Perdono

Scritto da , il 2019-06-14, genere dominazione

Sappiamo tutti che l'amore a distanza è complicato e assai difficile da portare avanti nel tempo.
Dicono che la distanza rafforzi l'amore ma, molto più spesso, lo distrugge.

Angelo e Cristina non facevano eccezione.
Dopo due settimane senza vedersi,
Dopo due settimane fatte solo di messaggi e telefonate,
Dopo due settimane di "mi manchi"...
Discussero.
Difficile dire di chi fu la colpa.
Di nessuno.
O forse entrambi.
O forse delle circostanze.
Ha importanza?
Quel che è certo è che, a un certo bel momento di una telefonata fin troppo carica di tensione, Cri chiuse il telefono.
Non ci furono saluti, baci o altro. Lei chiuse mentre Angelo stava parlando.
Non era mai successo in due anni del loro rapporto, ma questo non cambiò il fatto che, per lui, fu come uno schiaffo in faccia davanti a tutta la città. Una reazione esagerata, forse, ma questo non cambia che lei lo richiamò.
E lui rifiutò.
Chiamò ancora.
Rifiutò di nuovo.
Cristina gli scrisse: "mi rispondi? (E un cuore)."
"No."
"Ti prego (e un bacio con il cuore)."
Fu allora che lui le scrisse un pensiero che non gli era mai passato per la mente ma che, in quel momento, gli risultò naturale.
"Ti metti in ginocchio, mi mandi la foto, mi chiedi scusa."
"NO."
"Non ti parlerò fino a quando non ti vedrò in ginocchio a chiedermi scusa."
"Non mi metto in ginocchio. Non sono una di quelle."
"Notte."
"Notte."
Seguirono due giorni di pesantissimo silenzio. Angelo non era infuriato. Si sentiva strano, qualcosa di nuovo e indecifrabile per lui. Cristina le mancava, da morire, ma il gesto che gli aveva fatto era stato di una mancanza di rispetto inaccettabile. O forse no. Ma qualcosa, dentro di lui, era cambiato nel momento in cui la linea era stata interrotta. Qualcosa gli diceva che ieri il telefono in faccia, domani le corna. Non era sempre così? Se lasci che un'eccezione diventi la regola, un passo dopo l'altro, l'eccezione diventerà qualcosa di sempre più grave e fuori controllo. L'aveva sempre pensata così su molte cose, ma mai aveva pensato di applicare questo pensiero alla sua vita privata.
Eppure ora doveva farlo.
Non voleva finire come quei suoi amici che restavano a casa muti e in silenzio mentre la moglie usciva "con le amiche" e si scopava mezza città.
Doveva punire la trasgressione.
Subito.
"Ehi (e un cuore)."
Fu un brivido leggere quel messaggio.
"Ciao."
"Come stai?"
"Dimmi tu come stai?"
"Sto... che mi manchi."
Anche a lui Cristina mancava da morire. I suoi occhi... la sua voce... il suo profumo... la sua pelle... ma il ricordo dell'affronto subito non era svanito. La desiderò in un modo nuovo mai provato prima.
La desiderò senza carinerie e senza gentilezze.
La desiderò come un alfa possiede una del branco.
Un brivido gli attraverso tutto il corpo e Angelo, per un attimo, chiuse gli occhi, pensando alla sua ragazza sotto di lui.
"No."
"Cosa no tesoro?"
"Devi stare in ginocchio e chiedermi scusa."
"N O."
Lei provò a chiamarlo due volte.
Lui rifiutò
Un messaggio semplice, chiaro, pulito.
Era una questione di rispetto.
Forse Angelo chiedeva troppo per una sciocchezza.
Forse stava rischiando di perdere Cristina per un nulla, un semplice fraintendimento tra innamorati lontani.
Forse avrebbe dovuto solo perdonarla e andare avanti.
E l'avrebbe fatto. Certo. Nel momento in cui lei avesse dimostrato di tenere al loro rapporto e avesse accinsentito alla sua richiesta.
Nei due giorni seguenti quante volte Angelo sbloccò il telefono, aprì whatsapp, andò nella chat con Cristina, rilesse tutti i messaggi risalendo nella cronologia per giorni e giorni e fissò la casella di testo pronto a scriverle l'amore che provava? Infinite.
Eppure, ogni dannata volta, quando stava per premere invio, qualcosa lo fermava e gli faceva cancellare tutto.
Doveva essere lei a cedere.
Dopo due giorni dall'ultimo scambio di messaggi si era appena rivestito dopo una doccia dopo una lunga giornata di lavoro quando suonò il citofono. Non aspettava nessuno, ma qualcosa, dentro di lui, sapeva. Gli tremò la mano mentre alzava la cornetta.
"Chi è?"
"Amore... sono io."
Riagganciò senza dire. Senza fare nulla. Restò immobile, incapace di pensare o agire.
Non riusciva a mettere ordine nei suoi pensieri.
Voleva vederla, abbracciarla, baciarla e perdersi nei suoi occhi.
Voleva prenderla e farla sua.
Voleva fare pace e stringerla a sé mostrandole tutto l'amore che provava.
Voleva prenderla, strapparle le mutande e possederla con forza contro il muro per farle capire che gli apparteneva e non doveva permettersi di mancargli di rispetto.
Voleva fare l'amore con lei e farle sentire quanto le era mancato.
Voleva sbatterla senza nessuna cortesia, proprio come lei gli aveva sbattuto il telefono in faccia.
Voleva che Cristina lo accogliesse teneramente tra le sue braccia e lo riempisse di baci.
Voleva che Cristina si sottomettesse al suo volere e si lasciasse fottere.
Voleva.
Voleva.
Voleva.
Dopo cinque minuti il citofono suonò di nuovo.
Il cuore batteva impazzito.
La mano gli tremava.
"Chi è?"
"Amore... ti prego... fammi salire... parliamo..."
La voce di Cristina era cambiata, rotta dal pianto.
Angelo la immagino in ginocchio davanti a lui. Le guance rigate dal trucco sciolto dalle lacrime. Con le labbra attorno al suo cazzo.
Angelo appoggiò una mano al muro, terribilmente eccitato.
Non aveva mai fatto pensieri del genere. Cosa gli stava succedendo.
Fece un respiro profondo e andò in cucina dopo aver sbloccato la porta d'ingresso.
Fissò la bottiglia di vino e fece per versarne un bicchiere ma si fermò.
No.
Doveva essere sobrio e lucido. Non sarebbe stato certo un bicchiere a ubriacarlo, ma no.
Sobrio.
Il rumore metallico della porta che si chiudeva lo avvisò che Cristina era arrivata.
Si girò verso di lei.
Gli mancò il fiato.
Era bella.
Era più che bella.
Portò il bicchiere d'acqua alle labbra e bevve.
I capelli, corti e biondi.
La maglietta che le copriva i seni abbondanti.
I jeans che le fasciavano le cosce ben tornite.
Gli occhi grandi arrossati dal pianto.
I modi di fare così trattenuti... intimiditi... spaventati...
Angelo posò il bicchiere vuoto con estrema calma, impassibile. Si sentiva terribilmente eccitato, ma non voleva darlo a vedere.
"Amore..."
La voce di Cristina tremava. Quella di Angelo no. Era dura e schietta come mai era stata tra loro prima di allora.
"Amore un cazzo."
Lei sobbalzò e fece mezzo passo indietro.
Se le avesse dato uno schiaffo le avrebbe fatto meno male.
Incrociò le braccia al petto come a proteggersi.
"Amore ti prego..."
"Io non sono il Signore. Non mi devi pregare. Devi metterti in ginocchio e chiedermi scusa."
Cristina abbassò lo sguardo. Una lacrima le rigò una guancia.
"Ti prego facciamo pace..."
Fu un sussurro spezzato dal dolore.
"La faremo. Quando mi avrai dimostrato di aver capito di aver sbagliato."
"Lo so. Ho sbagliato. Scusa."
Lo sguardo di Angelo era spietato. La guardava dritto negli occhi quasi senza battere le palpebre. Cristina non riusciva a reggerlo e alzava e abbassava costantemente gli occhi.
"Non mi basta."
"Amore... perdonami...", ci fu un lungo silenzio, "io ti amo."
"Allora in ginocchio e chiedimi scusa."
"Angelo... mi fai paura."
Cristina alzò lo sguardo.
"Mi ami?"
"Come non ho mai amato nessun'altra?"
Gli occhi le brillarono e fece un passo avanti, ma lui la fermò con un cenno brusco della mano libera.
"Sai cosa voglio."
"Ti sto chiedendo scusa..."
"Non mi basta."
"In ginocchio no... ti prego..."
"Prega Dio, te l'ho detto. Io voglio le scuse. In ginocchio."
"Amore... non me lo merito... è esagerato..."
In Angelo qualcosa andò di traverso e fu come se l'ossigeno non gli arrivasse più il cervello. Osservò Cristina come non l'aveva mai guardata.
"Esagerato?"
Lei osò sussurrare un timido sì.
Con una lentezza esasperante Angelo avvicinò il bicchiere alle labbra, bevve l'acqua rimanente e poi, con la stessa lentezza, lasciò cadere il bicchiere davanti ai propri piedi.
Per un attimo l'aria si riempi del rumore del cristallo che esplode e di schegge di vetro che volano ovunque.
Cristina trasalì e fissò il pavimento incredula.
"Adesso."
La voce di Angelo le giunse dritta come un martello.
"Amore..."
"Adesso è esagerato."
Cristina capì e sgranò gli occhi.
Angelo si sentiva eccitato come mai lo era stato.
"Amore..."
"Adesso fai un passo avanti, ti metti in ginocchio, mi chiedi scusa e ci lasciamo tutto questo alle spalle."
Silenzio.
Angelo attese.
Cristina tirò su con il naso e fece un passo avanti. Rumore di vetri che scriocchiolavano sotto le suole.
"Amore per favore..."
"In ginocchio o esci dalla mia vita."
Un altro schiaffo le avrebbe fatto male.
Cristina singhiozzò.
Restarono immobili nel silenzio e nella consapevolezza di quanto stavano facendo.
"Io ti amo..."
"Io ti amo."
La voce di Cristina era un pianto.
La voce di Angelo era decisa e sicura.
Nessuno dei due mentiva o sminuica i propri sentimenti.
Cristina mise le mani sulle ginocchia e respirò a fondo.
Il mondo si fermò.
Come in un film al rallentatore, Angelo osservò Cristina mettersi in ginocchio.
Davanti a lui.
Sui vetri rotti.
Il rumore era inequivocabile.
Angelo era senza parole.
Eccitato. Sorpreso. Sconvolto.
Cristina era in ginocchio sui vetri rotti.
Immaginò di essere una scheggia e di conficcarsi lentamente nella carne morbida della sua ragazza.
Immaginò la pelle lacerarsi, schiacciata contro quella superficie tagliente dal peso stesso di Cristina.
Immaginò i capillari tagliati e il sangue che usciva, macchiando i jeans e il pavimento.
Immaginò se stesso ai piedi di Cristina, a prendersi cura di lei dopo le scuse.
Immaginò se stesso intento a togliere ogni singola scheggia dalla sua carne.
Immaginò se stesso a leccarle le ferite sanguinanti.
Questa cosa avrebbe dovuto in qualche modo disgustarlo.
Invece si scoprì così eccitato da sentire male dentro i pantaloni.
Cristina mormorò qualcosa.
"Non ho sentito."
"Fa male amore..."
"Lo immagino."
Silenzio.
Angelo allungò una mano, le accarezzò il viso teneramente, le prese il mento e le fece alzare lo sguardo.
Si sentì mancare.
Quella visione... quello sguardo... quel viso... quella situazione...
La amava.
Avrebbe ucciso per lei.
Non poteva vivere senza di lei.
Cristina chiuse gli occhi. Respirò a fondo. Le scappò una smorfia di dolore. Li riaprì. Rossi e rigati dal pianto.
"Amore... io ti amo. Scusami."
Quello che provò Angelo non fu un orgasmo. Non nel senso carnale e biologico del termine. Fu qualcosa di molto più profondo, intenso e indescrivibile.
Chiuse a sua volta gli occhi. Respirò a fondo.
"Anche io ti amo. Io ti appartengo."
Cristina sorrise. Le stavano brillando gli occhi. Cambiò espressione.
"Ancora... ti prego... dimmelo ancora..."
"Cristina. Sono tuo. Ti appartengo."
Senza dire altro, iniziò a slacciargli i pantaloni.
"Che... cosa... stai facendo?"
Alzò lo sguardo su di lui. Erano gli occhi dell'Amore.
"Mi faccio perdonare."
Senza dire altro gli tirò fuori il membro e lo prese tra le labbra.
Angelo aveva il cuore impazzito.
Mai avrebbe creduto possibile un gesto simile.
Cristina si dedicò a lui con tutto l'amore di cui era capace. In quel momento il dolore alle ginocchia non aveva importanza.
Lo baciò, lo leccò e lo accarezzò. Gli fece sentire le labbra e la lingua. Lo accolse in gola e se ne prese cura.
Angelo le posò le mani sulle spalle.
"Posso?"
Lei annuì senza staccare la bocca dal suo membro. Non era certo che lei avesse capito.
"Aspetta. Guardami."
Cristina alzò gli occhi e li fissò in quelli di Angelo.
Lui spinse sulle sue spalle. La spinse verso il basso. Sui vetri.
Dolore. Piacere. Amore. Passione. Follia. Dedizione. Abnegazione.
Tutto questo lui vide negli occhi di lei.
Cristina capì e strinse le labbra.
Per quell'attimo tutto divenne luce.
Angelo tornò in sè.
Cristina era ancora lì, immobile, con le bocca attorno al suo sesso. Era ovvio che avesse ingoiato ogni goccia.
Fece un passo indietro, si spogliò.
Con tutta la delicatezza con cui avrebbe trattato un neonato la prese in braccio e la stese sul letto.
Lentamente le tolse la maglia e il reggiseno.
Con cura le tolse le scarpe, i calzettini, le slacciò i jeans e glieli sfilò. Cristina soffrì e le sfuggì qualche gemito. Poi fu il turno delle mutande.
Nuda.
Meravigliosamente nuda.
Con le ginocchia sporche di sangue e piene di schegge di vetro.
A quella visione Angelo trovò un nuovo vigore.
Cristina sorrise, imbarazzata. Aveva il sesso lucido di umori.
Aprì le gambe.
"Non ancora."
Disse Angelo allotanandosi.
Tornò poco dopo con pinzette, una ciotola, disinfettante e garze. Lei non si era mossa.
Con amore e dedizione si prese cura di lei, togliendole ogni frammento. Ogni tanto, a Cristina, sfuggiva un lamento. Allora lui si fermava e le posava un bacio sulla carne ferita. Poi riprendeva il lavoro. A vederlo da fuori sarebbe sembrato un monaco miniaturista dedito al suo lavoro.
Quando fu certo di aver tolto tutti i vetri le pulì la pelle dal sangue.
Con la lingua.
Con cura.
Continuò finché non tornò candida.
Ma non si fermò.
Risalì le cosce e arrivò al sesso tenero e morbido. Iniziò a leccarlo, a baciarlo, a esplorarlo con la lingua come se non l'avesse mai fatto.
Quel sapore... agrodolce... non gli era certo nuovo ma, in un certo senso, era come se lo fosse. Andò alla ricerca di quel nettare, di ogni goccia di quel nettare con la lingua come se fosse stato nel deserto e quello fosse stato l'unico modo per dissetarsi.
I gemiti e i sospiri di Cristina erano il suo canto della sirena.
Quella carne dolce e gustosa vibrò ed esplose e fu con un piacere sublime che accolse l'orgasmo nella sua bocca.
Restò immobile.
Attese con amore che il corpo di Cristina si placasse, che smettesse di tremare.
Aspettò con dedizione che lei gli posasse una mano sul capo e lo invitasse a salire.
Il viso... l'espressione... non gli riempirono solo gli occhi. Gli riempirono l'animo.
Le accarezzò una guancia guardandola per quello che era: l'unica Donna del mondo.
La voce di Cristina riempì l'aria come una melodia.
"Tesoro..."
"Dimmi."
"Non so se tu sia il demone o il mio angelo."
Le sorrise e la baciò teneramente.
"Forse entrambi."
Quel sorriso...
Angelo la fissò in estasi.
Non avrebbe trovato un sorriso simile in tutta la Terra.
Non riusciva a immaginare la propria vita senza di lei.
"Angelo mio... adesso..."
Cristina arrosì.
"Dimmi amore."
"Mi hai perdonato?"
Lui la baciò, ma lei si fermò.
"Dimmelo. Per piacere. Ho bisogno di sentirtelo dire."
La guardò come non avrebbe mai guardato nessun'altra.
"Ti ho perdonata."
Lei parve sciogliersi a quelle parole.
Lui era perso in lei.
"Adesso... facciamo l'amore?"

Questo racconto di è stato letto 2 9 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.