I Racconti Segreti ( Le perversioni e l'amore di una giovane di buona famiglia )

Scritto da , il 2020-02-27, genere incesti

"I 16 racconti di questa storia hanno formato in vero e proprio piccantissimo romanzo. Li ho raccolti in un file unico e aggiunto alcune parti inedite al racconto. Buona Lettura" - Eliseo91

I RACCONTI SEGRETI
( LE PERVERSIONI E L'AMORE DI UNA GIOVANE DI BUONA FAMIGLIA )

CAPITOLO 1

Era mattina. L'ennesima mattina. Una vita costruita sullo scandirsi noioso e imperturbabile dei “driiin” della sveglia.
Alessandra si era svegliata come ogni maledetta mattina. Anche quella mattina.
Di quante cazzo di mattine era composta l'esistenza?
Quante altre “mila” volte avrebbe dovuto svegliarsi prima di capire che era stata veramente una grande fregatura quella di essere stata messa al mondo?
Ogni mattina era uguale a quella precedente e quella precedente era uguale a quella precedente ancora. Come in quel film con Bill Murray dove ogni giorno tendeva a ripetersi all'infinito...
“Un loop temporale del cazzo” - pensava Alessandra.

Odiava la mattina, odiava profondamente tutte quelle noiose mattine che da vent'anni vedeva e sentiva chiuderle la vita in una scatola. Era diventata per lei un'ossessione. La stessa parola, “mattina”, racchiudeva in sé tutte le cose peggiori che la vita potesse riservare. Alessandra, poco più di vent'anni, una vita già segnata e decisa, non da se stessa, ma dai propri genitori.
Quella “mattina” non era diversa dalle altre.
Suo padre l'aveva svegliata, presto, come ogni domenica. Bisognava andare in adunanza, fare quegli odiosi sorrisi di circostanza e mostrarsi profondamente interessati alla parola di Dio. I suoi genitori erano molto severi, ligi come pochi in quella religione, in più il padre essendo un pastore della comunità doveva dare buon esempio e costringeva ad una vita integerrima e monastica l'intera famiglia. Da bambina aveva paura di pronunciare quelle tre paroline, “testimoni di geova”. La gente si allontanava spaventata prima ancora che proferissero parola. Crescendo quei termini le avevano messo meno angoscia ma comunque le avevano indirizzato la vita verso percorsi ben precisi. Percorsi che odiava profondamente. Erano strade senza via d'uscita. Senza una via d'uscita razionale. Ma cosa c'era di realmente razionale in quella vita?
Si nasceva, si viveva, si moriva. Non tutto necessariamente in quest'ordine.
Per Alessandra la vita era composta da quelle quattro mura che delimitavano la sua stanza e dalle quattro mura che la ingabbiavano due o tre volte alla settimana in quella che veniva chiamata Sala del regno. Una gabbia protettiva, non una gabbia dorata. Una gabbia è sempre una gabbia. Come un animale allo zoo o come un uccellino.
Vent'anni, tutta una vita da vivere e ancora tante delusioni da vedersi cadere addosso come una violenta tempesta in mare aperto.

Suo padre l'aveva fatta svegliare presto. Era ancora tremendamente assonnata quando aveva aperto gli occhi. Nemmeno il tempo di riconciliare l'animo con il cinguettare degli usignoli che già bisognava pensare all'adunanza. Quanto odiava andare in adunanza. Era come settimanalmente passare davanti ad un plotone d'esecuzione.
“Pum” - e simulava con le dita della mano il gesto della pistola portata alla tempia.
Dopo aver fatto colazione, Alessandra si lavò per bene i capelli, si mise il vestito bello della domenica e seguì i genitori in macchina, pronta per sorbirsi le maledette due ore di adunanza.
Le ragazze della sua età passavano il sabato sera a divertirsi con le amiche e con i ragazzi, magari andavano al cinema, mangiavano una pizza, andavano a concludere la serata in qualche pub. Le sue coetanee “del mondo” lo facevano. Tutti i sabato sera. Benedetti sabati del mondo. Lei aveva passato il sabato sera a prepararsi la “Torre di guardia” con i genitori. Una rottura di coglioni colossale. Tutti i sabato sera la stessa identica storia. Invitavano qualche famiglia di fratelli a casa, si mangiava una pizza oppure sua madre si metteva ai fornelli e preparava qualche manicaretto, poi dopo una bella cenetta tutti insieme ci si metteva attorno al tavolo del soggiorno e ci si preparava la rivista per il giorno dopo. Quanto odiava quei “sabati”. Quasi quanto odiasse le “mattine”. Quasi quanto odiasse le “domeniche mattina”.
Le ragazze normali passavano il sabato sera a divertirsi, lei a far già vita da “vecchia”. Le altre ragazze, quelle “del mondo”, quelle “fortunate”scopavano già da quando i primi pruriti adolescenziali si erano fatti insistenti. Alessandra a malapena trovava il coraggio di accarezzarsi le parti intime quando si faceva la doccia, altro che scopare. Già un bacio, nel mondo dei testimoni di geova era una grossa trasgressione. Un pensiero “erotico” che balenava in testa era parificato ad un grosso peccato. Impurità le chiamavano. A lei mancava un rapporto stretto e quotidiano con quella magica parola: impurità. Le ragazze normali, quelle a cui avrebbe voluto somigliare avevano probabilmente passato il sabato notte col proprio fidanzato a far l'amore e si sarebbero svegliate a mezzogiorno la domenica seguente, non come lei che alle sette del mattino doveva essere in piedi, quasi fosse destinata ad un perenne addestramento militare.

Erano Testimoni di Geova. Sfiga più grande non poteva capitarle nella vita. Poteva nascere atea, figlia di comunisti, figlia di tossicodipendenti, figlia di narcotrafficanti, di gente che viveva sotto i ponti e non aveva nemmeno il denaro per mettere insieme il pranzo con la cena. E invece era nata in una famiglia di testimoni di geova.
Nascere in Italia, vivere gli anni del “tutto sfrenato”, del “tutto all'eccesso” in una famiglia che ancora pretendeva di seguire i precetti scritti millenni prima era praticamente una condanna a morte. E Alessandra si sentiva una condannata a morte.

Per una ragazza di vent'anni, nel pieno del proprio sviluppo ormonale, fisico e sessuale era una grossa limitazione. In pratica le si imponeva di “non vivere” secondo i propri vent'anni. Questo turbava e annientava la già debole personalità di Alessandra. Aveva avuto una adolescenza difficile, sempre guardata a vista da mamma e papà. Difficile scoprire “l'altro sesso”, impossibile fare quelle prime esperienze che formano il carattere di una persona, che la modellano verso l'età adulta. Solo qualche volta era riuscita a trasgredire, violando di nascosto le regole ferree della comunità. Qualche sigaretta, qualche bacio rubato in stazione a dei compagni di classe.
Ultimamente, con la maggiore età aveva trovato qualche lavoretto per mantenersi i piccoli vizi, la pizza con le amiche, la ricarica del telefonino. C'era un ragazzo che le piaceva. Un ragazzo “del mondo”. Un ragazzo che sembrava interessato a lei. Era alto, palestrato, un fisico attraente, uno sguardo malandrino. Alessandra aveva capito subito che questo ragazzo provava interesse per lei. Quel tipo di interesse. Quell'interesse che nasce con lo scambiarsi il numero di telefono e finisce col trovarsi l'uno dentro l'altra, tanti gemiti e tanti liquidi corporei addosso. Quel tipo di interesse che non avrebbe mai potuto sperimentare perché era vietato dalle regole della comunità. Il sesso era contemplato solo tra persone sposate. Questo richiedeva geova ai propri adoratori. Alessandra non avrebbe comunque mai potuto frequentare quel ragazzo. Le regole della comunità non lo permettevano. Non avrebbe dovuto averlo nemmeno come amico, figuriamoci se avrebbe potuto “presentarlo” ai propri genitori o ai fratelli della sala del regno come una persona con cui stava uscendo. Nel suo piccolo mondo fatto di “casa”, “sala” e “predicazione” le uniche frequentazioni con l'altro sesso consentite erano da rivolgersi esclusivamente a “fratelli”, quindi a persone già dedicate a geova e alla sua organizzazione. Un ragazzo “del mondo” era da escludersi a priori. Sarebbe stata una cattiva compagnia, si sa, i ragazzi al di fuori della loro comunità cercavano solo una cosa: il sesso!
Il sesso! Quella magica parola. Quella magica parola che ancora non aveva messo radici nel suo vocabolario.
Quanto avrebbe voluto trovarsi la sera con le amiche, davanti ad un bel bicchiere di birra e pronunciare quelle frasi “scioccanti” come: “Ragazze, ieri sera ho fatto sesso!”.
“Ho fatto sesso!” - Una frase del genere risultava ancora pudica e generosa verso gli insegnamenti ricevuti sin dalla tenera età.
“Ho scopato” - questa si come frase rendeva più l'idea di quel che avrebbe voluto provare.

Un paio di volte aveva avuto la tentazione di toccarsi la sotto, sotto le mutande. Le sue amiche e compagne di scuole lo facevano. Lei ovviamente non poteva. Non che non volesse, anzi, la tentazione era sempre stata forte. Non poteva perché la masturbazione era da considerarsi un grave peccato. Si poteva anche essere allontanati dalla comunità se si confessava un peccato simile. La paura di essere scoperta a masturbarsi o di sentirsi poi costretta a confessare questa grave colpa le aveva sempre frenato gli istinti sul nascere.
Le sue agili dita ogni tanto avevano attraversato il confine tra il pizzo delle mutandine e i primi peli pubici che le disegnavano una bella inesplorata giovane fighetta profumata. Si bloccavano però sul più bello, quando poco prima di infilarsi nella carne tremolante le apparivano le decine di moniti ricevuti dal podio e indirizzati a tutti i giovani delle congregazioni.
La pratica della masturbazione era severamente vietata. Come tutte le pratiche sessuali erano da fuggire.
Con sua madre e suo padre non poteva parlare di certi argomenti considerati tabù.
L'unica volta che avevano parlato di sesso in famiglia era stata umiliante e l'avevano messa a disagio.
Non avevano parlato di “sesso”. Avevano parlato di tutto ciò che lei doveva “non fare”. Le avevano inculcato le direttive dell'organizzazione sin dalla tenera età. Con l'età adolescenziale e poi col raggiungimento dell'età matura erano passati allo step 2.0 delle direttive. Quelle che riguardavano la sfera sessuale di una persona.
Avevano preso pari pari le frasi trovate nelle riviste che studiavano. Avevano buttato giù su un foglio tutte le regole che doveva rispettare, in pratica era una lista della spesa sulle pratiche a cui non doveva nemmeno avvicinarsi.
Non poteva praticare:
Sesso orale
Sesso anale
Bestialità
Masturbare genitali altrui
Autoerotismo
Guardare Film Porno
Omosessualità
Le sue compagne di scuola alle superiori facevano ben altro, erano molto esperte riguardo il sesso, era lei quella “rimasta indietro”. Diventata maggiorenne poi lo spazio infinito del sesso regalava ulteriori emozioni, ulteriori pratiche, ulteriori dettagliate conoscenze. Per tutte le ragazze e i ragazzi che conducevano una vita normale ovviamente. Non per Alessandra, non per chi era nella stessa condizione di Alessandra. Se già un mezzo bacio con la lingua era da considerarsi azione “meritevole di riprensione” il praticare solo una di quelle cose che le avevano insegnato a non fare era condannarsi seduta stante alla “disassociazione” e alla distruzione eterna. Anzi immediata.
“Che poi” - pensava Alessandra - “La tentazione di praticare il sesso orale o il sesso anale poteva anche esserci in un giovane o in una giovane. Ma la bestialità proprio no. Quale persona sana di mente avrebbe avuto il coraggio di farsi una scopata con un animale?”

Le pesava la propria inesperienza, le pesava la propria “verginità”. Verginità per dovere e non per piacere. Era sempre stata l'ultima, sempre relegata in fondo al carro della compagnia, che poi, i suoi genitori le impedivano spesso e volentieri di frequentare i “non Testimoni di Geova”. Era la strada diretta che conduceva al peccato, dicevano i suoi. Quelli “del mondo” pensavano e facevano tutte quelle schifezze che allontanavano le persone da Dio, e loro da buoni “proseliti” di questa anacronistica religione credevano ciecamente a quegli insegnamenti. Così Alessandra aveva passato l'adolescenza ad essere presa per il culo dai compagni di classe perché ritenuta strana; ed era una grave ingiustizia non poter vivere la propria crescita come tutte le altre ragazze. Alessandra era pure una bella ragazzina da adolescente, ai ragazzi non dispiaceva. Aveva un bel viso conturbante, degli splendidi capelli corvini, un fisico mozzafiato. Più di una volta si era sentita gli occhi dei ragazzi addosso e più di una volta si era sentita i commenti e le frasi sconce che alcuni le rivolgevano. Un po' la turbavano e un po' la elettrizzavano. Essere il sogno erotico o il pensiero fisso di un ragazzo non doveva essere poi così male. Era segno di “potere”.
Il “potere” che poteva esercitare quella cosa pelosa in mezzo alle gambe, quella cosa pelosa che ancora nessun maschietto aveva provato. Quella “cosa pelosa” che Alessandra aspettava ardentemente di poter utilizzare il più presto possibile, per poter esercitare il suo potere sui maschietti. Ora che era una donna, che aveva superato indenne gli anni difficili della pubertà e della adolescenza aveva davanti a sé una vita costellata o di privazioni, se avesse continuato a seguire i Testimoni di Geova, o di grandi soddisfazioni se avesse dato libero sfogo ai propri sentimenti, ai propri istinti sessuali.
Anche i fratelli della sua età se la mangiavano con gli occhi. Spiritualità e voglia di figa andavano di pari passo per i giovani virgulti della congregazione. Non passava inosservata Alessandra e lei faceva di tutto per non passare inosservata. Quando poteva si metteva un abitino un filo più succinto, una gonna un filo più corta, una scollatura un poco più seducente. In assemblea o al congresso estivo aveva stuoli di ammiratori che le facevano la corte. Lei sorrideva beota un po' a tutti, in attesa che una stramaledetta anima gemella si presentasse al suo cospetto promettendole amore eterno. Le sarebbe bastata una scopata nei parcheggi, ma doveva mantenere un certo aplomb familiare, bisognava rimanere sul “romantico-teocratico”. Cosa c'era poi di romantico nello sposarsi con un testimone di geova e promettersi una vita intera piena di adunanze e predicazione ancora dovevano spiegarlo.
Fu a metà della “Torre di Guardia”, mentre il padre spiegava all'uditorio un passaggio biblico piuttosto ostico, che avvenne il fattaccio. Si alzò dalla sedia cercando di fare meno rumore possibile, sorrise gioiosamente a tutte le vecchiette sedute dietro lei e raggiunse a brevi falcate il bagno posto all'ingresso della Sala del Regno. Marco era lì, a fare l'usciere, come lei era annoiato a morte dalla vita che i genitori l'avevano costretto a fare. Si scambiarono uno sguardo, uno sguardo ingenuo e complice allo stesso tempo. Fuori dalle grandi vetrate dell'ingresso il sole sembrava illuminarli come due divi del cinema. Alessandra non aveva mai fatto caso a quanto fosse carino Marco. Si, forse era un po' timido e taciturno, ma sotto quel bel completo grigio si potevano intravedere i muscoli potenti di un atletico ventenne.
Marco pensava spesso ad Alessandra. A casa, da solo, quando nessuno poteva vederlo o sentirlo. Prendeva allora in mano il cazzo e iniziava a masturbarsi venendo puntualmente tra le proprie mani. Quanto avrebbe voluto fare lo stesso ma con Alessandra accanto. Non potevano, le ferree regole dei TdG non contemplavano il sesso prima del matrimonio come attività da poter fare. E loro, per sua somma sfortuna erano capitati in quella assurda religione senza aver avuto possibilità di scegliere. Ci erano nati e non potevano andarsene, i genitori erano ferventi TdG e nessuno di loro avrebbe acettato una vita diversa per i figli. Erano legati a questa religione per la vita. Schiavi di un “credo” al quale non credevano e che facevano finta di seguire, per non perdere tutto quello che avevano guadagnato fino a quel momento: amicizie, parenti, compagnie.
Alessandra era in bagno già da un paio di minuti. Dietro le pesanti porte a vetri che dividevano l'ingresso dalla sala principale si sentiva il vociare dell'oratore che spiegava ogni paragrafo della “torre di guardia” con dovizia di particolari. Tutti noiosi, tutta roba vecchia trita e ritrita. Informazioni inutili e dannose, buone solo per convincere la gente a buttare nel cesso la propria esistenza. Infatti la sala del regno, anzi le sale del regno di tutto il mondo erano popolate solo da “vecchietti” o persone che nate nella “verità” non avevano potuto far altro che stare in questa comunità. Il rischio di perdere tutto era troppo grande. Una comoda bugia era sempre comunque meglio dell'ostracismo e di una vita isolati dai propri cari o amici.
Nessuno poteva vederli, tutti i fratelli erano impegnati ad alzare la mano e a commentare, le porte erano chiuse, nessuno avrebbe mai sospettato nulla. Quella domenica poi mancavano diversi fratelli quindi l'unico “usciere” di ruolo era Marco, che presiedeva il suo ruolo con poca voglia proprio li all'ingresso della sala del regno.

Marco si fece coraggio ed entrò nel bagno. Alessandra era appoggiata alla porta di uno dei bagni interni come se lo stesse aspettando appositamente. I suoi lunghi capelli nero corvino erano ancora più belli che nei suoi sogni, quei sogni in cui lei gli sbatteva la figa in faccia e gli chiedeva di leccare quei bei peletti morbidi e setolosi.
Marco chiuse la porta dietro se, attento a non fare alcun rumore. Alessandra si avvicinò e portandosi il dito alla bocca fece il gesto del silenzio. Aveva un buon profumo, il profumo di carne giovane, quel profumo di dolcezza e castità che tanto piaceva ai giovani maschietti delle congregazioni. Aveva veramente un bel corpicino sensuale. I capelli lunghi cascavano lucenti sulle spalle e contornavano un viso angelico, raffinato. Era la classica ragazza “da sborrarle in faccia”, questo pensavano di lei i ragazzi ai tempi delle superiori, questo pensavano i maschietti che la incontravano per strada o con cui lavorava ora che era più grande. Anche i fratelli nella loro finta ingenuità pensavano quello. La bellezza del viso di Alessandra attirava seghe e voglia di sporcarle il viso di sborra.
Nei sogni di Marco, le loro avventure sessuali finivano sempre con lei inginocchiata che dopo un bel bocchino si faceva venire copiosamente sul viso. Marco sognava di poter sborrare sul viso di Alessandra e di averla li, sotto di se, coi capelli sporchi che colavano sperma per terra, sui vestiti.

Erano ormai viso contro viso. Marco sentiva il respiro alla menta della bocca di lei. Quanto avrebbe voluto che il suo cazzo fosse al posto di quella caramella alla menta. Lo voleva, lo voleva da tempo. L'avrebbe fatto finalmente. Era nella sua bocca lei lo annusava, ad occhi chiusi, sfiorandogli prima la giacca, poi la camicia, poi la cintura. Marco sentiva l'eccitazione salire fin su nel suo corpo. Il suo cazzo stava diventando sempre più duro e lei se ne accorse. Cresceva a dismisura, non riuscendo più a contenersi dentro l'involucro dei pantaloni. Quel cazzo era come un animale in gabbia e necessitava acquistare libertà. La libertà che voleva quel cazzo era altra però, non voleva la libertà di stare da solo ma voleva finire in un'altra gabbia, più umida, più porca, più seducente. Quella gabbia senza sbarre era la figa di Alessandra. Ma anche la bocca di Alessandra andava benissimo. L'importante era poter entrare nel corpo umido e sexy di quella giovane “sorella”.
Le piaceva quel gioco e continuava a toccargli i vestiti, se lo accarezzava tutto, con dolce ambiguità. Le piaceva sentire l'eccitazione scorrere potente nel corpo di lui. Le piaceva poter dominare gli istinti sessuali di quel ragazzo.
Lui prese la mano di lei e la mise all'altezza sul suo cazzo, lei non sembrava volerla ritirare anzi, con un sorriso malizioso continuava a fissarlo e pian piano gli toccava il cazzo. Era la prima volta che in pratica stava facendo una sega a qualcuno. Che emozione. Finalmente si sentiva “donna” e non solo una “femmina”.
Alessandra era terribilmente eccitata, sentiva quel grosso cazzo pulsare sotto le mani. Come tutte le brave ragazze Testimoni di geova non aveva mai fatto sesso, nemmeno una carezza aveva mai rivolto a un maschio. Il cazzo era una nuova eccitante scoperta.
Aprirono la porta di uno dei bagni interni, entrarono e senza far rumore chiusero il mondo dietro loro. Fuori da quel bagno c'era tutto quello che li aveva limitati nel corso della vita. Quel mondo del cazzo in cui era “peccato” fare un “pensiero sconcio”. Un mondo nel quale avevano più rispetto per chi era accusato di pedofilia rispetto a chi da giovane qual'era non riusciva a contenere gli impeti sessuali tipici dell'età. Tanti giovani erano stati disassociati perché avevano scopato. Molti loro coetanei e coetanee avevano dovuto abbandonare amici e famiglia per aver fatto sesso prima del matrimonio. Come si poteva resistere, a poco più di vent'anni, al richiamo naturale del sesso? In compenso già da tempo si vociferava che ci fossero molti fratelli accusati di cose veramente schifose come la pedofilia e nessuno nella congregazione e nell'organizzazione aveva mosso un dito. Quello era un peccato, quello era un reato. Violentare dei bambini inermi era una cosa che faceva rabbrividire non due ragazzi che consenzienti decidevano di scopare. Alessandra era a conoscenza delle porcate che a livello internazionale stavano facendo i Testimoni. Internet ne parlava da anni, le cause di risarcimento a favore delle vittime di abusi sessuali da parte di membri dei Testimoni erano ormai all'ordine del giorno.
Si baciarono, un lungo bacio silenzioso, non dovevano far rumore altrimenti se li avessero scoperti sai che scandalo. Quella era la cosa probabilmente più porcellinosa mai accaduta in una sala del regno, o questo pensavano i due ragazzi.
Alessandra si inginocchiò, stando attenta a non farsi male, lo spazio era comunque angusto. Le sue manine ingenue in un attimo diventarono espertissime. Aveva vent'anni, certe cose doveva per forza saperle fare. La natura le aveva messe nel suo DNA.
Slacciò la cintura del vestito di Marco e tirò fuori l'uccello con la mano destra. Non aveva mai visto un cazzo e quello era così grosso, così lucido, tutto lì davanti ai suoi occhi. Chiuse gli occhi e iniziò ad annusarlo tutto con candida curiosità. Passò la punta del suo nasino delicato su tutta la lunghezza del pene di Marco, era così soffice al tatto, così delicato all'olfatto. Arrivò ad annusarlo fino a dove il cazzo terminava in due palle gonfie e pelose.
"Che odore strano e invitante, l'odore del peccato" pensò. Marco le prese la testa e la avvicinò sempre più al suo cazzo, lei avrebbe voluto legarsi i capelli ma non c'era tempo.
Iniziò a succhiare dolcemente il cazzo di Marco, prima infilandone un pezzetto in bocca e poi tutto fino a farselo arrivare in gola. Sentiva i conati di vomiti e la pressione delle mani di Marco sulla sua testa.
Ormai non potevano più tirarsi indietro, li avrebbero disassociati se li avessero scoperti e quindi era meglio godersi il momento fino in fondo.
Succhiava forte lei e ansimava lui. Marco non avrebbe resistito ancora molto, quel pompino magistrale lo stava facendo venire. Era anche molto meglio di come se l'era immaginato. Alessandra succhiava veramente con gusto, ogni tanto tirava fuori la lingua e leccava il cazzo di Marco come se fosse un cono gelato. Lo tirava su in alto con la mano e passava la lingua lungo tutto il cazzo del ragazzo. Sentiva la potenza di quell'uccello che stava per esplodere in tutta la sua carica naturale di sborra ed eccitazione.
Lui avrebbe voluto venirle in faccia, sui capelli, imbrattarle il vestitino ma poi che imbarazzo sarebbe stato per lei tornare a sedersi in mezzo agli altri ricoperta del suo sperma. Decise allora di venirle in bocca, senza avvisarla, si, quella era la soluzione migliore. Ed era una delle immagini che gli scorrevano in testa, a casa, mentre masturbandosi sognava di Alessandra.
Alessandra succhiava, succhiava forte e più succhiava e più le piaceva. Le piaceva sentire le mani di lui comandarle la testa e tenerla lì a fargli il più bello e godurioso dei pompini. Quando la sborra calda le attraversò la gola fu un momento di estasi assoluta per entrambi.
Si sentiva finalmente realizzata. Il suo primo incontro con un cazzo era finito con un bellissimo ingoio.
Si alzò, si pulì la bocca con la mano e guardando Marco si sentì una donna, una donna vera.
Finalmente si era realizzata, un po' in ritardo rispetto alle ragazze della sua età ma ci era arrivata pure lei al primo fatidico pompino. Ora la strada sarebbe stata solo in discesa.
D'ora in avanti avrebbe succhiato cazzi e non fatto la pioniera.
Far pompini dava molta più soddisfazione a se stessa e al prossimo rispetto alla predicazione.
L'ideale, pensava Alessandra, sarebbe stato far pompini in predicazione anziché distribuire quello cazzo di riviste noiose.
Le persone sarebbero state molto più felici e avrebbero apprezzato di più i testimoni di geova, ne era sicura.
Con un saluto silenzioso si lasciarono dietro le spalle il bagno del peccato, lui tornò alla sua posizione di guardia come usciere e lei dopo essersi sistemata un po' allo specchio e riassettata la gonna rientrò in sala e andò a sedersi vicino a sua madre.

Ti sei persa una bella spiegazione, dov'eri Alessandra - chiese sua madre.

Avrebbe voluto risponderle ma l'avrebbe profondamente ferita e turbata se le avesse raccontato come aveva spompinato Marco nei bagni della sala del regno.
Seguì distrattamente la conclusione dell'adunanza.
Non aveva più la testa per pensare a quelle cazzate. Non aveva più la testa per seguire le noiose spiegazioni su cose accadute millenni prima. Cosa le importava di Mosè, di Levitico, di Esodo, di Giosuè o cose del genere quando tra i pensieri aveva solo e solamente la sua prima emozionante esperienza sessuale. Incompleta ma già soddisfacente.
Il cantico e la preghiera conclusiva passarono inosservati agli occhi di Alessandra.
Guardava fissa nel vuoto, con un leggero sorriso disegnato agli angoli delle labbra.
Quelle sue belle labbra che finalmente avevano assaporato il gusto tanto ardito e tanto ambito dello sperma maschile.
Dopo anni di “mattine”, “adunanze” e “domeniche”, per la prima volta Alessandra era contente di aver partecipato ad una adunanza.
Per la prima volta aveva realmente sentito un brivido.
Un brivido caldo, umido e appiccicoso.
E non arrivava dall'alto dei cieli quel brivido ma dal basso di un pantalone slacciato nei bagni di una sala del regno.
Il brivido del peccato era entrato in lei. Dalla porta principale.
Finita l'adunanza tornarono a casa, ma prima di mettersi a tavola coi genitori, Alessandra andò in bagno, si guardò allo specchio e vide quanta bellezza il suo viso riusciva a sprigionare.
Aveva proprio quella “faccia da sborra” che dicevano ai tempi i suoi compagni di classe delle superiori. Si rendeva conto di aver davvero un bel corpo che ispirava sesso e un viso che eccitava seduta stante ogni rappresentante del genere umano maschile.
Si cercò in bocca il sapore dello sperma di Marco, lo trovò e volle tenersi quel momento tutto per se. Si ripromise di succhiarglielo di nuovo la domenica successiva... E dopo, e dopo ancora... Quello era il suo progetto per il futuro. Esplorare quanto più possibile la natura umana del sesso in tutte le sue enormi sfaccettature. Si toccò in mezzo alle gambe, aveva bisogno di sentire quelle emozioni ancora nella sua passera. Con Marco si era bagnata a sentire il contatto col pisello. Le mutandine erano ancora umide dei propri umori. Con le dita cerco la fessura sotto i peli e si fece un bel ditalino e venne ancora, appoggiata al lavandino del bagno.
La voce di sua madre la chiamava per il pranzo.
“Che palle” - pensò.
Si lavò le mani col sapone, si rinfrescò pure il viso e andò a pranzare coi genitori.

CAPITOLO 2

Alessandra era ancora profondamente scossa.
Erano già passate più di due settimane e Marco non l'aveva ancora richiamata. Forse era confuso o imbarazzato per quel primo pompino fatto di nascosto nei bagni della Sala del Regno? Aveva bisogno di una boccata d'aria e di parlare con un'amica. Ma a quale amica fidata poteva raccontare quel che aveva fatto?
Da una parte si sentiva sporca, in difetto, la vita che si era scelta sin da adolescente prevedeva un certo rigore morale, rispettare il proprio corpo concedendosi ad un solo uomo e solo dopo il matrimonio. Far pompini non era nemmeno previsto nella vita di un testimone di geova. Il sesso orale era considerato una cosa sporca, peccaminosa, adatto solo alle ragazze poco di buono o alle prostitute. Le statistiche parlavano di una gran parte di donne che praticavano il sesso orale senza problemi. Negli anni 2000 ogni tabù sul sesso era definitivamente caduto. Sia gli uomini che le donne praticavano e amavano l'antica arte della Fellatio. Nei testimoni di geova il sesso era una delle cose più difficili da affrontare. Le riviste non solo stabilivano i precetti sessuali da seguire, addirittura gli anziani di congregazione erano invitati a scoprire se all'interno delle congregazioni si facevano attività sessuali non contemplate dall'organizzazione. L'unico sesso ammesso era la classica posizione del missionario, ovviamente tra persone sposate. Al di fuori di quello tutto era peccato. In pratica le cose più divertenti del sesso non si potevano fare, nemmeno contraendo il matrimonio. Uno si sposava per fare almeno le porcate e si trovava si e no a dover fare una sola posizione e per tutta la durata del matrimonio. Per chi non era sposato il “sesso” doveva essere tenuto lontanissimo dai propri pensieri. I giovani vivevano in pratica in un costante stato di paura perché dovevano reprimere tutti quegli istinti propri dell'età. Niente pompini, niente carezze, quasi niente
baci. Già un bacio con troppa lingua era da considerarsi sconveniente. Quei pochi giovani che avevano terminato le scuole superiori ( perché pure la cultura, come il sesso, erano da considerarsi parte di un disegno diabolico ) chiedevano di fare i Pionieri Regolari ( dedicare almeno 70 ore di predicazione al mese ) proprio per dedicare la propria giovane vita ad un'attività che li allontanasse dai pensieri del sesso. Stare a casa a riposare o andare a lavorare intorno ai vent'anni voleva dire mettere la propria mente a disposizione di Satana, il quale avrebbe trovato il modo, tramite colleghi di lavoro o internet per sviare le giovani menti dei Testimoni di geova e condurli verso la via del peccato, e ovviamente alla morte. Perché scopare portava alla morte come fine ultimo.
Alessandra aveva accuratamente evitato in quei difficili anni di alimentare i propri pruriti sessuali. Aveva resistito stoicamente ad “avances” e tentazioni varie. Aveva smesso di leggere libri e di vedere determinati film proprio per non cadere in tentazione. Si sa, i film, i romanzi e la musica possono offrirti subdolamente la voglia di trasgredire.
Ma era giovane, come poteva soffocare quei benedetti istinti che madre natura le aveva messo in corpo? “E che corpo” - pensava Alessandra. Mica un corpo qualsiasi. Sia in sala del regno che in giro quando predicava si giravano tanti maschietti a guardarle il culo. Ora che era più attenta a certe tematiche si chiedeva se poi qualcuno di questi maschietti andasse a casa a masturbarsi dopo averla vista. Le piaceva immaginare che qualcuno non riuscisse a controllarsi e dall'eccitazione veniva direttamente nei pantaloni. Marco le era venuto in bocca, che buon sapore lo sperma... Ci pensava continuamente.
Michela era la sua migliore amica.
Migliore amica per modo di dire. Non si calcolavano da adolescenti, le reciproche antipatie tra i genitori le avevano relegate agli angoli opposti della congregazione, si salutavano giusto per quieto vivere e per non dare pane ai pettegolezzi che le volevano dipingere come due ragazzine costantemente divise da una insana rivalità.
Arrivarono i 18 anni per entrambe e per qualche miracolo divino tra le famiglie si stabilì una specie di amicizia, una “non belligeranza” di comodo, chiamiamola pure una “tregua armata”.
Entrambi i padri delle ragazze erano rinomati anziani della congregazione, le giovani figliole due fiori delicati che si stavano trasformando in raffinatissime donne.

Michela era alta e snella, quasi come Alessandra, persino il taglio e il colore dei capelli erano simili. Non erano due gocce d'acqua, ma la somiglianza era notevole.
Le due ragazze si passavano si e no qualche mese e una taglia di reggiseno, per il resto erano comunque molto simili. Alessandra voleva raccontarle di come aveva succhiato il cazzo a Marco ma la folle paura di essere denunciata agli anziani dall'amica del cuore la rendeva insicura e vulnerabile. Aveva voglia di liberarsi da questo peso che le bloccava lo stomaco.
Fecero due passi lungo il naviglio, parlarono di tutto e di niente come succede in questi casi, nessun accenno ad argomenti piccanti o strettamente personali, solo un fiume vorticoso di pensieri a caso che oscillavano tra Justin Bieber, la voglia di mare e l'ultima serie tv vista su Netflix.
In lontananza intravidero Marco e un altro fratello che stavano predicando. Alessandra divenne rossa in viso e l'amica se ne accorse.
Ti piace quel ragazzo, lo vedo...
Ma cosa dici mai...
Ti piace vero Alessandra? Non far la timida...

Alessandra annuì chinando la testa per l'imbarazzo, non si aspettava La domanda, buttata poi lì a bruciapelo, come una coltellata nel cuore.

Si capisce?
L'avevo intuito Ale, sei strana da qualche tempo, sospettavo ci fosse di mezzo un ragazzo...
E che noi...
Noi cosa Ale?
Noi...

Michela era divertita e incuriosita dall'imbarazzo di Alessandra.
Su dai parla non tenermi sulle spine...
Noi … non so come dirtelo...
Non dirmi che vi siete baciati?

Alessandra voleva sprofondare nell'asfalto e scomparire, non sapeva come uscir fuori da questa conversazione.
Se ti racconto una cosa prometti che non lo dici a nessuno?
Spara Ale, fidati. Siamo amiche.
Beh... È come se l'avessimo fatto Michela.. .

Michela strabuzzò gli occhi, si sistemò i capelli per riprendersi dalla notizia e rise fragorosamente davanti all'amica. Alessandra non sapeva se Michela la stesse prendendo in giro o se fosse contenta per lei e per quello che le stava confidando.

Cosa vuol dire È come se l'avessimo fatto? L'avete fatto o no?
Se te lo dico poi tu vai a denunciare la cosa agli anziani? Guarda che poi se mi disassociano non possiamo più essere amiche.
Scherzi Ale? Se andassi a far la spia mi sentirei una stronza. E poi anche io scopo con un ragazzo, cosa credi? Mica voglio fare la verginella a vita.

Alessandra si sentì improvvisamente rincuorata, non era più sola, non era più in balia del rimorso e del peccato. Poteva finalmente condividere con l'amica quella magica esperienza.

Dai racconta, son curiosa. Dove l'avete fatto?
Sai Michela, è un po' imbarazzante ma... È successo due settimane fa in sala.
In sala?
Si, durante la Torre di guardia che stava conducendo mio padre. Ci siamo chiusi in bagno, lui faceva l'usciere all'ingresso, nessuno ci ha visto e...
Cazzo Ale, non ci siamo accorti di nulla di là. Come avete fatto? Cazzo sei un mito. Perversissima.
...prima ci siamo baciati.. Poi...
Poi?
Poi ci siamo chiusi nel bagno come ti ho detto, lui mi era davanti. Mi sono inginocchiata, non l'avevo mai fatta prima una cosa del genere...
Neanche alle superiori Ale?
No Michela, che dici? Sono una ragazza perbene io...
Guarda che son cose normali Ale. Abbiamo 20 anni, abbiamo delle voglie di cazzo da soddisfare... E poi dai racconta, l'hai preso in bocca?
Si... Che vergogna Michi. Marco ha un cazzo enorme, non pensavo potesse essere così grande e duro. L ho messo tutto in bocca, fino alla gola...
Cazzo Ale che porca. Sicura fosse il tuo primo pompino? Io che ne faccio almeno uno a settimana da un bel po' di tempo ci ho messo molto più tempo di te a farmelo cacciare in gola!
Davvero Michela? E con chi scopi? Non immaginavo...
Il primo è stato un fratello conosciuto al mare. Ci siamo piaciuti subito, in Sala lì dove andiamo in villeggiatura. Con la scusa di uscire in servizio ci siamo imboscata in macchina e me l'ha fatto vedere. La prima volta gli ho fatto solo una sega, che schifo, tutto lo sperma sulle mani mi son ritrovata. Poi nei giorni successivi ci siamo spinti sempre un po' più in là, qualche pompino, lui mi toccava, le tette, mi metteva le dita nella figa, io lo prendevo in bocca, insomma cose del genere... Sempre il pomeriggio con la scusa del servizio, facevamo un po' di predicazione e poi mi portava con la macchina in un posto isolato e ci davamo dentro di brutto. Con lui ho perso la verginità. Sul sedile posteriore di una automobile!
Ma non ti sei sentita sporca, a disagio? Ci insegnano che queste cose dio non le approva.
Non mi sono sentita a disagio. Al massimo ero tesa perché le prime volte avevo la paura di non essere capace, quell'imbarazzo li insomma.
E ti è venuto subito naturale?
Ale, son cose che abbiamo dentro. Quando un maschio ci vede sa già dove deve e dove vuole entrare. Anche noi femmine se vediamo un cazzo sappiamo cosa vogliamo farci. La cosa più difficile è stata mettere il cazzo in bocca le prime volte perché aveva un cattivo odore. Poi dopo, la seconda volta ero già abituata. Anzi, un consiglio, portati sempre dietro le mentine così se ti capita di fumare una sigaretta o fare un pompino poi hai la bocca profumata e i tuoi non se ne accorgono. Rimane l'odore di cazzo in bocca dopo un pompino. Continua dai, voglio sapere come avete fatto li in bagno.
... Ho continuato a succhiare fino a quando non mi è venuto in bocca. Che strano sapore lo sperma...
Sei proprio una porca amica mia, lasciatelo dire!
Devo vergognarmi?
Assolutamente no. Anzi meriti un premio. Primo cazzo tenuto in mano in vita tua e già hai fatto un pompino con ingoio. Sei da record. Ma avete fatto anche il resto o solo un pompino?
Non c'era tempo per il resto, dopo il pompino son ritornata a sedermi vicino a mia madre.
E nessuno si è accorto di nulla... Ah ah ah... Se qualcuno lo venisse a sapere sconsacrano la sala.
Mi sentivo tanto a disagio per quello che avevo fatto... Mi sentivo in colpa, mi sentivo sbagliata...
Ti è piaciuto succhiare il cazzo a Marco?
SI...
E allora non devi sentirti in colpa. Hai fatto quel che credevi giusto e ti è pure piaciuto. Guarda che chi più chi meno i giovani delle congregazioni scopano tutti. Basta poi non farlo sapere agli anziani. E se ti chiedono qualcosa nega sempre.
Tu con chi altri l'hai fatto?
Con alcuni ragazzi più grandi, non li conosci, non sono fratelli. I fratelli son sfigati comunque, inesperti su certe cose. Vanno bene giusto per fare pratica all'inizio, come hai fatto con Marco, ma poi c'è bisogno di qualcosa di più interessante.
Tipo?
Ogni tanto mi vedo con uno della palestra. Con lui si va sul porno davvero. Scopiamo di brutto, me la fa bruciare la figa. E mi ha insegnato un sacco di porcate, mi ha sborrato in faccia, ha insistito per infilarmelo nel culo. Non sai quanto è perverso sto qui. E mi lecca la figa mentre gli faccio una pompa, facciamo io sopra lui sotto, che goduria Ale... Ultimamente poi ha sta fissa di farci i video mentre scopiamo... Mi ha ripreso mentre ingoio, mentre me lo sbatte in culo... Con lui son diventata la porca che ora conosci....
Guarda Michi, Marco e Gianni ci hanno visto, stanno venendo qui? Che facciamo?
Vuoi una mentina Ale? O pensi di cavartela da sola?
Se dio esiste amica mia, Marco mi bacia e poi mi chiede di scopare... Ho voglia di fare le cose che fai tu... Dammi una mentina va, che ho casa libera... Mi fermo a comprare i preservativi o ne hai uno?
Tieni sorella e ringraziami...oggi ti faccio diventare donna una volta per tutte... È ricorda, nel dubbio... Fallo venire sempre in bocca che non resti incinta.

Marco e Gianni arrivarono come se nulla fosse, Marco salutò le ragazze mentre Gianni se le guardava senza parlare. Era più grande di tutti loro, potevano essere tutti figli suoi.
Alessandra e Michela erano veramente due belle ragazze, l'aveva notato anche nell'ultimo periodo che stavano crescendo come “donne”.
Marco era un po' timidino come ragazzo, non ci avrebbe mai combinato nulla, pensava Gianni. Lui invece da uomo maturo qual'era sapeva bene come dovevano essere interessanti quelle due ragazze. Erano davvero delle belle fighette. Tette non troppo grandi ma a punta, i vestiti aderenti e scollati lasciavano tanto all'immaginazione. Michela non portava nemmeno il reggiseno, Gianni aveva notato le punte irte dei capezzoli disegnare un bozzolo sulla camicetta. E avevano veramente un culetto da favola queste due ragazze.
“Peccato davvero” - pensava Gianni, - “Aver abbracciato questa cazzo di religione che ti vieta tutto... altrimenti...”

CAPITOLO 3

Era già sera. Il giorno sembrava essere volato via in un baleno. Marco era ancora in automobile, sotto casa di Marianna, fari accesi ad illuminare la strada, la radio appena appena accesa con quel poco di volume a rendere meno silenziosa l'attesa.
Marianna era ancora muta, impietrita, fissava il cruscotto e per la tensione si mordeva coi dentini bianchi il labbro superiore. Stringeva con tanto vigore il labbro che quasi le sembrava di sentire il sapore del sangue scivolarle sulla lingua e poi in bocca.

- Scusami. Non volevo.

Marianna si girò verso Marco. Non era un cattivo ragazzo, non aveva cattive intenzioni e questo lo capiva da come si era ammutolito dopo aver fatto quella richiesta qualche minuto prima, arrivati sotto casa di lei. Lei ci era rimasta veramente di merda, non si sarebbe mai aspettata una richiesta del genere da Marco. Non al primo vero appuntamento. Non da un fratello zelante e premuroso come lui.
6 Parole. In tutto 6 parole per distruggersi una promettente carriera teocratica e infilarsi nel vicolo cieco della disassociazione.

Non volevi quindi chiedermi quel che mi hai chiesto?
È stato Satana che mi ha confuso le idee - provò a giustificarsi lui arrampicandosi sugli specchi.

Marianna non se la sentiva di uscire dall'auto ora, così senza aver chiarito quel momento di inevitabile imbarazzo.
Prese un grosso respiro, si girò per guardarlo dritto negli occhi. Voleva vedere una sua reazione.

Marco. Tu dai la colpa a Satana? Tu mi hai chiesto di succhiarti il cazzo. Mi hai chiesto di succhiarti il cazzo qui in automobile sotto casa dei miei genitori. Ti rendi conto della gravità della cosa? Come fai ad avere questi pensieri in testa Marco? Sei un brillante servitore di ministero, vieni da una buona famiglia... Proprio non capisco.

Marco la guardò e si sentì veramente a disagio.
Con Alessandra era stato molto più facile l'ultima volta, qualche settimana prima. Lei addirittura gli aveva fatto un pompino con ingoio nei bagni della Sala del Regno. Pensava tutte le sorelle della congregazione fossero così, santarelline all'apparenza e poi porche nel privato. E lui aveva accettato di uscire con Marianna proprio per ripetere quella bella esperienza avuta nei bagni della sala del regno. Era tornato a casa su di giri quella domenica, non aveva nemmeno pranzato, era andato subito a spararsi una bella sega in cameretta ripensando a come Alessandra lo aveva preso in bocca in quella maniera.
Marco coltivava la passione della pornografia in segreto. Suo padre l'avrebbe ammazzato di botte se l'avesse scoperto, sarebbe stata una grave onta per la sua famiglia. Erano troppo perbene e troppo in vista per permettersi un simile scandalo.
All'inizio era stato un capriccio adolescenziale, poi era diventata un'abitudine quotidiana. Sceglieva con cura i filmati su youporn con cui masturbarsi, in gran segreto, nella sua cameretta.
I genitori non sospettavano nulla, Marco era un giovane promessa della Sala, dicevano avrebbe fatto grandi cose nei Testimoni di geova. Qualcuno aveva azzardato l'ipotesi che fosse addirittura il più in gamba tra i giovani nominati dei Testimoni di geova. Nel giro di qualche anno sarebbe diventato persino un anziano, come suo padre.
Ma non conoscevano il suo lato più oscuro e perverso. Troppe restrizioni sessuali adolescenziali l'avevano corrotto raggiunti poi i vent'anni, tutte le tentazioni sessuali cominciavano a farsi largo nei suoi pensieri.
I filmati su youporn l'avevano stufato a un certo punto. Gli piaceva vedere le scene di sesso anale, i filmati amatoriali con i pompini e le sborrate in bocca e in faccia.
Nelle sue fantasie, mentre chiudeva gli occhi per masturbarsi, si rincorrevano le facce delle sorelle giovani che conosceva.
Per venire aveva bisogno di segarsi sulle foto di Alessandra. Per fortuna lei aveva quel provocante profilo instagram dove con dovizia quotidiana postava ammiccanti foto in bagno, in camera da letto, ai giardini.
Le foto al mare erano le più succose perché si intravedevano le tette e quel culetto rosa lo faceva impazzire. Avrebbe voluto possederla ogni notte e puntualmente veniva.
Aveva ancora in mente quel pompino che lei gli aveva fatto in sala qualche tempo prima.
Chiudeva gli occhi e tornava con la mente a quella posizione. Lui in piedi a tenerle la testa appoggiata al suo cazzo e lei che con ingordigia andava su e giù con sapiente maestria.
Quel giorno il cazzo gli era arrivato in gola dall'eccitazione. Sentiva il gemere ansioso di lei mentre il cazzo si inumidiva tra le sue labbra. Sentiva il suo respiro farsi sempre più affannoso mentre il cazzo si spingeva sempre più giù nella gola.
Avrebbe voluto fare come nei filmati su youporn, venirle sulla faccia e vederla soddisfatta leccare ogni goccia di sperma con la lingua. Alla fine, senza avvertirla preferì optare per l'opzione più pulita, le era venuto in bocca, sentì un getto caldo fuoriuscire dal cazzo e adagiarsi su quella calda lingua carnosa.
Si erano rivisti di sfuggita pure la mattina precedente mentre era in servizio con Gianni.
Lei parlottava con Michela, chissà se le aveva raccontato di quel bel pompino che aveva fatto.
Avevano parlato 5 minuti poi Gianni era troppo ansioso di finire il territorio ed erano scappati via, nuovamente a citofonare. Lui se non fossero scappati via a predicare di nuovo sarebbe venuto nei pantaloni di velluto, alla sola vista di Alessandra gli era diventato duro.
Pure Michela era caruccia, il viso da porcellina in calore l'aveva. Gianni rimaneva sempre estasiato da Michela, pur avendo più del doppio della sua età. Gianni però era ancora un bell'uomo piacente nonostante i capelli brizzolati e gli anni che correvano verso i 50.

Ma come guardava le tette di Michela ieri. Secondo Marco ci avrebbe voluto fare un giretto tra quei seni caldi e giovani. Faceva già abbastanza caldo e Michela non si era affannata molto per coprirsi decentemente. Dalla camicetta si intravedeva quel bello spacco suadente che divideva in due il giovane petto. Le tette di Michela non erano enormi ma erano belle pienotte e a punta, terminavano con due bei capezzoli duri come il marmo. E ieri la troietta non portava il reggiseno... si vedeva che voleva farsi guardare. Anche in sala Michela portava raramente il reggiseno, qualche volta, mentre faceva il microfonista era rimasto con lo sguardo dritto sulle tette della giovane amica mentre le passava l'asta del microfono per commentare. Le avrebbe volentieri passato un'altra asta per commentare, non quella col microfono, ma quella di carne che teneva tra le gambe.
Rideva ieri la troietta, altro che santarellina. Voleva che le si guardassero le tette, voleva farli eccitare forse.

Marianna aspettava ancora una risposta. Erano ormai diversi minuti che restava in silenzio a guardare il vuoto. Il pensiero di Michela e del pompino di Alessandra glielo stava facendo indurire e non sapeva come controllare la situazione. Avrebbe avuto bisogno di una sega per tranquillizzarsi. Non era quella la situazione adatta per farsi una sega. O per farsela fare. Soprattutto dopo che Marianna sembrava essersi incazzata per averle chiesto innocentemente di succhiargli il cazzo.

Allora Marco? Vuoi rispondermi oppure no? Mi dici cosa ti è passato per la testa?
Perdonami Marianna. Pensavo ti sarebbe piaciuto provare questa esperienza. Sono veramente mortificato. Ti prego, non dirlo a tuo padre. Se gli anziani lo vengono a sapere mi disassociano e perderei tutto quello per cui ho lavorato in questi anni. Ti prego Marianna. Non rovinarmi.

Marianna continuava a guardarlo. Un po' le faceva pena, il ragazzo tanto sicuro di sé che conosceva si stava sciogliendo come un gelato in un microonde. Marco era molto rispettato in sala, la sua aurea di santità lo precedeva al suo arrivo. Faceva addirittura i discorsi pubblici all'adunanza domenicale e da qualche tempo era presenza fissa tra i fratelli intervistati alle assemblee. Il suo progresso nell'organizzazione era tangibile, già si vociferava di una sua nomina ad anziano alla visita successiva del sorvegliante.
Sapeva anche di averlo letteralmente in pugno, una sua parola agli anziani lo avrebbe rovinato. Avrebbe perso la nomina a servitore e sarebbe stato disassociato. Questo voleva dire un brutto stop per la sua carriera teocratica. Per almeno 5 anni dopo la sua riassociazione non avrebbe potuto ricevere una nomina, e contando il periodo della disassociazione che era circa un annetto e mezzo, questo avrebbe significato stroncargli per almeno 7 anni ogni ambizione.

Marianna, se non racconti la cosa agli anziani son disposto a fare tutto quello che vuoi. Anche a pagarti se necessario. Ti prego solo di non rovinarmi. Farò tutto quello che vuoi.
Tutto?
Tutto.
Metti in moto e vai nella piazza della posta, allontaniamoci da qui che i miei potrebbero vederci e insospettirsi. Andiamo là che è buio e non c'è nessuno così chiariamo 'sta cosa.

Marco pensava di averla convinta per il fatto dei soldi, magari Marianna voleva essere pagata per mantenere il silenzio. Non gli importava del denaro, l'importante era mettere a tacere la cosa.
Arrivarono in piazzetta e marco parcheggiò. Non c'era un'anima viva a quell'ora, stava per scendere dall'auto per andare a prelevare allo sportello quando lei lo fermò con una mano invitandolo a rimanere seduto.

Stavo andando a prelevare. Quanto vuoi per mantenere questo segreto e non sputtanarmi?
Tu pensi che io voglia dei soldi Marco? Mi aspetto molto di più come ricompensa. Non te la puoi cavare pagandomi per farmi stare in silenzio. Non sono mica una prostituta io.
E cosa dovrei fare Marianna?
Cosa mi hai chiesto prima?
Sai cosa ti ho chiesto, mi vergogno a ripeterlo.
Dai fai l'uomo Marco. Abbi coraggio delle tue azioni.
beh... Mi vergogno... Ma... Ti ho chiesto di...
Di?
... Di succhiarmi il cazzo.
E ti aspettavi che io così, al primo appuntamento ti avrei fatto quelle cose lì? Sai che sono una pioniera regolare e che ci tengo molto alla mia spiritualità e a mantenermi casta. Cosa ti faceva pensare Marco, che te l'avrei fatto?
Ci speravo... Pensavo che siccome ci eravamo trovati bene insieme tu...
Io cosa?
Pensavo fossi disposta a...
Pensavi fossi disposta a macchiarmi col peccato? Cosa dice Geova in questi casi Marco?
Dice che il sesso orale è sbagliato. Ti chiedo davvero scusa Marianna...

Marco stava quasi per piangere, Marianna sapeva di avere la situazione in mano. Prese di nuovo la parola.
Marco. Mi sorprende che tu non abbia pensato ad un versetto biblico, Matteo 7:12 che ora voglio citarti e che dice:
"Fai agli altri ciò che vuoi venga fatto a te". Sai cosa significa?
beh... Vuol dire che in questo caso se esigo essere rispettato devo portare anche io rispetto... Hai ragione Marianna, dovevo rispettarti e non chiederti di...

Marianna lo zittì di nuovo. E riprese a parlare.

No Marco. Significa che se volevi un pompino prima dovevi leccare la mia figa. Tu me la lecchi e io poi se ho voglia te lo succhio. Quindi questo è il patto che stringiamo. Leccami la figa e io non dico nulla a nessuno.

Marco sembrava non capirci più nulla. La piazza era vuota, nessuno avrebbe visto.
Marianna si slacciò la cintura e abbassò i jeans fin sotto le ginocchia. Portò indietro lo schienale e invitò Marco ad avvicinarsi, ancora incredulo.

- Fai quel che devi fare Marco. Leccamela. Fammi godere.

Marco avvicinò allora il viso alle mutandine di lei. Erano di un bel color nero brillante. Le abbassò completamente e vide davanti a sé, in tutto il suo splendore quella bella fighetta pelosa. Era visibilmente eccitata e a Marco stava diventando duro. Prese coraggio e si avvicinò pian piano ai peli. Puzzavano ancora di piscia ma non gli importava. Le stuzzicava gli angoli della figa con rapidi movimenti di lingua. Lei già gemeva per il godimento e gli avvicinò la testa sempre più sulla sua patata. Lui prese a leccare la figa con più ardore, sentiva la figa bagnarsi e la sua lingua incontrare un caldo e morbido mondo da cui non si sarebbe mai voluto allontanare. Lei era bagnatissima, eccitata, calda al punto giusto. La sua lingua come un trapano andava sempre più affondo, lei si dimenava dall'orgasmo sul sedile, non riusciva più a contendersi.
Marco era diventato una belva insaziabile. Più la sua lingua andava a fondo più sentiva le mani di lei che lo spingevano sulla sua figa. La sua figa aveva il profumo della libertà.
Si liberò dalle mani di lei, aveva bisogno di menarselo, stava per scoppiare. Le prese la testa fra le mani e la baciò sulla bocca, poi con le stesse mani, aiutato da Marianna le sfilò la camicetta e si trovò a tu per tu col suo seno. Non era abbondante ma abbastanza eccitante da carezzarlo e baciarlo. Lei si sentiva un calore enorme divampare dentro.
Il calore rosso fuoco del Diavolo che stava venendo a prenderli. Lui le prese tra i denti i capezzoli e iniziò a mordicchiarli.
La timida spaurita bigotta ragazza di mezz'ora prima si era trasformata.
Aveva voglia del cazzo di Marco, non poteva più resistere.
Avrebbe ricambiato il favore. Con un gesto fece cenno di uscire dall'abitacolo incurante del fatto che qualcuno avrebbe potuto vederli se fosse passato. Era sera, quasi notte, comunque in pieno centro cittadino.
Ma lei se ne fregava altamente. Si erano messi proprio sul cofano. Lei mezza nuda lo spinse contro l'auto e si inginocchiò.
Guardò verso l'alto e disse solo:

Non c'è bisogno che mi avvisi poi...

Marco chiuse gli occhi, gli sembrava di essere nuovamente in un film porno, come con Alessandra nei bagni della sala.
Marianna gli slacciava il pantalone con voracità, non fece in tempo a chiudere gli occhi che neanche arrivata ad abbasare i boxer un fitto fiotto caldo e appiccicoso le si era stampato tra la fronte e il naso colando giù verso le labbra. Era venuto prima ancora di ficcarselo in bocca. Ma lei voleva quel cazzo e se lo mise comunque in bocca succhiando come una dannata. Un misto di sperma e saliva le riempiva la bocca e le colava sul collo ma lei continuava a divorarsi il cazzo di Marco che era sempre così incredibilmente duro.
Si alzò e spostò Marco dal cofano.
Mise le mani sul cofano, divaricando le gambe, dando le spalle al ragazzo che era ancora lì col cazzo duro e gocciolante vicino a lei.

Lo voglio ne culo Marco. Infilalo daiiii...

Marco non se lo fece ripetere due volte. L'uccello era già ben lubrificato e l'avrebbe trapanata a meraviglia, scostò appena la pelle del culo per prendere bene la mira e infilò il cazzo nel buchino stretto del culo di Marianna facendo avanti e indietro, avanti e indietro, per diversi minuti.
Godevano come dei maiali impazziti, lei si mordeva le labbra, lui le teneva i fianchi e guardando in basso continuava a sbatterle il cazzo tra le natiche, sentendo un tutt'uno tra la pelle umida delle sue palle e quelle del culo di lei.
Marianna aveva veramente un bel culo, un culo adattissimo a prendere cazzi e sborra. Marco era nuovamente in uno dei suoi sogni, una bella ragazza della sala lo stava facendo godere. Dopo il pompino di Alessandra anche Marianna aveva provato il suo cazzo. Nel culo. Come la più perversa delle troie. Non tutte le ragazze son disposte a dare il culo per una scopata, il buco del culo fa male, Marianna, pioniera regolare e zelante testimone di geova aveva il culo in alto, sul cofano della sua automobile e lui con forza stava sbattendo il suo pene in quel minuscolo eccitante buco.
Miracolosamente nessuno aveva ne visto ne sentito nulla, si rivestirono e lui la riaccompagnò a casa.

Come rimaniamo quindi? Chiese Marco prima di lasciarla andare a casa.
Sei sempre in debito Marco. Devi scoparmi e leccarmi la figa per tutto il tempo che lo riterrò necessario. La prossima volta però usiamo la mia di auto...

Marco se ne andò, si erano salutati con un bacio sulle labbra. Non era mai stato così contento di essere in debito con qualcuno. Fece per guardare lo specchietto retrovisore quando vide due occhi luccicanti sul sedile posteriore.
Ma non se ne preoccupava. Era solo il Diavolo che era venuto a congratularsi con lui.

CAPITOLO 4

Alessandra si stava preparando per uscire. Era nuda nella sua stanzetta, un filo di musica latinoamericana gironzolava nella cameretta.
Giusto un po' di volume, i genitori detestavano la musica mondana che Alessandra ascoltava, avrebbero preferito ascoltasse solo i cantici che erano santi e puri ed invogliavano ad una vita casta e spirituale nel nome e nella paura di dio.
La musica mondana era invece, dicevano loro ovvio, “l'arma tentatrice che il diavolo utilizzava per corrompere le anime giovani e deboli dei ragazzi e delle ragazze della congregazione”.

Tutte queste canzoni parlavano di sesso, droga, omosessualità. Tutti argomenti tabù per un bravo Tdg.
Alessandra non si riconosceva più nell'espressione "brava Tdg". Quel pompino in sala del regno le aveva cambiato la vita e aperto gli occhi definitivamente. Non era quella la vita che voleva fare, si sentiva destinata a qualcosa di estremamente diverso.
Era attratta dal mondo malizioso del sesso, dallo scoprire nuove sensazioni, dallo scoprirle direttamente sopra e dentro al suo corpo.
Dopo aver parlato con Michela poi non sentiva nemmeno più la sporcizia per quel che aveva fatto, anzi si rendeva conto di voler osare ancora di più nel mondo del sesso. Voleva provare tutto. Tutto subito. Doveva recuperare gli anni perduti a suonare i citofoni e a passeggiare per strada come una vecchia zitella, doveva recuperare quelle serate che anziché andare al cinema stava li come una “megera” per due ore ad ascoltare le cazzate bibliche che qualcuno un giorno si era inventato per sottomettere altri uomini e altre donne, i più deboli e inetti della popolazione.

Profumava ancora di bagnoschiuma, si era lavata i capelli con un avvolgente shampoo alla camomilla e di era messa davanti allo specchio per ammirarsi.
Era davvero bella. Era davvero bella e da nuda si sentiva ancora più attraente.
Prese tra le dita una ciocca di capelli e se la portò alla bocca, assaggiandone il sapore di buono, di pulito.
Aveva veramente un bel corpicino, snello, suadente, con le curve al posto giusto. Faceva proprio eccitare, lo sapeva, si rendeva conto della propria sensualità e le piaceva l'idea di poter essere guardata dai maschi.
Si toccava le punte del seno, osservava nello specchio quelle belle tettine giovani.
Avrebbe voluto farsi un bel tatuaggio ma era assolutamente vietato dalla religione. Dicevano fosse un marchio del diavolo.
Ora le sue idee stavano cambiando radicalmente.
Non le interessava più quella vita monacale e in cuor suo si sentiva molto meno sporca in coscienza rispetto a prima.
Era stato eccitante succhiare quel bellissimo uccello di Marco. Era così duro, così potente. Lo sentiva ancora nella sua bocca.
Sentiva ancora quel forte profumo di cazzo, ricordava il momento in cui inginocchiandosi aveva tirato fuori il pisello di Marco per portarselo alla bocca. E quel sapore forte di sperma le era piaciuto.
Pensava le avrebbe fatto schifo ingoiare quel liquido appiccicoso e invece si era accorta che ne aveva ancora bisogno.
C'era una cosa che voleva fare. Andare oltre. Voleva farsi penetrare pure la figa da quel cazzone. Non le era bastato infilarselo fino in gola. Voleva godere molto di più. Voleva quel gigantesco arnese umido e potente dentro la sua tenera fighetta.
Voleva che Marco la penetrasse, voleva sentire tutta quella enorme potenza crearle il primo orgasmo della vita.
Era Marco l'uomo con cui perdere la verginità, in cuor suo sentiva di amare Marco. O almeno sentiva di amare il pisello di Marco. Sentiva il bisogno del suo uccello. Sentiva il bisogno di vederlo subito.
Dopo averne parlato con Michela si sentiva pronta a questa nuova doppia vita. I suoi non dovevano venire a sapere delle sue trasgressioni.
Che peccato, settimana prima quando si erano incontrati che lui era in servizio con Gianni non avevano potuto far nulla se non un breve saluto.
Sapeva che Marco era uscito con Marianna ma in cuor suo non le dava fastidio che uscisse con altre ragazze.
Non stavano insieme.
Un pompino per quanto intimo non era un contratto vincolante.
Prese il telefonino e si fece una foto.
Non la mise su Instagram, non poteva mettere foto di nudo. Fece un paio di foto veramente eccitanti. Si toccava la passerina immaginando che quel dito fosse un cazzo.
Stava per cancellarle quando le arrivò un messaggio.
Era Gianni.
Le chiedeva se fosse pronta.

“Cazzo”, - pensò Alessandra.
"Mi son dimenticata dell'appuntamento".
Scrisse “OK” al whatsapp di Gianni, “Mi vesto e arrivo”.
Si era dimenticata dell'appuntamento di servizio che aveva preso per quel pomeriggio. I suoi erano fuori in predicazione già da un'ora e pensava avrebbe preso l'auto per andare a fare shopping.
Gianni le mandò un altro messaggio.

MANDAMI LE FOTO DELLE NOTE CHE HAI PRESO DEL TERRITORIO DI VIA MARCO POLO. NON RICORDO GLI ASSENTI.

Alessandra si stava vestendo in fretta e furia, prese la prima gonna trovata nell'armadio e una leggera camicetta bianca. Si era dimenticata il reggiseno ma non aveva tempo di metterlo, era già in enorme ritardo, doveva preparare pure la borsa del servizio e lavarsi i denti.
Prese il telefonino e rispose a Gianni, cercò nel cellulare le foto del territorio di Via Polo per spedirle come allegato.

Aveva appena fatto in tempo a mettersi le scarpe che suonarono alla porta. Probabilmente era Gianni che la invitava a scendere.
Andò ad aprire ed effettivamente c'era Gianni che la stava aspettando.

Ciao Gianni, scusa mi stavo vestendo, sono in ritardo.
Tranquilla Alessandra. Ti aspetto.
Hai letto il messaggio? T ho mandato le foto del territorio.
Ah no, ero sceso dall'auto per venire qui e non ho sentito la vibrazione.

In un'altra situazione sarebbe stato sconveniente farlo entrare in casa, era un uomo e lei era in casa da sola. Ma era in palese ritardo e le spiace a farlo aspettare fuori come un coglione. Tanto non c'erano grossi problemi, due minuti e sarebbero usciti in servizio senza creare imbarazzo o “situazioni sconvenienti”, come si usava dire in quei casi in congregazione.

Entra Gianni, che devo ancora lavarmi i denti e prepararmi la borsa del servizio. Aspettami in soggiorno che arrivo.

Gianni era sorpreso della richiesta ma in fondo era la figlia di un amico e poi non c'era nulla di male, doveva solo aspettarla sul divano 5 minuti prima di uscire in servizio.

Si accomodò sul divano e ne approfittò per guardare il cellulare. Avrebbe esaminato gli appunti che Alessandra le aveva mandato via chat.
Aprì whatsapp e andò sulla chat con Alessandra.
Richiuse subito la schermata.
Non poteva essere vero quel che aveva visto. Si sentiva leggermente teso e una vampata di calore lo scosse nel profondo.
Guardò in direzione del corridoio, poco più avanti c'era il bagno, sentiva il rumore dell'acqua che scendeva dal rubinetto.
Aveva riaperto la chat e aperto le foto.
C'era Alessandra nuda in quelle foto. Completamente nuda. In una delle due foto si stava toccando la figa con il ditino. Da una parte gli occhi di Gianni brillavano di eccitazione, dall'altra un mix di sentimenti che oscillavano tra imbarazzo e paura avevano pervaso il fratello.
Non riusciva a capire.
Perché le aveva mandato quelle foto?
Si era sbagliata? Era una provocazione?
Ma soprattutto si chiedeva perché una ragazza così brava e casta si faceva delle foto del genere. Gianni non pensava che le “giovani sorelle” potessero avere “pensieri impuri” o immorali. Da quando era un testimone di geova aveva sempre creduto nella vita integerrima, soprattutto per la sfera sessuale che si richiedeva a chi apparteneva a questa organizzazione.

Non era uno sprovveduto Gianni. Era sposato, aveva dei figli grandicelli, sapeva com'erano fatte le donne. E indiscutibilmente in quelle foto Alessandra era completamente nuda, con le tette al vento e un dito infilato nella figa.
D'un tratto gli balenò un'ipotesi.
Aveva visto come lei e Michela se lo mangiavano con gli occhi quando si erano incontrati in servizio qualche giorno prima. E sapeva che queste ragazzine per quanto mostrassero una maschera di santità erano comunque immerse nel mondo delle tentazioni del mondo. Lui era ancora un bell'uomo, qualche capello ingrigito per l'età ma il fisico era ancora asciutto ed atletico.
L'aveva sicuramente fatto apposta per provocare una reazione.

“Diabolica” - Pensò.
Tutto quadrava. Aveva finto il ritardo in modo che lui entrasse in casa, i genitori non c'erano. Voleva che lui la vedesse nuda in quelle foto.
Aveva mandato quelle foto per dargli uno stimolo.
Alessandra probabilmente era a conoscenza dei rapporti un po' tesi con sua moglie.
Non scopavano da mesi anche se fingevano con gli altri andasse tutto bene. Riguardò un paio di volte la foto, era eccitante. Alessandra era una ragazza molto provocante, quel viso angelico, acqua e sapone faceva sognare grosse perversioni. Gianni sentiva l'uccello che cominciava a giganteggiare dentro le mutande. Poteva sentirne il calore e la potenza uscire dai pantaloni. Pensava ad Alessandra nuda in bagno che lo aspettava per qualche bella porcata. Aveva una gran voglia di poter stare in intimità con una bella ventenne in calore. Queste ragazze che fan tanto le santarelline e poi scopri molto più porcelle del previsto mettono particolarmente di buonumore gli uomini. E riescono a far rizzare il cazzo in un secondo.

Gianni lasciò la borsa sul divano e andò verso il bagno.
Si era deciso. Avrebbe accettato la proposta. Aveva troppa voglia di scoparsi quella ragazzina. Già qualche giorno prima gli stava diventando duro quando aveva incontrato Michela ed Alessandra. Vedere il culetto di entrambe li a portata di mano e quelle belle tettine di Michela senza reggiseno gli avevano risvegliato istinti mai del tutto sopiti. Se non fossero scappati nuovamente a suonare citofoni con Marco, con la voglia che aveva quel giorno avrebbe sodomizzato entrambe le ragazze.
Bussò alla porta del bagno. Era sicuro che lei stesse aspettando il suo arrivo.

Arrivo Gianni, son pronta - sentì dire il fratello da dietro la porta del bagno.

Alessandra aprì la porta e si trovò Gianni con il cazzo fuori dai pantaloni.
Se lo stava tenendo in mano e lo stava masturbando. Voleva proprio che Alessandra vedesse il suo enorme pisello.

Ti stavo aspettando. Ho visto le foto che mi hai mandato. Son tutto per te piccola - disse con tranquillità Gianni.

Alessandra non riusciva a capire. Era rimasta senza parole. Voleva gridare, aveva paura, aveva fatto entrare in casa una persona di fiducia e ora quella persona era lì davanti a lei con il cazzo in mano. E che enorme cazzo in mano aveva Gianni. Pur allibita e imbarazzata Alessandra non riusciva a distogliere lo sguardo dall'enorme membro dell'amico del padre. Nell'aria poi c'era già quel vago odore di “pesce” che emana un cazzo non pulitissimo quando viene tirato fuori dalle mutande per qualche motivo.

Prese il cellulare in mano, aprì la chat con Gianni.
Si morse le labbra. Per sbaglio aveva spedito le foto di lei nuda e non quelle del territorio. Ormai la frittata era fatta, come tornare indietro? Come gli avrebbe spiegato che si era sbagliata?
Gianni aspettava in silenzio, strofinandosi il cazzo. Continuava a segarsi l'uccello, lo voleva far diventare sempre più duro e potente, voleva veramente soddisfare la giovane figa pelosa di Alessandra. Ci sputò sopra per inumidirlo, in modo da non avere attrito con la figa di Alessandra. Non voleva farle male, voleva scivolarle ben bene dentro la figa.

Alessandra guardò il cazzo di Gianni. Era veramente enorme. Molto più grande di quello di Marco. Il destino, il karma, chiamiamolo in centomila modi, le aveva messo davanti un'altra occasione sessualmente esplicita da sfruttare.
E questo “misunderstanding” stava per dare il via a qualcosa di molto piacevole.
Decise di seguire l'istinto e non la ragione, ormai le toccava stare al gioco. Aveva creato lei l'occasione ambigua, non poteva tirarsi indietro. Marco era giovane e insesperto, aveva si un bel cazzo ma non lo si poteva paragonare con quello di Gianni. In più Gianni aveva sulle spalle il doppio dell'età di Marco e sapeva sicuramente usare quel bellissimo arnese con molta più dimestichezza. Ne era sicura, Gianni l'avrebbe fatta godere.

Dopo il pompino fatto a Marco in sala non c'era nulla che avrebbe superato quella cosa in gravità, quindi doveva assolutamente avere tra le mani quel bel cazzone che le si presentava innanzi.

Voglio scopare...

Disse a bassa voce Alessandra, toccandosi le punte dei capelli con le dita.
Era visibilmente eccitata, già sentiva la figa bagnarsi. Si mordeva le labbra e se le toccava con le dita, mimando il gesto della fellatio se ne portò uno dentro la bocca, succhiandolo. Poi prese una mano di Gianni e cominciò una ad una a succhiargli le dita.

Come una donna esperta prese tutta la mano di Gianni e lo portò nella sua cameretta.

Tranquillo Gianni, oltre alle dita mi piacerebbe avere anche qualcos'altro di te nella mia bocca...

Il cazzo era veramente enorme. I suoi non sarebbero rientrati a casa prima di sera e lei aveva voglia di far l'amore. Sarebbe stata la sua prima volta, ma stavolta non si sarebbe limitata a succhiarlo. Stavolta avrebbero fatto tutto, tutto il pacchetto c'era da provare, non più solo un bel pompino, ma anche una benedetta penetrazione. La sua figa era li bella pronta per lasciarsi andare.
Gianni lasciava fare, Alessandra sembrava sapesse cosa fare.
Alessandra accese nuovamente lo stereo, nella stanza c'erano note sensuali di musica spagnola. La musica aiutava a distendere ulteriormente la situazione. I due si guardavano negli occhi, erano sempre più complici in quella che stava diventando una “danza verso il peccato”, verso il più grande dei peccati.
Si allontanò di qualche passo e iniziò a slacciarsi i bottoni della camicetta. Era veramente bella, continuava a ripetersi Gianni. Che corpicino perfetto, che pelle liscia, che buon profumo emanava Alessandra.
Uno ad uno i bottoni scivolarono via dalle sue agili dita. Lui faceva lo stesso con la sua camicia e la cravatta.
Buttarono le camicie per terra. Erano a petto nudo uno di fronte all'altra. Lui allungò le mani e iniziò a carezzarle i seni. Erano così duri e morbidi allo stesso tempo. Non c'era nulla di più eccitante delle tette di una ventenne.
Alessandra si abbassò, così come aveva fatto con Marco in sala del regno e iniziò a infilarsi il cazzo di Gianni in bocca. Era enorme, sembrava un bicipite. Lo sentiva indurirsi dentro la bocca. Con estrema delicatezza se lo passava avanti e indietro nella bocca, inumidendolo con la saliva. Ogni tanto doveva respingere l'istinto naturale dei conati di vomito. Puzzava un poco come cazzo, ma da un po' di tempo a questa parte non era più schizzinosa come a diciott'anni.
Forse tempo addietro avrebbe avuto qualche remora a infilarsi in bocca un pene, sapendo che un “pene” viene usato principalmente per pisciare dai maschi e che spesso non hanno nemmeno così tanta cura di lavarselo per bene.
Come aveva fatto con Marco se lo era messo tutto in gola ma questo uccello era più lungo e più grosso, quasi non ci stava tutto dentro le sue fauci.
Sopportava abbastanza l'odore del cazzo di Gianni, non era un problema tenerselo tra le labbra e infilarselo sempre più giù nella gola. Aveva un sapore diverso dall'uccello di Marco.
Lui le teneva dolcemente la testa e con le mani sulla nuca della ragazza istintivamente scandiva quel sensuale movimento del “pompino”.
Era in estasi. La moglie erano vent'anni che non lo prendeva in bocca. Agilmente Alessandra andava su e giù, aiutandosi con la mano destra, segando il cazzo di Gianni, contemporaneamente continuava a succhiare, sputando sulla cappella rosa del pene dell'amico di suo padre. Più sputava e più succhiava e più Gianni sentiva la gioventù della ragazza prender possesso della sua vita. Le stringeva forte i capelli, quasi volesse spezzarli. Dall'eccitazione continuava a sbattere sempre più forte la testa di Alessandra contro il suo cazzo, le aveva fatto finire la punta del cazzo nel punto più basso della gola. Sentiva le palle arrivare fin dentro la bocca della ragazza, che ansimava, cercava di divincolarsi. La saliva usciva dai lati della bocca. Era bellissima in quel momento, col suo pene in bocca. Era proprio una porca come non si sarebbe mai immaginato.

Alessandra si alzò, non voleva terminare con lo sperma subito in bocca. Voleva sentire la potenza del cazzo nella sua patatina ancora vergine.
Si sfilò la gonnellina e le mutande e si mise sul letto, nuda a gambe aperte. Lei lo invitò a possederla, li , sul suo lettino, su quelle belle e pulite lenzuola rosate.
Gianni si levò del tutto i calzoni e le mutande e si mise sopra la giovane.
Con le dita andò a cercare la figa, già bella inumidita.
Infilò il pisello nella passera di Alessandra. Entrambi sentirono un piacevole brivido caldo... del sangue uscì dalla figa di Alessandra, la verginità era finalmente perduta.
Con delicatezza iniziò a far su e giù per farle prendere il ritmo. Lei gemeva, dal piacere si mordeva le labbra. Gianni sorrideva compiaciuto, le mordicchiava i lobi delle orecchie e con sempre più insistenza spingeva il cazzo nella piccola figa pelosa della ragazza, come un martello pneumatico. Il ritmo aumentava, il cazzo le arrivava dritto nelle viscere, aveva voglia di gridare, allargò le gambe completamente e poi le strinse forte attorno al culo di Gianni che non accennava a fermarsi. Erano quasi al punto di raggiungere l'orgasmo quando la porta della stanza si aprì...

Ci fu un momento di imbarazzo totale. Il mondo si era fermato. Il sole si era fermato. Gianni si era fermato. Era ancora col cazzo dentro la figa di Alessandra quando da dietro era comparsa la sagoma del padre di lei, che urlando era andato incontro all'amico per levarlo dal corpo della figlia, che nuda e spaventata per l'improvvisa apparizione aveva cercato qualcosa con cui coprirsi le tette e la figa dalla vista del padre.

Gianni stava seduto sul divano, in rigoroso silenzio mentre Alessandra, con le lacrime agli occhi stava ricomponendosi nella sua stanzetta.
Suo padre era nero di rabbia e ancora incredulo per la scena che aveva visto e interrotto.
Sua figlia stava scopando con un uomo più grande di lei, in casa sua. E quell'uomo non era un uomo qualunque, era un caro amico, un fratello rispettato della congregazione, un uomo affidabile.
La sua bambina. La sua bambina di vent'anni che giocava a fare la donna, in casa sua, in sua assenza.
Carlo non era solo il padre di Alessandra. Era un uomo di spicco della congregazione, un temuto e rispettato anziano, un uomo che non poteva permettersi simili scandali.
Il danno ormai era fatto. Il caso aveva giocato un bel dispetto a tutti. Il caso aveva rimesso le pedine al proprio posto.
Carlo infatti era in predicazione con la moglie quando per problemi intestinali era dovuto rientrare in fretta e furia a casa. La moglie aveva trovato un'altra sorella con cui continuare il servizio.
Tornando a casa aveva notato la macchina di Gianni parcheggiata dall'altra parte della strada, pensava fossero usciti in servizio a piedi lui e la dolce figliola.

“Dolce un paio di palle” - avrà pensato qualche secondo dopo entrando in casa.
Nella fretta di aprire la porta a Gianni, Alessandra si era dimenticata di chiudere a chiave la porta, tanto avrebbero dovuto uscire di li a poco.
Già l'aver trovato la porta aperta fece palpitare il cuore di Carlo.
All'inizio aveva pensato che si fossero intrufolati dei ladri in casa. Quanto avrebbe voluto fossero entrati i ladri.
Si insospettì quando entrato nel soggiorno, sentì dei mugolii provenire dalla camera di Alessandra, mugolii accompagnati da quella odiosa musica spagnola che lei si ostinava ad ascoltare.
Aprire quella porta fu un vero e proprio trauma.
Si trovò di fronte il culo di Gianni e sua figlia sotto che veniva penetrata con enorme foga e vigore dal suo amico.
Gli si fermò un grido in gola, ma fu pronto a scaraventarsi su Gianni per strapparlo dal corpo di sua figlia.

Cosa state facendo??? - gridò Carlo

Come in un continuo loop temporale Carlo stava rivivendo quella scena all'infinito. Gianni che scopava la sua amata figlioletta e lei che gemeva dal godimento. Li aveva divisi e
Alessandra si era coperta tutta imbarazzata e spaventata. Suo padre li aveva beccati e stava li fermo immobile, quasi piangendo. Non avrebbe mai dimenticato quella scena. Era li davanti ai suoi occhi.
Gli occhi di un padre che rientra a casa e vede crollarsi addosso molte delle certezze che l'avevano sorretto.
Un Flebile - "Scusa" - fu la risposta di entrambi
L'imbarazzo si poteva tagliare con un coltello.

Ora la scena si era spostata nuovamente nel soggiorno.
Carlo camminava nervosamente intorno al tappeto mentre tenendosi la testa con le mani cercava di capire come fosse successa una cosa del genere, ma non era ancora pronto ad ascoltare le spiegazioni di Alessandra e Gianni.
Gianni stava a testa china seduto sul divano, ancora mezzo nudo, solo le mutande aveva avuto il tempo di rimettersi.
Alessandra, visibilmente imbarazzata si era messa il pigiama e stava li ferma attaccata alla porta, aspettando l'ira funesta del padre.

Spiegatemi. Qualcuno di voi due mi spieghi...
Carlo, amico mio... è stato un fraintendimento...
Un fraintendimento? Ti ho trovato a far sesso con mia figlia di 20 anni. Lo chiami fraintendimento???

E' stata una debolezza... perdonaci...

Carlo si rivolse poi alla figlia.

E tu Alessandra. Hai qualcosa da dire?
Papà... scusa... è stato un equivoco... e che...

Alessandra non riuscì a terminare la frase che Gianni aveva preso il cellulare e aveva fatto vedere a Carlo le foto che Alessandra le aveva mandato.
Un altro colpo al cuore per quel povero padre. La figlia in pose porno sul cellulare del suo amico.
Si conoscevano da più di 30anni lui e Gianni. Erano stati migliori amici, si conoscevano fin dentro l'anima, si fidavano ciecamente l'un dell'altro. E ora quello che pensava essere il suo migliore amico aveva appena scopato sua figlia, in casa sua.
Gianni prese la parola:

Senti Carlo, so che quel che abbiamo fatto è terribilmente sbagliato. Sei un anziano, se vuoi prendere provvedimenti fallo. Però nella merda qui ci finiamo tutti. E' vero, io ho scopato tua figlia ma è stata lei a mandarmi queste foto oscene. E io son caduto nella debolezza.

Carlo si avvicinò ad Alessandra.

Perché hai fatto quelle foto? Perché hai mandato quelle foto?
Mi son sbagliata pà …
Ti sei sbagliata??? Una ragazza che si fa foto in pose come quelle e le manda ad un'altra persona può dire di essersi sbagliata?

Alessandra spintonò il padre e gli gridò contro.

Senti pà, non volevo mandare quelle cazzo di foto. Le ho fatte per me e per sbaglio le ho mandate a Gianni mentre era qui! Ormai lui pensava che io ci avessi provato... e avevo voglia di scopare pure io, allora l'abbiamo fatto! Ma se vuoi proprio saperlo non sono pentita di quel che ho fatto. Io non voglio più far finta di essere felice!Odio questa cazzo di vita monacale. Voglio essere libera! Voglio poter decidere della mia vita, non voglio diventare come voi! Voglio decidere io di me stessa! Se voglio scopare ho il diritto di farlo senza che voi mi giudichiate! E se ti faccio male non mi frega un cazzo, anzi ti dirò di più, ho fatto un pompino a Marco in sala del regno mentre tenevi la Torre di Guardia! Nei bagni! e non sono affatto pentita!

Carlo si sentì mancare. Tutte quelle confessioni in una volta.
Il suo cuore non poteva reggere.
Guardò Gianni, il suo migliore amico.
Aveva voglia anche Carlo di liberarsi da un enorme peso sulla coscienza.
Fu Gianni a prender la parola.

Senti Carlo. Questa storia può renderci più sinceri. Se tu denunci la cosa agli anziani, io so che farò una brutta fine, forse me la merito, mia moglie avrebbe la scusa per divorziare, io verrei disassociato. Pure tua figlia sarebbe rovinata perché pure lei verrebbe disassociata e quelle cazzo di foto gli altri anziani vorrebbero vederle. E farebbe una figura che non merita. Dobbiamo nascondere quello che è successo.
E' da una vita che fingiamo, lo sai... tutti fingiamo...
Non capisci Gianni... non capisci... io sono incazzato nero... tu hai scopato mia figlia...
E ti fa rabbia Carlo? O ti fa rabbia che ho scopato lei dopo essermi scopato te vent'anni fa?

Alessandra trasalì. Tutto d'un tratto la situazione era cambiata. Il segreto che era appena stato rivelato di suo padre e Gianni era ancora più grave di quel che lei aveva fatto...
Fu capace di chieder solo ..

Cosa? Voi due...voi due?

Carlo e Gianni annuirono e cominciarono a spiegare.
Il primo fu Gianni.

Vedi Ale, io e tuo padre ci conosciamo da una vita. Eravamo ragazzi... in quei tempi non si poteva parlare di certe cose, eravamo in un ambiente troppo chiuso... e... e a noi a un certo punto, per farla breve...noi abbiamo capito... capito che...

Carlo prese la parola.

Figlia. Io e Gianni eravamo migliori amici... quello che sta cercando di dirti Gianni è che ci siamo trovato dall'essere migliori amici... a volerci bene... insomma, ci siamo trovati a trovare apprezzamento sessuale tra di noi. Ma questa cosa l'abbiamo dovuta reprimere e nascondere. Non ci avrebbero mai permesso di fare questa cosa in congregazione. Sai come funziona...

Alessandra era scioccata e intenerita da questa situazione.

Mamma lo sa?
Mamma non sa nulla. Nessuno sa nulla. Io e Gianni abbiamo deciso di metter fine alla nostra relazione clandestina e ci siamo sposati in modo tradizionale con delle donne per non dare adito a pettegolezzi. Io ho sposato tua madre e Gianni ha sposato Anna. Come si conveniva a delle brave persone Testimoni di geova. Sai che non c'è spazio per l'omosessualità in questa cazzo di religione.
Però io ti ho sempre amato - confidò Gianni
Anche io Gianni! Per questo sono incazzato...

Alessandra decise allora di rendere meno tesa la situazione.

Papà, Gianni, siamo in tre a custodire questi segreti. Io e voi due. Voi starete zitti per quanto riguarda la mia di vita sessuale non propriamente casta. Non farete cenno di quel che è successo oggi tra me e Gianni, io farò finta di non conoscere il vostro segreto. Nessuno saprà che avete avuto una relazione tempo addietro.

Carlo e Gianni annuirono. Che senso avrebbe rovinare due famiglie, la reputazione di tante persone. Era meglio dimenticarsi tutto e far finta non fosse successo nulla. Per il bene di tutti. I segreti possono rovinare le persone, a volte una bugia a fin di bene può essere molto più utile di un'antipatica verità.

Però... - aggiunse Alessandra - ho un'altra richiesta da farvi …
Cosa? - chiesero Gianni e Carlo.
Siccome voi di me avete visto quel che ho fatto e Gianni ha le mie foto... voglio anche io una prova della vostra relazione, così se doveste venir meno alla promessa avrei un'arma per difendermi ... chiamiamola "un'assicurazione" di reciproco silenzio. Più appropriatamente voglio qualcosa con cui potervi ricattare nel caso voleste un giorno far gli stronzi con me.
E cosa vorresti che facessimo?

Scopatevi - disse Alessandra - E io vi riprendo col cellulare.

Carlo e Gianni erano imbarazzati. Erano passati più di 20anni dall'ultima volta.
Ma quella era una situazione diversa. Ora avevano mogli e figli, erano due uomini di quasi 50anni, con una reputazione diversa da quando erano poco più che ragazzini.
Carlo si tolse i vestiti e si avvicinò a Gianni. Gli sembrava incredibilmente strano toccare di nuovo Gianni dopo una vita. Si levarono le mutande ed erano li, nudi, di fronte, a guardarsi. Non erano più atletici e vigorosi come un tempo ma erano comunque ancora due uomini interessanti.
Alessandra filmava divertita e con fare malizioso.
La tensione si sciolse quando Gianni prese la bocca di Carlo e cominciò a baciarlo.
I due uomini iniziarono ad avvinghiarsi e la scintilla dell'incontro tra i due membri eretti rese ancor più passionale quell'abbraccio.
Alessandra si stava eccitando, non aveva mai visto una scena del genere e neanche nei sogni o pensieri più assurdi avrebbe pensato di trovarsi li, a filmare col cellulare suo padre che faceva sesso con un uomo.
Gianni si abbassò e prese in bocca il pisello di Carlo. Fu un pompino delicato e intensissimo allo stesso tempo, dopodiché fu il turno del padre di Alessandra succhiare l'enorme cazzo di Gianni.
Gianni era al settimo cielo. Nell'arco di neanche un'ora padre e figlia gli avevano preso il cazzo in bocca. Carlo non era passionale come Alessandra, Alessandra ci sapeva fare molto meglio di suo padre. Carlo succhiava il cazzo in maniera troppo meccanica, meno istintiva di Alessandra, forse i tanti anni a fingere di essere “etero” gli avevano fatto dimenticare come si stuzzica la cappella di un maschio.
E mentre succhiava il cazzo di Gianni con passione, con la coda dell'occhio Carlo vedeva la soddisfazione di sua figlia che stava riprendendo tutto.
Dall'eccitazione Alessandra aveva cominciato a masturbarsi, con una mano teneva il cellulare, con l'altra si toccava la figa e si faceva un bel ditalino, appoggiata alla porta della cucina.
Gianni si voltò e Carlo infilò il suo pisello ancora duro e bagnato nel suo culo.
Alessandra non riusciva più a trattenersi, l'eccitazione stava divampando nel suo corpo.
Abbandonò il cellulare sul tappeto e si inginocchiò pure lei tra i due uomini. Entrambi si voltarono e la guardarono mentre carponi si legava i capelli con un elastico e stava li sotto loro aspettando di partecipare al sontuoso banchetto.
Non si era nemmeno levata il pigiama. Carlo guardava la sua figlia ventenne e stentava a riconoscerla. Era davvero questa la figlia che aveva allevato nella Verità della parola di Dio?
Alessandra si tolse la maglia del pigiama ed era veramente bella, pensò Carlo. Aveva queste due belle tettine a punta da impazzire.
Alessandra prese in mano i cazzi del padre e di Gianni e iniziò a masturbarli contemporaneamente mentre i due uomini si baciavano. Alessandra allora prese in bocca il cazzo di Gianni che sentiva ancor più duro di prima. Più lo ficcava in gola e più le piaceva. Ogni tanto prendeva respiro e continuava a succhiare intensamente, voleva farsi venire in bocca. Prese poi in bocca il cazzo di suo padre che aveva perduto ogni forma di imbarazzo e sperava di riuscire a venire presto perché non riusciva più a trattenersi.
Alessandra allora aprì la bocca e invitò i due uomini a sborrare.

Venitemi in faccia dai.. voglio il vostro sperma ....

diceva Alessandra sempre inginocchiata sotto i due uomini. Il primo a venire fu suo padre, la sborra calda le inondò il viso, i capelli, le finì negli occhi e sentiva il bruciore dello sperma.
Gianni resistette qualche secondo di più...

Sto per venire ... sto per venire …

Nel momento esatto in cui la sborra esplose, Carlo si abbassò a livello della figlia e raccolse nella sua bocca tutto quel fiotto caldo...
Si guardarono in faccia tutti e tre.
Alessandra e suo padre erano ricoperti di sperma e ridevano compiaciuti di com'era finita quella scopata. Alessandra si avvicinò al viso del padre e iniziò a leccargli via lo sperma.
Gianni si era scopato tutti e due. Nello stesso pomeriggio...

CAPITOLO 5

Driiiiin.

La sveglia aveva fatto il suo dovere per l'ennesima volta. Quel malefico Driiiiin aveva messo in moto la macchina del risveglio di tutta la famiglia.
Alessandra profumava ancora dei sogni della notte. Si era immaginata immersa in una bella Spa accompagnata da olii essenziali e bei fustoni.
Suo padre era in cucina a preparare la colazione, indossava ancora una vecchia maglietta sgualcita come pigiama.

Dormito bene? - chiese Carlo allungando un bacio sulla guancia della figlia.
Certo paparino. Ho fatto veramente dei bei sogni - e nel dirlo fece un occhiolino malizioso al padre che rispose con un sorriso.

La madre di Alessandra entrò nella cucina mezza assonnata, si mise a sedere aspettando sorniona la colazione.

Cosa avete voi due da confabulare? - chiese con ironico sospetto.
Segreti tra padre e figlia! - disse ironicamente Alessandra alla madre per scherzare.

Finita la colazione la moglie di Carlo andò in bagno, aveva bisogno di una doccia calda per rigenerarsi. Sarebbe stata una lunga giornata, in più avevano pure l'adunanza, quindi dovevano darsi una mossa.
Mentre sua moglie era in bagno che non poteva sentire, Carlo prese il braccio di Alessandra, doveva parlarle.

Senti Alessandra... Quello che è successo ieri... Io... Io non me lo so spiegare. Non vorrei fossi rimasta turbata...
Tranquillo papà... Non è successo nulla che mi ha turbata...
Sicura?
Sicurissima... Anzi... A me è piaciuto...
Alessandra... Quello che abbiamo fatto è una cosa sbagliata... Oltraggiosa... Io... Credo che tua madre ci ucciderebbe se lo sapesse...
Non le diremo nulla...
Alessandra... Sarà un segreto faticoso da portare sulla coscienza, ne sei consapevole?
Io non ho paura...
Io molta figlia mia... Geova ci distruggerà... Siamo diventati come Sodoma e Gomorra. Scoparsi tra consanguinei è una cosa abominevole.
Papà... Geova non esiste, è solo una finzione. Godiamoci un po' sta cazzo di vita... Dai, liberati anche tu da tutte quelle privazioni... Fai quello che ti piace...
Tu la fai facile... Io sono un anziano... Devo dare l'esempio... Non so come potrò guardare in faccia gli altri senza vergognarmi...
Papà tranquillo... Io non ti giudico... Tu guardami in faccia senza vergogna...
Ma davvero ti è piaciuto Alessandra? Dico... Quel che è successo con Gianni?
Pà ... È stato pazzesco... Una roba fuori dal comune... Non avrei mai immaginato di fare una cosa del genere insieme a te... non ci siamo mai divertiti così tanto a fare qualcosa insieme. Mica è divertente quando usciamo in predicazione. Quella di ieri è stata un'esperienza divertente... rilassante... emozionante... Non hai idea di come mi sia piaciuto farmi scopare da voi due...
Non so come ho fatto a venirti in faccia... Provo un senso di colpa...
Dovremmo farlo più spesso... Io, te e Gianni... mi è piaciuto tanto... soprattutto ricevere la sborra in faccia... è qualcosa di incredibile papà... è stato eccitantissimo...

A quelle parole Carlo si stava nuovamente eccitando. Alessandra aveva notato il rigonfiamento dei pantaloni del padre. I suoi primi 20 anni di vita erano passati noiosi e deprimenti. In poche settimane aveva violato ogni regola morale e sessuale della sua vita.
Entrambi sentivano il rumore della doccia, non c'era pericolo Angela li beccasse.

Ho voglia di un pompino...

Sussurrò Carlo alla figlia.

Tua madre è molto bigotta, non li fa...
Lo vuoi ora?
Te la senti o non ti va?
Mi va... Mi va... Ma se mamma ci becca?
Devi ingoiare Alessandra, così non rimane sporco in giro.

Alessandra era nuovamente padrona della situazione. Come con Marco. Come con Gianni. Accarezzò il rigonfiamento dei pantaloni con la mano destra, mentre il padre stava col culo attaccato ai mobili della cucina.
La mano di lei si muoveva con delicatezza sulla stoffa dei pantaloni, sentiva il membro del padre crescere a dismisura.

Ti piace? - chiese lei
Mi eccita molto... - rispose sussurrando Carlo, chiudendo gli occhi per l'eccitazione.

Alessandra continuava quel metodico lavoro manuale, scivolando dentro i pantaloni e poi dentro le mutande.
Il cazzo del padre si era veramente fatto grosso, sentiva le vene pulsare, sentiva la potenza crescere sempre più. Le sue mani delicate pizzicavano la punta con sapiente dosaggio erotico.
A quel punto doveva abbassarsi per completare l'opera.
Non aveva un elastico, dovette non legare i capelli.
Tirò giù completamente i pantaloni e le mutande del padre. L'enorme Pene di lui era proprio di fronte alla sua faccia inginocchiata.
Un forte odore di piscio le diede un pugno sul viso. L'uccello del padre stava li, duro come il marmo e odoroso come una fogna a due passi dal suo naso.
Non immaginando cosa sarebbe successo Carlo non si era fatto il bidet dopo aver pisciato. Chi si immaginava che dopo essersi alzato dal letto sua figlia gli avrebbe fatto un pompino prima di colazione?

Sua madre in doccia continuava a lavarsi non sapendo cosa stesse accadendo in cucina a pochi passi da lei.
Alessandra prese coraggio e aiutandosi con la mano prese in bocca l'uccello. Con la lingua disegnava cerchi sulla punta del pisello, creando sempre più calore ed eccitazione nel padre.
Si era ficcata tutto il pisello in gola, sentiva mancare il fiato. Lo tirò fuori ed era tutto bagnato dalla sua saliva.
Guardò in alto, suo padre aveva quell'espressione di beatitudine tipica di quando si sta godendo come non mai.
Prese ancora in bocca il cazzo, questa volta con movimenti della bocca e della lingua sempre più veloci. Suo padre le mise le mani sulla nuca per accompagnarne i movimenti.
Era quasi sul punto di venire... Alessandra tirò fuori nuovamente il cazzo dalla bocca e lo alzò diritto con la mano, poi mise la lingua tra le palle e iniziò a leccarle.

Pa... Potevi almeno lavarti... - disse Alessandra togliendosi un pelo dalla bocca...
Ti fa schifo l'odore di piscio?
è un po' forte. Sopportabile, ma forte.
Sto per venire Ale... Mettiti il pisello dentro...

Alessandra fece appena in tempo ad aprire la boccuccia che uno schizzo potente di sperma le invase tutto ciò che trovava sulla sua strada. Aveva i denti e la lingua pieni di quel liquido appiccicoso. Un po' di sperma era rimasto sulla cappella, per terminare l'opera ripulì lo sperma con la lingua e si rialzò, le ginocchia iniziavano a farle male.

Carlo si sistemò mutande e pantaloni mentre Alessandra bevve un bicchiere d'acqua per togliersi il sapore di sperma.
Si guardarono eccitati. Il loro segreto perverso li aveva uniti ancora più che la religione.

È stato bello. - disse Alessandra.
Dobbiamo rifarlo con Gianni presente disse Carlo.
Si papà... Mi piacerebbe...
Ti voglio bene.
Anche io...
Fattelo dire... Sei brava a succhiare. Hai un modo eccitante...
La prossima volta farò ancora meglio...
Con me e Gianni?
Con te e Gianni...
Vorresti pure qualche altra persona per rendere la cosa più piccante?
Dici sì potrebbe?
Forse conosco chi vorrebbe partecipare... Alcuni colleghi di lavoro so che certe cose le fanno e per me sarebbe meno imbarazzante se a scoparti fossero loro un po' più di me...

Intanto Angela aveva finito la doccia...
Per il momento dovevano rimandare i pensieri peccaminosi a un altro momento... Dovevano docciarsi e prepararsi per andare in adunanza...

CAPITOLO 6

Passarono solo un paio di giorni.
La terrazza dava proprio sul centro cittadino. Un tranquillo sesto piano in mezzo allo smog e a meno passi possibili dalle nuvole. Quelle stesse nuvole che i Testimoni di geova guardavano con ansia perché speravano un giorno si avverassero le profezie di disgrazia e sventura che da più di cento anni invano aspettavano.
Non tutti aspettavano “armagheddon”. Alessandra e Carlo da qualche giorno speravano in cuor loro che davvero fossero tutte palle quelle raccontate nelle sacre scritture. Erano andati ben oltre il consentito ad un dedicato Testimone di geova. Alessandra aveva pericolosamente varcato i confini della decenza tirandosi dietro il padre, che come “aggravante” aveva pure la “colpa” di essere un pastore per quel gregge di pecoroni con la cravatta e il vestitino lindo, grigio della domenica. Avrebbe dovuto essere un grande esempio per la comunità. Se avessero seguito il suo esempio sarebbero dovuti diventare tutti incestuosi con un passato omosessuale e un presente fatto di imbrogli e menzogne. Bell'esempio avrebbe dato.
Se i testimoni di geova avessero creduto in un inferno di fuoco sarebbe finito proprio tra le fiamme, chissà in quale girone dantesco. Per fortuna credevano solo ad una distruzione eterna, dolorosa o indolore ancora non era ben chiaro. Ogni due o tre anni cambiavano le carte in tavola dall'alto e bisognava aggiornarsi sulle nuove disposizioni, sui nuovi insegnamenti. In effetti erano più “rappresentanti ambulanti” che “rappresentanti” della parola di Dio. Carlo e Alessandra in quel momento più che dio rappresentavano l'ambasciata italiana di Sodoma e Gomorra.
La tavola era imbandita. La casa in cui erano stati invitati per quella “serata” particolare era un bellissimo ed elegantissimo appartamento. Non era la stamberga di qualche poveraccio. Si erano “elevati” per qualche ora Carlo e Alessandra. D'altronde tra i sogni nascosti di Alessandra c'era fuggire dallo squallore teocratico della mediocrità. Avrebbe voluto vivere nel lusso, avere molti più soldini, permettersi tutte quelle cose materiali che luccicavano ai propri occhi.
Non le sbatteva minimamente avere una buona relazione con Dio. Non portava vantaggi economici. I suoi genitori avrebbero voluto vederla sposare qualche fratello benestante, qualcuno che potesse mantenerla mentre stava a casa far nulla. Non proprio “nulla”. Il “Nulla” dei testimoni di geova era dedicare i propri anni migliori a servire come pionieri regolari, dedicare quelle cazzo di 70 ore mensili alla predicazione, per potersi vantare dal podio in sala o in assemblea di essere persone zelanti e super spirituali anche se non era affatto vero.

La casa era bellissima. Un gioiello di design e ogni dettaglio sembrava studiato per stupire gli occhi degli ospiti. Non c'era nulla in disordine o lasciato al caso.
Ogni ben di Dio era comodamente apparecchiato per i commensali. Una tavola così imbandita non l'avevano mai vista ne Carlo ne la figlia.
Dell'ottimo vino francese faceva bella mostra di sé, accompagnato da insalatiere colme di frutti esotici, ostriche, aragoste e pregiatissimi bicchieri di cristallo di Boemia.
Costosissimi arazzi ornavano le pareti, intervallati qua e la da preziosi quadri impressionisti e oggetti appartenenti a queste nuove correnti artistiche che qualcuno si ostinava a considerare “arte moderna”. Lusso e buon gusto non mancavano di certo in questo appartamento signorile.
In un angolo del salone, distese su una vecchia poltrona, delle mascherine colorate riposavano in attesa di essere utilizzate.
Alessandra e suo padre erano stati i primi ospiti ad arrivare verso le otto di sera. L'appuntamento era per le otto e mezza ma avevano preferito presentarsi prima a casa di Enrico.

Enrico era un collega del padre di Alessandra. Un uomo sulla quarantina, giovanile, di bella presenza, molto raffinato. Un pizzetto malandrino, quasi diabolico, dava al suo volto un aspetto adattissimo a serate come quella. Enrico era uno dei più noti organizzatori di gangbang del circondario. La sua fama lo precedeva di decine di chilometri.
Alessandra scrutava la città dall'alto, sorseggiando una bottiglia di birra appoggiata alla balaustra del balcone.
A sua madre aveva detto di avere un impegno teocratico top secret, di cui non potevano ancora rivelarle il contenuto. Angela ingenuamente pensava fossero le prove per l'assemblea che si sarebbe tenuta a breve. Era così contenta Angela di avere una figlia così zelante e così premurosa verso l'organizzazione di geova. Così zelante da sacrificare una serata di riposo per andare a dedicarla alle prove dell'assemblea. Avesse saputo la verità. Avesse saputo tutte le verità. Come ci sarebbe rimasta male. Avrebbe chiesto il divorzio, avrebbe disconosciuto la figlia. Avrebbe fatto una strage di Carlo e Alessandra. Una relazione incestuosa sotto il suo tetto. Quella casa così benedetta da geova in tutto quel periodo. Una casa in cui non era permesso deviare dalla retta via. Una casa nella quale invece il peccato aveva messo velenosissime radici da qualche tempo a questa parte.
Alessandra guardava pensierosa la città dall'alto. Dall'alto, col buio sembrava tutto così diverso. Era abituata a guardare la città dove abitava con gli occhi di una sfigata ragazza di vent'anni che andava in giro come una vecchia zitella a suonare citofoni e lasciare noiosissime riviste che non leggeva nessuno.

Fra un po' arriveranno gli altri ospiti.

Enrico si era avvicinato ad Alessandra, vedendola sola e pensierosa sul balcone aveva pensato bene di comportarsi da bravo padrone e fare gli onori di casa.
Alessandra si era girata e sistemandosi i capelli gli aveva rivolto un bellissimo sorriso compiaciuto. Enrico era davvero contento di poter ospitare quella giovane ragazza nel suo appartamento. Il “battesimo del sesso di gruppo ” sarebbe avvenuto proprio tra quelle elegantissime mura. “Il battesimo del sesso di gruppo” l'aveva chiamato suo padre spiegandole cosa sarebbe successo quella sera.
Per Alessandra il termine battesimo era legato a quello avuto con i testimoni di geova. Aveva 15 anni e poca voglia di seguire i dettami biblici quando si era battezzata. L'avevano obbligata a battezzarsi, perché “così funzionava” nell'organizzazione. Per non recare biasimo al padre che faceva l'Anziano di congregazione doveva dimostrare pubblicamente di volersi dedicare a geova. I suoi genitori l'avevano pressata per mesi finchè messa alle stretta aveva accettato. Il battesimo comportava diversi sacrifici. Prima di tutto sarebbe stata sottoposta ad un accurato esame della propria spiritualità da parte degli anziani. Quanto odiava quella farsa teocratica. Il libro “organizzati per fare la volontà di geova” non l'aveva manco mai aperto. Le avevano spiegato bene cosa comportasse il battesimo: non avrebbe potuto più andarsene senza conseguenze dai testimoni di geova. Doveva accetatre tutto senza farsi domande. Doveva rinunciare a tutti i suoi sogni e a tutte le sue aspettative per dedicarsi interamente all'opera di geova. Non avrebbe dovuto avere troppi contatti con il mondo esterno alla comunità perché rischiava d'insozzarsi la spiritualità. Niente amici, niente frequentazioni al di fuori della sala del regno. La scuola era tollerata solo perché fino ad una certa età lo stato ti obbligava ad andarci. L'università non era nemmeno da prendere in considerazione, viaggi, concerti, cinema tutto da fare con equilibrio. Il tempo era da dedicare esclusivamente alla predicazione e alle attività di sala. Doveva stare attenta agli atteggiamenti che teneva con le persone dell'altro sesso. Se fosse voluta andar via o se avesse commesso qualche peccato grave sarebbe stata disassociata e non avrebbe potuto più parlare con le amiche della sala e avrebbe avuto delle limitazioni persino in casa coi propri genitori. Queste erano le conseguenze dell'allontanarsi dalla comunità. Con tutte queste pressioni addosso e con la paura di disobbedire e disonorare i genitori aveva accettato suo malgrado il battesimo come testimone di geova, in quella cazzo di sala assemblee, quando aveva solo 15 anni. Un'età nella quale non puoi decidere il resto della tua vita. Soprattutto se sei sempre con una spada di Damocle sulla testa.

Enrico prese ancora la parola, voleva sincerarsi che Alessandra fosse consapevole di quel che sarebbe successo quella sera.

Tuo padre ti ha spiegato come funziona la serata?
Si Enrico... Ho presente cosa si farà e come...
Sei sempre in tempo per tirarti indietro Alessandra, non sei obbligata a fare queste cose se non vuoi...
Tranquillo Enrico. Non ho problemi. È un'esperienza che desidero fare. Voi fatemi solo sentire a mio agio.
Sarà bellissimo vedrai cara. Ti divertirai e mi auguro vorrai venire più spesso poi. Abbiamo bisogno di facce nuove e di persone intriganti quando facciamo queste serate.
Me lo auguro...
Tuo padre mi ha detto siete una famiglia molto religiosa, non vi aspettavo qui stasera sinceramente. Ma son contento vogliate provare questa esperienza. Sulle prime ero dubbioso sul fatto che sareste venuti. So che i testimoni di geova conducono una vita abbastanza chiusa e so che lo spauracchio del sesso è molto presente nella vostra religione.

Alessandra sorrise nuovamente ad Enrico. Lui notò la sua bellezza semplice, acqua e sapone. Una bellezza ancora pura e con ancora una buona dose di ingenuità. Era così bella e allo stesso tempo misteriosa che metteva soggezione. Alessandra era come un prezioso manufatto, bisognava maneggiarla con cura per paura di non rovinarne l'essenza, il valore. E attirava quella voglia di sesso che serviva a ravvivare l'istinto animalesco degli uomini che avrebbero partecipato alla gangbang. Alessandra proprio per quella sua aria così caste e innocente ispirava sesso a tutto andare. Il suo non apparire “esplicitamente” porca era molto più provocante di quanto si potesse immaginare. Enrico aveva accettato di averla li, in caa sua anche per questo. L'immagine acqua e sapone della ragazza gli aveva fatto diventare subito il cazzo duro. Già pregustava il momento in cui avrebbe potuto scoparsi quel bel pezzo di figa.
Alessandra si era vestita da adunanza, completino casto ma dignitoso. La camicetta bianca e la gonnellina lunga sotto le ginocchia le davano tanto un aria da scolaretta, questo avrebbe eccitato ancora di più la compagnia di uomini che aveva radunato.
I capelli neri corvini lunghi fin dietro le spalle davano poi ad Alessandra quel tocco misterioso dal sapore orientale tanto che Enrico dovette pensare ad altro per non rischiare di eccitarsi subito. Sarebbe stato imbarazzante presentarsi alla ragazza e agli ospiti subito in stato di eccitazione. Non aveva “provato” la ragazza prima, forse sarebbe stato il caso di sondarne le capacità e la tecnica ma si fidava delle parole di Carlo. Lo rassicurò, sua figlia ci sapeva fare. Come succhiava quella ragazza sembrava una molto più esperta rispetto alla reale esperienza sessuale di Alessandra. Enrico la guardava. Era davvero bella. Ancora poco e le avrebbe fatto assaggiare il suo sperma.
Stavano arrivando gli ospiti, doveva preparare la stanza.

Alle 9 erano già tutti in cerchio, in un altro salone della casa.
Le finestre erano state oscurate con dei lunghi drappi neri e le luci spente. Enrico accese delle piccole luci poste a terra, ai quattro angoli del salone, come fossero dei piccoli fuocherelli in un bosco.
Nella semi oscurità si riuscivano a distinguere distintamente le sagome di 6 uomini, posizionati in cerchio attorno ad Alessandra.
I 6 uomini portavano una mascherina sulla faccia per non farsi riconoscere.
Alessandra sapeva che tra quegli uomini c'erano suo padre ed Enrico, mentre non conosceva l'identità degli altri 4 anche se dalla corporatura e dalle voci che aveva sentito sembravano essere tutti molto più giovani di suo papà.
Enrico invitò gli altri a tacere.
Alessandra era l'unica senza mascherina, dovevano poterla guardare negli occhi e seguire ogni riflesso di luce sul suo viso.
Lentamente Alessandra si inginocchiò, portandosi le mani dietro ai capelli per legarseli. Fece l'occhiolino ad uno dei sei maschietti.
Quello era il segnale per cominciare le danze. L'uomo mascherato si slacciò la patta dei pantaloni e si avvicinò ad Alessandra mentre gli altri 5, in cerchio, dovevano assistere alla scena.
Alessandra toccava i pantaloni dell'uomo con una mano mentre con l'altra si strusciava la camicetta all'altezza del seno. Mentre Alessandra toccava i pantaloni dell'uomo gli altri 5 iniziarono a slacciarsi i propri pantaloni e a tirar fuori gli uccelli dalle mutande.
Alessandra si voltò e vide tutti quegli enormi cazzoni che si prolungavano verso lei, aspettandola con ansia e dissimulato piacere.
Prese allora in mano il cazzo del primo uomo mascherato e iniziò a masturbarlo lentamente mentre con gli occhi cercava gli occhi dell'uomo sotto la mascherina. Quel processo erotico aveva fatto indurire ulteriormente il pene dell'uomo. Con delicatezza Alessandra introdusse il cazzo dell'uomo nella propria bocca facendolo arrivare fino in gola.
Aiutandosi con la salivazione cercava di inumidirlo e tenerlo dentro la propria boccuccia, solleticandolo con la lingua.
Leccò il cazzo tutto intorno alla cappella stando attenta a non esser troppo precipitosa nell'introdursi il pisello tra le labbra e poi fin giù sulla lingua e nella gola. Il piacere andava fatto assaporare poco a poco.
Si tolse il cazzo ancora duro dalla bocca e si avvicinò, sempre in ginocchio, ad altri due cazzi e iniziò a masturbarli con entrambe le mani. Uno dei due cazzi era quello di suo padre, lo aveva riconosciuto. Aveva ancora quel forte odore di piscio penetrante come l'ultima volta.
Fu la volta di Enrico, Alessandra lo riconobbe dal pizzetto che spuntava sotto la mascherina.
Aveva un cazzo veramente enorme e lo introdusse nella bocca della ragazza mentre ancora stava segando gli altri due uomini. Aiutandosi con la schiena, inarcandola avanti e indietro, Alessandra cercava di tenere lo stesso ritmo sia con la bocca che con le mani. Il cazzo di Enrico la stava soffocando, lui spingeva forte fino nella sua gola, senza accennare a fermarsi o a diminuire l'intensità. Più Enrico inseriva il cazzo nella bocca di Alessandra e più saliva usciva dalla boccuccia della giovane testimone di geova.
Altro che l'acqua della vita che doveva sgorgare dal nuovo mondo, quella era la vera acqua della vita di cui dissetarsi, pensava Alessandra. Le piaceva tantissimo essere li sotto, sottomessa da quegli uomini. In verità era lei, con la sua bocca, con le sue mani, con i suoi pompini a sottomettere loro. Li stava dominando inconsciamente. In quel momento, coi loro cazzi in suo possesso avrebbe potuto chiedergli qualunque cosa, qualunque desiderio le sarebbe stato esaudito. Bastava solo impegnarsi a succhiare il cazzo e farli godere. E lei si era scoperta bravissima a far godere i maschietti usando sapientemente le proprie armi di seduzione e la sua preziosissima bocca da pompinara.
Toccava agli altri due, gli ultimi due che erano rimasti in disparte. Uno dei due lo mise in bocca ad Alessandra, con la bocca che iniziava a grondare sempre più liquidi, tenendola per i capelli mentre l'altro si era inginocchiato e le aveva sollevato la gonnellina e con le mani, divaricandole le cosce stava cercando la passerina di Alessandra. Il leggero trucco che si era messo sotto gli occhi stava lentamente scivolando via per lasciare spazio a sudore, sperma e saliva.
L'uomo sopra di lei le aveva spostato le mutandine e trovato i peli stava introducendo le dita nella sua piccola figa già calda e bagnata.
Il gioco stava piacendo ad Alessandra, si stava eccitando e divertendo.
Si tolse il cazzo ancora umido dalla bocca e invitò l'uomo a toglierle le dita dalla figa.

Si alzò in piedi e come in uno striptease si levò la camicetta e il gonnellino rimanendo in mutandine e reggiseno. Era davvero così eccitante. Uno dei maschietti la prese da dietro e la obbligarono nuovamente a inginocchiarsi.
La invitarono nuovamente ad alzarsi e la aiutarono a levarsi pure il reggiseno e le mutandine.
Suo padre si avvicinò e preso il cazzo in mano cominciò a sbatterlo sulla faccia della figlia. Fu poi il turno degli altri 5, uno alla volta presero il proprio cazzo in mano per farlo annusare o sbatterlo sulle guance della ragazza. Lei lasciava fare, cercava di respirare a pieni polmoni l'odore di cazzo che le si creava addosso. Succhiava, segava, leccava le palle. Qualcuno le mise il cazzo sopra gli occhi, c'era chi si eccitava a segarsi sopra lei, chi chiedeva alla ragazza di leccargli le palle laddove il confine tra le palle e il buco del culo era molto sottile. Enrico le chiese di infilare il proprio cazzo fra le piccole tettine e si fece fare una spagnola magnifica. Le tette erano piccole ma dure, quei capezzoli duri e turgidi meritavano una spruzzatina di sborra quanto prima.

Era davvero eccitante. Le piccole tette a punta emergevano da quel tenero corpo rosato. I peli neri della figa, non troppo lunghi le conferivano un'aria regale, da principessa.
Stava per cominciare la parte più interessante.
Senza nemmeno darle il tempo di capire uno degli uomini l'aveva presa da dietro e inumidendosi l'uccello con la saliva l'aveva messo nel buchino del culo di lei che aveva iniziato a godere. Arrivò Enrico, guardandola negli occhi l'aveva baciata e mentre l'altro ospite se la inculava per bene gli aveva ficcato il suo cazzo nella figa. I due uomini la penetravano con forza, Alessandra sentiva male, soprattutto al buco del culo, non aveva hai provato la doppia penetrazione. Divisi in coppie, continuarono a penetrarla per diversi minuti, chi con più chi con meno forza. Suo padre preferiva non guardarla negli occhi e si mise a penetrarla da dietro, con sempre più veemenza.
La serata stava per terminare, Alessandra aveva il buco del culo e la figa in fiamme.
Si mise in ginocchio e cominciò a succhiare i cazzi ai 6 uomini, mentre con le mani si aiutava masturbandone altri 2 in contemporanea. Aveva trovato un metodo molto comodo ed efficace. Più succhiava e più i maschietti erano sul punto di venire.
Arrivarono al culmine della serata.
Enrico la prese da dietro, legandole le mani dietro la schiena, mentre era in ginocchio. A turno si posizionarono davanti alla sua faccia, venendole sulla bocca, tra i capelli, ricoprendole la faccia di sperma. Era tutta grondante di liquido bianco.
Enrico le entrò direttamente in bocca per venire e le esplose un fiotto caldo e violento. Non contento, avendo ancora forza le ficcò il cazzo fino in gola tenendola per la nuca, spingendola forte verso il suo uccello, facendola tossire e vomitare.
L'ultimo a venire sulla sua faccia fu Carlo.
Suo padre le prese con dolcezza la testa e indirizzò la punta del suo uccello sugli occhi di Alessandra, che istintivamente li chiuse.

Si riaccesero le luci, Alessandra era ancora inginocchiata, ricoperta di sperma, le colava da tutte le parti ma rideva insieme agli altri. Raccolse la sborra che aveva sulle tette e la leccò scatenando l'applauso dei presenti.
Si alzò e con ironica riverenza fece un inchino come quando cala il sipario a teatro.
Enrico andò ad abbracciarla complimentandosi con lei.

Sei stata bravissima - le disse guardandola dritta negli occhi.

Lei ringraziò sentitamente con un bacio mentre un altro degli ospiti allungò un asciugamano con cui si asciugò dai rimasugli di sperma rimasti ciondolanti sulla faccia.
Enrico le indicò la doccia ed Alessandra andò a lavarsi e a cambiarsi, i maschietti rivestendosi andarono a Banchettare nell'altro salone, aspettando l'ospite d'onore, la damigella Alessandra.
E fu subito festa, vino e cibo a volontà.

A fine serata Carlo e Alessandra tornarono a casa.
Ad Angela raccontarono ovviamente altro di quella serata.

CAPITOLO 7

Luglio. Il caldo asciugava persino l'aria che usciva dai ventilatori. Carlo preparava con cura lo studio della Torre di Guardia che doveva condurre la domenica successiva.
Uno studio complesso, l'argomento era di quelli più ostici : l'immoralità sessuale, come evitarla e come prevenirla.
Carlo aveva i sudori freddi, la coscienza gli rimordeva. Stava andando contro tutto e contro tutti, lo sapeva, ne era più che sicuro, la sua fine sarebbe stata imminente. Due erano le strade, ed entrambe portavano alla morte: o lo avrebbe annientato Geova o lo avrebbero annientato gli uomini.
Da diverso tempo questi pensieri gli frullavano in testa. Quello che stava facendo insieme alla figlia erano opere del Diavolo, Satana il Diavolo si era insinuato nella sua famiglia e non poteva più farlo sloggiare.
Si asciugava la testa con un fazzoletto ma i pensieri continuavano a rimanere lì fissi come un chiodo nel cervello, aveva sempre quelle immagini davanti agli occhi. Da diverse settimane lui e Alessandra partecipavano alle serate erotiche a casa di Enrico. Ogni settimana, ognuna di quelle serate erano un mattoncino in più nella casa che stavano costruendo a Sodoma e Gomorra.
Sua moglie sembrava non accorgersi di quello che le accadeva in famiglia, non aveva notato nulla di strano nel comportamento di Alessandra né nel suo, d'altronde proprio per mantenere le buone apparenze avevano continuato ad avere le consuete abitudini spirituali di sempre. L'unico a conoscere i segreti del loro peccato era Gianni ma il caro fratello Gianni era pure lui coinvolto quanto loro in questo teatrino erotico. L'ultima serata erotica a casa di Enrico aveva visto pure la partecipazione di Gianni.
In Sala nessuno dava peso alla rinnovata e sempre più stretta amicizia tra i due fratelli. Uscivano spessissimo in servizio e la cosa sembrava più che normale, Carlo era un anziano di congregazione, Gianni era desideroso da tempo di far progresso e il rapporto intimo dell'ultimo periodo serviva a rafforzare Gianni per futuri nuovi incarichi. In effetti Carlo era stato riconoscente verso l'amico fraterno. Era riuscito a convincere gli altri anziani a raccomandare Gianni come servitore di ministero, cosa che era puntualmente avvenuta la settimana prima, in occasione della visita del Sorvegliante.
Per ringraziarlo della nomina, Gianni aveva invitato Carlo a bere una birra in un locale e poco prima di ritirarsi ognuno con le proprie famiglie si erano imboscati con l'automobile in un parcheggio della zona industriale.
Carlo aveva tirato fuori il cazzo e Gianni aveva iniziato a succhiarglielo dolcemente come quando erano poco più che adolescenti.
Carlo adorava quei momenti di intimità perversa. Che meccanismo irrazionale il cuore. Da una parte recitava il ruolo da bravo pastore che amava Geova e insegnava al gregge come comportarsi, dall'altra si comportava come le inclinazioni perverse della sua mente volevano agisse.
Prima o poi l'avrebbero scoperto o si sarebbe fatto scoprire lui.
Le guance di Gianni si gonfiarono, era venuto.

Alessandra lo eccitava. Lo eccitava terribilmente. Il fato maledetto l'aveva introdotta in casa sua come figlia e questo era il guaio. Alessandra eccitava tutti i maschietti. Le serate erotiche avevano ormai preso una piega molto più intrigante da quando partecipavano lui e la figlia.
Quel suo visino angelico arrapava gli uomini e ormai la voce di questa new entry si stava facendo largo nel sottobosco perverso della cittadina.
Più la voce si spargeva e più arrivavano richieste ad Enrico per partecipare alle serate e più di una persona chiedeva informazioni dettagliate sulla ragazza.
Avevano cominciato pure a girare dei video, ma quando si filmavano facevano mettere una mascherina intorno agli occhi ad Alessandra.
L'ultima volta era stata più arrapante del solito. Enrico l'aveva fatta sodomizzare ripetutamente da un ragazzo molto dotato. Pure Gianni aveva partecipato all'incontro. Improvvisamente Carlo mentre gli altri sborravano in faccia alla figlia si era inginocchiato e aveva chiesto a Gianni di metterglielo in bocca e glielo aveva succhiato fino a farsi esplodere la bocca di sperma. Poi si era girato verso la figlia e aveva rigurgitato lo sperma di Gianni nella sua bocca.

Alessandra amava terribilmente questa nuova vita segreta che conduceva insieme al padre. La cosa divertente era fingere santità in compagnia degli altri fratelli.
In servizio era sempre preparata e attenta, dispensava scritture incoraggianti a destra e a manca.
Ogni tanto aveva il timore di incrociare qualcuno dei maschietti presenti alle serate erotiche ma sapeva bene che anche se l'avessero riconosciuta avrebbero mantenuto un religioso silenzio.
Nessuno aveva interesse a farla scoprire dalla sua comunità. La presenza sua e di suo padre avevano ravvivato la sessualità di molti uomini della zona. E a dir di molti le sue capacità nel fare pompini di alto livello era superiore a quella delle ragazze in teoria più disinibite.

Il motto ormai era diventato: ci vuole una testimone di Geova per imparare a far bene i pompini.
E come lo prendeva in bocca lei lo prendevano in poche. Non aveva più inibizioni o paure, non provava né schifo né vergogna. Questo piaceva un sacco agli uomini. Esaudiva qualunque richiesta le facessero, come fosse una continuazione perversa della sua vita da brava cristiana alla luce del sole.
Se un uomo voleva pisciarle in bocca lasciava che lo facesse, apriva la boccuccia e si lasciava orinare dentro. Enrico era il più perverso di tutti. Gli piaceva vedere Alessandra bere sperma da un calice. Faceva in modo che un po' della sborra prodotta nelle serate finisse in questo calice e lo dava da bere ad Alessandra che trangugiava tutto senza remore o esitazioni.
In alcune serate era stata presa pure a cinghiate , c'era chi si eccitava nel vederla legata, addirittura c'era chi si masturbava vedendola in veste da testimone di geova che predicava, occhialini sul naso e bibbia aperta. Queste piccole recite in costume erano una trovata di suo padre per rendere più intriganti le serate. Anche a lui serviva eccitarsi dato che con la moglie la vita sessuale era diventata una estrema monotonia.
Ormai molti sapevano della loro appartenenza ai testimoni di geova e giocavano alla predicatrice che suonava alla loro porta per lasciare una rivista e che poi si faceva scopare.
Enrico voleva raggiungere l'apice della perversione. Faceva scopare Carlo e sua figlia mentre erano tutti intorno in cerchio a guardare. Pretendeva che Carlo eiaculasse nella figa della figlia e non come gli altri che per regola dovevano sborrare sulla faccia o su altre parti del corpo della giovane.
Quando c'era pure Gianni le serate prendevano una piega diversa. Carlo voleva scopare col suo amico e gli altri maschi lo permettevano.
Carlo e Gianni uscivano spesso in servizio anche per parlare della loro vita sessuale segreta. Senza che nessuno se ne accorgesse si baciavano pure davanti a un citofono o salendo in ascensore.
Un pomeriggio di unì pure Alessandra in servizio.
Dopo la comitiva erano rimasti in dispari e il fratello che conduceva l'adunanza per il servizio di campo la mandò col padre e Gianni in servizio.
Avevano da fare un territorio rurale, da raggiungere in automobile, una piccola serie di cascine disperse nella campagna.
Il caldo era insopportabile.
Dopo la prima serie di cascine avevano lasciato diversi volantini e avuto interessanti conversazioni.
Stavano tornando all'automobile, la campagna era deserta e silenziosa. Si sentivano solo i grilli e lo scorrere delle acque di un canale a poche decine di metri.
Carlo e Gianni si erano tolti la cravatta dal caldo, non si poteva respirare. Solo Alessandra non aveva nulla da togliersi e soffriva.
Arrivati all'automobile Carlo fece cenno a Gianni di fermarsi un attimo. Si voltò verso Alessandra e disse:

Ti va?

Alessandra non se lo fece chiedere due volte, ormai se c'erano da fare porcherie non se lo faceva ripetere.
Il suo sguardo accaldato dal sole divenne improvvisamente fresco come una rosa. Corse verso i due uomini inginocchiandosi, lasciando cadere a terra la borsa del servizio. Slacciò in un attimo le cinghie dei pantaloni e tirò voracemente fuori i cazzi di tutti e due iniziando a menarli a folle velocità. Le sue mani tenevano un ritmo invidiabile, divennero subito diritti e duri come il marmo. Ci sputò sopra per renderli belli umidi e li prese in bocca entrambi. Carlo e Gianni erano già al settimo cielo.

Scopatemi. Disse lei.

I due uomini non se lo fecero ripetere, chi poteva resistere a cotanto invito di una puledra ventenne in calore come lei.
Gianni le sollevava la gonna dal davanti e con le sue grosse mani le tirava via le mutandine.
Carlo si era messo dietro alla figlia e col cazzo ancora umido della saliva di lei era pronto a scoparsela. Con le dita stava cercando il bel buco del culo di Alessandra per infilarci l'uccello.
E il culo di Alessandra era uno spettacolo per gli occhi, così tondo, così morbido, così fresco. Gli entrava con così tanta forza in quel buco del culo da farla gridare. Ma li poteva gridare quanto le pareva, non dovevano vergognarsi, nessuno poteva vederli o sentirli.
Gianni stava facendo lo stesso, con prepotenza le aveva infilato il pisello nella figa e nell'umidità di quella bella foresta di carne rossa e infuocata stava sbattendo il suo arnese con una violenza tale che aveva paura di distruggerla. Alessandra non era fatta di porcellana ma di pietra dura e preziosa e resisteva a quella possente doppia penetrazione.
Alla fine arrivò l'orgasmo per tutti e tre, sia Gianni che Carlo sentirono il loro liquido fuoriuscire. Carlo aveva completamente bagnato il culo della figlia mentre Gianni era venuto dentro la sua figa e lei soddisfatta sorrideva maliziosa.
Si rivestirono e tornarono in paese, soddisfatti del pomeriggio di predicazione.

CAPITOLO 8

Marianna aspettava fuori dalla saletta anziani. Era agitata, sapeva che da quella sera, dall'esito del comitato giudiziario sarebbe cambiata la sua vita. La sua e quella di Marco.
Li avevano beccati ed erano andati a riferire agli anziani quel che avevano combinato. Comitato giudiziario per grave immoralità sessuale, per direttissima. Quando avevano avvisato suo padre egli era sbiancato. Sua figlia coinvolta in un comitato. Essendo coinvolti due figli di anziani, i 2 genitori coinvolti era meglio non partecipassero al comitato.
Gli anziani erano dentro con marco già da una ventina di minuti. Marianna era tesissima, chissà cosa stava confessando Marco della loro relazione. Le spaventava dover raccontare ai tre anziani quel che avevano fatto, nel dettaglio, li da sola, senza qualcuno che potesse aiutarla o sostenerla.

Daniele, Sebastiano e Carlo stavano analizzando la posizione di Marco.
Gli avevano chiesto cos'era successo e da quanto tempo andava avanti questa storia con Marianna.
Marco era calmo , nonostante la tensione del momento riusciva a mantenere la tranquillità necessaria per non farsi prendere dallo sconforto.
Era figlio di un anziano, sapeva bene come finivano i comitati giudiziari, sapeva pure che il peccato commesso era grave e la disassociazione poteva essere applicata nei loro confronti. Era però consapevole di avere un asso nella manica da giocarsi, ad essere coinvolti nel caso erano due figli di anziani, sapeva bene che gli altri anziani avrebbero creato enormi problemi al Corpo anziani se avessero disassociato due figli dei loro. Uno scandalo all'interno del Corpo era un grosso boomerang. Per vendetta il padre di Marco avrebbe potuto rivelare tutti quei segreti della congregazione dell'organizzazione che venivano conservati gelosamente dai corpi anziani di tutto il mondo.
Era pericoloso per quei tre anziani agire contro Marco e Marianna. Il padre di Marco era un anziano molto influente nella comunità, aveva molti contatti coi vertici italiani e aveva in mano tanta di quella documentazione compromettente che era meglio andarci cauti. Se avessero punito Marco, probabilmente avrebbe fatto uscire la documentazione, l'avrebbe consegnata alle forze dell'ordine o ai mass media. Sarebbe stata la fine dei testimoni di geova. Altro che “armagheddon”, qui l'unica cosa che poteva far paura erano le conseguenze di un'indagine della magistratura o di un reportage giornalistico.
Già gli anziani era agitati per gli enormi scandali sessuali che stavano convolgendo l'organizzazione in Australia.
Le autorità avevano trovato le prove che inchiodavano i testimoni di geova al fatto compiuto: per anni avevano tenuto nascosto alle autorità la presenza di un migliaio di pedofili tra le file della comunità. La cosa grave è che molti di questi fratelli, accusati di pedofilia ricoprivano anche ruoli di un certo rilievo nelle congregazioni. A macchia d'olio lo scandalo si era allargato a tantissimi paesi nel mondo. Il vaso di pandora si era aperto e stavano uscendo tutte le schifezze fatte negli anni da questa organizzazione. Da ogni parte del mondo piovevano richieste di risarcimenti per le vittime di abusi sessuali, le casse dell'organizzazione e delle singole congregazioni si stava prosciugando a vista d'occhio. In più le persone capito “il giro del fumo” cercavano di abbandonare le comunità di testimoni di geova perché si rendevano conto fosse tutta una grossa truffa, i testimoni di geova non erano altro che una setta che sfruttava le persone e cercava di accumulare capitali e risorse per far vivere nel lusso i “capoccia” che vivevano negli States.
Se poi ci si metteva dentro i gossip e le ingiustizie subite a livello locale dai singoli proclamatori lo scenario generale era di una grossa fase calante del credo.
Nella congregazione di Marco e Marianna i segni della crescente delusione nel credo dei TdG era sempre più evidente. Molti fratelli e molte sorelle avevano pian piano abbandonato la congregazione. Alcuni scandali interni edi alcune congregazioni vicine avevano minato la credibilità del corpo anziani e in generale verso la categoria dei “pastori” in cui poche persone ormai credevano veramente.
Tradimenti di nominati ( anziani ) coperti, persone che non avevano possibilità di difendersi venivano umiliate e mobbizzate e spaventate di continuo con la minaccia di discipline e ritorsioni, mentre a chi aveva amicizie o incarichi importanti veniva concesso di tutto. C'erano fratelli che erano stati disassociati perchè per paura si erano fatti fare una trasfusione di sangue mentre era risaputo gli anziani e i loro familiari potevano tranquillamente scegliere di salvarsi la vita accettando trasfusioni.
I fratelli avevano capito la vera natura degli Anziani, ovvero degli impostori arrivisti e non delle persone scelte da geova per guidare “il popolo” verso il nuovo mondo. Era prassi che alcuni “anziani” chiedessero a servitori di ministero in odore di “nomina” ad anziano un piccolo regalo in denaro per agevolare la richiesta di intercessione presso geova.
Chi rimaneva nell'organizzazione era solo perché al di fuori non c'erano più possibilità di rifarsi una vita normale, la paura di venire ostracizzati e isolati rendeva le persone vulnerabili e chi non aveva il coraggio di uscire da questa organizzazione era costretto a recitare la parte del “bravo e zelante testimone di geova” mentre nel privato odiava a morte questa comunità.
Carlo era agitato. Quando aveva saputo di questo comitato giudiziario si era sentito improvvisamente sporco. Lui era chiamato a giudicare la condotta peccaminosa di quei due ragazzi, quando nella sua vita privata commetteva di peggio. Incesto, adulterio, rapporti omosessuali. Un porco completo.
Carlo insieme a Daniele e Sebastiano erano li a chiedere spiegazioni a Marco.
Prese la parola Sebastiano, che dei tre anziani era il più vecchio, sulla settantina.

Raccontaci quello che è successo Marco.
Cosa volete che vi racconti? Sapete già tutto...
Vogliamo i particolari Marco, vogliamo sapere come aiutarti, ma ci servono i dettagli.
I dettagli? Volete sapere quanti centimetri di cazzo ho infilato in bocca a Marianna o con che foga le ho messo il mio uccello in culo? Questo vuoi? Vi basti sapere quel che vi hanno detto i fratelli che hanno fatto la spia. Ci hanno beccato che scopavamo. Il resto son cose nostre.

Gli anziani rimasero allibiti, non si aspettavano quelle risposte da uno posato e spirituale come Marco. Carlo rispetto agli altri due si sentiva in imbarazzo. Aveva avvisato Alessandra del guaio occorso a Marianna e Marco e le aveva chiesto come doveva comportarsi, da padre, da anziano, da uomo che scopava la figlia in compagnia di altri uomini. Alessandra e Marianna erano molto amiche ultimamente, c'era pure il rischio che sua figlia le avesse confidato qualcosa dei loro innominabili segreti. Alessandra era una ragazza furba, sapeva come stare al mondo, Carlo se ne era accorto a sue spese. Il video di lui che scopava con Gianni era ancora conservato nel telefonino della figlia.
Daniele era il più giovane del Corpo anziani, nominato da pochi mesi, aveva una mente più aperta di altri pastori ma il peccato era peccato e non potevano passarci sopra.

Senti Marco, capiamo il tuo imbarazzo, ma devi farci fare il nostro lavoro. A noi serve capire come mai un giovane brillante come te, servitore di ministero, sia caduto in bassezze e sconcezze simili. Per rispetto verso tuo padre non agiremo nel modo più drastico. Vogliamo proteggere l'onore e la rispettabilità di questo corpo anziani. Sentiremo Marianna perché è giusto ascoltare la sua versione, tu puoi andare a casa. Ti rassicuro, la tua posizione non la toccheremo, non verrai disassociato e non perderai la nomina di servitore.
Grazie fratello Daniele.
Ti ricordo che la nostra benignità nei vostri riguardi è solo perché siete figli di due anziani. Quello che avete combinato è da disassociazione. Quello che vogliamo evitare è uno scandalo che getterebbe nel caos la nostra congregazione. Tuo padre punta molto su di te Marco e anche noi abbiamo fiducia che tu col tempo possa diventare una colonna di questa congregazione. Tuo padre ci ha chiesto di non umiliarti stasera, in cambio della nostra clemenza tu sarai chiamato a difendere i valori di questa organizzazione quando un giorno ti nomineremo anziano di congregazione. Marco è come se stringessimo un patto d'onore qui stasera con te. Un patto d'onore che non dovrà mai venir meno. Ricordati che siamo tutti legati con una sola catena a geova e all'organizzazione. Se uno di noi cade fa cadere pure gli altri. Compileremo un rapporto confidenziale su quel che è accaduto tra te e Marianna e lo metteremo sui server dell'organizzazione. Ricordati bene queste parole Marco: Se d'ora in avanti sgarrerai saremo sempre pronti a ricordarti quello che hai combinato e che ti è stato condonato. Se tu un giorno dovessi rivoltarti contro l'organizzazione, questi files verranno tirati fuori e ti distruggeremo la carriera teocratica. Ora vai a casa e rifletti sul tuo comportamento.

Era il turno di Marianna. Marco se ne era andato via pensieroso, a testa bassa.
Quello che aveva detto il fratello Daniele suonava più come una minaccia mafiosa che come una manifestazione di perdono da parte di geova.
Marianna aveva appena mandato un messaggio ad Alessandra, le chiese se poteva venire in sala a confortarla dopo il comitato. Aveva paura di venir disassociata nonostante fossa figlia di un anziano di congregazione.

Venne chiamata in saletta, era tesa ed imbarazzata. Gli anziani le esposero le accuse contestate, le spiegarono come altri fratelli avevano visto lei e Marco in atteggiamenti intimi di natura sessuale.
Prese la parola Sebastiano.

Vogliamo sapere tutto Marianna. Tutto.
Io mi vergogno fratello Sebastiano...
Dobbiamo aiutarti. Raccontaci ogni dettaglio. Cosa avete fatto?

Marianna era tutta rossa in viso, sentiva le vampate di calore scorrerle nel corpo, era imbarazzata, quei tre uomini volevano che lei raccontasse tutti quei sordidi dettagli della sua vita sessuale con Marco. Era così umiliante per una ragazza dover star li a raccontare a tre uomini più grandi di lei quel che aveva fatto. Era come subire un processo senza poter aver nemmeno un avvocato difensore o qualcuno che potesse difenderla o sostenerla. Si sentiva violentata nella sua intimità di donna, di ragazza. Il suo corpo era suo, le sue emozioni, le sue sensazioni erano sue, personali. Non potevano esser date in pasto ad altre persone.

Marianna stiamo aspettando. Parla per favore. Avete praticato sesso anale? Orale? Penetrazione vaginale? Dobbiamo sapere.

Marianna non sapeva cosa rispondere. Prese una decisione in testa che le avrebbe cambiato la vita e causato ulteriori problemi, se la cosa fosse andata male.

Senti brutto porco bavoso.

Disse Marianna rivolgendosi a Sebastiano.

Vuoi i dettagli di come abbiamo scopato per masturbarti meglio? Lo so che sei un porco. Lo vedo come mi fissi le tette in sala. Non sono cieca.

Gli anziani sobbalzarono dalla sedia ma per quanto sbigottiti non poterono replicare alla violenza verbale delle parole di Marianna.

Volete sapere se scopo? Si scopo da dio se vi interessa e non sono la sola. A tutti i giovani testimoni di geova piace scopare. Tutti lo facciamo di nascosto, tutti abbiamo una vita segreta. Una “doppia vita” come la chiamiamo con ipocrisia in sala e nelle riviste. Come tutti quelli che dicono di essere santi e rispettare le disposizioni divine sull'uso errato del sangue e poi vanno a curarsi a centinaia di chilometri di distanza per potersi far fare una trasfusione senza occhi indiscreti.

Gli occhi di Marianna incontrarono quelli di Carlo per un istante e a Carlo sembrò di esser tirato in causa pure lui, da giudice a imputato. I due anziani si accorsero dell'occhiata lanciata da Marianna a Carlo ma non sapevano a cosa si riferisse la ragazza, se alla questione del sangue o a qualcosa di natura sessuale. Marianna continuava con impeto rivolgendosi ai tre anziani.

Io scopo. E scopo perché ne ho voglia, quando ne ho voglia e con chi ho voglia. E fratello Sebastiano, vuoi sapere se faccio quelle cose? Certo, ma chiamiamole col loro vero nome. Vatti pure a masturbare perché io si lo prendo in culo, mi faccio sfondare il mio bel culetto col cazzo di Marco, gli succhio il cazzo, pompini si chiamano, pompini. E siccome mi piace mi faccio sborrare in faccia, in bocca, sulle tette. Sono una vogliosa, io la sborra amo ingoiarla. E quando Marco mi infila le dita, o la lingua o il cazzo nella figa mi sento una donna vera. Ora vi darò dimostrazione di quel che so fare.

Nessuno osava contraddirla. Si mise sul tavolo, in ginocchio, in modo che potessero guardarla. I tre anziani erano impietriti.
Iniziò a slacciarsi i bottoni della camicetta e la lasciò cadere sulle bibbie che tenevano sul tavolo. Sotto non portava neanche il reggiseno, era lì nuda, con due bei seni a punta sotto il naso di quei tre uomini. Si avvicinò carponi ai tre uomini, che non nascondevano affatto l'eccitazione del momento e con fare malandrino si strinse forte le tette tra le mani, mettendole proprio sotto gli occhi di Sebastiano, e lo obbligò a leccare i capezzoli. Si spostò poi di fronte a Carlo, sempre gattonando sul tavolo e mettendosi un dito in bocca simulava una fellatio.
Scivolò dal tavolo lesta e birichina, andò a posizionarsi sotto al tavolo e istintivamente i tre uomini divaricarono le gambe. La lasciarono fare. Ad uno ad uno slacciò i pantaloni dei tre anziani e tirò fuori i loro cazzi, diventati rigidi come il marmo e iniziò a succhiare con foga e determinazione. La sua saliva copriva i membri duri dei tre uomini, mentre con le mani masturbava i due cazzi che non teneva in bocca. Fece provare ai tre cosa significasse il termine gola profonda. Più si ficcava i loro uccelli in gola e più i tre si trasformavano in porcellini.

Nel frattempo Alessandra era arrivata in sala ma l'amica doveva essere ancora dentro la saletta, il resto dell'edificio era deserto, con le luci spente.
Non sentiva alcun vociare ma solo un soffocato ansimare provenire dalla porta chiusa della saletta. Provò a sbirciare dalla toppa della serratura e vide una scena incredibile.
Il comitato giudiziario che doveva trasformare e giudicare Marianna da una peccatrice a sorella pentita dei suoi errori si era tramutato in una gang bang. In sala del regno. Sotto gli occhi disgustati di Geova.
Entrò pure lei, aprì la porta di scatto e si gettò nella mischia, tanto valeva divertirsi.
Marianna era a terra, inginocchiata, completamente nuda. Teneva in mano i cazzi di Daniele e Sebastiano mentre Carlo le ficcava il suo uccello in bocca.
Carlo incontrò gli occhi di Alessandra che correva nella mischia e ne fu felice. Anche quella sera si sarebbe incontrato carnalmente con lei. Nell'estasi generale Daniele e Sebastiano non ebbero modo di opporsi. Il vecchio Sebastiano sembrava ringiovanire, Daniele provava un gran gusto a scopare quella giovane attraente ragazza.
Alessandra, senza spogliarsi si unì all'amica. Prese in bocca il cazzo di Daniele mentre Marianna spompinava suo padre. Entrambe poi con le mani segavano Sebastiano il quale dalla troppa eccitazione era venuto sulle loro mani.
Carlo continuava a infilare il suo uccello con forza nella bocca di Marianna finché venne. La sborra calda colava dai lati della bocca della ragazza.
Alessandra continuò per qualche secondo il lavoro di bocca che aveva cominciato su Daniele ma anche lui non riuscì a trattenere la venuta e una doccia di sborra calda arrivò nella gola di Ale.
I tre uomini ansimavano ed erano visibilmente soddisfatti. Alessandra voleva divertirsi ancora e vedendo l'amica nuda iniziò a succhiare i suoi capezzoli turgidi, spostò poi l'attenzione sulla passerina di Marianna e le mise la lingua nella figa, solleticandola di piacere. La sborra calda colava ancora dai cazzi di Carlo e Daniele. Alessandra e Marianna si avventarono sullo sperma e lo leccarono tutto, passandosslo sui denti, in modo che i tre potessero osservare cosa facevano, poi con la lingua e la bocca ancora zuppe di sborra e saliva iniziarono a slinguazzarsi sotto gli occhi increduli dei tre anziani.
Marianna si inginocchiò e tirò su la gonnellina di Alessandra, le sfilò le mutandine bagnate e davanti agli occhi dei tre anziani aveva cominciato a leccarle la figa, mentre Alessandra dal piacere ansimava. Con una mano teneva la testa di Marianna in posizione, con l'altra si toccava le tette e maliziosamente invitò con lo sguardo i tre ad avvicinarsi. Suo padre ancora eccitato non riuscì a resistere e andò dietro la figlia mentre Marianna stava ancora leccandole la fighetta. Col cazzo ancora duro e umido cercò il buco del culo di Alessandra e iniziò a penetrarla con furore. Più lo spingeva a fondo nel culo della figlia e più Alessandra aveva fremiti di gioia e godimento, istintivamente spingeva sempre più a fondo la testa di Marianna sulla sua figa, con la lingua di lei che arrivava a toccarle ogni singolo nervo del corpo. Era un fluire di liquidi, silenzi e orgasmi.
Sebastiano era troppo vecchio per continuare e si sedette sulla sedia, masturbandosi come ai vecchi tempi. Per pulirsi la mano dallo sperma prese la bibbia e ne strappò alcune pagine.
Daniele era ancora bello duro e carico, si era buttato pure lui sulla figa di Alessandra, leccandola avidamente insieme a Marianna. Prese poi la bocca di Marianna, ancora sporca di sperma e umori vaginali e ficcó la sua lingua pure tra i denti della ragazza.
Si alzò Daniele e mentre Carlo continuava a sodomizzare la figlia e a insozzarle il culo di sperma infilò il suo uccello ancora duro nella figa calda di Alessandra fino a che dalla stanchezza e dalla fatica per i troppi orgasmi caddero tutti a terra stremati.
Quel comitato giudiziario era proprio uscito dagli schemi.
Marianna e Alessandra si guardarono da vere porcelline, si alzarono tutte scompigliate e guardarono negli occhi i tre maschietti.
Pronunciarono una sola unica frase ad effetto: BENVENUTI A SODOMA E GOMORRA.

CAPITOLO 9

Alessandra si era svegliata anche quella mattina con una gran voglia e necessità di cazzo. Si rendeva conto di non poterne più fare a meno. Era il suo pensiero fisso quotidiano. Da mesi andava avanti la perversa relazione con suo padre, le piaceva poter dominare a proprio piacimento le emozioni e le pulsazioni di quell'uomo più grande di lei.
Le piaceva sentire il suo enorme uccello sfondare ogni buco del corpo.
Si era svegliata con la voglia di cazzo e sperma. Ne aveva bisogno, aveva bisogno di quel liquido caldo giù per la gola sin dalla prima colazione.

Ormai per lei sborra e caffè avevano lo stesso benefico sul fisico. Da quando si faceva venire copiosamente sul viso le erano pure spariti gli ultimi residui brufoli adolescenziali.
Era sempre più femmina nel corpo e nella mente, il suo attuale animo perverso aveva preso il sopravvento sulla brava ragazza che era un tempo. Se agli inizi l'odore e il sapore del liquido maschile ogni tanto le faceva senso, ora lo sperma rappresentava per lei un gustoso nettare da assaporare come fosse del prelibato e raffinato cibo costoso.
Le piaceva sentire i maschi venire nella sua boccuccia non più santa, le piaceva quando colando dalle labbra, lo sperma le scendeva fin giù nel collo e tra le tette. Ed era bello vedersi lo schizzo di sborra arrivarle in faccia e coprirle ogni angolo della testa, dei capelli. Voleva berne sempre più, quando non lo aveva le mancava. Avrebbe voluto attaccarsi al cazzo di ogni uomo come si fa alle fontanelle e dissetarsi di sborra fino a sazietà.
Era la domenica dedicata all'assemblea.
Sua madre stava preparandosi in bagno, agghindata come un albero di natale, più che una donna elegante e raffinata sembrava una vecchia bagascia sulla via del tramonto che aspettava l'ultimo cliente in qualche sperduta statale di campagna.
Carlo era in cucina, come al suo solito preparava la colazione per l'intera famiglia. Per lui era una giornata speciale, dopo molti anni come anziano era riuscito finalmente ad avere una parte per l'assemblea e quella domenica era il grande giorno. Merito soprattutto di quella busta coi soldini che aveva dato al Sorvegliante per essere scelto per quel ruolo di prestigio. Il discorso del battesimo tra i testimoni di geova è uno dei più ambiti tra gli anziani, mezz'ora di palcoscenico garantito.
Alessandra era contenta per le soddisfazioni del padre. Lo vedeva sereno e questo garantiva serenità pure a lei. Entrò in cucina vestita solo della camicia da notte e lanciò un'occhiata maliziosa a Carlo che stava bevendo il caffè al tavolo.
Alessandra si avvicinò al padre e gli diede un bel bacio sulla bocca, tanto sua madre non poteva vederli.

Ho voglia di succhiartelo ...- sussurrò lei.
Cazzo Alessandra, fra due ore dobbiamo essere in sala assemblee... Vuoi rovinarmi la concentrazione, devo anche fare il discorso? Non riuscirei a farlo se mi spompini...

Col padre ancora seduto, Alessandra si sollevò leggermente la camicetta da notte, non aveva le mutandine, un sottilissimo giardino di peli neri era lì in bella vista.
Prese la mano del padre e se la mise proprio sulla figa, massaggiandola con malizia, tenendola stretta stretta ai suoi preziosi buchini.
Carlo era eccitato, infilò un dito nella figa della figlia e cominciò a masturbarla a movimenti regolari mentre Alessandra tratteneva l'eccitazione ansimando in silenzio. Si mise l'indice in bocca e tenendolo tra le sue labbra cominciò a leccarlo simulando un pompino.

Alle 8 in punto arrivarono in sala assemblee, suo padre dopo aver parcheggiato l'automobile andò a parlare con gli altri anziani mentre Alessandra e sua madre cercavano tre posti per sedersi nel grande uditorio.
Mancavano pochi minuti all'inizio dell'assemblea, la grande sala era invasa dalle note dei cantici che introducevano l'inizio della sessione mattutina, a breve ci sarebbe stata la preghiera iniziale. Alessandra era di turno ai bagni dei maschi quella mattina, insieme ad altre sorelle.
Mentre la nel grande uditorio parlavano di Armageddon e nuovo mondo lei era confinata nei cessi a pulire il piscio dei fratelli.
Mancava poco alla preghiera, il cantico era appena finito, dal grande uditorio iniziava a serpeggiare un timoroso silenzio di rispetto.
Fu un lampo per Alessandra. Suo padre era entrato in bagno, era talmente agitato ed emozionato per il discorso del battesimo che avrebbe dovuto fare alle 11e30 che sentiva continuamente di dover andare a pisciare.
Le sorelle erano già in posizione "preghiera", a testa china, poco fuori dal bagno, Alessandra era rimasta dentro, ancora con i guantini in lattice sulle mani.
Non era molto rispettoso verso Dio pisciare durante la preghiera ma Carlo aveva il cazzo in fiamme e doveva svuotarsi.
Incrociò lo sguardo della figlia, lei chinava la testa e ascoltava la preghiera diffusa dagli altoparlanti, lui entrava di fretta in uno dei bagni per poter pisciare.
Un lampo perverso illuminò gli occhietti di Alessandra. Il padre dalla fretta non aveva chiuso la porticina, ci si infilò dentro, lui rimase sorpreso, aveva il cazzo appena fuori dalla patta dei pantaloni.
Alessandra chiuse la porticina con il lucchetto, in due ci si stava comunque comodi in quei bagni, si inginocchiò e ancora con su i guantini iniziò a toccare il cazzo di suo padre.

Pisciami in bocca

Carlo era sorpreso e allibito dalla sfrontata perversione della figlia ma non se lo lasciò ripetere due volte.
Alessandra aveva aperto completamente la bocca e allungato l'intera lingua fuori dalle labbra, aspettando il getto di piscia.
Carlo prese in mano il cazzo e liberò un'enorme quantitativo di piscia nella bocca di Alessandra che soffocando il naturale istinto a vomitare ingoiò quel caldo liquido giallognolo in un momento.
Carlo era eccitatissimo, se li avessero beccati altro che disassociati, sai che scandalo veniva fuori.
E a tre metri da quel cesso incestuoso c'erano le sorelle del reparto pulizia bagni che li avrebbero scoperti.
Si sentì un convinto AMEN provenire dall uditorio, la preghiera era terminata, stava per essere presentato il primo oratore. Carlo era troppo eccitato , la figlia era ancora inginocchiata e lo guardava maliziosa, con la bocca che puzzava di piscio e le guance sporcare da qualche goccia impertinente che era schizzata via dalla sua lingua.
Sempre con il cazzo ancora duro in mano Carlo iniziò a masturbarsi freneticamente sulla faccia di Alessandra, che teneva gli occhi aperti per gustarsi la perversa scena a cui stava partecipando. Carlo le disse sottovoce di ingoiare la sborra che sarebbe uscita di lì a poco, voleva vedere la figlia raccogliere ogni sua goccia sulle labbra, sulla lingua, tra i denti, fin giù nella gola . Prese la testa della figlia tra le mani, stringendole forte i capelli e avvicinandola sempre più al suo uccello, poi puntò senza paura il cazzo dritto nella bocca della figlia e le venne in gola, liberandosi di un sacco di sperma caldo e appiccicoso.
Alessandra aveva ingoiato tutto con soddisfazione, la schiuma bianca rimasta le colava dai lati della bocca, ed era tutta spettinata.
La sua bella figlia ventenne era lì, inginocchiata, con la bocca che sapeva della sua piscia e della sua sborra. Li nel cesso della sala assemblee...

Il toc toc sulla porta si fermò prima che Alessandra e suo padre potessero essere scoperti. Erano in religioso silenzio, è il caso di dirlo.
Alessandra era ancora inginocchiata, il viso leggermente sporco di sborra e piscio. Suo padre non era riuscito a indirizzare tutto il getto liquido della sua sborra nella bocca e alcuni schizzi le erano arrivati in faccia, qualcuno addirittura nella casta e appena accennata scollatura della camicetta. Entrambi trattenevano il respiro, il rischio di essere scoperti era troppo alto e i guai che ne sarebbero conseguiti non avrebbero mai avuto fine.
Il cazzo di Carlo ciondolava verso il basso attratto dalla forza di gravità.
Cessarono i toc toc sulla porta e d'improvviso non si sentirono più nemmeno delle voci parlottare in lontananza.

Sembrava che nessuno avesse fatto veramente caso a Carlo che entrava in bagno, le sorelle erano assorte nella preghiera, il bagno dei maschi era incredibilmente vuoto. Dovevano correre il rischio e uscire da quella scomoda situazione.
Carlo si sistemò i pantaloni, controllando non ci fossero compromettenti schizzi di piscia o sperma, poi aprì lentamente la porticina e scivolò fuori con passo felpato. Uscì dalla porta principale del bagno e nessuno lo vide, le sorelle del reparto pulizie addette al bagno degli uomini si erano allontanate dalla postazione per andare a prendere dei detergenti e la strada era libera, Carlo ne approfittò quindi per allontanarsi alla svelta senza dare nell'occhio. Alessandra uscì pure lei dalla porticina del bagno e andò subito a lavarsi la faccia nel lavandino. Si guardò soddisfatta allo specchio. L'alito le puzzava ancora di piscio e di sborra, per fortuna aveva sempre con sé delle mentine, come le aveva suggerito un'amica e poté mascherare l'odore compromettente che usciva dalla sua bocca.
Più si guardava allo specchio e più provava un senso di folle soddisfazione nella sua perversa condotta sessuale.
Un pompino a suo padre era già di per sé una cosa inaudita, farlo poi nei bagni della sala assemblee con un migliaio di persone intorno e durante la preghiera iniziale era un atto di per sé eroico oltre che di grande impatto erotico. Decise di aspettare le sorelle del reparto pulizie davanti all ingresso, nessuna aveva probabilmente fatto caso alla sua temporanea assenza.
Aveva ancora un po' dello sperma del padre tra i denti, il sapore sembrava non andar mai via. Si passò le dita sulle gengive, leccò il rimasuglio di sborra che aveva sulle unghie e passandosi la lingua in bocca controllava non ci fosse altro liquido seminale nel suo cavo orale.
Da quando poi il padre aveva seguito il suo consiglio di mangiare ananas più spesso, lo sperma aveva guadagnato un sapore molto più delizioso e non aspro come agli inizi. D'altronde sua madre era una donna fredda e bigotta, non succhiava mai il cazzo al marito, riteneva non fosse onorevole per una testimone di geova utilizzare il membro maschile come oggetto da infilare in bocca. Nessuna Tdg formalmente faceva pompini, tutte la schifavano come pratica, era immorale e andava contro i principi di Dio. Poi nel privato, tolte le vesti bigotte da usare in pubblico chissà come da brave pioniere regolari si trasformavano in esperte e lussuriose succhiacazzi.
Sua madre no, era troppo legata a mantenere la sua rigida immagine anche in famiglia, per questo suo padre aveva cominciato a cercare il divertimento sessuale altrove, prima con il dejavu omosessuale con Gianni e poi con la figlia e
la sua migliore amica, Marianna.

Carlo era tornato a sedersi al proprio posto a fianco della moglie, nel centro della grande sala assemblee.
Angela lo vide leggermente agitato ma pensava fosse l'emozione per il discorso del battesimo che avrebbe dovuto tenere da lì ad un paio d'ore, non poteva immaginare che si era fatto ciucciare il pisello durante la preghiera iniziale, dalla propria figlia ventenne nei cesso della sala assemblee.

Erano ormai le 11e15, Carlo aspettava il proprio turno nello spazio dietro al podio, dove un team di sorelle sistemavano le acconciature dei fratelli che salissero sul podio.
Tra le ragazze incaricate a sistemare il look dei fratelli c'era pure Marianna. Vide il suo anziano visibilmente agitato, era emozionato più del dovuto, una cosa era fare i discorsi della domenica in sala, dove al massimo c'erano 80 persone, un'altra cosa era trovarsi più di 1000 persone ad ascoltarti e ad osservarti per mezz'ora mentre pronunciavi il discorso più importante dell'intero programma di quel weekend.

Marianna conosceva Carlo da una vita, era stata spesso a casa di Alessandra, erano amiche, coetanee, complici di quei giochi perversi che da tempo avevano reso molto più intrigante la congregazione. Marianna e Carlo avevano pure condiviso quella gratificante esperienza sessuale durante il comitato giudiziario della stessa Marianna, comitato che era degenerato in una complessa e perversa orgia in cui tre anziani e due ragazzine avevano fatto sesso sfrenato nella saletta anziani della sala del regno.

Mancavano dieci minuti prima del suo ingresso in scena. Carlo camminava su e giù per il piccolo corridoio dell'antipodio. Alcuni fratelli commentavano i discorsi precedenti, annoiati, in un angolo del corridoio.
Marianna si avvicinò a Carlo per sistemare il nodo alla cravatta. Avvicinandosi al padre dell'amica vide tutta l'agitazione sul collo sudato dell'uomo. Aveva veramente un buon profumo la ragazza, averla così vicino proiettava Carlo verso stimoli diversi da quelli a cui era chiamato a pronunciare dal podio davanti a un migliaio di persone. Marianna aveva un corpo sensuale, un corpo sodo e morbido allo stesso tempo. I capelli lunghi cadevano delicati sulle spalle, si intravedevano appena la pelle del collo e la dolce e comoda insenatura che portava dritta dritta allo spazio tra le due belle tettine della ragazza.
E Marianna era veramente un pezzo di figa da prima pagina, un po' come la figlia. Aveva veramente due belle tette da ragazza di 20anni. Assomigliava terribilmente ad Alessandra.
Più ci pensava e più doveva distogliere lo sguardo da lei per non cadere in tentazione.

Sei più agitato del solito Carlo... Emozionato per il privilegio di fare il discorso del battesimo?
Non sai quanto Marianna. Son tutto sudato, ho paura di non farcela davvero. Ci vorrebbe un aiuto dall'alto...

Carlo continuava a farsi sistemare la cravatta e il vestito, doveva far bella figura sul podio.
Avrebbe voluto fare una battuta ambigua a Marianna, più che dell'aiuto dall'alto aveva bisogno di un aiutino dal basso...magari una bella ragazza come lei che scendeva a succhiargli il pisello per allentare la tensione. Ma il momento era serio, sacro, importante. Aveva faticato una vita in quella cazzo di organizzazione per arrivare alla soddisfazione che stava per avere oggi. Anni di sacrifici e privazioni ripagati con questa grande occasione di pronunciare il discorso del battesimo in assemblea. C'erano addirittura anziani che pagano fior di soldini ai sorveglianti per essere scelti come oratori in assemblea, soprattutto per fare quei discorsi ritenuti “importanti”. Quelli per cui poi migliaia di persone ti acclamano come un divo del cinema o della televisione.

Ripassava mentalmente le parti salienti del discorso, quelle in cui avrebbe incoraggiato i battezzandi a far loro nel cuore la vita da testimone di Geova che stavano per intraprendere col battesimo pubblico.
“Quante cazzate” - pensava dentro se Carlo - “Devo incoraggiare questi poveracci a fare la stessa vita del cazzo che facciamo da anni. Devo incoraggiarli a servire un dio che non esiste, a dedicare la vita a questa grande truffa organizzata. Li devo incoraggiare ad essere infelici e ipocriti come me”.
I pensieri però continuavano a cadere, come gli occhi, su quelle belle e giovani tettine che aveva vicino. Già una volta Carlo aveva assaggiato il sapore di buono che emanava il corpo di Marianna. Le era già entrato in bocca e nel culo una volta, sapeva bene come dietro a quello sguardo angelico ci fosse l'animo di una puttana selvaggia, una ragazza perennemente in calore e alla ricerca del massimo dell'eccitazione possibile.
Non poteva in quel momento, c'erano altre cose di cui occuparsi e pensare, ma se avesse potuto avrebbe baciato la ragazza sul collo, sui seni, le avrebbe leccato la figa e le avrebbe messo il cazzo tra quelle belle tettine, facendolo scorrere su e giù in quel benedetto solco femminile, quella valle beata tra i seni adattissimi a a ricevere il suo sperma come un fiume di latte e miele. Carlo era in fase eccitamento, non più solo la figlia, ma anche quest'altra giovane puledra riusciva a fargli venire il cazzo terribilmente duro.

Marianna sorrise. Stava sistemando il collo della cravatta quando si accorse, spostando lo sguardo verso il basso, che Carlo si stava vistosamente eccitando, sentiva il cazzo di lui allungarsi da sotto i pantaloni e avvicinarsi alla sua gonna. Le carezze e la vicinanza della ragazza glielo stavano facendo diventare duro. Carlo se ne accorse e non poté che imbarazzarsi. Mancavano 10 minuti al suo discorso, non poteva presentarsi sul podio col cazzo in tiro. Già si era fatto spompinare in bagno da sua figlia durante la preghiera, una vistosa erezione pronunciando il discorso sarebbe stata troppo anche per un diavolo perverso com'era diventato.
Marianna non si imbarazzò, già aveva condiviso cose ancora più intime col proprio anziano, ma sapeva di dover trovare una soluzione alla svelta. Per fortuna le persone dietro al podio non stavano badando molto a Marianna e Carlo. La ragazza fece un cenno a Carlo e lo invitò a seguirlo dentro una stanzetta vuota lì vicino. Era la saletta privata del sorvegliante, ma in quel momento era impegnato coi fratelli in qualche conversazione e la stanzetta era rimasta miracolosamente vuota.
Marianna chiuse la porta dietro se, dopo che Carlo era entrato.

Ti aiuto a toglierti dall'imbarazzo del cazzo in tiro - disse a bassa voce Marianna tenendo per mano Carlo con fare rassicurante - Non voglio che fai una figuraccia davanti a tutti... E poi io e te abbiamo già un segreto da nascondere... Uno in più non guasta mica...

Carlo vide Marianna abbassarsi e slacciargli i pantaloni, proprio come aveva fatto sua figlia quella mattina.
Mancavano si e no 8 minuti, doveva fare in frettissima.
Prese il cazzo di Carlo nella mano destra e cominciò a masturbarlo velocemente per farlo venire il più presto possibile. Ogni tanto avvicinava la bocca al cazzo per farlo eccitare ancora di più e farlo sborrare più velocemente. Le labbra di lei lo sfioravano con delicata passione proprio sulla punta della cappella.

Nel frattempo pure Alessandra era arrivata nel retro palco per salutare suo padre prima del discorso. Voleva scattare un selfie ricordo da mettere su whatsapp per ricordare quel gran giorno. Non riusciva a trovarlo, chiese in giro ai fratelli del retro palco e le dissero che probabilmente qualche sorella stava sistemando il trucco e la cravatta di suo padre prima di salire sul podio.
Stava girando nel retro palco da qualche minuto quando notò che una delle salette era chiusa.
"Magari sta finendo di ripassarsi il discorso lì dentro" - pensò Alessandra.

Aprì la porta e in effetti trovò suo padre. Ma non era a ripassare il discorso. Mancavano 5 minuti all'evento teocratico più importante della sua carriera e dov'era Carlo? A farsi spompinare e masturbare dalla sua amica Marianna nella stanzetta del sorvegliante, li inebetito con i pantaloni abbassati e l'enorme uccello in tiro.
Marianna fece cenno ad Alessandra di chiudere la porta e di venir lì ad aiutarla.

Abbiamo avuto un'emergenza - disse Marianna sfilandosi il cazzo ancora umido dalla bocca. - Tuo padre ha avuto un'erezione mentre gli sistemavo il colletto. Sto facendo in modo di farlo venire velocemente altrimenti sale sul podio col cazzo in tiro.

Carlo annuì col mento e cercava di sborrare, in modo da poter salire tranquillamente sul podio e non con 20 centimetri di cazzo che sporgevano dai pantaloni.
Alessandra non si perse d'animo, quella era davvero una grossa emergenza.
Il cazzo era davvero bello duro e lucente, ben lubrificato e inumidito dalla bocca di Marianna. Bisognava solo terminare l'opera. Era una lotta contro il tempo. Mancavano solo 4 minuti, poi l'avrebbero chiamato per salire sul podio. Si gettò quindi in ginocchio nuovamente, come aveva fatto quella stessa mattina e con vorace golosità prese in bocca tutto il cazzo di suo padre mentre Marianna l'aiutava accarezzando le enormi palle pelose di Carlo. Alessandra si ficcò tutto il cazzo in gola, fin quasi a non respirare. Era enorme, la soffocava, un misto di saliva e altri liquidi le uscivano dai lati delle labbra. Mancavano solo 3 minuti, dovevano fare in fretta. Marianna andò allora alle spalle di Carlo e mentre Alessandra continuava a succhiare con voracità infilò la sua lingua tra il buco del culo e le palle di lui provocandogli all'istante un enorme piacere. Carlo sentiva di avere proprio la sborra in punta di fucile, sentiva il cazzo caricarsi, pronto a far scoppiare quel carico di sperma nuovamente nella bocca della figlia.
Mancavano solo due minuti, Carlo chiuse gli occhi e prese fra le mani la testa della figlia e la spinse contro il suo uccello con una forza straripante. L'intero pisello era nella gola di Alessandra, quando la ragazza sentì il getto caldo attraversarle la gola ebbe un conato di vomito e rischio di non riuscire a deglutire tutta la sborra perché le era andata di traverso.
Mancava un solo minuto, ma Carlo pur visibilmente scosso era riuscito a venire ed il cazzo era nuovamente di misure normali. Mentre Alessandra cercava di mandar giù la sborra che le era rimasta in bocca, Marianna aiutò Carlo a rimettersi i pantaloni in modo che potesse andare a fare il suo bel discorso senza problemi.
Carlo accennò un saluto alle due ragazze e uscì dalla porta, appena in tempo, due fratelli lo stavano cercando perché da lì a poco sarebbe stato annunciato il suo nome e avrebbe dovuto salire sul podio per pronunciare il discorso del battesimo.
Mentre Carlo saliva sul podio, Alessandra e Marianna erano ancora nella stanzetta a guardarsi e a sorridere maliziosamente, erano riuscite nella loro missione. Quella era stata sicuramente la loro assemblea più interessante e produttiva.
Si scambiarono un'occhiata e poi abbracciandosi sentirono il pulsare dei propri seni turgidi sotto le camicette. Alessandra allungò la bocca verso Marianna e si diedero un lungo appassionato bacio. Tra saliva, piscia e sborra, Alessandra aveva la bocca che odorava di mille fragranze diverse...
Si scambiarono i liquidi tra la bocca di una e la bocca dell'altra. Mentre nessuno poteva osservarle e nessuno poteva immaginare quel che stava accadendo si infilarono le dita sotto le gonnelline, cercarono le mutandine e si fecero reciprocamente un ditalino.

CAPITOLO 10

Una leggera pioggia stava rovinando i piani di Alessandra per quel pomeriggio. Aveva appena finito di mangiare quando le squillò il telefono. Marianna non poteva uscire in servizio con lei quel pomeriggio, a causa della pioggia, non voleva ammalarsi. Le aveva mandato un messaggio whatsapp pieno di baci, scuse ed emoticons.
Era a casa da sola, suo padre era al lavoro, sua madre era andata a fare delle commissioni e non sarebbe tornata prima delle quattro.
Si era fatta la doccia. L'acqua le scendeva dai capelli alle spalle e andava a sfiorarle con delicatezza i peli della figa. Chiuse gli occhi e poggiando la schiena al muro cercò la fessura tra i peli e cominciò a masturbarsi, delicatamente, così come sanno fare le donne. Penetrava la sua passerina con forza, aggiungendo poi un secondo dito, per dare ancora più energia alla Pene trazione, come se ci fosse stato un lungo e grosso cazzo e a scoparla. Si masturbava con forza ora, penetrando la figa pelosa con grande volontà, dal piacere si morde a le labbra, finché arrivò la punta dell'orgasmo in testa.

Lei si era presa l'intera giornata libera, doveva uscire in predicazione, aveva fatto poche ore durante il mese e pensava di recuperare un po'.
Fece qualche tentativo via whatsapp, cercando una sorella a cui unirsi per il pomeriggio ma non trovò nessuna disponibile.
Sarebbe uscita da sola, non era un grosso problema, doveva finire un paio di case in una viuzza del centro, avrebbe fatto quello, contando pure il tragitto a piedi da casa a quel quartiere si potevano tranquillamente segnare due ore di servizio.
Si incamminò verso il centro del paese, non era troppo distante dalla sua abitazione. Quella leggera pioggia dava un po' fastidio ma si era coperta bene e si era portata appresso pure l'ombrello, non voleva né bagnarsi né rovinarsi i capelli. Sentiva solo un po' di fresco alle gambe, dovendo portare obbligatoriamente la gonna. Il venticello fresco le risaliva la gonna e andava a toccarle le mutandine, procurandle degli spasmi di godimento, ma era lì per altro e non doveva soffermarsi su certi pensieri.
Arrivò in centro in meno di venti minuti, era primo pomeriggio, il paese sonnecchiava ancora, non c'era un'anima viva in giro neanche a pagarla. Un paio di isolati e sarebbe arrivata in via Garibaldi, dove le mancavano giusto un paio di piccoli condomini da citofonare.
Si fermò a guardare sul telefono le note che si era scritta l'ultima volta che era stata a predicare su quel territorio.
Scorse velocemente i numeri civici che si era segnata, i primi palazzi della Via erano stati completati, aveva citofonato a tutte le famiglie, quasi nessuno aveva accettato riviste o volantini. Cancellò alcuni dei cognomi che si era memorizzata sull'applicazione del telefonino che aiutava i testimoni di geova a ricordarsi cosa facevano in servizio. Ci avrebbe pensato qualche altro fratello della sala a contattarli di nuovo.
Andò al numero 20 di via Garibaldi, il citofono era piccolo, ci vivevano solo tre famiglie.
Sembrava una palazzina benestante, poteva darsi che fossero tutti un'unica famiglia, sul citofono infatti, i cognomi riportati erano gli stessi.
Ai primi 2 non rispose nessuno, forse erano a lavoro, d'altronde erano le due e mezza del pomeriggio. Riparata da un piccolo tettuccio posto sopra il citofono, tirò fuori il telefono e segnò i cognomi e a fianco la dicitura ASSENTI. Provò a suonare l'ultimo pulsante, convinta che non avrebbe trovato nessuno pure lì.
Aspetto qualche secondo, poi una voce metallica uscì dal piccolo altoparlante del citofono.

Chi è?
Salve, scusi se l'ho disturbata. Mi chiamo Alessandra e sono una volontaria cristiana e...
Alt, alt la fermo subito signorina. Non mi interessa.
Come non le interessa? Non le ho neanche detto perché son qui...
Vi conosco già. Testimoni di Geova?
Si, sono una testimone di geova e volevo solo lasciarle un volantino nella cassetta della posta se me lo permette...
Guardi, non mi interessano queste cose di religione. La ringrazio ma non mi serve. Salve.

La conversazione al citofono era ormai conclusa quando dall'altra parte, si aprì nuovamente la comunicazione e la voce metallica tornò a parlare.

- È ancora lì signorina?

Alessandra si era mossa solo di qualche centimetro per recuperare l'ombrello poggiato al muro, quindi poté rispondere.

Si sono qui... Ma non si preoccupi stavo andando via...
Ma no, ma no, non volevo cacciarti, tranquilla. Senti un attimo, tanto fuori piove e mi spiace che siete lì a prendervi la pioggia. Salite a bere un caffè, mi lasciate il volantino e poi tornate a fare quello che fate.

Alessandra era titubante, la voce era quella di un uomo, e poi era sola, in questi casi consigliano di essere prudenti e di non dare eccessiva confidenza. In effetti però fuori pioveva e l'acqua non accennava a fermarsi. Una piccola sosta al caldo e all'asciutto non le avrebbe fatto male.
Decise di accettare e si affrettò a rispondere.

OK signor...
... Francesco. Mi chiamo Francesco.
Bene signor Francesco, sono da sola, non sono in due come facciamo di solito in servizio. Se a lei va bene salgo.
Assolutamente. Sali pure. Ti riposi un attimo almeno. Ti apro la porta. Terzo piano.

Alessandra si affrettò a chiudere la borsetta ed entrò. Salì le scale velocemente, la porta dell'abitazione del signor Francesco era già aperta e lui la stava aspettando all'ingresso.
Le fece gesto di entrare, accompagnato da un rassicurante sorriso.

Entra pure, non ti mangio, tranquilla.

Alessandra ringraziò. L'appartamento era molto ben arredato, signorile e moderno allo stesso tempo. Il signor Francesco non era così vecchio da come se lo immaginava per citofono.
La accompagnò nel grande soggiorno e la invitò a mettersi comoda sul divano. Era un bel ragazzo sui 40anni, barba lunga e incolta. Doveva essere una persona sportiva, aveva un corpo atletico, lo si notava dai muscoli appena accennati che facevano fatica a contendersi nella camicia. Alessandra lo squadrò da capo a piedi. Era un bel ragazzo davvero, e soffermano gli occhi a metà del corpo notò un grosso rigonfiamento all'altezza del cazzo. Si, questo tipo doveva aver davvero un grosso e lungo cazzo. E lei aveva sempre in testa quel pensiero fisso. Il cazzo.
Alessandra si levò il giubbettino, era tutto bagnato, Francesco lo appoggiò allo schienale di una sedia, poi presa un'altra sedia si mise davanti ad Alessandra.
Era veramente una bella ragazza, notò. Il viso era gentile e semplice, non troppo truccato, il corpo perfettamente sensuale seppur nascosto da un vestito casto e dignitoso, la camicia lasciava immaginare le punte dei seni e la gonna sotto il ginocchio faceva desiderare di toccare quelle belle gambe snelle.

Generalmente non faccio entrare voi testimoni di geova in casa. Sono ateo, non mi occupo di religione. Mi dispiaceva lasciarti fuori a prendere acqua però. Hai detto che ti chiami?
Alessandra... Ti ringrazio per avermi fatta salire....
Figurati. Non sono religioso ma non mi va di passare per cafone. Ecco, non mi va di parlare di bibbia ma se vuoi possiamo fare due chiacchiere.

Alessandra non sapeva come comportarsi. Era leggermente imbarazzata. Non riusciva a capire se lui ci stesse provando o se fosse solo una persona gentile.
Cercò di conoscere un po' meglio quel premuroso padrone di casa.
Posso darti del tu Francesco?
Ma certo Alessandra.
Ma se posso chiedertelo... Che lavoro fai?

Francesco sorrise un po' imbarazzato, si grattò i capelli e la barba, non sapeva come rispondere... Poi prese la parola.

Il lavoro che faccio mi sa che va contro a tutte le cose in cui credi Alessandra... Mi occupo di pornografia, tranquilla però non ti ho fatta salire per questo .

Alessandra era diventata rossa, ma improvvisamente le era passato l'imbarazzo, forse avrebbe potuto essere sin da subito più naturale avendo Francesco spezzato il ghiaccio con questa rivelazione.

Tranquillo Francesco, non mi scandalizzo. Ho 20 anni. So che certe cose ci sono.
Beh, non è un mestiere molto comune.
Esattamente cosa fai?
Come sei curiosa.
Non ho mai conosciuto nessuno... Nel tuo settore!

Scoppiarono a ridere divertiti entrambi.

Io faccio il regista. Ma non lavoro qui in Italia. Dirigo i film all'estero. Ogni tanto tra un lavoro e l'altro torno qui a casa. È un caso che mi hai trovato.
Sarà stato il destino, chissà.. O forse gli angeli mi han guidata da te... È curioso come incontro.
Beh Alessandra, non so se altro della tua comunità sarebbero rimasti sapendo il mio lavoro. Tu sembri diversa. Hai lo sguardo sveglio. A proposito, che lavoro fai tu?
Alessandra era arrossita per il complimento.

Lavoricchio, in nero, giusto per mantenermi qualche spesa. Vivo ancora con i miei.
Capisco... Sei ancora giovane, riuscirai a trovare il tuo spazio nel mondo prima o poi...
Però avrei voluto fare un lavoro a contatto con la moda o in TV.
Sei una bella ragazza, se posso permettermi... Potresti ancora farcela.
Ho un profilo instagram. Se vuoi ti faccio vedere le foto.

Francesco annuì. Alessandra aprì la sua pagina instagram e fece vedere le foto a Francesco che gli fece il segno dell'Ok col pollice, aveva gradito le foto e la guardava con interesse. Anche Alessandra era interessata a Francesco, notava un certo feeling. I loro occhi si incontravano. Forse da parte di entrambi avrebbero potuto unirsi pure i loro corpi. Lui aveva voglia di spogliarla e far l'amore ma non poteva essere così esplicito, lei già nei suoi pensieri sentiva quel bel cazzone entrare nella figa, nella bocca, magari nel culo. Aveva voglia di farsi sfondare e sborrare per bene anche quel giorno.
Fu Alessandra a interrompere il piccolo momento di imbarazzo che si era creato.

Quindi fai cinema porno Francesco?
Eh si...
Ma sei famoso?
... Beh, nel mio ambiente si.
Si guadagna bene? Dico, facendo i porno?
Come vedi non me la passo male.

Alessandra stava riflettendo. Da ormai un bel po' di tempo aveva una doppia vita. Alla vita da integerrima sorella aveva affiancato quella di puttanella.
Succhiava cazzi a suo padre e ad altri uomini, non poteva fingere a vita di essere una santarellina. Anzi, la vita da santarellina si era rivelata proprio una noia.

Come mai ti interessa sapere se si guadagna bene?
Così... Curiosità...
Saresti interessata?

Alessandra si morse un labbro. Non sapeva se rivelarsi come esperta bocchinara o fingere santità. Francesco prese di nuovo la parola.

Te lo chiedo perché sei carina e avresti modo di lavorare nel campo. Però serve esperienza o comunque, serve non aver paura del sesso... So che fra voi testimoni di geova il sesso è vietato prima del matrimonio...
Interessata no... Ma incuriosita si...
Posso farti una domanda Alessandra?
Dimmi...
hai mai baciato un ragazzo?
Si...
Hai mai fatto altro?

Ci fu un attimo di esitazione da parte di Alessandra, ma il gioco iniziava a piacerle.

Cosa intendi per altro?
Sesso orale, penetrazione, masturbazione.
Alessandra guardò negli occhi Francesco, si alzò dal divano e si mise proprio davanti a lui. Si legò i capelli con un elastico e si inginocchiò. Francesco rimase seduto sulla sedia, non poteva credere ai propri occhi ma era ben felice di quel che stava per accadere. Già mentalmente si stava preparando e lei era decisa a fargli vedere quanto era porca, non solo la finta santarellina che aveva suonato al citofono per parlare di bibbia.

Ora ti do risposta alle tue domande...

Mise la mano sulla patta dei pantaloni di lui. Al contatto gli era già diventato duro. Alessandra slacciò la cintura dai pantaloni di lui e tirò giù la zip. Si avvicinò alle mutande e respirò profondamente l'odore di cazzo che il piselli enorme di Francesco emanava. Puzzava proprio di cazzo, ma a lei piaceva troppo l'odore forte del cazzo, anche l'odore di sporco la e citava, come quando si era fatta lisciare in bocca da suo padre. Più c'erano forti odori più lei si è citava Baciò le mutande, proprio dove la punta del cazzo iniziava a diventare sempre più grande. Lo tirò poi fuori con le mani e iniziò a masturbarlo. Francesco era in estasi. Non si aspettava quella Sega, quella situazione, ma lo stava eccitando un botto. Lei continuava a segnarlo mentre lui a stento tratteneva un violento orgasmo.
Si alzò in piedi e anche per Alessandra la posizione ora era molto più comoda. Sempre da inginocchiata abbassò i pantaloni di Francesco e gli prese il cazzo in bocca, fino alla gola.

Lui la lasciava fare, era davvero un pompino delizioso. Più lei Succhiava e più lui godeva. La bocca andava avanti e indietro con maestria, il cazzo era bello duro e la saliva di Alessandra lo aveva inumidito per bene. Lui allora le prese la testa e la spinse sempre più sul suo cazzo, voleva farla affogare di sborra.
Alessandra riusciva a far stare tutto il cazzo eretto bella sua bocca, era una regina della gola profonda. Rimaneva in apnea qualche secondo poi tornava a respirare e succhiare con più foga e voglia di prima, resistendo all'istinto naturale di vomitare, contrastando pure la tosse per la saliva che mista ai liquidi del cazzo le andavano di traverso.
Lui le riempì la bocca, era uscita una sborrata pazzesca. Lo sperma biancastro le usciva pure dal naso e le colava ai lati della bocca.

Ti basta come risposta? Disse Alessandra maliziosa raccogliendo con le dita la sborra rimasta ai lati della bocca.

Francesco si rimise i pantaloni. Era eccitato e felice di aver trovato in Alessandra una nuova promettente attrice porno, se lei avesse accettato.

Alessandra si era messa in ordine, aveva preso la borsetta e il giubbotto ed era pronta a tornare in servizio.
Lui la guardava ammirato. Era bellissima. Si avvicinò e le accarezzò i capelli. E baciò la fronte e lei arrossì.

Mi è piaciuto come hai spompinato Alessandra...
Anche a me Francesco...
Ci rivedremo?
Se tu vuoi... Torno a farti visita...
Ho voglia Alessandra...
Anche io Francesco...
la prossima volta prima della sborra ti faccio bere un caffè, che te l ho promesso ma poi abbiamo fatto tutto tranne che il caffè...
Tranquillo Francesco... Preferisco bere la sborra... Mi piace più del caffè... Ora vado... Ti lascio il mio numero e ci sentiamo...

Alessandra salutò Francesco e tornò in predicazione. Guardò il cielo, aveva smesso di piovere. Prese l'ombrello e si allontanò, sorridendo. Aveva ancora il sapore dello sperma salato in bocca.
Quella sarebbe stata la sua vita d'ora in poi. Il suo desiderio era farsi sfondare di cazzi non passare i pomeriggi a suonare i citofoni...

Scendeva la neve insieme alla notte buia, Alessandra dormiva da sola nella stanza, insicura, spaventata e curiosa, della vita che andava avanti nonostante quell'avventura. Sua madre dormiva russando, la si sentiva in tutta la casa, borbottava come una caffettiera di cui nessuno stava aspettando il caffè. Suo padre invece era tutta notte che si prendeva a pugni nel bagno con la faccia rivolta allo specchio, gli occhi insanguinati dal sesso provocati da un orgasmo autoerotico, dopo essersi menato l'uccello nella vasca da bagno, pensando a come Marianna glielo prendeva in bocca fino alla gola.
Alessandra stava lì nel cantuccio del suo letto, le coperte a coprirle il viso e il cuscino, morbido e accogliente a carezzarle dolcemente i capelli.
Stava ripensando alla giornata, a quel godurioso pomeriggio che aveva passato.
Era andata da Francesco, voleva tornare in quella casa, ne sentiva il bisogno. Coi suoi genitori era stata vaga, aveva inventato una mezza scusa per uscire e in men che non si dica era già sotto casa di Francesco. Lui la aspettava, si erano messaggiati per telefono tutta la mattina. Lei gli aveva mandato alcune foto in cui era completamente nuda, in cui si toccava la figa, tutte foto provocanti. Lui le aveva fatto i complimenti, aveva veramente un bel faccino e un corpo mozzafiato. Voleva assolutamente vederla di nuovo, conoscerla meglio, più a fondo, più in profondità.
La casa era come l'aveva lasciata qualche giorno prima, ordinata, profumata.

Francesco l'aveva accolta con tutti gli onori, facendole trovare una scatola di cioccolatini come regalo e un completino sexy da indossare.
Non c'erano stati troppi convenevoli, appena entrata nella casa si erano subito buttati sul divano l'uno addosso all'altra.
Lei gli strappò la camicia e iniziò a baciarlo sul collo. Francesco aveva già il cazzo in tiro, lungo, che esplodeva dai pantaloni. Lei a cavalcioni su lui lo sentiva da sotto farsi largo tra le mutande e puntare la sua passerina.

Ti va se riprendiamo tutto col telefonino? - chiese Francesco.

Alessandra annuì, la eccitava l'idea di filmarsi mentre scopavano.

Non ti creerà problemi con i testimoni di geova se filmiamo e mettiamo il video su you porn?
Non me ne frega un cazzo. - rispose Alessandra mentre continuava a baciare il collo ed il petto di lui.

Francesco aveva posizionato il cellulare in modo che si potesse riprendere tutta la scena.
La bocca di Alessandra percorse tutto il collo e tutto il petto di lui. Scese poi dalle gambe dell'uomo e cominciò a spogliarsi. Si levò la gonnellina mostrando le gambe snelle e sensuali a Francesco e in favore di "telecamera" mostrò il suo bel culetto a violino. Lui le si gettò ai piedi e le tirò giù le mutandine e iniziò a leccare la sua fighetta pelosa con voracità e passione. Alessandra era già in estasi. La lingua di lui era potente e si muoveva con agilità all'interno della sua passera.
Francesco si alzò e obbligò Alessandra a inginocchiarsi, non che lei avesse bisogno di sentirsi obbligata, ma l'idea di lui che la dominava era eccitante.

Ho sognato il tuo sperma...
E allora succhia Alessandra...

Alessandra sbottonò i pantaloni, li fece cascare a terra e puntò il viso contro il cazzo di lui, che prepotente e muscoloso si era eccitato a tal punto da esplodere dalle mutande. Era come una statua di marmo.
Tirò giù pure le mutande e cominciò la succhiata. La bocca era umida, il cazzo era umido, lei riusciva a mandarsi il cazzo fin giù nella gola, lui le accompagnava i movimenti della testa con le mani. Lei prese poi in bocca le sue palle e le succhiava delicatamente.

lo vuoi nel culo?

Alessandra annuì pure questa volta. Si alzò e si girò, dando le spalle all'uomo.
Si levò la camicetta e rimase completamente nuda, come una dea, con quel suo bel corpo da ventenne in calore. Francesco si era liberato dei pantaloni e aveva preso l'uccello in mano. Gli sputò sopra per lubrificarlo meglio e lo infilò nel culo di Alessandra.
Sulle prime la ragazza aveva sentito un forte dolore, il cazzo di Francesco era veramente grosso e lui sapeva muoversi con molta destrezza e potenza. Ogni colpo di cazzo bel suo culo sentiva l'eccitazione arrivarle al cervello. Le palle bagnate di lui sbattevano a ritmo regolare contro quelle belle chiappe rosa a violino. Era eccitantissimo. Lui non credeva si propri occhi. Quella porcellina che le era capitata a casa un pomeriggio era una dea del sesso. E stava filma do tutto. Sarebbe diventato un video virale, milioni di visualizzazioni. Si chiedeva come una ragazza cresciuta con certi valori morali fosse potuta diventare una porca di tale portata. E mentre gli sbatteva il cazzo nel culo pensava a come l'avrebbe presa la congregazione quando tutti avrebbero scoperto di come lei era così disinibita sessualmente. Lei aveva raccontato a Francesco di come suo padre fosse un anziano di congregazione, ma aveva omesso i particolari della loro relazione incestuosa. Non era ancora il momento di confidare a Francesco tutti i particolari della sua intimità.
Già erano molto intimi. Francesco stava godendo come un porco. Lui non aveva mai trovato in vita sua un culo così bello in cui infilare il cazzo e lei aveva un culo creato apposta per l'amore.
Voleva sbattere il cazzo nel suo culo con ancora più forza, voleva venirle nel culo e bagnare la schiena con la sua sborra.
Ma aveva ancora potenza e voleva utilizzarla tutta. La lasció andare qualche secondo e lei si buttò sul divano divaricando le gambe. Francesco era più grosso di lei ma si posizionò sul corpo della ragazza e le scopò con ardore pure la figa. Era tutta bagnata, di liquidi seminali, di sudore, saliva. Il cazzo le entrava duro in profondità, era l'orgasmo più intenso della sua vita. Altro che il cazzo di papà o dei pervertiti delle gang bang. Il cazzo di Francesco era molto di più.
Stavano quasi per finire la scopata, allora lei si inginocchiò di nuovo, prese in bocca il cazzo di Francesco e terminò la suzione.
Lui le sparò in bocca un bicchiere di sborra calda e densa. Lei prima se la fece colare ai lati della bocca, poi la rimanenza la deglutì con piacere.
Francesco prese il telefono e fermò la registrazione.
La scopata era stata intensa e passionale, il video era venuto benissimo, eccitante, un capolavoro dell'erotismo amatoriale.

lo carichiamo su internet allora? - chiese Francesco.
Certamente. - rispose Alessandra

Francesco fece allora il Login su tutti i portali porno a cui era iscritto e caricò il video. In poco meno di 10 minuti da una parte all'altra del mondo avrebbero scoperto le grandi capacità sessuali di questa giovane ragazza.
Il titolo del video aveva poi in sé tutte le caratteristiche per diventare uno dei più visti e ricercati della rete:

GIOVANE TESTIMONE DI GEOVA ITALIANA SCOPA COME UNA MAIALA.

Erano ancora nudi sul divano, spossato dalla bella scopata. Lui le aveva offerto una sigaretta e lei l'aveva accettata.
Non era la prima volta che fumava, già da adolescente aveva provato a fumare con le compagne di scuola. Preferiva nettamente i cazzi in bocca, ma pure le sigarette non erano così male.

Vuoi un caffè?
Si Francesco. Grazie. Almeno mi tolgo dalla bocca il sapore del tuo sperma.

E mentre lo diceva si leccava maliziosa le labbra.

Cosa diranno in sala quando vedranno il video?
Beh Francesco, ci saranno tanti problemi ma non mi importa. Mi sentivo chiusa lì dentro. Tanto è tutta una cazzata, non esiste nulla di quel che crediamo. È tutta una messa in scena. E io son stufa. Voglio vivere la mia vita. Preferisco il sesso estremo all'andare a suonare i citofoni.

Lui la guardava con tenerezza, era lì nuda, completamente nuda, sul suo divano, con questi lunghi capelli neri poggiati sulle spalle, quelle belle tettine non troppo grandi ma comunque sode e a punta così piacevoli ed eccitanti al tatto. Le portò il caffè, lo bevve fissandolo negli occhi. Si vedeva che aveva ancora voglia. Gli aveva preso in mano il cazzo di nuovo e cercava di farglielo diventare duro.

Questa volta sborrami in faccia e sui capelli. - disse lei.

Francesco accese di nuovo il Rec sul telefonino e filmò anche la seconda scopata, che come da desiderio di Alessandra terminò con una lunga schizzata sui capelli e la faccia di lei.
Caricarono anche il secondo video su internet.
Già migliaia di persone avevano visto i loro video...

CAPITOLO 11

In sala del regno non si parlava d'altro. I video di Alessandra erano ormai di dominio pubblico, tutti in paese la conoscevano. Anche i ragazzi della sala si passavano di nascosto i link dei video e si masturbavano. Le giovani sorelle, quelle in età da marito, quelle appena sposate prendevano appunti e spunti da quei video per rendere meno monotona la propria vita sessuale.
Quel mese non c'era stata nessuna domanda per fare il pioniere o la pioniera, le comitive per il servizio di campo erano deserte, sembrava nessuno in congregazione avesse la voglia e il tempo di andare in predicazione.

Le sorelle pioniere in pubblico si mostravano sdegnate per quel che aveva fatto Alessandra, poi nel segreto delle loro stanze andavano a guardarsi i video per eccitarsi e farsi qualche ditalino.
C'era chi, più zelante e bigotto aveva accusato il colpo. Sodoma e Gomorra erano entrate in sala del regno dalla porta principale.
Addirittura un fratello era stato beccato farsi su una sega in bagno, in sala del regno, durante la torre di guardia.
Si segava col telefonino in mano, col video di Alessandra in riproduzione, credendo di non essere scoperto.
Il turbamento generale aveva messo praticamente KO la congregazione.
Carlo da padre e anziano di congregazione non sapeva come comportarsi, d'altronde era pure lui invischiato in torbide storie di sesso e incesto con la figlia, se fossero venuti a galla anche i suoi di segreti tutta la vita sarebbe andata a puttane.
Gli altri anziani erano nella stessa situazione, per quanto facessero i moralisti pure loro avevano grossi peccati da scontare, si erano scopati Alessandra e Marianna in una tormentata Gangbang non a caso il loro "non agire" sul comportamento di. Alessandra era stato evidente anche se non compreso dalla congregazione.
La storia dei video porno di una testimone di geova aveva fatto il giro dei paesi circostanti.
La madre di Alessandra era distrutta ed umiliata, il comportamento della figlia aveva messo in grande imbarazzo la famiglia e la sua posizione di moglie di anziano e pioniera regolare.

I fratelli delle sale vicini erano sconcertati. Alessandra era anche abbastanza conosciuta come ragazza, era figlia di un anziano, la si vedeva spesso fare parti alle assemblee, per molti era stato un vero shock scoprire il suo lato più godereccio e trasgressivo.
Gli anziani di una congregazione vicina chiamarono la betel di Roma perché la situazione stava diventando grottesca.
In servizio le persone chiedevano continuamente di Alessandra, il già poco interesse verso la Bibbia era stato surclassato da domande personali riguardanti la ragazza. La betel mandò una lettera agli anziani delle congregazioni. La storia di Alessandra e i suoi video avevano varcato i confini nazionali, era una situazione talmente "grossa" che conveniva non far nulla. Era anche inutile disciplinarla, avrebbe solo ingigantito il vociare sulla sua persona, anzi la storia di una "testimone di geova" abilissima a succhiare cazzi aveva per un po' di tempo messo in secondo piano gli scandali sulla pedofilia nelle congregazioni dei Testimoni di geova.
La betel avrebbe mantenuto un rigoroso silenzio sulla condotta immorale della ragazza. I fratelli e le sorelle potevano turbarsi quanto volevano, l'organizzazione invece vide come manna dal cielo questo regalo gettato in pasto ai "media".

E Alessandra?
Alessandra era andata via di casa, non voleva più vivere con i suoi. La nuova vita da pornostar la aspettava. Andò a vivere a casa di Francesco, si piacevano, c'era del sentimento.

Carlo era uscito con Gianni in servizio, faceva veramente freddo, dopo qualche citofono suonato con malavoglia si ritrovarono in automobile, al caldo.
Gianni vide la tristezza del suo amico. Sapeva di non poteva fare molto, nessun versetto biblico avrebbe aiutato Carlo in quella situazione. Geova in questi casi non ha molte armi a disposizione per aiutare chi soffre. Il diavolo invece offre infinite soluzioni. Gianni si abbassò a livello dei pantaloni dell'amico e iniziò a slacciare i pantaloni con la mano. Ne uscì un cazzetto moscio e triste. Gianni iniziò a succhiarlo e il cazzo si ravvivò in un attimo. Quello era ciò di cui aveva bisogno Carlo per reagire, non preghiere, non adunanze, ma eccitantissimi pompini. Gianni succhiava e Carlo gli teneva la testa, 5 minuti e poi uno schizzo caldo di sborra attraversò la gola dell'amico.
Si guardarono in faccia, non era molto, ma Carlo sorrise e ringraziò Gianni per avergli dato un po' di sostegno in quel momento difficile.

Alessandra e Francesco erano a casa. Lei doveva ancora sistemare tutte le sue cose nella nuova abitazione. Aveva lasciato a casa dei genitori tutti quei fastidiosi completini da burattina che usava in predicazione. Voleva un look molto più sexy e seducente.
Francesco l'aveva salvata da un mondo a cui non sentiva più di appartenere.
E lei ogni giorno, con riconoscenza, non mancava di ringraziarlo.
Francesco si era appena fatto la doccia, Alessandra lo guardava mentre usciva dal bagno, ancora bagnato, avvolto nell accappatoio.
Si inginocchiò e lui fece fare.
Le sue mani candide si aprirono un varco e cominciarono a toccare le cosce dell'uomo. Andarono più su fino quando non incontrarono il Pene, già eretto ed eccitato. Francesco amava questa sexy e seducente zoccolaggine che Alessandra sembrava possedere nel DNA.
L'accappatoio scivolò a terra, lasciando scoperto il corpo nudo di Francesco. Alessandra aveva avvicinato la bocca al pisello e aveva cominciato l'ormai consueta opera di suzione. Era diventata bravissima, ogni suo pompino era un'opera d'arte. Riusciva a prendere tutto il cazzo nella bocca, a ficcarselo nella gola con agilità, era come se i muscoli di quella parte del corpo, allenati da continui e ripetuti pompini si fossero elasticizzati. Col tempo era pure riuscita a sopprimere l'istinto di vomitare. Ovviamente, come ogni volta avevano acceso il telefonino per riprendere la scena.

Alessandra indossava solo una magliettina aderente e delle mutandine. Francesco le coccolava la testa mentre la bocca continuava a mescolare liquidi sul cazzo di lui.
Francesco decise di rendere il pompino molto più estremo. Disse ad Alessandra di lasciare a lui le redini del gioco. Iniziò a muovere il bacino con un ritmo molto più veloce tenendo sempre la testa di Alessandra fra le sue mani. Alessandra doveva rimanere ferma e lasciarsi penetrare la bocca. Lui infilava con forza il cazzo nella bocca della ragazza, sempre più forte, sempre con più violenza. La bocca colava di liquidi, lui le teneva i capelli, era diventata tutta rossa in viso, quasi non respirava. Lui continuava a sbattere il cazzo, sempre più grosso nel profondo della gola della ragazza.

Stai con la bocca aperta ora. - le disse.

Dal cazzo schizzó un enorme rivolo di sperma che riempì la faccia di Alessandra, colando pure giù sulla maglietta.

Stai ferma Ale, che devo anche pisciare.

Dal cazzo di Francesco partì pure una sontuosa pisciata. Alessandra sembrava gradire, tenne la bocca aperta per raccogliere quanto più piscio. Francesco indirizzò il getto su tutta la faccia della ragazza. Era tutta imbrattata di piscia e sperma, che colavano dai capelli sul pavimento.

Ora lecca per terra.

Alessandra ubbidì, le piaceva questo gioco perverso. Si chinò per terra con la faccia e con la lingua cominciò a leccare lo sperma e la piscia dal pavimento. Si tolse poi la magliettina fradicia e inginocchiata andò a mettersi sotto Francesco. Voleva ancora il suo cazzo in bocca, voleva sentirlo su tutta la faccia. Il cazzo di Francesco era palesemente sporco e puzzava di piscia, ma a lei non importava, quel forte odore nauseabondo la eccitava. Lo prese ancora in bocca, sempre fino in gola, come di consuetudine. Mentre succhiava, con una mano si faceva un ditalino , voleva arrivare ad avere un orgasmo in quel momento. Lui la assecondava, dopo averle pisciato e sborrato in faccia le aveva nuovamente lasciato il pallino del gioco.
La prese sotto le ascelle e la aiutò a rialzarsi. La girò di spalle e con veemenza le infilò il cazzo nel culo.
Lei aveva quel bel culetto a mandolino, con quel buchino così stretto. Il suo cazzo era ancora duro e potente. Appena entrato in quel cunicolo stretto provó un enorme piacere. La penetró più volte e lei gemeva, ansimava, gridava. Adorava quando Francesco lo buttava nel culo, il sesso anale era stato una bellissima scoperta.
Terminarono la scopata e misero il video sul web.

TESTIMONE DI GEOVA SI FA PISCIARE E INCULARE

Il titolo prometteva già milioni di visualizzazioni.

Altro che Jw, pornhub era molto più interessante. E sapeva di avere un pubblico di milioni di fratelli e sorelle "praticanti" che di nascosto sarebbero andati a guardare l'ennesima piccante puntata della sua nuova vita da pornostar.

CAPITOLO 12

Quella domenica pomeriggio Carlo voleva fare un ultimo tentativo di riconciliazione con sua figlia. Lo smacco di aver sputtanato la famiglia e l'intera congregazione con la pubblicazione di quei video ad alto contenuto erotico poteva ancora essere sanato se la ragazza avesse preso una decisione in questo momento più saggia di altre: se fosse perlomeno tornata a vivere a casa di Carlo ed Angela.

Gli anziani si erano consultati, la situazione era molto delicata, in “casi normali” ci sarebbe stato un comitato giudiziario per “direttissima” e la ragazza sarebbe stata disassociata, Alessandra invece era figlia di un anziano, quindi nonostante il gravissimo peccato si poteva trovare una scappatoia per evitare anche questa onta alla famiglia.
In giro per il paese non si parlava d'altro, era diventata famosissima, tutti sapevano chi era, tutti sapevano da che famiglia provenisse, tutti erano a conoscenza che era una Testimone di Geova.
Enrico, il collega di Carlo che organizzava le gang bang in casa sua era andato personalmente a congratularsi con Alessandra, ed era orgoglioso, era stato uno dei primi uomini a scoparsi Alessandra prima che la “fama” la rendesse nota da un angolo all'altro della penisola.

Carlo aveva in cuor suo accettato che Alessandra facesse i video porno, anzi, di nascosto era uno dei suoi più accaniti “fan”. Lui la figlia se l'era scopata molte volte, conosceva bene l'eleganza e la zoccolaggine di quella ragazza, sapeva bene come riusciva a rizzarti l'uccello solo guardandoti negli occhi. Aveva degli occhi così profondi. E conosceva bene le movenze della lingua di Alessandra sul suo cazzo e chiudendo gli occhi andava a ripescare con la mente i bei momenti in cui la figlia gli prendeva il cazzo in bocca e lo spompinava come una vera Regina del Pompino.
In parte era un po' geloso, ora il godimento delle porcate di Alessandra lo aveva solo quell'uomo con cui viveva, Francesco. Quanto avrebbe voluto scoparsi ancora Alessandra come accadeva qualche tempo prima.
La figlia aveva risvegliato in lui quegli istinti sessuali che negli ultimi anni, a causa del bigottismo della moglie e della religione aveva dovuto annientare.
Le uniche soddisfazioni sessuali del periodo le aveva quando incontrava Gianni, che ormai volava alto come Servitore di Ministero in congregazione. Si vociferava in sala che alla prossima visita del Sorvegliante sarebbe stato nominato anziano pure lui. Il suo più grande sostenitore, nel corpo anziani era proprio Carlo, che ormai aveva convinto gli altri a puntare forte su Gianni come fratello. Gianni per ringraziare l'amico faceva dei pompini fantastici in auto e si faceva scopare da Carlo ogni qualvolta lui avesse bisogno.
Il più delle volte capitava quando i due amici uscivano in predicazione. Si fermavano in qualche via deserta della zona industriale o in qualche stradina di campagna, Carlo tirava fuori il cazzo e Gianni lo succhiava con passione. Per non sporcare e non lasciare tracce ingoiava ogni volta lo sperma caldo e appiccicoso dell'amico.

Quella domenica come detto, Carlo voleva tentare perlomeno una minima riconciliazione. Serviva che Alessandra tornasse a casa, sua moglie Angela stava andando di matto.
Aveva accettato in qualche maniera che la figlia fosse una zoccola degna di stare a Sodoma e Gomorra, ma da persona con forti influenze tradizionaliste non poteva accettare che fosse andata a vivere fuori casa, doveva stare sotto il tetto dei genitori fino al giorno del matrimonio.
Carlo aveva chiesto una mano ad un anziano di una congregazione vicina. Non se la sentiva di andare a casa di Francesco con uno degli anziani della sua congregazione.
Gabriele era un fratello sulla cinquantina, alto, ben messo, un pò brizzolato per l'età ma ancora aitante. Possedeva una grossa officina di ricambi d'auto ed era considerato uno dei “pezzi da novanta” dei Testimoni di geova della regione. Dalla sua c'erano una ottima arte oratoria e una grande capacità di convincere le persone, da non sottovalutare il fatto che fosse un padre di famiglia e persona rispettabile anche nella società “civile”, una persona d'autorità sia dentro la comunità dei Tdg che al di fuori. Con un fratello come Gabriele a fianco, Carlo era sicuro almeno di scalfire un po' delle nuove certezze che Alessandra si era creata in questa nuova vita più libertina.

Arrivarono sotto casa di Francesco, erano le prime ore del pomeriggio. Carlo aveva preferito non avvisare la figlia che sarebbe passato, contava sull'effetto sorpresa.
Citofonarono. Rispose Francesco che un po' imbarazzato dopo un piccolo conciliabolo accettò che Carlo e Gabriele potessero salire a trovare Alessandra. Era giusto, Carlo era il padre della ragazza, non poteva impedirgli di parlare.
Alessandra non era molto contenta di vedere suo padre, sapeva bene che era li per convincerla a tornare a casa, lei non voleva assolutamente, si trovava così bene a casa di Francesco
.
Alessandra... Io e il fratello Gabriele vorremmo parlarti di una cosa...
Senti papà, fai in fretta e non girarci attorno. Cosa vuoi?
Io e tua madre vorremmo che tu tornassi a casa... ci manchi, sappiamo che hai scelto un nuovo stile di vita... almeno stai a casa nostra però, sei nostra figlia.

Alessandra non aveva alcuna intenzione di tornare a casa ed espresse le sue ragioni, Gabriele osservava il battibecco di famiglia con aria quasi distaccata, avrebbe preso la parola al momento giusto, per sentenziare la propria opinione.
Francesco guardava divertito questa situazione. Da una parte c'erano due uomini sulla cinquantina che in giacca e cravatta cercavano motivazioni per far tornare la ragazza, maggiorenne, a casa dei genitori, dall'altra Alessandra che ormai era “donna di mondo” zittiva quegli adulti molto più grandi di lei con ragionamenti molto più sensati e moderni.

Che cazzo torno a casa pà? Me lo vuoi dire? Ormai vivo con Francesco, succhio cazzi per mantenermi, non voglio più fare la testimone di geova. Cosa torno a casa a fare? Pensi che tornando fra le vostre quattro mura mi torna la voglia di fare la sorella?

La situazione stava degenerando, Alessandra era visibilmente scocciata e contrariata, voleva che Carlo e Gabriele se ne andassero. Stavano per andarsene quando Gabriele decise di prendere finalmente parola:

Vedi ragazzina, - esordì con un po' di arroganza Gabriele, - Noi non siamo qui a convincerti a tornare a casa. Siamo qui a dirti che i tuoi genitori, che son dei zelanti Testimoni di Geova, rispettati e amati da tutta la congregazione stanno soffrendo per te e per la tua condotta peccaminosa. Ti stanno facendo un dono di misericordia a invitarti a tornare a vivere sotto il loro tetto. Tu hai sbeffeggiato geova e la sua organizzazione. E' un atto di amore e misericordia quello che stiamo facendo nei tuoi confronti. Con quello che hai combinato e per l'eco che hanno avuto le tue azioni avresti dovuto essere disassociata dai testimoni di geova e nessun testimone di geova potrebbe più avere rapporti sociali con te. Ricordati che solo la benevolenza di geova e dei tuoi genitori ti ha evitato questa giusta punizione.

Alessandra ascoltò bene le parole di Gabriele e prima di rispondere, a tono, prese fiato e muscoli in corpo, perché quello che aveva da dire non era ne semplice ne carino, soprattutto nei confronti di suo padre.

Guarda fratello Gabriele... tu non conosci un cazzo ne di me ne della mia famiglia. E le azioni che ho combinato son solo cazzi miei. Capisco che i miei mi vogliano di nuovo a casa, ma forse ci son dei dettagli che ti sfuggono e dovresti conoscere sulla mia famiglia.

Carlo guardò Alessandra e impallidì. Il loro segreto stava per essere rivelato pure a Gabriele.

Mio padre mi fa succhiare il suo bel cazzo da almeno un anno, lo sapevi?

Gabriele ebbe quasi un mancamento, Carlo si mise la testa tra le mani e Francesco, scioccato e sbalordito per la rivelazione non sapeva se essere divertito o scandalizzato per questi nuovi sviluppi.
E se proprio vuoi saperlo abbiamo scopato tante di quelle volte che la mia figa e la mia bocca conoscono l'odore del suo cazzo molto meglio di mia madre. E se la cosa non ti scandalizza, abbiamo scopato anche in sala del regno e in sala assemblee e anche con altri anziani della nostra congregazione. Tu che sei di un'altra congregazione magari certe cose non le sai, prima di parlare informati. Non sono stata disassociata perché se viene fuori lo scandalo che tutti gli anziani mi hanno scopata non si salva nessuno da noi, vengono allontanati tutti.

Carlo nascondeva la testa sotto le mani per la vergogna, Gabriele si era ammutolito e guardava con ribrezzo Carlo e la figlia. Era una cosa che non avrebbe mai potuto immaginare. Una zozzeria simile, nella organizzazione che tanto amava e in cui credeva ciecamente.
Alessandra vide lo sconforto e l'umiliazione del padre. Essere sputtanato nuovamente e in quella maniera dalla propria figlia era l'ennesima lezione che la figlia stava impartendo ad un uomo già distrutto e combattuto tra l'appartenere al “bene” o al “male”.
Era stata troppo dura e se n'era dispiaciuta, non meritava quel trattamento. Non meritava di esser trattato a pesci in faccia proprio dalla amata figlia, amata figlia che lo aveva coinvolto e condotto nella via della perdizione.
Fece ciò che aveva già fatto altre volte. Le piaceva quel ruolo, si trovava a proprio agio con questo modo più aperto di intendere la sessualità.
Si tolse la maglietta e i pantaloncini e guardò uno ad uno in faccia i tre maschietti. Francesco si stava eccitando, aveva capito cosa voleva fare Alessandra. Gabriele si alzò di scatto e guadagnò l'uscita, ma Alessandra lo rincorse, lo afferrò per un braccio e lo invitò a restare. Si guardarono negli occhi. La spiritualità di Gabriele subì un tracollo, la ragazza gli stava toccando le parti intime mentre con un braccio lo teneva stretto saldo per non farlo uscire da quella casa.

Spogliatevi. - disse lei

Francesco si levò i calzoni, pure Carlo seguì le indicazioni della figlia. Ne aveva troppa voglia, da troppo tempo non scopavano. Gabriele era ancora li, fermo, immobile, non sapeva se cedere a questa grossa porcata o rimanere spiritualmente integro nei confronti di geova. Come avrebbe guardato in faccia sua moglie, i suoi figli, i suoi dipendenti il giorno dopo se avesse accettato questa insostenibile porcata.
Un lampo di trasgressione gli brillò negli occhi, quando gli sarebbe capitata una occasione del genere. A sua moglie e ai suoi figli non avrebbe confessato mai questa cosa, in sala non si sarebbe venuta a sapere, dei suoi dipendenti non gli sbatteva un cazzo e geova... e geova se ne sarebbe fatto una ragione, a tempo debito l'avrebbe distrutto o perdonato.
Si levò anche lui in fretta e furia i calzoni e rimase col pacco rigonfio a guardare Alessandra. Era proprio una bel pezzo di figa quella ragazza. Aveva lo sguardo che ti invitava a spararti seghe a raffica. Quando la vedeva in assemblea con quei bei vestitini lunghi faceva la sua porca figura, li ora, nuda sotto di loro era ancora più bella e interessante. Alessandra si era legata i capelli per essere più comoda.

Sistemò i tre maschietti in cerchio e lei si mise inginocchiata in mezzo a loro. A turno prese i loro cazzi in bocca. Prima fu il turno di suo padre, era da tanto che aspettava nuovamente quel momento.
Il cazzo del padre era sempre contornato da un cattivo odore ma ci si era abituata. Mentre si infilava l'uccello del genitore in bocca avvicinò le mani ai cazzi di Francesco e Gabriele e iniziò a masturbarli. Era così bello succhiare il cazzo del padre dopo tanto tempo. La sua lingua conosceva ogni centimetro di quel pene, conosceva i punti esatti dove Carlo sentiva più estasi e godimento, e sapeva che movimenti fare con la boccuccia per eccitarlo ancora di più. Il Fratello Gabriele era visibilmente imbarazzato, non sapeva come comportarsi, guardava in basso Alessandra che lo masturbava e il cazzo cresceva a dismisura. Se solo certe cose le avesse fatte pure sua moglie che invece a malapena gli faceva fare una scopata ogni tre mesi. Mentre Alessandra lo segava con discernimento ed empatia si chiedeva se certe cose le facessero anche le sue figlie.

Tra un respiro e l'altro Alessandra lanciava un sorriso ai tre maschietti. Fu il turno di prendere in bocca il cazzo di Francesco. Era il cazzo più lungo e più duro che avesse mai visto e per questo lo succhiava con forza e voglia di sentire la sborra colarle in gola. L'aveva scelto come compagno di vita quell'uomo, quell'uomo con quell'enorme cazzo da succhiare. Francesco le teneva forte la testa attaccata alle sue palle, le spingeva il cazzo in gola fino a farla soffocare. Francesco aveva un cazzo più profumato di suo padre, e pure il sapore dello sperma di Francesco era genuino e gustoso, dolce, raffinato. Per questo voleva sempre che lui le venisse in bocca, perché il suo sperma aveva proprio un sapore gustoso, come fosse una prelibatezza da ristorante.
Carlo si masturbava, era la situazione che desiderava, sua figlia nuovamente fare la porca insieme a lui. Francesco continuava a spingere la testa di Alessandra contro il suo cazzo, la ragazza ansimava, uscivano liquidi dalla bocca, sembrava soffocare davvero. Arrivò da dietro Carlo, si mise pure lui sotto Francesco e diede il cambio alla figlia.
Succhiava quell'enorme cazzone con voglia e sentimento. Carlo e Alessandra si guardavano negli occhi, succhiando insieme il cazzo di Francesco. Gli occhi di entrambi brillavano. Era così bello spompinare insieme, padre e figlia, il cazzo del compagno di Alessandra. Un'intesa così non l'avevano mai avuta nemmeno quando uscivano insieme in servizio. Gabriele osservava la scena, non sapeva cosa fare, Francesco invece teneva le teste di padre e figlia sui suoi genitali ed era pronto a venire da un momento all'altro. La bocca di Carlo colava saliva come quella di Alessandra, Francesco gli teneva la testa come faceva con Alessandra, obbligandolo ad un godurioso deepthroat.
“Erano certamente padre e figlia” - pensava Francesco, “succhiano il cazzo allo stesso modo, con la stessa passione, chissà la madre di Alessandra se era così brava come la figlia e il marito”.
“Prima o poi devo trombarmi anche la madre di Alessandra”, pensava tra se e se Francesco.
Mentre Carlo succhiava avidamente il cazzo, leggeri rivoli di saliva gli colavano dalla bocca. Alessandra passava la sua lingua sul buco del culo di Francesco e con la punta cercava di leccargli pure le palle. Alessandra fece un cenno a Gabriele e lo invitò a unirsi. Gli prese il cazzo in bocca e gli fece assaporare il più bel pompino della sua vita. Mentre Gabriele guardava in basso vedeva gli occhioni felini di Alessandra e si eccitava ancora di più. Alessandra aveva quel modo elegante e raffinato di succhiare il cazzo che era impossibile non resisterle. Faceva quei lamentini da gattina mentre succhiava, ti guardava con occhioni languidi e cercava sempre di ficcarselo tutto in bocca, non solo la punta, voleva proprio sentire tutti i centimetri del cazzo arrivarle fin dove crescono le corde vocali. Ed era eccitante quel rumore di sbocchinamento che faceva ed amplificava per rendere ancor più emozionate un semplice pompino.

Sborratemi addosso! - Gridò Alessandra.
Anche a me! - Disse Carlo

Francesco indirizzò il getto dell'uccello sulla faccia di entrambi, partì una spruzzata colossale, la sborra ricoprì la faccia e i vestiti di Carlo e Alessandra. I due pieni di sborra, si baciarono e Alessandra andò a leccare lo sperma che era finito sulla camicia del padre.
Gabriele si menava l'uccello ma non riusciva a venire. Allora Carlo andò sotto fratello Gabriele e iniziò a spompinarlo per bene. Gabriele chiuse gli occhi e in men che non si dica era venuto nella bocca di Carlo. Soddisfatto tirò un gran respiro.

Ora ragazzi – disse Francesco. - Se vi scappa da pisciare fatelo pure su Alessandra, lei lo adora.

L'unico che aveva lo stimolo di pisciare era Carlo. Si alzò in piedi, con la faccia e la camicia sporca di sperma e si posizionò proprio sopra la figlia. Con una mano teneva il cazzo, con l'altra le apriva la bocca. Alessandra teneva la bocca aperta e le mani dietro la schiena. Come se fosse un cesso in cui direzionare l'urina, Carlo mise il cazzo in direzione della bocca e ne fece uscire una lunga pisciata gialla. La maggior parte del piscio finì nella bocca della ragazza, che a fatica deglutì l'urina mista a sperma, un po' di piscia le finì in faccia e alcuni schizzi sulle tette. Era tutta sporca, tutta puzzolente di sborra e piscia, ma sorridente. Alessandra si leccava le parti del corpo, prendeva la sborra dalle tette con le dita e se la portava alla bocca. Carlo era ancora eccitato, con la figlia ancora a terra sporca e puzzolente andò a cercarle la figa prima con le dita e poi con la lingua. Con le dita le fece un sontuoso ditalino, Alessandra gemeva di soddisfazione. Le infilò prima una, poi due, poi tre dita e iniziò a masturbare la figlia avidamente. Pure Alessandra era venuta. Poi mise la testa tra le cosce di Alessandra e iniziò a leccarle la figa, mordicchiandole la peluria, entrando con la lingua dentro quella bella fessura rossa simulando una penetrazione vaginale con un uccello. Francesco aveva ancora eccitazione in corpo, mentre Alessandra era a terra sdraiata col padre che le leccava la figa, pisciò su entrambi, innaffiandoli beatamente di urina. Alessandra rideva sguaiata e con gli occhi chiusi e la bocca aperta cercava di ingoiare più piscia possibile mentre il padre continuava a slinguazzarle la figa rossa e colma di eccitazione.
Gabriele guardava la scena a cui aveva assistito e partecipato e non sapeva come spiegarsela. Però era stata emozionante ed eccitante.

Francesco aveva dei vestiti di ricambio per Carlo e Gabriele, gli indicò la doccia e una stanza dove cambiarsi.
Arrivarono ad un accordo. Alessandra sarebbe rimasta a casa sua, ma avrebbe fatto più spesso visita alla madre e al padre.
Gabriele e Carlo ovviamente, se volevano ripetere quell'esperienza erano i benvenuti a casa di Francesco.
Usciti di casa, Gabriele e Carlo si guardarono negli occhi, senza parlare, in religioso silenzio.
Ma un sorriso soddisfatto pendeva dalle labbra di entrambi.

CAPITOLO 13

Carlo era rientrato a casa assopito nei suoi pensieri. Non diede nemmeno retta ad Angela che notandolo varcare la porta di casa gli aveva rivolto con un cenno quello che poteva essere un saluto o una domanda su come fosse andato l'incontro con la figlia.
Ancora carico di adrenalina si rifugiò in bagno, chiuse la porta a chiave e rimase una decina di minuti buoni con le mani sui capelli seduto sul cesso.
Angela non osava disturbare il marito. Pensava che l'incontro con Alessandra non fosse andato nel migliore dei modi. Magari la figlia si era proprio rifiutare di incontrare il padre.
Tornò alle sue faccende in cucina mentre da un piccolo stereo portatile le note di un cantico riempivano la casa di “pensieri” spirituali.
Carlo andò a guardarsi allo specchio. Voleva farsi decine di domande ma sapeva non avrebbe trovato un briciolo di risposta. La persona che vedeva riflessa nello specchio non poteva essere lui. Cosa gli era successo? Cos'era successo al Carlo che conosceva? Cos'era successo al Carlo che credeva di conoscere?
Era come se fosse un'altra persona, non riusciva a capacitarsi di quello che stava avvenendo nella sua vita, di cosa fosse diventato capace. Erano anni ormai che i “bollori” giovanili si erano spenti, diventando un uomo maturo avrebbe dovuto mantenere un comportamento ed un atteggiamento più consono all'età e al ruolo che ricopriva.
Era Satana ad essersi impossessato di lui, dei suoi pensieri, delle sue azioni o era stato lui a rivolgersi al Diavolo? Quello che stava facendo andava contro a tutto quello in cui aveva creduto nella vita, quello che in cui aveva creduto negli ultimi vent'anni. Era riuscito a superare indenne l'addio traumatico alla sua storia con Gianni. Erano troppo giovani, non erano in grado di affrontare quella situazione nel migliore dei modi. Era stata una bella storia d'amore, bellissima, appassionante. Ma erano giovani e innamorati, non ancora “maturi” per capire le conseguenze delle proprie azioni. Quell'amore giovanile aveva accompagnato i suoi anni migliori con dolcezza, poi il peso della vita, delle responsabilità, del giudizio delle persone avevano avuto il sopravvento. Abbandonare Gianni, abbandonare le vere inclinazioni del suo cuore gli avevano dato la possibilità di riciclarsi come uomo, di vivere una vita dignitosa all'interno dell'organizzazione di cui faceva parte.
Aveva trovato in Angela una compagna ideale per vivere la vita da testimone di geova.
Angela era una brava sorella, zelante, rispettosa, sottomessa al marito e dedita alle faccende di casa. Non era una con particolari grilli per la testa. Non chiedeva la luna e lui non era stato comunque in grado di dargliela. Avevano scopato ai tempi, scopato tanto. Carlo doveva scoparsi Angela per dimenticare Gianni. I primi anni del matrimonio la scopava con rabbia e passione, scopavano tutti i giorni, lei pensava che lui fosse realmente attratto da lei, invece a lui quelle scopate rabbiose servivano ad annegare il dolore per aver perduto l'amore di Gianni. Non che non gli piacessero le donne. In verità non sapeva nemmeno lui quale fosse la sua vera inclinazione. Era andato tutto a puttane e così in fretta. Provava gusto sia nello scopare i maschi che nello scopare le donne. Aveva provato gusto persino nello scoparsi la figlia. Sapeva essere una cosa sbagliata, sapeva essere una cosa che avrebbe portato alla distruzione lui e la sua famiglia. Se la distruzione non l'avesse portata geova l'avrebbero portata gli uomini in casa sua. Scoparsi la figlia era stata la peggior “miglior” scelta della sua vita. Se Angela avesse saputo... se Angela avesse saputo cosa stava accadendo alle sue spalle lo avrebbe scorticato vivo. La moglie poteva accettare la figlia zoccola che scopava con mezzo mondo e si faceva riprendere e mettere i video su internet. Ma quale donna sana di mente, anche la più compassionevole avrebbe accettato la relazione incestuosa tra un padre e la figlia? Quale disonore poteva arrecare alla famiglia? E all'organizzazione intera? I testimoni di geova erano conosciuti come persone moralmente indiscutibili. Ora le voci sulle trasgressioni dei testimoni di geova in paese superavano di gran lunga la soglia della tollerabilità.
Troppe persone erano ormai coinvolte in questa storia, troppe persone sapevano, troppe persone avevano “visto” coi propri occhi quelle scene. Alessandra lo aveva indirizzato in quella pericolosa via chiamata “peccato” e lui ci aveva affogato entrambi i piedi ed il cuore con troppa facilità.
Quante persone aveva coinvolto pure Carlo in questa assurda situazione. L'unica a non sapere era Angela. L'unica a non sapere era la persona con cui divideva la vita e a cui vent'anni prima aveva giurato fedeltà ed amore eterno.
Persino il fratello Gabriele era finito nella mischia fangosa dei suoi rapporti incestuosi. Lui desiderava ardentemente riportare Alessandra a casa ma non pensava sarebbe finito nuovamente in un'orgia insieme a sua figlia.
Anche Gabriele adesso era compromesso. Un altro Anziano di congregazione che rischiava, a carte scoperte, di essere cacciato a pedate dall'organizzazione.
L'unica fortuna che aveva Carlo era proprio il coinvolgimento di tante persone “nominate” in questa questione. Tutto il Corpo Anziani della sua congregazione era implicato in questa storia di sesso. Non avrebbero potuto mai dirgli nulla per cil fatto che si era scopato sua figlia. Anche loro erano coinvolti. Anche loro avevano partecipato a quel sontuoso banchetto di putrida impurità.
Accusare lui sarebbe stato accusare loro stessi.
La sua unica e l'ultima ancora di salvezza. La mancanza di coscienza generale aveva lavato via la sporcizia dalla sua di coscienza.
Rimaneva un'ultima questione da risolvere: come convivere con la propria di coscienza sporca.
Doveva fare un ultimo sforzo, dimenticarsi di essere un padre incestuoso ed un pessimo pastore per la comunità e tutto sarebbe tornato apposto. In ordine. Un'ordine apparente.
Aprì la porta del bagno e andò verso la cucina. Angela stava cucinando.
Era sempre indaffarata a far qualcosa sua moglie. Cucinava o metteva in ordine la casa. Quando stava a casa. Ora che Alessandra viveva da un'altra parte quella casa era diventata un po' più vuota e anche Angela era diventata un po' meno sicura di se e un filo più triste. Usciva anche meno in predicazione, come tutti in congregazione. Non c'era più molto da dire in giro. Era meglio non farsi vedere dalle persone del territorio. Dovevano calmarsi le acque. Ci sarebbero volute settimane, mesi, forse anni. Le persone sapevano chi fossero Carlo e Angela. Tutti sapevano che erano i genitori di quella testimone di geova famosa di cui si parlava per i video porno su internet. Vedeva i sorrisetti imbarazzati della gente. Entrambi sentivano quei sorrisetti come dei lancinanti coltelli nello stomaco.
In paese poi, gli uomini che frequentavano la casa del suo collega Enrico sapevano già delle perversioni di Carlo e Alessandra. Sapevano che erano testimoni di geova, sapevano che erano padre e figlia, sapevano che quel rapporto incestuoso e malato era una forte forma di ribellione al sistema religioso in cui si erano trovati a vivere.
Carlo guardava la moglie. Stava cucinando ed era talmente assorta da non accorgersi del marito che si era fatto sempre più vicino alle sue spalle.
Avrebbe fatto come agli albori del loro matrimonio. Se la sarebbe scopata, li in cucina, per dimenticare Alessandra, per dimenticare le delusioni che gli aveva dato la vita, per dimenticare Gianni. Per dimenticare che tutte le certezze della sua esistenza stavano andando a rotoli. Angela avrebbe goduto un po' anche lei, magari si sarebbe nuovamente accesa la fiammella della passione che sembrava essersi perduta nei troppi infelici anni di matrimonio. Angela avrebbe pensato che lui era realmente felice di scopare con lei. Come credeva agli inizi della loro storia, quando scopavano tutti i giorni.
Carlo si avvicinò alla moglie e le sfiorò i capelli.
Le spostò leggermente una ciocca di capelli e andò a baciare il collo e le spalle. Angela era sorpresa dal comportamento del marito. Era da tempo che non le rivolgeva più queste attenzioni. Abbandonò l'interesse per gli arnesi da cucina e si lasciò coccolare dalle sapienti mani del marito. Erano anni che non la toccava così. Forse la disperazione e la delusione per aver visto la figlia allontanarsi dalla congregazione e da quella casa l'avevano cambiato.
Carlo alzò leggermente la gonna della moglie, sempre rimanendo alle sue spalle. Si stava eccitando. Anche Angela, dall'alto dei suoi cinquant'anni si stava eccitando. Non era più giovanissima ma aveva ancora delle belle forme. Era la classica donna del sud molto formosa. Tante curve, tanta passione.
Carlo le stava toccando il culo con le mani, come fossero ragazzini. Le massaggiava il culo e nel frattempo continuava a baciarle le spalle e il collo.
Con una mano si era slacciato la patta dei pantaloni e aveva tirato fuori il cazzo. Quello stesso cazzo che solo un'ora prima aveva banchettato con Alessandra e Gabriele in casa di Francesco.
Quello stesso cazzo che profumava ancora della bocca di Alessandra. Quello stesso cazzo che ora stava nuovamente eccitandosi e crescendo a contatto col culo di Angela.
Carlo spostò le mutandine della moglie di lato. Angela voleva la scopasse. Preferiva la maniera tradizionale che avevano di scopare, ma poteva andar bene anche così. Da dietro Carlo posizionò la punta dell'uccello sul buco del culo di Angela. Lei quando capì che il marito stava per entrarle dal culo fece un po' di opposizione. Era peccato il sesso anale, non l'avevano mai praticato. Non era il caso di cominciare ora che aveva quasi cinquant'anni. Sempre dando le spalle al marito indirizzò la punta del cazzo un po' più sotto, preferiva che Carlo le entrasse in luoghi più tradizionali. Carlo non si lasciò intimorire dal rifiuto di Angela, prese nuovamente il cazzo in mano e stavolta senza troppi indugi lo mise all'altezza del buco del culo di Angela. Si sputò sulla mano e lubrificò ben bene il cazzo, poi senza chiedere il permesso iniziò ad inculare Angela. La moglie non interferì con la scelta anale del marito. Doveva pur sempre rimanere leale e sottomessa al capofamiglia. Se il capofamiglia riteneva giusto sodomizzarla lei doveva acconsentire. Era il prezzo da pagare per essere una buona moglie. E poi Carlo era un anziano di congregazione, sapeva sicuramente più di lei cos'era giusto e cos'era sbagliato. Carlo spingeva forte il suo cazzo nel culo della moglie e lei non nascondeva un certo imbarazzo per la nuova posizione sessuale e un certo dolore che le provocava essere sodomizzata. Il piacere per Carlo aumentava e anche ad Angela iniziava a piacere quel nuovo modo di essere scopata dal marito. Sapeva essere peccaminoso il sesso anale, le riviste lo vietavano espressamente. Era da considerarsi una pratica pervertita. Mentre Angela iniziava a godere sempre più Carlo sentiva la punta dell'uccello ingrossarsi a dismisura. Stava godendo per davvero e non stava più scopando sua moglie solo per dimenticare Gianni o Alessandra.
Le sussurrò all'orecchio di non sorprendersi che la stesse inculando anche se le regole lo vietavano. Avevano avuto come anziani una comunicazione ufficiale dalla filiale, d'ora in poi sesso anale e sesso orale non sarebbero più stati considerati peccati dall'organizzazione. Qualunque coppia sposata poteva tranquillamente scopare in quelle maniere senza doversi sentire in colpa. Ovviamente era una bugia ma Angela ci aveva creduto e questo era l'importante.
Desiderosa di provare pure il sesso orale Angela si divincolò dal marito e andò ad inginocchiarsi proprio sotto all'uomo. Il cazzo puzzolente di Carlo era li, lucente e lucido, davanti alla faccia della donna. Con un po' di agitazione e imbarazzo Angela prese in bocca il pisello del marito e iniziò a succhiarne la punta con vivace soddisfazione. Arrivare alla veneranda età di cinquant'anni per fare un pompino. Carlo era soddisfatto. Era riuscito nell'impresa di far succhiare il cazzo ad Angela. Non era brava come Alessandra ma se la cavava comunque bene. Il talento era sicuramente nel DNA di quella famiglia, tutti e tre sapevano succhiare il cazzo, chi più, chi meno. Angela succhiava, voleva godersi fino in fondo quella prima esperienza orale. Era come mangiare un gelato per la prima volta. Carlo la istruì su come ricevere la sborra quando fosse venuto, le tenne la testa tra le sue possenti mani e riversò un rivolo di sborra, anche se non copiosa nella bocca della donna. Angela sulle prime rimase un po' sorpresa, per l'intraprendenza del marito e per la conoscenza di quelle pratiche sessuali da parte di Carlo. Il sapore del cazzo del marito non era malvagio, anche se l'odore forte del pisello l'aveva un po' intontita. Le era piaciuto molto anche il sapore dello sperma, si leccava le labbra e si leccò pure quel poco di sborra che le era rimasto fuori dalla bocca.
Carlo era visibilmente soddisfatto e compiaciuto.
Tutta la tensione del periodo si era sciolta in quella sborrata.
Angela si rimise in ordine, doveva continuare a cucinare, bevve un bicchiere d'acqua dal rubinetto per levarsi via lo sperma appiccicoso rimasto in bocca e guardando il marito si chiese dove cazzo fosse stato il marito in questi anni. Era veramente tanto tempo che Carlo non mostrava così tanta attenzione e passione sessuale nei suoi confronti.
Si guardavano come non si erano mai guardati da quand'era nata Alessandra.
La fiamma era tornata a bruciare nei loro corpi, per quanto non era dato saperlo, ma quel giorno, il cazzo di Carlo aveva dato nuovamente linfa vitale, e non solo sborra, alla vita sessuale della moglie.
Si avvinghiarono nuovamente e fecero l'amore sul tavolo della cucina, in salotto, sul letto, scoparono fino a quando ci fu un briciolo d'energia in corpo.

CAPITOLO 14

Gabriele aveva appena finito di pronunciare il discorso pubblico. Uno scrosciante applauso riempì le pareti della sala come fosse stato in un palazzetto dello sport a sentire un concerto. Si sentiva davvero orgoglioso del discorso fatto, era una degli oratori più in gamba della circoscrizione, riusciva sempre a catturare l'attenzione del pubblico. All'ultimo momento era stato chiamato per sostituire il fratello che doveva fare il discorso in quella congregazione. Come sempre gli capitava in quelle situazioni aveva accettato, era sempre bello sentirsi importante, riuscire a stare sul podio e farsi “ammirare” e “idolatrare” dagli altri testimoni di geova. Sceso dal podio aveva ricevuto un sacco di pacche sulle spalle, alcune affettuose, alcune di circostanza.
Guardò la sua famiglia, seduta nel bel mezzo della sala. Erano come sempre orgogliose del “papà”.
Era un anziano importantissimo nello scacchiere dell'organizzazione, aveva il potere decisionale sulla maggior parte delle questioni “di peso”.
La sua parola arrivava fino alla filiale italiana, aveva un fratello che era un noto sorvegliante di circoscrizione quindi gli appoggi non gli mancavano.
In un paio di occasioni era persino riuscito a coprire grosse manchevolezze dei figli senza che nessuno potesse protestare. Nessuno osava contraddirlo. Per molti era l'esempio dello zelo tramutatosi “uomo”.
Eppure...
Eppure qualcosa nello stomaco gli rodeva. Il discorso che aveva appena pronunciato parlava del destino avverso che avrebbero incontrato i peccatori impenitenti.
Lui era almeno un paio di settimane che si portava questo enorme fardello sulla coscienza. Aveva cercato di contattare Carlo, dovevano parlare in privato di quel che era successo a casa di quell'uomo. Non riusciva più a convivere con l'idea di aver scopato la figlia di Carlo e di essersi unito ad un'orgia. Le sue figlie erano all'incirca dell'età di Alessandra, anche se erano già sposate con dei zelantissimi fratelli e vivevano ormai fuori dalle mura di casa. Si chiedeva come si sarebbe sentito se una di loro fosse stata invischiata in una storia del genere. La perversione della congregazione di Carlo era a livelli inimmaginabili.
“Anche a Sodoma e Gomorra è cominciata così e son stati sterminati tutti” - pensava Gabriele mentre con la testa fra le nuvole faceva finta di ascoltare la Torre di Guardia.
E quel pompino di Carlo non riusciva a spiegarselo. Poteva capire Alessandra, era una ragazza, seppure con un atteggiamento sessuale molto “libertino”. Ma Carlo. Carlo era un maschio. Gli aveva succhiato l'uccello. L'omosessualità era una delle cose che Gabriele più detestava nell'umanità. Per questo si augurava che geova avrebbe stroncato presto la gente di questo mondo. Odiava profondamente le perversioni.
Ma Carlo. Carlo era comunque un amico. E gli aveva succhiato il cazzo. La cosa che lo turbava di più era che sotto sotto gli era anche piaciuto.
“Il seme del peccato è tra noi” . Pensò Gabriele. Il seme del peccato era entrato nella sua vita e come un virus si sarebbe trasmesso anche alla sua famiglia, ne era certo. Per colpa sua anche la sua famiglia avrebbe cominciato a far cose “detestabili a geova”.
Guardava sua moglie, con la testa china sul cellulare che seguiva lo svolgimento della rivista. Aveva sottolineato praticamente tutte le frasi di tutti i paragrafi. Si scambiarono un'occhiata affettuosa e lei gli diede un leggero buffetto sulle guance.
Lui amava sua moglie. Gabriele era un marito esemplare. Riusciva a far quadrare tutte le attività della vita: un lavoro impegnativo, era pur sempre un imprenditore, le attività di anziano di congregazione, la predicazione, la cura della famiglia.
Però da due settimane a questa parte si era accorto che la sua vita sessuale non era po così interessante a casa. Sua moglie non succhiava il cazzo, non lo aveva mai succhiato, invece a lui sarebbe piaciuto ogni tanto farsi spompinare. Dopo aver provato l'esperienza eccitante con Carlo, Alessandra e quell'altro uomo sentiva di dover fare di nuovo quelle cose.
Il suo cazzo iniziava ad aver bisogno di sentirsi eccitato.

Finita l'adunanza tornarono a casa, non aveva fame però Gabriele. Si mise sul computer e fece il login sul server dell'organizzazione.
Andò a cercare tutti quei “files” riservati che trattavano di “sesso” e “disassociazione per peccati sessuali”.
Negli anni aveva partecipato a tantissimi comitati giudiziari, aveva un database immenso con schedate tutte le attività “disciplinate” da lui e dal resto dell'organizzazione.
Da quando era arrivata la direttiva di far sparire tutto il cartaceo avevan dovuto mettere tutta quella enorme serie di dati “in digitale” e lui detestava stare sul computer, gli veniva male agli occhi e già lo utilizzava al lavoro, era una rottura di palle doverlo utilizzare anche per le cose di congregazione.
Cerco nel “database riservato” la scheda di un fratello che era stato disassociato anni prima per gravi immoralità sessuali. Lesse il resoconto e impallidì. Non era poi così diverso da quel che aveva fatto anche lui. Se fossero stati scoperti avrebbero avuto la stessa “onta”, sarebbero stati disassociati in massa come fratelli e addio privilegi di “anziano”. Non sarebbe servita nemmeno l'influente parentela del fratello sorvegliante. Chiuse la pagina “confidenziale” coi dati del fratello e cercò altri documenti nel server.
Era tutto così umiliante. L'organizzazione schedava tutti gli appartenenti e gli ex appartenenti al credo geovista, nessuno era al sicuro. La privacy era costantemente violata. Qualunque cosa uno avesse fatto era li, a disposizione degli “anziani”, sul server “segreto”. Tutti i dati personali dei fratelli e degli ex fratelli erano li. Per questo Gabriele non si sentiva al sicuro. Anche se solo fosse stato ripreso per aver fumato una sigaretta, il “rapporto confidenziale” sarebbe finito “per l'eternità” a disposizione di chi tirava le redini dell'organizzazione. Figuriamoci se avessero scoperto quelle attività sessuali impure a cui aveva partecipato. Per l'eternità il suo nome sarebbe stato legato indissolubilmente a quei gravi peccati.

Suonarono alla porta. La moglie di Gabriele andò ad aprire.
Alessandra si era presentata a casa di Gabriele, la moglie dell'anziano aveva riconosciuto la giovane. La conosceva bene ancora prima della “storia” che la vedeva protagonista di tutti i pettegolezzi porno della teocrazia.
Rimase un attimo sbalordita di trovarsi la ragazza in casa sua ma la fece entrare.

Posso parlare con il fratello Gabriele? E' una cosa importante.
E' su nel suo studio, lo trovi appena salite le scale.

La moglie di Gabriele non si fece troppe domande. Dei pettegolezzi di Alessandra ne parlavano tutti, probabilmente era venuta a confessarsi con un anziano di congregazione che non fosse uno di quelli della propria congregazione. Era una cosa abbastanza normale e non ci diede peso. Spesso e volentieri fratelli o sorelle venivano a casa loro per parlare privatamente con Gabriele.

Alessandra entrò nella stanza dove Gabriele era ancora intento a guardare sul Pc. Gabriele rimase sorpreso di trovarsi li Alessandra. Non poteva neanche ammettere a lei o a se stesso che erano due settimane che stava pensando a lei.
Alessandra chiuse la porta dietro se e Gabriele le fece cenno di accomodarsi, c'erano un paio di sedie dietro la scrivania.

Devo parlarti Gabriele.
Di cosa Alessandra?
Di quel che è successo...

Gabriele fece un cenno con la mano ad Alessandra. Doveva abbassare il volume della voce, non voleva che la moglie potesse sentire qualcosa di quella conversazione.

Cosa devi dirmi Alessandra? Sei qui per ricattarmi?
Assolutamente no Gabriele... anzi, son qui per ringraziarti e per chiederti come stai... so che la cosa potrebbe averti turbato...
Beh Alessandra... certo che mi ha turbato. Mi ero preparato per fare una visita pastorale e mi son ritrovato a partecipare ad un'orgia...
Mi dispiace... so che ora vedrai me e mio padre con occhi diversi...
Non mi aspettavo aveste una relazione incestuosa. E non mi aspettavo che tuo padre... insomma che tuo padre mi praticasse del sesso orale.
Però ammettilo è stato eccitante Gabriele, no?
Si Alessandra... è stato molto eccitante ma...
Ma?
Ma è stato anche profondamente sbagliato. Io son due settimane che vivo con i sensi di colpa. Son un rinomato anziano di congregazione, uno dei più importanti a livello regionale e nazionale. Mio fratello è un famoso sorvegliante di cirscoscrizione... e io se dovesse venir fuori questa storia non sai che fine rischierei di fare... Tutta la mia vita imploderebbe in un attimo...
Basta tenere nascoste le proprie trasgressioni Gabriele … è così semplice, no?
Tenere nascoste? E la coscienza? A te non rimorde la coscienza per quello che fai Alessandra? Eri una giovane così brava, così zelante, così devota a geova... ora convivi con un uomo molto più grande di te e scopi con chiunque... persino con tuo padre... e poi fai quei video porno che girano in rete... tutti ti conoscevano come una brava pioniera regolare e ora...
e ora Gabriele? Cos'è cambiato? Solo perché esprimo la mia sessualità devo essere giudicata come una troia?
Io prima di scoprire questo mio lato più spregiudicato fingevo di essere felice come testimone di geova. Ora mi sento più libera Gabriele. Libera di scegliere. Magari faccio cose sbagliate, ma sono io a scegliere. Nessuno può impormi nulla. Prima ero in gabbia Gabriele... ora non più...
Non capisco comunque perché tu sia venuta qui, è rigirare il coltello nella piaga Alessandra...

Alessandra notò l'imbarazzo di Gabriele. Da una parte avrebbe voluto fare l'anziano “ammonitore”, dall'altra capiva che anche lui era finito in un bivio.
Se da una parte si sentiva in colpa per quel che aveva fatto dall'altra la trasgressione lo eccitava.
Gabriele si era alzato e stava andando verso la porta, per invitare gentilmente Alessandra ad andarsene.
Alessandra si avvicinò all'uomo e gli mise la mano sui pantaloni, all'altezza del pisello.

Gabriele, ora ti faccio un pompino. Se hai il coraggio mandami via ora, altrimenti lasciami fare...

Alessandra si inginocchiò e pian piano slacciò la cintura di Gabriele. Gabriele non si muoveva. Non l'aveva comunque cacciata dalla stanza, quindi voleva che lei succhiasse il suo uccello. Faceva tanto lo “spirituale” ma poi un pompino non si rifiuta mai.
Slacciata la cintura, i pantaloni caddero a terra lasciando in bella vista le mutande, da cui proveniva un forte odore di sperma. Probabilmente Gabriele si stava già eccitando prima che lei si inginocchiasse. Tirò fuori il cazzo dalle mutande, era già bello umido e con la cappella gonfia di piacere. Lo annusò ben bene e lecco la punta dell'uccello, tenendolo con la mano sinistra ben eretto. Leccò fino in fondo, arrivando alle palle e leccò pure quelle. Gabriele aveva chiuso gli occhi, non se la sentiva di guardare quello che Alessandra stava facendo. Alessandra si passò l'uccello su tutta la faccia e impresse nelle narici quel forte odore di cazzo che emanava l'uccello di Gabriele. Non si era legata i capelli e svolazzavano liberi sul pisello di lui, coprendo la faccia di lei, impregnandosi anche loro dell'odore del pisello dell'anziano di congregazione.
Si infilò per bene tutto l'uccello in bocca e cominciò a succhiare con veemente dolcezza. I capelli le andavano sul viso e con la mano li spostava continuamente. Gabriele aveva paura di toccarla e rispetto agli altri uomini non le teneva la testa premuta sul cazzo. Succhiava e guardava Gabriele, cercando in lui uno sguardo complice che tardava ad arrivare. Lui stava fermo immobile, con gli occhi chiusi, si mordeva le labbra dal piacere, non voleva che Alessandra smettesse ma in cuor suo un po' di colpa la sentiva per quel che stava succedendo. La moglie era giù di sotto a fare le faccende di casa e non immaginava quel che stava accadendo a pochi metri da lei, nello studio privato di Gabriele. Alessandra succhiava sempre più forte, aveva messo in bocca l'uccello tante volte, ci aveva sputato sopra, si aiutava anche con la mano, massaggiando la punta dell'uccello e masturbandolo.
Gabriele ogni tanto accennava un timido ansimare di godimento.

A bassa voce, senza perdere il ritmo Alessandra gli disse pure di venire nella sua bocca senza farsi problemi, non doveva avvisarla quando era pronto per sborrare.
Gabriele annuì con un cenno del capo e istintivamente portò finalmente le mani sulla chioma di Alessandra. Prese alcuni capelli tra le mani e iniziò a massaggiare la testa della ragazza, poi come fosse un robot le prese la testa all'altezza delle orecchie e iniziò a dettarle il ritmo della succhiata.
Non le spingeva la testa fino in fondo, Gabriele non era al corrente che si potesse ingoiare il cazzo fino in profondità, non era così esperto. Alessandra succhiava con molta più dolcezza rispetto al solito, non voleva “turbare” ulteriormente Gabriele, non era ancora pronto per un sontuoso “deep throat”.
L'alito le puzzava di cazzo, il pisello di Gabriele emanava un forte odore e cominciava ad avere un intenso sapore di sperma. La saliva scendeva dalla bocca, qualche goccia di liquido le era finito pure nella camicetta, sentiva la goccia bagnata arrivarle fino le tette.
Gabriele era quasi pronto, sarebbe venuto da li a poco. Sentiva il pulsare del cazzo dentro la bocca di Alessandra.
Fu un attimo, disse “Vengo...” e lasciò defluire una bella quantità di sborra nella bocca della ragazza.
Alessandra raccolse tutto sulle proprie labbra, sulla propria lingua. Non mandò giù tutto lo sperma in un momento.
Aprì la bocca in modo che Gabriele potesse vedere il contenuto che le aveva riversato. Tirò fuori la lingua, era tutta ricoperta di quel liquido biancastro. Gabriele era notevolmente eccitato vedendo Alessandra in quella posizione, col suo sperma ancora in bocca. Alessandra giocava a fare i gargarismi con la sborra, sempre inginocchiata, sempre con quell'intruglio biancastro in bocca. Poi si alzò dalla posizione in cui era e pur essendo leggermente più bassa dell'uomo andò a posizionarsi quasi faccia a faccia, voleva guardarlo negli occhi.
E mentre Gabriele la guardava negli occhi deglutì la sborra. Poi con la lingua che ancora sapeva del cazzo di Gabriele iniziò a baciarlo. Lui acconsentì a farsi baciare e abbracciò la ragazza. Alessandra voleva fargli assaggiare lo sperma che aveva ingurgitato, lo baciò con passione mentre lui la teneva stretta stretta fra le proprie braccia.
Si guardarono negli occhi. Lei era li, diabolica e seducente, con gli occhi “furbi” e uno sguardo che faceva venir voglia di farsi una sega.

Lo lasciò così, col cazzo di fuori, in mezzo alla stanza, aprì la porta e scese le scale. Salutò la moglie di Gabriele e tornò a casa sua e di Francesco.
La moglie di Gabriele non si era accorta di nulla tanto era indaffarata a sistemare la casa.
Non si era nemmeno premurata di andare a controllare cosa realmente il marito e la ragazza stessero facendo su di sopra nello studio privato di Gabriele.
Per lei, moglie di un anziano, era normale che i fratelli e le sorelle cercassero il marito per chiedere consigli o aiuto spirituale. Era questo l'incarico che Gabriele doveva assolvere e lei da brava moglie non poteva interferire con queste disposizioni delicate che provenivano direttamente dall'organizzazione.
Gabriele rimase qualche secondo impietrito, poi si tirò su i calzoni, non voleva che sua moglie lo trovasse in quella posizione sconveniente.
Sodoma e Gomorra si erano impossessate anche di lui.

CAPITOLO 15

La congregazione era in fermento.
Alessandra si era presentata in sala del regno. Nessuno riusciva a spiegarsi come mai non fosse stata ancora disassociata nonostante quello che aveva combinato e che ancora stava combinando.
Entrando salutò calorosamente Marco, Michela e Marianna, i suoi amici più intimi e con cui aveva condiviso le prime “immoralità sessuali” della sua vita.
Si piazzò di fronte al vecchio Sebastiano che stava parlando con una vecchia sorella, Alessandra notò che era sempre più rincoglionito. Lui non sapeva cosa dire, era visibilmente imbarazzato, ma non dalla presenza di Alessandra, ma perché sapeva di essere anche lui con la coscienza sporca.
Pochi passi più avanti Daniele e Gianni stavano discutendo su come posizionare le sedie quando videro Alessandra da dietro che li stava guardando. Anche loro erano visibilmente imbarazzati. Un silenzio generale aveva invaso la sala del regno. Carlo e Angela non si aspettavano che la figlia venisse in sala, gli altri fratelli ormai se l'erano quasi dovuta dimenticare. Era vestita come “al solito”, il “solito” di quando frequentava regolarmente le adunanze.
Molti si chiedevano come mai si fosse presentata in sala, vestita da adunanza, dopo aver fatto tutto quello che aveva fatto.
Nessuno osava salutarla. Erano tutti sbalorditi.
Una sorella, pioniera regolare che era al banco dei Territori fece una smorfia di disapprovazione. Sua figlia anni addietro per molto meno era stata disassociata. Questa si era permessa di fare video porno, di andarsene di casa, di gettare il biasimo su geova e sull'intera organizzazione e poteva impunemente presentarsi come nulla fosse in sala del regno.
L'adunanza stava per cominciare, gli uscieri invitarono le persone a sedersi. L'adunanza quella sera prevedeva i discorsi di esercitazione alla Scuola di Ministero e molti fratelli attendevano il proprio turno per salire sul podio ed essere “giudicati” dal Sorvegliante della Scuola di ministero, che quella sera era proprio suo padre Carlo.
Alessandra si era seduta in fondo, non voleva dare troppo nell'occhio. Marianna, Marco e Michela si erano seduti qualche fila più in la. I genitori di Marianna la tenevano costantemente sott'occhio, l'influenza negativa di Alessandra aveva corrotto lo spirito candido della loro figliola.
Gianni faceva l'usciere, era seduto in fondo, con la sedia appoggiata al muro e la borsa dell'adunanza aperta a fianco della seggiola. Ci fu il cantico e poi la preghiera, poi iniziarono le parti dell'adunanza.

Alessandra avrebbe voluto commentare ma non si era preparata, forse non le avrebbero nemmeno permesso di commentare in quella adunanza, per quanto gli anziani le avessero formalmente salvato il culo da una probabile disassociazione sarebbe stato imbarazzante lasciarla commentare liberamente come se nulla fosse successo.

Era passata una mezz'oretta, Alessandra si alzò per andare in bagno. Daniele e Gianni notarono. Anche Marco, che in quel momento era microfonista notò Alessandra che stava per alzarsi e andare in bagno.
Nel bagno della sala c'era sempre un viavai continuo. I fratelli e le sorelle andavano li non per pisciare ma per estraniarsi cinque minuti dalla noia soporifera dell'adunanza.
Alessandra lasciò che il viavai si levasse dalle palle, poi rimasta sola, si lavò le mani e si guardò allo specchio.
“Perché son venuta?” - si chiedeva tra se e se.
L'usciere, Natan, era entrato in bagno a controllare che non succedesse nulla di strano o sconveniente. Gli erano stati dati precisi ordini. Nulla di “immorale” sarebbe stato più tollerato in sala del regno.
Alessandra si era sentita imbarazzata dal vedere Natan entrare in bagno per controllarla. Si sentiva davvero spaesata. Era un pesce fuor d'acqua, non apparteneva più a quel mondo. L'aveva capito sin da quando si era messa un vestito “dignitoso” e si era presentata in sala quella sera. Francesco era fuori per lavoro quella settimana, all'estero e forse Alessandra aveva iniziato a sentire la solitudine e la mancanza di quel tempo che aveva passato come testimone di geova attiva.
Ormai il suo status era quello di sorella inattiva, non consegnando il rapporto di servizio per mesi e non presentandosi alle adunanze in pratica era “diventata una del mondo”. Non aveva firmato il foglio sulla privacy, quindi non aveva autorizzato gli anziani di congregazione a potersi fare i fatti suoi privati. Si chiedeva se sui server dell'organizzazione ci fosse qualcosa che la riguardasse. Chissà se il suo nome era associato a qualcosa in quel grande database.
Quando viveva coi suoi genitori aveva a disposizione tutto quel che riguardava l'organizzazione dei testimoni di geova. Aveva letto il manuale confidenziale degli anziani, che solo gli anziani di congregazione potevano possedere e consultare. Il famoso “KS” che non era a disposizione dei semplici proclamatori.
Conosceva il contenuto di tutte le circolari che la betel mandava agli anziani, con tutte le nuove disposizioni.
Conosceva persino la situazione finanziaria della congregazione, conosceva dove finivano i soldi delle contribuzioni, conosceva ogni singolo “dettaglio” di come veniva fatta funzionare questa enorme macchina “del terrore”.
Suo padre ingenuamente le aveva sempre lasciato a disposizione tutto il materiale riservato.
E lei, li davanti a quello specchio era sola contro un intero mondo che le stava ingarbugliando lo stomaco.

Marco e Marianna avevano seguito Alessandra in bagno. Marco aveva fatto cenno a Natan di starsene fuori e farsi gli affari propri. Natan ubbidì, Marco era figlio dell'anziano “più influente” della congregazione e ambiva a nuovi incarichi in congregazione, non era il caso di inimicarsi proprio lui.
Quando Alessandra vide entrare i suoi due amici si gettò ad abbracciarli. Loro erano contentissimi di vederla. Loro erano invidiosi della libertà che lei era riuscita a guadagnarsi con la trasgressione. Marco e Marianna avevano provato a parlare ai rispettivi genitori del fatto che fossero stufi di quella vita ma li avevano minacciati di cacciarli di casa se fossero usciti dall'organizzazione. Era meglio che fingessero di essere felici ma pur sempre dentro i testimoni di geova.

Ti voglio bene. - disse Marianna ad Alessandra.
Anche io te ne voglio amica mia.
Sai che ora io e Marco stiamo ufficialmente insieme? Fra qualche mese ci sposiamo. Cosi hanno deciso i nostri genitori.

Marco guardava le due ragazze, lui nel “segreto” dell'opinione generale era riuscito a farsele entrambe. Solo Michela mancava all'appello del suo cazzo.

Vi va di fare una slinguacciata insieme? - disse Alessandra ai due fidanzatini
Marco e Marianna si guardarono in faccia. La cosa era allettante ed eccitante, anche se pericolosa.
Marco aprì la porta del bagno e andò da Natan. Gli passò una banconota da 100 euro. Si guardarono negli occhi. Natan sapeva come comportarsi, non c'era bisogno di tante spiegazioni.

Marco chiuse la porta dietro se ed andò ad abbracciare le due ragazze. Alessandra da una parte e Marianna dall'altra gli avevano ficcato la lingua nelle orecchie e lo coccolavano ed accarezzavano. Entrambe le ragazze portarono una mano sul pacco di Marco. Si stava ingigantendo e lo sentivano. Marianna slacciò la zip del vestito e prese il cazzo di Marco in mano e cominciò a segarlo mentre Alessandra lo baciava sulla bocca, infilandogli la lingua in gola.
Anche Alessandra prese il cazzo di Marco in mano e aiutò l'amica a segare il fidanzato. Non c'era felicità più grande di avere quelle due troiette che lo masturbavano, ancora li dove tutto era cominciato, nel bagno della sala del regno mentre dall'altra parte si stava svolgendo l'adunanza.
Alessandra si abbassò e prese in bocca il membro di Marco, era così delizioso, così profumato, così gustoso da tenere tra le labbra. Marianna non era gelosa, voleva condividere a passione del suo fidanzato con la sua migliore amica. Alessandra spompinava con passione mentre era il turno di Marianna a baciare Marco.
Alessandra si alzò e lasciò il cazzo alla bocca di Marianna che continuava la succhiata dell'amica aggiungendoci qualche sputo. Alessandra si alzò la gonna e tirò giù le mutandine. Mise poi le mani sul lavandino e guardò lo specchio. Dal riflesso dello specchio muoveva la lingua in maniera eccitante verso Marco. Il ragazzo lasciò la bocca della fidanzata a prendere aria e si mise dietro ad Alessandra. Tirò su la gonna del tutto e con il cazzo ben in tiro cercò il buco del culo della ragazza e iniiziò a penetrarla con forza. Il cazzo le stava bruciando il buco del culo, Alessandra faceva fatica per non urlare dal dolore e dal godimento. In sala nessuno si stava accorgendo di quel che stava avvenendo nei bagni.

Anche Marianna voleva essere penetrata, si alzò la gonna e disse a Marco di scoparle la figa. Marco fece ancora qualche violenta penetrazione nel culo di Alessandra e poi diede attenzione alla fidanzata. Si abbassò e levò le mutandine alla ragazza. Ci infilò un paio dita e le fece un ditalino, poi con grande eccitazione iniziò a infilare la lingua nella figa di Marianna, muovendola come un serpente impazzito. Si alzò, schiacciò Marianna contro il muro e infilò il cazzo duro e bagnato nella sua figa. Lei gemeva e ansimava mentre Marco sbatteva con forza il cazzo nella passera fino a farla venire. Ancora eccitato il ragazzo la giro su se stessa e la inculò, così come aveva fatto con Alessandra, tenendole la testa schiacciata contro il muro. La stava possedendo con rabbia e con forza, la stava inculando a sangue. Marianna godeva come una troia.
Alessandra voleva la sborra, aveva bisogno di bere quel nettare prelibato. Si avvicinò al culo di Marianna mentre Marco la stava penetrando e cominciò a leccare le natiche dell'amica e a cercare con la bocca il contatto del cazzo di Marco.
Marco se ne accorse, tolse il cazzo dal culo rosso e bagnato di Marianna e lo ficcò con forza in bocca ad Alessandra. La forza taurina che aveva quella sera Marco era spaventosa. Il cazzo era sempre più duro e potente e lo sbatteva con rabbia pure nella bocca di Alessandra, senza avere voglia o intenzione di addolcire la penetrazione in quella morbida boccuccia. Dalla bocca della ragazza usciva un sacco di saliva mista a sperma. Marco stava per venire, chiuse gli occhi. Marianna si mise a bocca aperta vicino all'amica, anche lei voleva ricevere il gustoso nettare del fidanzato. Marco sborrò nella bocca di Alessandra, la ragazza aveva la bocca completamente inondata dello sperma di Marco, come la prima volta. Guardò negli occhi l'amica che con la bocca aperta aspettava che Alessandra le sputasse in bocca la sborra del fidanzato. Alessandra baciò Marianna e le vomitò sulla lingua un po' della sborra, poi abbracciandosi iniziarono a slinguarsi beatamente mentre Marco soddisfatto e col cazzo penzolante ancora in tiro osservava la scena.
Giusto il tempo di rimettersi in ordine e di darsi una sciacquata alla bocca, Marianna e Marco tornarono nella sala principale come se nulla fosse accaduto. Prima di andar via Marco diede una pacca sulle spalle a Natan che li aveva coperti e gli lasciò altri 50 euro in mano come ricompensa per il silenzio.

Alessandra era rimasta in bagno, a leccarsi lo sperma rimasto in bocca e si guardava allo specchio. Pensava alla scopata appena avuta e a tutto quello che stava vivendo.
L'avevano guardata come fosse un'aliena entrando in sala. Lei che fino a qualche tempo prima era una gemma preziosa di quella comunità. Lei che aveva avuto il coraggio di esternare la propria vera natura doveva sentirsi colpevole per quel che aveva fatto.
Non ci stava Alessandra. Non era giusto. Una persona non può essere condannata e giudicata da altri uomini solo perchè vuol essere “libera”. Che poi, cosa aveva fatto veramente di male?
Aveva solo scopato, ed era consenziente. Aveva scopato, mica ucciso qualcuno. Conosceva i cazzi privati di ogni singolo componente di quella congregazione e quelli che dovevano vergognarsi erano altri. C'erano quelli che scopavano senza farsi scoprire, c'erano quelli che rubavano, quelli che evadevano le tasse. C'era quella sorella pioniera che tutti sapevano tradiva il marito con uno “del mondo” ma nessuno aveva il coraggio di dirle qualcosa.
Tra gli appunti di suo padre aveva trovato anche le prove che un fratello della congregazione era stato accusato di pedofilia da un ragazzino, ma il nome della persona coinvolta era secretato. Quello faceva veramente schifo ad Alessandra, che un pedofilo potesse girare impunemente in sala senza che nessuno fosse messo al corrente della pericolosità. Se solo avesse preso quei documenti dalla scrivania di suo padre quel giorno. Li avrebbe portati ai Carabinieri, perché era deplorevole che una persona non fosse denunciata alle autorità per quel gravissimo reato. Quello era deplorevole, che l'organizzazione dei testimoni di geova non denunciasse alle autorità i pedofili. E chissà quanti pedofili venivano nascosti nelle congregazioni di tutto il mondo, chissà quanti segreti questa diabolica organizzazione teneva sotto chiave.
E invece per quel branco di coglioni la persona da guardare storto era lei. Lei che aveva solo dato del suo senza far del male a nessuno. Anzi, aveva a suo modo fatto del bene, le persone erano felici di come scopava. Aveva dato nuova linfa vitale al cazzo di suo padre, a Gianni, a Daniele, all'anziano dell'altra congregazione Gabriele. Aveva fatto godere quel vecchio porco di Sebastiano, che il suo cazzetto minuscolo mai avrebbe avuto l'onore di incontrare la sua boccuccia da troia se lei e Marianna non avessero fatto le zoccole al comitato giudiziario.
Tutti erano coinvolti in quell'enorme porcile impuro che si era creato in sala. Non c'era persona libera dalla macchia del peccato.
I suoi stessi amici avevano la macchia del peccato scritta in fronte e insieme a lei avevano disonorato la sacralità della sala del regno e dell'adunanza scopando in tre nei bagni.
Non aveva voglia di tornare in adunanza, sarebbe andata a casa, quello che doveva fare l'aveva fatto ed era stato anche abbastanza soddisfacente. Dei commenti e degli sguardi di quel branco di ipocriti pervertiti poteva tranquillamente farne a meno.
Uscì dal bagno e diede un bacio sulla guancia a Natan, sapeva che Marco l'aveva corrotto per comprarsi il suo silenzio, andò verso la grande porta a vetri che divideva l'antisala dalla sala. Aprì la porta, andò verso il suo posto e prese la borsetta.
Si girò giusto per salutare Gianni con un cenno e prese la via dell'uscita.
Prima di uscire si voltò un'ultima volta indietro.
Non aveva ne timore di geova ne degli uomini, tanto quello era solo un mondo falso e ipocrita, un mondo da dove era meglio fuggire.
Le dispiaceva solo per i genitori che erano costretti a recitare ancora quella farsa. Suo padre prima o poi avrebbe trovato la forza di confessare a sua madre la vera natura della sua sessualità e chissà magari col tempo sarebbe riuscito anche a dirle di come si era eccitato a scopare la figlia.
Uscì dalla sala del regno, si accese una sigaretta e in un alito di fumo anche quella serata aveva preso la piega che più preferiva: una bella sborrata in bocca.


Questo racconto di è stato letto 8 6 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.