finito; istintivamente, anziché palesarmi alla “allegra combriccola” e dar luogo ad una scena isterica, ho deciso di fuggire a casa, evitando di incrociarli. Un nodo in gola rendeva difficile la mia disperazione; sensazioni tanto potenti, quanto contrastanti.
Mia moglie è rientrata dopo un’ora circa.
In preda ad un desiderio infernale, perverso e malsano, ho provato ad approcciarla sessualmente non appena varcata la soglia della porta; mi eccitava pensare di avere la mia donna, ricordando le immagini di quel che avevo visto poco prima.
Provavo un’irrefrenabile voglia di sessualità “deviata”, e nel contempo la rabbia e l’umiliazione per quel che avevo dovuto patire: assistere al tradimento.
Lei però si rifiuta stizzita, quasi schifata dal mio atteggiamento.
Io: “Perché non vuoi?... Non lo facciamo da quasi due mesi”
Mia moglie: “sono stanca ed ho ancora molto da fare a casa”
Io: “Come è andata in ufficio?” … “problemi?”
La mia domanda, forse dettata dall’istinto più che dalla ragione, anelava una confessione insperata.
Mentre pronunciavo quelle parole, quasi per caso, ho chinato lo sguardo, notando un leggero rivolo di liquido scendere lungo le gambe scoperte della mia donna.
Lei: “ho lavorato tantissimo, ma stavolta arriva la promozione”.





Questo racconto di è stato letto 5 0 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.