C&L - Il Tradimento di Chiara

Scritto da , il 2019-12-06, genere dominazione

Chiara era da poco in metropolitana, quel giorno, quando in piedi, nel caos delle 7 del mattino si trovava stretta tra le persone stipate nel vagone.
Si trovava a stringere il suo zaino ed era pressoché immobile, vittima delle scosse date dal ritmo della metro.
Dimentica di cosa le aspettasse s’era vestita di un cappottino corto e una gonnellina leggera, la quale ora si trovava ad essere stampata contro il corpo delle persone vicine.
È durante il viaggio che Chiara sente le mani di qualcuno approfittare della situazione e farsi strada sulle sue cosce nude, ma la sensazione dura il tempo di crederci e finisce, in breve non ha potuto accorgersi di cosa o chi la stesse toccando.
Tra una fermata e l’altra però la sensazione torna e Chiara tenta di divincolarsi per capire chi fosse, la reazione più spontanea sarebbe stata di gridare, di chiedere aiuto, se solo quella sensazione fosse durata per più di un secondo.
Ogni volta, poco tempo, un tocco sempre più forte, sempre più in alto tra le sue cosce, fino ad essere a pochi centimetri dal sentire le sue mutandine leggere, tocco dopo tocco, Chiara aspettava il successivo e senza accorgersene iniziava ad avere sempre più aspettativa per il tocco successivo, sarebbe stato ancor più coraggioso? Ancor più deciso?
Con un sospiro accolse la mano sul tessuto umido delle mutandine, che questa volta temporeggiava, sta volta si soffermava sulla forma della sua fessura, ne tastava i tratti, fino a spingercisi contro con forza, troppa forse per rimanere nell’anonimato, Chiara cerca di voltarsi, ma a poco serve non trova nessuno in fragrante, non può capire, in quell’istante, in quell’istante avrebbe potuto rimanere voltata, rimanere nella direzione di provenienza della mano, non avrebbe avuto modo di agire fosse rimasta così, sarebbe potuta tornare a casa da Leonardo senza troppi rimorsi, un piccolo segreto.

“Basta”si dice per autoconvincersi, ma con aria docile si rigira a guardare l’esterno del mezzo, la mano dopo poco torna, sale, afferra un lato del suo culo, lo stringe per testarlo, lo stringe per scoprirlo, Chiara si riempie di eccitazione e lascia fare, lascia che la mano scivoli poi lungo il filo del sottile tessuto fino a travalicarne il confine raggiungere la sua carne, entrare e premere sull’interno, sentire quanto fosse bagnata, mentre a ritmo lento spinge e la tocca dietro di lei sente qualcuno avvicinarsi al suo collo, ora lo riesce a distinguere, nel riflesso del vetro, è un ragazzo sulla 30ina, alto, capelli chiari.

Lo fissa nel riflesso, lui guarda lei, mentre continua a massaggiarle lentamente ogni centimetro del suo sesso, avido di vittoria ottenuta, si gode il premio, senza che nessuno possa accorgersene, nel caos di persone schiacciate nella metro.
Il viaggio arriva al capolinea per lui, con una mano sulla nuca la spinge a girarsi, lei obbedisce, lo vede per la prima volta a pieno, d’un tratto lui la bacia, appassionato, nemmeno il tempo di realizzarlo, che lui è già sceso.

Dopo la giornata in università, la sera torna a casa da Leonardo, stanno insieme da diversi anni hanno avuto diverse avventure insieme
(/Per le avventure di Leonardo e Chiara cercare nei racconti UNI e I 18 anni )

Ma ora lei non raccontava a lui di cosa fosse capitato, sarebbe stato geloso, probabilmente giustamente si dice da sola, ma qualcosa le impedisce di parlare, il coraggio, l’orgoglio, il senso di colpa..

È di nuovo mattina sulla banchina della metro Chiara rivede il ragazzo del giorno prima lui incrocia lo sguardo di lei, lei, prima dell’arrivo del mezzo gli si avvicina, con un ghigno l’accoglie mentre fanno il passo per entrare oltre gli sportelli, solito caos, solito incastro tra le mille persone che occupano i vagoni dell’orario di punta della mattina, questa volta, entrambi si vanno a posizionare in un angolo, lui dietro lei, lei premuta contro il ferro delle pareti, oggi lui indossa una tuta, lei, un vestito, composto principalmente da un maglione molto lungo e calze, inizia dandole un piccolo bacio sulla nuca, mentre lei girata nella calca si lascia prendere i polsi farseli portare sulla patta di lui, sente quanto è duro, non può non notare quanto sia anche lungo, stregata lo accarezza, lui lascia fare mentre le tocca il culo da sopra i collant, circa a metà viaggio lui la gira, lei lascia fare, premuti contro lo spigolo si baciano, continuano fino alla fermata di lui che la saluta e le lascia il suo numero con un biglietto da visita infilato furbescamente all’interno delle sue mutandine.

Lei lo contatta, gli scrive:
Ciao
Come ti chiami
Chiara
Ciao Chiara
Ciao Francesco
Vieni all’indirizzo sul biglietto alle 17?
Ok

17.00
Chiara è davanti al portone di via Varese 15, Suona al citofono di Francesco, sale le scale del palazzo, c’è ancora profumo di vernice, dev’essere da poco ristrutturato, al secondo piano trova una porta aperta.
Aveva passato una giornata tra i dubbi, tra i sensi di colpa per il tradimento, l’avrebbe detto a Leonardo?
Come avrebbe reagito?
“Puttana!” Si ripeteva da sola, mentre però non usciva dalle rotaie che per sé stessa aveva creato, rotaie che portavano all’interno 8 al secondo piano di via Varese 15.
Chiara entra, il cuore a mille, Francesco che l’accoglie con un bacio e null’altro addosso se non per l’asciugamano che copre dalla vita in giù.

Ciao Chiara
mh, cia…

Ancora sta per finire di salutare che viene bendata, mentre Francesco la continua a baciare, a tratti allontanandosi e lasciandola preda del buio.

Spero non avrai nulla in contrario se ti spoglio
No beh, avrei voluto parl…
Un bacio la interrompe
Lui le afferra un seno, inizia a spogliarla, lei succube lascia fare.
Con Chiara nuda nel mezzo della stanza e Francesco che si è allontanato l’unica cosa che riesce a notare Chiara è il pavimento, parquet sotto i suoi piedi scalzi.

Francesco torna da lei, l’accompagna dritto in avanti fino al divano letto che occupa il salotto, Chiara sente le proprie mani trascinate verso l’alto, legate.
Immobilizzata e bendata, sente Francesco dirle:
Sarà qualcosa d’indimenticabile, tu pensa solo a lasciarti andare.

Così dicendo Francesco le mette delle cuffie sulle orecchie, Il suono esterno è completamente cancellato, Chiara ha ogni suo senso, tranne l’olfatto ed il tatto, cancellato.

Le mani di Francesco si fanno spazio finalmente liberamente tra le cosce di Chiara, le lecca dal ginocchio al suo sesso, si sofferma intorno alla punta del clitoride, scende e poi risale fino al capezzolo, Chiara sussulta ad ogni leccata, Francesco la bacia e sale a cavalcioni sul suo petto, con il cazzo a pochi centimetri dalla bocca di lei, che accorgendosene l’apre, ma lui ci gira intorno, lo appoggia prima solo sulle labbra, lo fa scorrere sulla sua faccia, facendo arrivare le palle sulla lingua di lei, che la tende e lascia che lui ne faccia ciò che più desidera, mentre questo accade però Chiara sente delle mani sulle sue caviglie, C’è qualcuno con loro, dopo il tocco sulle sue caviglie Chiara sente del liquido freddo cadere sul suo ventre, le mani dello sconosciuto lo prendono poi e lo spargono sul sesso di Chiara, se ne spalma anche sul suo membro, che poi inizia a cercare di farsi strada tra le strette fessure di lei, che per poco oppone una fasulla resistenza, per poi allargare le gambe lasciando intendere il chiaro assenso.
Lo sconosciuto sta tentando di spingere la prima parte del suo membro dentro di lei, ma è enorme, è almeno due volte più grande rispetto a Leonardo e Francesco, Francesco che nel frattempo sta scopando la bocca di Chiara come meglio crede.



Chiara è preda dei due uomini, lo sconosciuto sta riuscendo ad entrare sempre più e Francesco la sta cospargendo di lubrificante, le stringe i capezzoli, lo sconosciuto allo stesso istante da un colpo più intenso ed arriva in profondità, Chiara non può che godere delle sensazioni e degli odori, mentre lo sconosciuto si alza lo sente colpire con uno schiaffo violento il suo seno, Francesco le entra ora dentro con facilità, bagnata e lubrificata, oltre che penetrata da quel grosso cazzo che ora si ritrova in bocca a scoparle la gola.

Francesco accelera il ritmo e fino a far avere l’ultimo orgasmo che Chiara pensava di poter avere, la scopa forte da dover far spostare l’amico dalla testa di lei, grugnendo stremato le viene dentro disinteressato del rischio, esce da lei ed uno sputo caldo raggiunge le labbra del sesso di lei.

Lo sconosciuto però non era sazio, prende quindi a masturbarsi guardandola devastata venendole in poco sullo stomaco e sul ventre, schizzandole la pelle chiara.

Chiara si aspetterebbe di esser ora liberata, ma nessuno più la tocca,

Francesco?
Dove sei?
Ehy?

Non può sentire suoni con le cuffie, non sa se ci siano ancora o meno.

Non è divertente

Si lamenta, appena prima di sentire una mano su sé, ed un piccolo oggetto di gomma entrarle nel culo, dopo che Francesco l’avesse aperta bene, lo sconosciuto ha spinto una piccola pallina dentro di lei, la pallina inizia a vibrare, lei a gemere.

Francesco le toglie la benda, Il sole è calato su Milano e Chiara ci mette un attimo per mettere a fuoco Francesco, rivestito, è un bel ragazzo, senza barba, un fisico da urlo.
Ma è lo sconosicuto che lascia sotto shock Chiara; un ragazzo di colore, scuro come la notte, dai capelli lunghi e neri, addominali e pettorali in vista indossa dei jeans ed è scalzo nella stanza.

Francesco la bacia
Vengo a riprenderti domani
Come domani?
Divertiti stanotte
No io devo tornare a casa dal mio ragazzo!
Ah hai un ragazzo? Bé in bocca al lupo, se riesci a convincere Shinoye
Dice ridendosela con l’amico e abbandona la casa chiudendo la porta dietro di sé





Se questo racconto riceve abbastanza commenti :
Continua nel Cap. 2
Quindi se ti è piaciuto commenta e facci sapere se vuoi il seguito


Per leggere tutti i racconti di Leo & Chiara (C&L):
https://erosbook150693131.wordpress.com

Questo racconto di è stato letto 5 6 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.