Arrotondare con la webcam (1/3)

Scritto da , il 2019-09-29, genere fisting

Racconto 1/3

Natalie è la figlia di un conoscente, Carlo, che si era separato da poco dalla moglie. Dato che da tempo non ci trovavamo ci siamo organizzati e un sabato sera abbiamo predisposto una cena in comune tra lui e sua figlia, e io e il mio uomo a casa loro.

Dopo un buon pasto a base di pesce si incominciò a parlare del più e del meno. In particolare, Natalie la figlia di Carlo, che frequentava l’università, si lamentò che il padre non le passasse abbastanza soldi per le proprie esigenze.

Il padre allora si rivolse alla figlia.
“Natalie, per favore, non pensare male ma ho un modo con il quale puoi guadagnare un bel po' di soldi per i tuoi vizi mentre sei all’Uni, senza che il lavoro ti ostacoli gli studi o ti indebiti"

La ragazza lo guardò, i suoi grandi occhi marroni erano pieni di curiosità.

"Non devi farlo per forza, è solo un'idea … potresti fare la webcam-girl"

"Cosa papà? È una proposta scioccante da parte tua … vuoi dire … ?!" disse Natalie confusa.

"Ora non vorrei che tu facessi qualcosa del genere a meno che non fosse necessario, ma come tu sai non abbiamo soldi per finanziare i tuoi vizi, e sono sicuro che non vorrai lavorare al McDonalds o cose del genere. Tu sei giovane e bella e so che non sei … beh … innocente. Ho quindi pensato che fosse un'opzione sicura ..., non vieni in contatto diretto con nessuno e fai quello che ti senti di fare "

"Vuoi che faccia sesso alla webcam?" chiese Natalie al padre senza mezzi termini.

Carlo fece una smorfia. "Beh, no, non devi andare così lontano. Basta stuzzicare e ... giocare con te stessa o qualcosa del genere. Guarda, non voglio che mia figlia si esponga sessualmente, ma se davvero non puoi fare a meno dei soldi potresti trovare un’entrata solo mostrando il tuo corpo ... molte studentesse lo fanno a quanto ho sentito.

Questo è il migliore modo che ho pensato per trovare una soluzione al tuo problema. Posso aiutarti a creare un sito Web; poi tu lo completi nel contenuto e gestisci gli abbonati o i followers"

Natalie si sedette e sembrò pensierosa. "Immagino non sarebbe troppo impegnativo. Pensi davvero che io sia abbastanza carina da essere popolare?"

Carlo sorrise per la prima volta. "Cara, sarai sempre bella per me, ma sì, lo sei. Ricorda che il tuo pubblico sarà probabilmente composto da un pubblico di vecchi solitari. Anche la tua gioventù conta molto"

"Va bene papà; ci proverò” lo ricambiò lei con un sorriso.

La cena terminò senza che si discutesse più di questo argomento.



Questa seconda parte del racconto si tratta di una trascrizione di quello che mi è stato raccontato nel modo più possibile corrispondente a come l’ho sentito.


Due settimane dopo, poco prima di partire per l’inizio delle lezioni all'università Natalie andò da suo padre.

"Avevi ragione, papà!" esclamò Natalie, affrettandosi ad abbracciarlo.

"Ovviamente" rispose lui con un sorriso abbracciandola "Riguardo a cosa?"

"La faccenda della webcam! È geniale! Solo che ..." rispose Natalie.

"Stop! Stop. Non voglio conoscere i dettagli, sono ancora tuo padre" disse Carlo arrossendo ed allontanandosi da lei.

Si sono seduti assieme sul divano mentre Natalie rideva "Sì papà, anche se è stata una tua idea! Beh, ho guadagnato solo un centinaio di sterline per i dieci giorni da quando ho iniziato! Potrei permettermi ben poco rispetto a quello di cui necessito!"

"Ma come ti trovi ad esporti ad un pubblico?" chiese il papà

"Beh …" rispose lei scrollando le spalle. "In realtà bene. Sto bene. Non è niente di più di quello che facevo prima, ma ora guadagno dei soldi.

"Sei felice?" chiese Carlo.

"Sì. Avevi ragione papà. Sono all'apice della mia vita e sto usando ciò che Dio mi ha dato. Sarà facile farlo conciliare con gli studi"


Le vacanze di Natale sono poi arrivate in fretta. Natalie è tornata a casa dal papà e hanno trascorso la maggior parte del tempo a fare viste ai parenti della loro famiglia allargata.


Dopo qualche mese Natalie è ancora tornata a casa per le vacanze di Pasqua, anche allora felice.

"Papà, il mio lavoro alla webcam sta producendo molti soldi. Non riesco a credere quanto sia diventata popolare. Ti porto fuori a cena."

"La mia bambina è cresciuta" ha osservato Carlo sorridendo.

Lei gli ha sorriso. "Vestiti papà, stiamo andando in un posto elegante"

Era davvero un posto elegante. Uno dei ristoranti più eleganti della città, che normalmente non avrebbero potuto permettersi.

Natalie, che in quel periodo aveva diciotto anni aveva un aspetto magnifico, con un abito nero e tacchi alti, semplici ma eleganti. I suoi lunghi capelli neri le scendevano meravigliosamente lungo la schiena. Era una testa più bassa di suo padre ma vestita così sembrava alta, ed era soprattutto elegante.

Si sono accomodati al tavolo prenotato al ristorante.
Carlo ha preso il menu ed è rimasto scioccato dai prezzi.

Le sussurrò "Cara, hai visto i prezzi?"

"Silenzio papà, te l'ho detto, posso permettermelo" rispose lei con un sorriso consapevole. "Senza problemi" ha aggiunto lei sottovoce, parlando a sé stessa.

Durante il pasto hanno chiacchierato e mangiato, godendosi la reciproca compagnia dopo così tanto tempo di lontananza. Carlo aveva notato che sua figlia era cambiata in modo significativo durante questo primo semestre all’Uni. Adesso era decisamente adulta, anche se aveva ancora diciotto anni.

Quando il cameriere ha portato il conto Carlo lo ha visto ed è impallidito.
Intanto Natalie ha consegnato la sua carta di credito al cameriere e ha continuato a parlare con il papà. Carlo non poté non notare che si trattava di una carta di credito diversa da quella che le aveva dato ad inizio semestre.

Natalie inserì il PIN quando il cameriere portò la macchinetta, ma senza dare un'occhiata all'importo. Il papà si meravigliò della sua sicurezza e improvvisamente si sentì in difficoltà, ma allo stesso tempo molto orgoglioso.

Era stata una bella serata, quindi hanno deciso di tornare a casa a piedi. Erano solo un paio di chilometri. Mentre camminavano non riuscì a stare zitto "Quanti soldi stai facendo Natalie?" ha chiesto Carlo.

Sua figlia gli sorrise e continuò a camminare, tenendo la mano di suo padre. "Papà, ho scoperto una miniera d'oro. Da non credere quanto possa guadagnare in una settimana. … beh, in realtà non solo io"

"Non solo tu?" Carlo era curioso di questa strana osservazione.

"Tania e Gina. Lo stiamo facendo tutte. Nel sito web che hai creato per me ci esibiamo tutte" rispose Natalie, menzionando due delle sue amiche di università di cui aveva parlato prima.

"Insieme?" chiese Carlo senza pensare, poi ha aggiunto "No, non rispondere."

Natalie rise e poi lo guardò con curiosità. "Aspetta, vuoi dire che non hai mai guardato il sito?"

"Certo che no, tesoro. Sono tuo padre. Non dovrei vederti ... così ..."

"Questo è pregevole" disse allegramente Natalie. "Ma non mi dispiacerebbe sai.

Tania mi ha confidato che ha molta stima di te per quando mi hai aiutata a metter su casa. Sicuramente non le dispiacerebbe. Potrebbe anche insistere dandoti uno spettacolo privato!"

"Grazie cara. Non ho davvero bisogno di idee come quella che mi rimbalza in testa"

"Prego" ridacchiò lei. "Ma sì, Tania e Gina erano entrambe al verde e si chiedevano come avessi i soldi. Mi sono fidata di loro e quindi le ho reclutate. Con i soldi guadagnati ho poi assunto uno sviluppatore per revisionare il sito che è diventato sempre più performante"

"E i tuoi studi?" chiese Carlo.

"Tip-top, papà. Ognuna di noi va in onda per un'ora quasi tutte le sere e questo è tutto, a parte la gestione e l'organizzazione del contenuto abbiamo un sacco di tempo libero e tempo per studiare. Inoltre, è pure divertente."

Poi durante la camminata hanno parlato di altre cose per un po', fino a quando non sono arrivati a casa. Non era così tardi, quindi hanno deciso di guardare un film, cambiandosi e mettendosi entrambi in pigiama.

... continua 2/3

Questo racconto di è stato letto 3 1 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.