Jana cap.1 - Il professore di economia

Scritto da , il 2020-01-24, genere etero

Essere una donna nella Slovacchia Orientale negli anni Novanta, non era il massimo. Era appena caduto il muro di Berlino e l'Occidente con le sue mode ed i suoi costumi si era riversato come un oceano nelle nostre vite.
Essere una donna come me, nella città di Bardejov, comunque non era facile.
Cosa avevo di strano? Nulla. Ero una donna che voleva essere emancipata. Avevo meno di trent'anni, una laurea e non avevo accettato il matrimonio preconfezionato che mi aveva proposto la mia famiglia con un uomo, peraltro brutto, di una famiglia conoscente ed altolocata. Metà della mia famiglia mi aveva tolto il saluto per questa questione, l'altra metà l'aveva tollerata ma io ero praticamente bandita dalle relazioni familiari. Non che la cosa mi interessasse troppo, ma non fu comunque facile.
Già nel corso dell'università avevo vissuto, ovviamente in gran segreto, le mie storie. Ero bella, non altissima ma magra ed in splendida forma. Peccavo di seno poiché avevo solo una misera seconda ma ero certa che non appena avessi avuto la possibilità di recarmi in Germania Occidentale mi sarei fatta dare una rigonfiatina alle tette. In ogni caso piacevo, nonostante il mio seno misero.
Nello studio ero brava. Molto più di molti miei colleghi maschi che in futuro avrebbero certamente avuto più futuro di me e che durante le lezioni sbavavano al mio seguito. Ma nonostante la mia bravura ho sempre pensato che concedersi qualche aiutino mi avrebbe fatto fare meno fatica a raggiungere i miei obbiettivi. Decisi quindi che per gli esami più semplici, quelli che meno sarebbero serviti al mio futuro professionale, qualche aiuto esterno non mi avrebbe sconvolto.
A quel tempo nel corso di laurea in ingegneria c'erano anche degli esami legati al nostro sistema politico, come quello di Politica e Stato e quello di Economia.
Quando mi recai il primo giorno alla prima lezione di Economia, compresi che superare quell'esame per me sarebbe stato estremamente facile. Vladimir Ilic, il professore di quel corso, non mi staccò gli occhi di dosso per tutto il tempo della lezione e quando, alla terza lezione, mi chiese di passare nel suo ufficio ed io gli dissi che non avevo tempo perché dovevo studiare per il suo corso, lui mi rispose di non preoccuparmi per l'esame. Fu quella la molla che fece nascere la nostra storia clandestina che durò per tutto il semestre.
Vladimir fu per me un amante incredibile. Estremamente sicuro di sé e della propria virilità, mi regalò quattro o cinque mesi di scopate grandiose. Diceva sempre che la mia bellezza lo eccitava ancor di più di quanto non lo eccitasse il rischio legato alla nostra relazione. Qualora fosse stato scoperto infatti sarebbe stato immediatamente radiato dal mondo dell'insegnamento e destinato probabilmente a svolgere i lavori pubblici peggiori in assoluto.
La nostra prima volta fu un semplice pompino. Accadde nel suo studio e nonostante l'insistente corteggiamento che aveva portato avanti fino a quel momento, fui io a prendere l'iniziativa avvicinandomi a lui. Mi chiesi per parecchio tempo quando avrebbe preso l'iniziativa se non lo avessi fatto io, ma non ne ebbi mai risposta. So solo che quando girai attorno alla scrivania e andai a sedermi in braccio a lui, Vladimir ne restò profondamente colpito. Ci baciammo e scoprii subito che mi piaceva un sacco. Era bello ed affascinante e quando mi inginocchiai davanti a lui e gli slacciai i pantaloni per poi abbassarli insieme alle mutande, non provai alcun tipo di freno o di preoccupazione.
Lui si lasciò andare completamente ed io proseguii finché non lo sentii pronto ad eiaculare. Allora tolsi il suo cazzo dalla bocca e diressi i suoi spruzzi contro ai cassetti della scrivania in legno che aveva lì davanti.
“Scusami”, rispose lui quasi mortificato per aver pensato solo a sé stesso e per non essersi preoccupato di me.
“Non finisce qui, professore. La prossima volta avremo più tempo e vorrei anche io un po' di soddisfazione”, gli avevo risposto prima di andarmene.
E così era cominciata la nostra love story universitaria che ci vedeva accoppiarci almeno una volta la settimana. Accadeva o nel suo ufficio o nel suo appartamento, nonostante fosse rischiosissimo. Se qualcuno ci avesse visti saremmo stati entrambi spacciati. Eppure non accadde. Quello che accadde fu invece che Vladimir fu il primo uomo ad entrare nel mio di dietro.
Non accadde casualmente poiché era tempo che me lo chiedeva ed io gliene negavo la possibilità, poi una sera a casa sua me lo chiese e glielo concessi. Me ne pentii quasi subito, ma una volta che lo autorizzai non ci fu verso di tornare sui miei passi.
Ero andata a casa sua in incognita ed avevamo cenato insieme. Poi avevamo bevuto un po' di vodka e ci eravamo accordati perché restassi a dormire da lui. Dopo cena ci eravamo messi ad amoreggiare sul divano ed in pochi attimi la sua mano si era infilata sotto alla mia gonna di ordinanza, rigorosamente lunga fin sotto al ginocchio. Fuori non faceva particolarmente freddo, mai io indossavo come sempre i miei collant color carne. Sentii la sua mano percorrere il mio interno coscia, per poi posarsi sul mio sesso. Ero già calda e lui sapeva come incrementare il mio benessere accarezzandomi attraverso il collant e lo slip ma facendo comunque aumentare incredibilmente il mio desiderio. Ci spogliammo in fretta. Quando io mi sdraiai sul divano andando a poggiare la testa tra le sue gambe e presi in bocca il suo cazzo già eretto, lui con la mano destra lacerò i miei collant ed infilò lateralmente la mano sotto ai miei slip.
“Sei già bagnata.... Mmmhh...fantastico!”, mi disse.
“Anche tu sei già incredibilmente eccitato!”, gli risposi smettendo per qualche attimo di succhiarlo.
Mi fece godere una prima volta con le mani, poi volle prendermi lì sul divano. Mi fece sollevare le gambe a squadra e dopo avermi strappato gli slip, entrò dentro di me. Quella sera era davvero lanciato e, nonostante la cosa non mi dispiacesse, provavo un leggero timore nei suoi confronti. Fu forse anche questo il motivo per il quale, quando mi disse che avremmo provato un altro ingresso, glielo lasciai fare.
In quella penetrazione non fu irruento, ma mi fece malissimo. Io non dissi nulla e finsi un piacere esagerato, cosa per un certo versa vera, ma mi si lacerò la carne e ci volle qualche giorno perché smettessi di sanguinare e potessi tornare a sedermi normalmente. Prima entrò dentro di me con un dito e poi con due dita, dopo averci sputato sopra. Non sentii dolore in quella fase, solo una sensazione diversa da quello che avevo immaginato. Mi disse che era per lubrificarmi, poi poggiò la punta del suo membro, in quel momento durissimo, dando un leggero colpo di reni. Entrò subito dentro di me con la cappella e già fu doloroso, poi pian piano entrò con il resto. Capii che dovevo rilassarmi se volevo che la penetrazione fosse agevole e non fosse una sofferenza, ma non vi riuscii appieno.
“Piano! Piano!”, gli dissi.
“Sei abbastanza stretta. Rilassati. Ti fa male?”.
“Abbastanza!”.
“Sei troppo eccitante Jana. Non puoi capire quanto mi piaccia il tuo culo!!!”, mi disse e sentii il suo cazzo aumentare di volume dentro di me.
Tenni le gambe sollevate sperando che fosse la posizione migliore per accoglierlo. Vladimir mi teneva le caviglie facendo sì che le mie gambe restassero a squadra. Mentre cercavo di assecondare la penetrazione ruotando il bacino, sentivo la carne tirarsi così tanto da rasentare lo strappo, cosa che in effetti, seppur parzialmente, avvenne. Ad un certo punto portai addirittura le mani sulle mie chiappe tenendole allargate, ma non ottenni un grande sollievo. In ogni caso, nel giro di pochi minuti, quella parte del mio corpo iniziò a sentire meno dolore. La ripetuta penetrazione generò evidentemente una specie di funzione anestetizzante a tutta quella zona ed io beneficiai abbastanza di questa cosa.
Nel frattempo osservavo Vladimir penetrarmi e pensavo che, al di là degli indubbi vantaggi legati al fatto di essere l’amante di un docente da cui dipendeva un tuo esame ed un percorso universitario, era anche un bell’uomo.
“Ti piace amore?!?!”, gli chiesi.
“Da morire”.
Gli piaceva quando lo chiamavo con epiteti affettuosi. Diceva che mi faceva sentire in qualche modo “sua”. Mi scopava anzi, scopava il mio culo, osservando con sguardo pieno di libidine il mio corpo e poi socchiudeva gli occhi assaporando il piacere della penetrazione anale.
“In questo preciso momento Jana ho capito che amo il tuo culo”, mi disse.
“È solo tuo”, gli risposi evidente inebriandolo visto che pochi attimi dopo, uscì dal mio retto con mio incredibile sollievo e mi eiaculò sulla pancia cacciando un grido animalesco.
Un paio di settimane dopo a quella sera superai il mio esame della sua materia e qualche settimana dopo ancora superai quello con un suo assistente per un'altra materia. Con quegli esami avevo praticamente concluso la mia prima parte di studi e mi sarei dovuta spostare in un’altra facoltà. Quando, alla fine di quella che io reputai essere la nostra ultima scopata, glielo dissi, lui andò su tutte le furie e mi disse che non mi avrebbe più voluta rivedere. Non aveva compreso quanto lo avessi usato e ne fui felice. Ma la mia vita aveva bisogno di altro ed avevo ancora due anni di studi prima di laurearmi. Potevo studiare ma anche utilizzare le mie capacità in altro modo.
E così avvenne.

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.