Prima e ultima volta

Scritto da , il 2019-03-20, genere incesti

PRIMA E ULTIMA VOLTA

“Allora? Verrai? Ti conto?”
No. No, cazzo. Non voglio venire al tuo diavolo d’un matrimonio!
“Non lo so. Davvero, è un casino con il lavoro.”
“Ma non avevi preso le ferie?”
Perché ogni tanto non ti dimentichi qualcosa? Perché il Signore ti ha fatto dono di una memoria tanto infallibile (e veramente antipatica)?
“Sì, ma ho un collega in malattia e probabilmente tocca a me coprirlo.”
Odio mentire, ma non ho altra scelta. Ricordo fin troppo bene i pomeriggi passati insieme, le serate trascorse con gli amici, tra gli sguardi interessati e furtivi alle curve delle tue cosce o del tuo fondoschiena. Ricordo fin troppo bene i tuoi seni stretti in quel variopinto bikini che lasciava, ancora non sono certo della tua innocenza, intuire i capezzoli quel lontano giorno al mare. E non ho mai dimenticato quel Capodanno in cui le nostre labbra di sfiorarono e, per poco, per tanto così, non superammo il limite.
È stata una (s)fortuna che ti sia trovata il fidanzato lontano e sia andata a vivere da lui. Lontana da ogni tentazione.
“Se hai preso ferie, hai preso ferie.”
Sospiro. Sento un brivido attraversarmi da capo a piedi mentre ripenso a come ti muovevi quella notte, in discoteca. Cos’era? Il compleanno di Laura? Quanto eri conturbante...
“Cugina, tu fai tutto sempre facile.”
“Perché lo è, cugino.”
Non che in tutto questo tempo non ci sia mai incontrati, ma tre ore di auto per strade di montagne… la realtà è che, per quanto cerchi sempre di renderle un ostacolo, le affronto ben volentieri per rivederti. Ma proprio per il tuo matrimonio…
“Senti, faccio il possibile. Ok?”
È chiaro che vorrei venire. E non solo alla tua festa, ma anche tra le tue cosce, ma questo non lo si può dire.
“Io ti conto. Vieni su sabato, facciamo baracca, dormi su e poi domenica con calma torni.”
“Faccio il possibile, promesso.”
“No, fai l’impossibile. Ci tengo. Davvero.”
Sospiro. Non è che non abbia voglia di vederti. Avevo anche fatto pace coi miei demoni e ora… è andato tutto in fumo. Non ho alcuna voglia di venire al tuo matrimonio, di vedere il tuo uomo marcare il territorio, di saperti nella stanza accanto di quel dannato agriturismo a gambe aperte e a…
Cazzo! Ma come faccio a dirti di no? È tutto così assurdamente sbagliato, ma al tempo stesso, così invitante.
“D’accordo, d’accordo, ci sarò!”
Il tono della tua voce cambia di colpo e quasi perdo un orecchio a sentirti esultare.
“Grazie! Graziegraziegrazie! Non vedo l’ora di abbracciarti! Ti voglio bene!”
“Anche io te ne voglio, ci vediamo presto.”
La verità è che ti voglio e basta, ma è una verità che richiede troppo coraggio per essere ammessa.

Questa telefonata è avvenuta due settimane fa. Ora sono qui, in questo posto incantato da cui si domina tutta la vallata. Il bosco avvolge tutto l’agriturismo isolandolo dal mondo come per magia. Quando sono arrivato i tuoi bimbi meravigliosi mi sono corsi incontro come furie ed è stata subito festa. D’altronde, vedendoci poco, quando arriva lo zio Perseo coi regali è sempre festa. Bella età, la loro.
E tu? Tu sei meravigliosa. Come sempre.
La cerimonia è domani mattina ma tu sei già bella così. Ti destreggi tra l’aperitivo, i camerieri e gli invitati con decisione e gentilezza. I tuoi occhi brillano e saettano da una parte all’altra in cerca costante dei tuoi piccoli senza che nulla, di tutta la festa, sfugga alla tua attenzione.
Tuo marito? A far baracca coi suoi amici. A vederlo direi che non si sta risparmiando. I suoi amici poi, non fanno nulla per conservarlo intero.
In quanto a me, non appena i pargoli mi concedono tregua, vengo accolto da uno dei migliori abbracci della mia vita. Come mi vedi afferri due bicchieri di prosecco e mi vieni incontro, raggiante, con le braccia aperte.
Mio Dio… che tette!
Anche se sei vestita e non si vede nulla, io so cosa nascondono quel leggero maglioncino e quella maglietta. Ti lamenterai che due gravidanze ti hanno fatto il culone, ma fidati, quello che hai guadagnato sotto il reggiseno è… un’ottima contropartita! Un abbraccio di cui mi sono goduto ogni istante, un brindisi e le presentazioni. Tante facce che non conosco, tante coppie, di cui lunedì non ricorderò più nemmeno le fattezze, dall’apparenza felici che bevono e fanno festa.
Non riesco a vedermi in quello stereotipo di vita. Proprio no. Lo lascio a voi.
Prendo un Americano, il terzo temo, e mi sposto sulla terrazza panoramica. Da qui, ho sentito dire, nelle giornate terse, è possibile spingersi con la vista fino al mare. Mi sembra esagerato, ma il panorama è sublime. E c’è pace. Una casa in sasso, dove ci sono le camere degli ospiti, la divide, quasi la isola, dall’aia dell’agriturismo, dalla festa, dalla confusione, e dall’altra struttura dove è stato attrezzato il ristorante, anch’esso in sasso.
“Ehi, zio!”
Marco. Tuo figlio maggiore, arriva di corsa usandomi come cuscino per fermarsi. Un miracolo che il cocktail non finisca a valle. È una furia, non sta mai fermo e, giuro, non capirò mai dove trovi tutta questa energia.
“Ciao, campione! Che fai qui?”
Mi abbasso sulle gambe così da essere alla sua stessa altezza. Anche se a volte mi prendo la libertà di rimproverarlo, specie quando manca di rispetto a qualcuno, mi piace l’idea di trasmettergli il concetto che siamo tutti uguali e pensare che, anche se ho quattro volte la sua età, veda in me un amico, un alleato.
“Cercavo te. Vieni in piscina?”
“In piscina? Ma non ci sono gli altri ragazzi?”
Guai a chiamarli bambini, o l’ometto di offende.
“Sì, ma… se vieni anche tu è più divertente.”
Odio questi momenti.
“Io non posso.”
“Perché?”
La delusione sul suo viso fa quasi male, ma non ho davvero alcuna voglia di tuffarmi né in piscina né nella confusione. La sincerità, prima di tutto.
“Perché hai uno zio orribile che ha già bevuto tanto. E quando si beve tanto non ci si può tuffare in piscina o si annega.”
“Oh…”
“Domani?”
Il suo viso si illumina.
“Domani, dopo la cerimonia, vengo in piscina.”
“Davvero?”
“Promesso.”
“Hai promesso! E comunque non sei uno zio orribile”
Sono fregato.
Tuttavia, vedere il cucciolo correre via tutto contento è una gioia per lo spirito.
Mi godo gli ultimi sorsi dell’Americano in pace. È tempo che torni alla festa prima di risultare scortese.
Tuo marito, durante la cena, è impeccabile, un vero signore, distinto, rispettoso, ha un momento per tutti e non manca mai un gesto di attenzione ai bambini. I vostri amici vi circondano con regali, scherzi, foto e video. Tutto è perfetto, l’aria è leggera e frizzante e l’allegria regna sovrana. È bello vederti così... felice. Questo è il vostro giorno e io vi auguro davvero ogni bene.
Ormai ho perso il conto delle volte in cui il mio bicchiere è stato riempito e svuotato di vino. Troppe. E ancora molto manca alla fine della cena. È il tempo di una pausa. Mi alzo indisturbato e, allo stesso modo, sparirei nel nulla se non fosse per tuo figlio. Peggio di un segugio...
“Ehi zio, dove vai?”
“A fare due passi, campione.”
“Vengo con te!”
“Oh no, niente affatto. Tu devi restare vicino alla mamma.”
“Ma io voglio venire con te!”
Mi abbasso e mi metto, ancora una volta, alla sua altezza.
“Tu sei il suo tesoro più grande e questo è il suo giorno più importante. Resta con lei.”
Marco mi guarda serio, gonfia il petto, annuisce con il capo e corre al tuo fianco. È un ometto davvero in gamba.
Infilare il primo sentiero che si perde nel bosco è questione di un attimo. Non importa che sia buio, i miei occhi si abituano in fretta.
So che noterai la mia assenza, cugina, ma darò la colpa all’alcol e domani è un nuovo giorno.
Una piccola radura, lontana dall’agriturismo quanto basta da non essere invasi dalla confusione e da cui si riesce ad avere un’ottima visuale su questo splendido cielo stellato di un weekend d’estate. Steso, sul manto erboso, posso godermi la quiete. E che quiete!

Apro gli occhi di colpo. Qualcosa ha attirato la mia attenzione.
Eccolo. Un rumore furtivo nel bosco. E poi ancora.
Qualcuno, o qualcosa, si sta muovendo nella boscaglia verso di me. Per un attimo penso ai lupi e un brivido mi attraversa la schiena, ma poi penso che no, non può essere un lupo. Un lupo sarebbe molto più furtivo e non farebbe tutto sto baccano.
“Ehi, cugino.”
Posso riconoscere questa voce anche senza vederla: la sposa.
“Perché non sei alla festa?”
Entri nel mio campo visivo e ti siedi accanto a me.
“La festa è finita. Tutti a nanna.”
Solo ora mi rendo conto che, in effetti, dall’agriturismo non giunge più alcun rumore.
“È così tardi? Cazzo… devo essermi addormentato.”
“Si sta proprio bene qui.”
Mi metto seduto, spalla contro spalla con te. Il tuo profumo...
“Sì, ho scelto bene. Come mi hai trovato?”
“Mio figlio ti ha visto venire verso il bosco. E poi… siamo cugini, siamo cresciuti insieme. Un poco ti conosco… concedimelo.”
Ti guardo mentre sorridi. Dio solo sa quanto vorrei baciare quelle labbra così piene e morbide…
“D’accordo, te lo concedo. Così, domani è il gran giorno.”
“Già… sembra incredibile.”
“Dovrò cominciare a chiamarti ‘signora’…”
Alzi una mano e mi interrompi prima che pronunci il cognome di tuo marito.
“Lo facciamo per i bimbi, ma io resto sempre io… tua cugina.”
La cugina che stenderei su questo manto erboso e tra le cui cosce m’infilerei volentieri, vorrei dire.
“Bella festa. Complimenti.”
“Grazie.”
D’accordo. Avverto solo io quest’imbarazzo che aleggia nell’aria? O l’aria è diventata frizzante e…
Allungo una mano e ti accarezzo la schiena, dal collo scendo fin poco sotto le scapole, per poi risalire. Diamine, che sto facendo?
“Siete belli insieme. I tuoi figli sono incredibili.”
“Marco ti adora.”
Rimani ferma al mio tocco, lo sguardo in avanti, nel buio del bosco, mentre continuo quel leggero massaggio. È solo un gesto d’affetto tra cugini, nulla di più. Solo io sto pensando ai mille finali di questa notte.
“Era tanto che non restavamo più un po’ da soli a parlare.”
Le tue parole mi colpiscono e mi mettono un po’ di malinconia. Mi ricompongo.
Non è più successo da quando abbiamo sfiorato il bacio, vorrei dire, ma cerco una risposta meno imbarazzante.
“Più o meno da quando ti sei fidanzata.”
“Così tanto?”
“Temo proprio di sì.”
“Caspita…”
“Mi mancano le nostre bravate, le nostre chiacchierate sui massimi sistemi del mondo, le nostre sbronze prese male.”
Sorridi. Dio che bel sorriso. E ti giri verso di me, posandomi una mano sulla spalla.
“Beh, dai, non tutte sono state prese male!”
“Per fortuna no!”
Ridiamo.
I nostri sguardi si incrociano.
Baciala, cazzo.
Torniamo seri. Il mio cuore aumenta i battiti a un ritmo finora sconosciuto.
Baciala, cazzo.
“Mi sei mancata, cugina.”
Accenni un sorriso timido. Che immagine meravigliosa.
Baciala, cazzo!
“Anche tu, cugino.”
Il mio vaffanculo al mondo... lo sentite?
Ti accarezzo il viso dolcemente. Chiudi gli occhi e ti abbandoni contro la mia mano.
Baciala, cazzo.
Torno su, seguo il contorno del viso, l’orecchio…
Baciala…
I capelli… scivolo sulla nuca mentre ancora tieni gli occhi chiusi. Mi avvicino. Il nostro respiro si confonde. Le nostre labbra si sfiorano, si toccano.
Un istante dopo si schiudono e le lingue iniziano a cercarsi e a rincorrersi con foga. Cazzo, sto baciando mia cugina. Fatico a crederci, ma l’erezione che sento spingere contro i pantaloni toglie ogni dubbio. Come possono due labbra essere tanto morbide? Le succhio, le mordo, le assaporo con gusto. E poi… poi succede l’inevitabile. Mi posi una mano sul petto e ti tiri indietro.
“Io… non posso…”
Fa male. Dovrei fermarmi, darti ragione e ricompormi.
Dovrei.
Allungo una mano e ti accarezzo il viso, scivolo tra i tuoi capelli fino alla nuca, e ti tiro a me. Per un attimo opponi resistenza, ma sono pronto a scommettere che hai voglia quanto me. Un attimo dopo le nostre lingue sono di nuovo lì, a rincorrersi e cercarsi l’un l’altra.
Ti voglio.
Sono anni che ti voglio e non ho mai avuto il coraggio di ammetterlo. Ma ora… ora sta per cambiare. Infilo la mano sotto la maglia e punto dritto a un tuo seno. Trattieni il respiro.
“Hai un reggiseno di troppo.”
“Cosa… cosa stiamo facendo?”
Riesco a scivolare dentro la coppa e a sfiorare il capezzolo con due dita. Gemi.
“Stiamo festeggiando il tuo matrimonio.”
Ci baciamo di nuovo.
Basta parole.
Basta paranoie.
Da troppo tempo ci desideriamo… la mia mano scivola sotto la tua maglietta, sulla tua pelle, sul tuo ventre e si insinua sotto i pantaloni. Con la punta delle dita sento il tessuto delle mutande…
Il nostro bacio non conosce sosta. Abbiamo un desiderio represso da troppi anni da sfogare. Togliermi la maglia serve solo a rompere il ghiaccio e tu mi segui in ogni gesto. In un attimo siamo nudi, uno davanti all’altra, pieni di perverso desiderio, pieni di peccaminosa lussuria.
La mia erezione punta orgogliosa al tuo sesso. Le tue mani accarezzano delicatamente il mio membro. Sospiro.
“A volte, i sogni diventano realtà.”
Lo dici un attimo prima di chiudere le tue labbra attorno alla mia cappella, mettendo a tacere qualsiasi mia risposta. E mentre ti guardo prenderlo in bocca, succhiarlo e leccarlo, io ti accarezzo i capelli, in silenzio. È il pompino più intenso e forte della mia vita.
“Basta.”
Sono costretto a fermarti. Alzi la testa.
“Cosa?”
“Basta, ti voglio.”
Sorridi.
“Anche io ti voglio, ma prima lascia che faccia una cosa.”
Prima che possa replicare torni giù, serri le labbra morbide e scendi. Chiudo gli occhi, mi abbandono a te e sospiro mentre lo prendi tutto in bocca. È più forte di me. Ti poso una mano sulla nuca e spingo. Sento la tua bocca sul mio ventre. Sento la tua gola con la cappella. Sento i tuoi conati, per quanto poco sensuali, per quanto eccitanti. Non nego che è così che vorrei venire, ma so che non ci sarà una seconda occasione e devo scegliere con cura.
“Ora tocca a me.”
Ti prendo per le spalle e ti stendo. Un attimo dopo scendo tra le tue cosce e ora è la mia bocca a chiudersi sul tuo sesso. Oh mio dio, esiste forse un nettare più dolce? I tuoi gemiti e sospiri riempiono l’aria, mentre con le mani ti tieni aperte le gambe. E io… io scosto le labbra dal tuo sesso e ci tuffo la lingua. Lecco, succhio e lecco ancora, innumerevoli volte.
“Fermati…”
La tua voce è poco più di un sussurro.
“Perché?”
“Altrimenti vengo.”
Sorrido. Ti lecco ancora. L’idea che tu venga così non mi dispiace.
“No… no… fermati… vieni su…”
Ti stampo un bacio sul clitoride e ti accontento. Con troppa facilità il mio membro scivola dentro la tua carne. Con troppa estasi i nostri corpi si fondono. È un momento così intenso che mi manca l’aria.
Spingo.
Gemi.
Spingo ancora.
D’un tratto mi picchi sul petto e mi respingi.
“No… no… non posso… non così…”
Resto di sasso, non capisco, non voglio capire. Mi fermo, ma non riesco a togliermi.
“Ti prego… esci…”
La tua espressione… riesce a farmi senitre un infame.
Abbiamo esagerato. Mi sento responsabile. Mi sento una merda.
Mi sposto con un macigno sul cuore e, in silenzio, faccio per prendere i vestiti.

Allunghi una mano e mi fermi. Dai tuoi occhi non è scomparsa la lussuria. Non capisco.
“Siamo cugini. Non ci sono precauzioni di alcun genere. Non posso farlo con te... non così.”
Sono tonto, ma davvero non capisco. Mi guardi, mi sorridi, sei maliziosa.
“Abbiamo un’alternativa.”
“Cos…?”
Osservo mia cugina che si gira e si mette a quattro zampe.
E allora, lento come un treno a vapore, capisco.
“Sul serio?”
“Sì. Forza.”
Sono senza parole, non mi sarei mai aspettato un risvolto del genere, nemmeno nei miei sogni più sconci.
Mi alzo e mi porto dietro di te, ti accarezzo la schiena, il culo, una coscia. Io sono eccitato da morire.
Sto per scoparmi il culo di mia cugina.
“È questo che vuoi?”
“Vuoi un invito scritto?”
“No, voglio che tu lo dica.”
Ridi. Per l’imbarazzo.
“Sul serio?”
E, sul serio, senza tante cortesie, ti infilo un dito nello sfintere. Entra. Fino in fondo. Non posso non pensare che non sia la prima volta che usi questa strada.
“Ah! Cazzo!”
Rido io ora.
“Quello tra poco.”
“Fai piano, cugino.”
“Come… così?”
Sfilo il dito e, senza riguardi per te, ne metto due. Che entrano senza troppo difficoltà.
Gemi. Inarchi la schiena.
“Fai piano, stronzo.”
“Dillo.”
“Che sei stronzo?”
Sfilo le due dita e le rimetto dentro il tuo culo.
“Aahhh…”
“Questo non era un gemito di dolore.”
“Sei proprio stronzo.”
Lo rifaccio. Gemi di nuovo.
“Dillo.”
“Cosa vuoi che dicaaa…”
Questa volta spingo senza tirarle fuori prima che tu finisca la frase. Tutto il tuo corpo vibra.
“Dillo.”
“Scopami il culo…”
Non sono un santo. Di malefatte ne ho combinate… ma ci sono poche cose eccitanti come la propria cugina che chiede una cosa del genere.
Soddisfatto appoggio il mio membro al suo dannato buco.
“Dillo di nuovo.”
C’è un momento di silenzio. Di imbarazzo. Forse più eccitante della tua stessa voce.
“Cugino… scopami il culo...”
Questo è un ricordo che rimarrà indelebile nella mia memoria.
Aiutandomi con una mano per essere sicuro di non sbagliare il bersaglio, inizio a spingere. Mi aspetto chissà quale resistenza, anche per via che non stiamo usando alcun lubrificante, che, però, trovo.
“Cugina… quanti...”
Non riesco a finire la frase.
Nel momento in cui la cappella si fa largo dentro di te, il mondo scompare.
“Cazzo.”
Mi scappa. Resto fermo. Voglio godermi questo momento. Quando mai mi ricapiterà?
“Spingi.”
Mia cugina non è dello stesso avviso. Non che avessi dubbi...
Ti prendo per i fianchi e ti accontento.
Spingo.
Fino in fondo, fino a quando il mio bacino sbatte contro il tuo.
“Oh mio Dio, cugino…”
Scivolo indietro e spingo. Con più forza.
“Ti sto scopando il culo.”
“Sì… Fallo… Fallo…”
Tu stessa ti fai indietro. Io spingo come se potessi entrare ancora di più dentro di te.
“Ora basta giocare.”
Ti afferro per i capelli e tiro.

Ti scopo.
No… è più corretto che ti fotto.
Sto fottendo il culo di mia cugina.
La tua voce, il tuo profumo, la tua pelle, il tuo corpo… tutto contribuisce al piacere. Un piacere che non non conoscevo, non avevo mai sperimentato, non pensavo potesse arrivare a questi livelli.
E alla fine, stringendoti più forte, spingendomi più forte in te, vengo.

“Hai un culo favoloso, cugina.”
Mi sorridi e mi baci.
“Anche tu scopi niente male, cugino.”
Ci rivestiamo con calma.
“Avevo il dubbio che non ti fosse piaciuto.”
Ti giri verso di me, perplessa.
“Come scusa?”
Perché ho l’impressione di aver appena detto una cazzata?
“Voglio dire…”
Ti avvicini e mi metti la lingua in bocca senza farmi finire la frase.
I tuoi occhi dentro i miei.
“Ho avuto uno degli orgasmi più belli della mia vita.”
“Oh…”
Sì, sono un pirla. A volte.
“Grazie.”
“Grazie a te.”
“Mi fa piacere che tu sia venuto.”
E ho il sospetto che tu non ti riferisca solo all’essere presente al tuo matrimonio.

Questo racconto di è stato letto 8 9 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.