Ale

Scritto da , il 2019-05-31, genere etero

Parcheggio. Entro nel bar e raggiungo i miei amici che sono già seduti al tavolo. Bar stile liberty, colorato, con poche persone. Sento un vocio in sottofondo, pacato. I faretti aiutano le ultime luci della sera ad illuminare l’ambiente. C’è la mia ragazza. C’è Raffaele, Max e Fabio. C’è Ale. Ci sono le tette di Ale… Mi comporto normale, indifferente, facendo finta di niente, sperando che non mi abbia notato quando ho flashato lo sguardo immediatamente su quel seno strepitoso. Con Ale siamo amici da tanto tempo. I suoi occhietti azzurrissimi mi avevano da subito catturato. Fin dai tempi degli studi. E poi mi avevano catturato in egual misura le sue tettone. Una quinta, suppongo. Mammelle belle sode, che anche dopo dieci anni non hanno perso la loro concretezza e volume. Mi siedo a fianco alla mia ragazza, ovviamente. Rido, scherzo. Ridiamo, parliamo. Con lei, con gli altri…bla bla. Ma oggi ho solo occhi per Ale. E’ come un’ossessione; un magnetismo sessuale e mammario. Ci incrociamo con lo sguardo solo un paio di volte. Ma di quelle giuste. L’ intensità delle occhiate rivela una carica di un’energia che vive in profondità, venata di malizia e mistero. E voglia carnale. Ale è vestita con una camicetta e una maglietta di lana fina, con il collo a V. La qual cosa permette all’occhio esperto di sbirciare nella scollatura il taglio dei seni. E indovinarne le forme sotto il tessuto. Grosse protuberanze che si sollevano e abbassano al ritmo delle risa e dei sospiri più profondi. Beviamo americani: allegri, tosti e alcolici. Forse troppi. Ma chi se ne frega… Mi focalizzo su Ale. Ci parliamo ignorando gli altri, che appaiono come un sottofondo sfocato. Come in un’immaginazione di fantasie represse. Che prendono forma trasfigurando le cose e rendendole reali. Anche se forse rimarranno solo nella mia testa. Focalizzo la faccia di Ale, i suoi occhi, i suoi sorrisi. La voglio. “Ti voglio, Ale”. Sorride. “Cosa vuoi?”. Mi guarda incuriosita la patta. “Prendimelo in bocca, dai”, la invito, prendendole la mano e appoggiandola sopra il mio pacco che si sta indurendo. Poche parole secche e sincere. Lei stringe e afferra il mio cazzo ancora sottocoperta. Mi apre la lampo e lo libera. Non è ancora duro, ma è abbastanza grosso perché le stia bene in mano. “Oh si, succhiamelo”. Ale me lo scappella e si inginocchia davanti a me. Mi lecca piano il glande con la lingua, scendendo subito dopo lungo tutta l’asta, che nel frattempo aveva acquisito la sua naturale lunghezza. Apprezzo il mio cazzo, lucido della sua saliva, e osservo le vene che stanno pompando il sangue necessario per la massima erezione. Mi spompina lentamente, riempiendosi la bocca della mia carne. Dalla pancia arrivano stilettate di piacere, che mi esplodono nel cuore aumentandone ulteriormente il battito. Glielo devo infilare tra le tette! “Tira fuori le poppe, svelta”. Lei estrae il mio membro dalla sua cavità orale e me lo rilascia sbattere duro contro la pancia. Si alza in piedi e inscena uno spogliarello. Sopra di lei il faretto le conferisce un’aria da attrice di teatro. Ombre e luci delineano la sua persona e i movimenti si fanno eterei. Si leva teatralmente la maglia e si sbottona la camicetta, lasciando scivolare tutto per terra. Sotto indossa un reggiseno di pizzo bianco, che a malapena riesce a contenere le sue bocce. Sono talmente grandi e belle tondeggianti... Gonfie, floride e sorridenti. “Fammele toccare, dai”. Allungo le mani e stringo forte. Hanno una consistenza piena che mi riempie a malapena i palmi. Lei intanto si slaccia il reggiseno e finalmente me le mostra nude. Le palpo incessantemente, con un gusto vorace che non potete immaginare! Sento i suoi grossi capezzoli ruvidi. Con il tatto mi attizzo al contatto di quella pelle mammaria… La avvicino e la faccio sedere su di me. Gliele lecco, solleticandole i capezzoli e giocando con la mia lingua attorno a loro. Ormai sono diventati turgidi ed eccitati. Ale mi abbraccia. “Me lo vuoi mettere in mezzo alle tette?”, propone. Hai proprio indovinato, baby! Ci sorridiamo. Me lo prendo e lo riporto con sapienti movimenti segaioli alla durezza di prima.
Lei torna ad inginocchiarsi di fronte a me e si afferra i le bocce ai lati esterni. Io lo tengo dritto con il pollice e lei se lo piazza proprio in mezzo. Poi chiude le mammelle come un sipario. E incomincia ad andare su e giù. Vedo la mia cappella sbucare e scomparire tra i suoi seni, al ritmo dei suoi movimenti. Due grossi palloncini di carne capezzolati soffocano indefessi il mio dolce pene. Lei sta a guardare soddisfatta. “Che bello”, ammetto. Sto godendo di gusto. Ale mi sta facendo una sega con le tette… finalmente, dopo tutto questo tempo ad aspettare… All’ennesima apnea della mia verga, sento uno strano bruciore nel bassoventre. Che sale e mi produce un brivido che riconosco. Non appena la cappella riemerge, sento uno spinta liquida incontenibile, che sfocia in uno spruzzo biancastro che bagna il collo della mia Ale. Lei d’istinto reclina la testa e lascia la presa sul mio cazzo, esclamando: “Oh”. Io afferro prontamente il cazzo e procedo a menarlo velocemente per finire l’eiaculazione… le imbratto completamente il collo e le tette di sperma. Non penso di aver mai prodotto così tanto seme!
Ci voleva, amici.

https://bcifrani.altervista.org/

Questo racconto di è stato letto 3 9 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.