Il regalo di Babbo Natale

Scritto da , il 2019-12-17, genere esibizionismo


Un piccolo granello nero. Un ticchettio prodotto da un altro e altri ancora, precipitati contro la base della fornace del camino. Poi una pioggia di sabbia nera come il carbone, a cascata dall'alto della cappa, a preannunciare l'immensa nuvola di fuliggine che con un tonfo sordo e scoppiettante invade la stanza, vomitata dal caminetto.
In quel momento la chiave entra nella serratura e la fa scattare. La porta si apre e il salotto accoglie una figura grossa, un po' goffa per la stanchezza, vestita di rosso e di bianco.
«Ma porca puttana!»
Scaraventa per terra il cappello a punta rosso, e guarda attonito e alquanto incazzato la stanza annerita. Sbuffa, mentre di accarezza la barba bianca che sa ancora di whisky.
«Merda! Adesso mi tocca pulire tutto. Sapevo che dovevo chiamare in settimana quel cazzo di spazzacamino»
Sono le cinque del mattino del 25 dicembre e Babbo Natale è appena rincasato dopo aver passato tutta la notte a distribuire regali. E a tirarsi su scolandosi la sua solita bottiglia di superalcolico. Si sente stanco e ubriaco al punto giusto per essere di cattivo umore.
Dopo molte imprecazioni e aver pulito e rimesso in ordine il salotto, decide di farsi finalmente una bella doccia per rilassarsi sotto l'acqua bollente e sciacquare via la pesantezza della notte.
Si versa un altro bicchiere di whisky e si spoglia: via la giacca rossa con il collo bianco, slaccia la cintura nera dalla grossa fibbia dorata, giù i pantaloni rossi dopo essersi tolto gli stivali neri. Poi si dirige barcollando verso il bagno.
«Iuhhuhh...Babbinoooo....»
Una flebile vocina femminile lo richiama all'interno.
Una volta entrato, vede spuntare dall'apertura delle porte a vetro del box doccia una delicata caviglia che termina in un piccolo piedino candido.
«Ma, che cazz...!»
Dietro quattro lunghe e affusolate dita, spunta un dolce faccino ovale dai lunghi capelli lisci e le caratteristiche orecchie a punta. È una delle ninfette di Babbo Natale, che lo aiutano soprattutto nel confezionamento dei pacchi regalo.
«Non ti dispiace vero che abbia approfittato della tua doccia?!»
Nell'aria si profonde un aroma di bagnoschiuma e tepore.
Il Babbo rimane fisso lì in piedi, reggendosi con un mano l'asciugamano attorno alla vita e con l'altra nei capelli, pensieroso e stupito.
La ninfetta esce dalla doccia, completamente nuda e ancora bagnata. Ha un corpo stupendo: magra e soda, con due tette generose che sono solo un invito! Una goccia d'acqua fa capolino sopra uno dei due capezzoli, per poi scivolare giù verso l'ombelico.
Babbo Natale si sente crescere qualcosa sotto l'asciugamano. A lei non sfugge tale reazione e cinge i fianchi all'uomo. Quindi avvicina i suoi occhi agli occhi di lui e gli sorride sorniona.
«Vediamo cosa c'è lì sotto...», e senza altro indugio apre l'asciugamano, facendolo cadere a terra. La rivelazione di un enorme membro ritto e teso fa sfuggire un gridolino di sbalordito compiacimento alla fanciulla fatata. La grossa cappella gonfia cattura magneticamente la sua attenzione.
«Devo prenderlo in bocca...»
Come se fosse una drogata in crisi d'astinenza, la ninfetta si china con uno scatto repentino addosso all'uccello che già teneva saldamente in mano. La sua bocca spalancata non tarda ad accogliere tra le sue labbra quei voluminosi centimetri di carne. Per poi percorrerli avanti e indietro, gustando tutta la solidità geometrica e marmorea del cazzo contro il suo palato.
Intanto il Babbo si gode quel sontuoso pompino, allargando bene le gambe e spingendo di anca contro la faccia della ninfetta. Ma di là sente dei rumori...
«Cosa succede?»
«Ora che ce l'hai bello duro, possiamo andare in salotto»
La fanciulla sorridente si stacca dal suo giocattolo lasciando una scia di saliva e accompagna per mano l'uomo nell'altra stanza.
«Sorpresa!!!»
Si accendono mille lucette colorate di bianco, azzurro, rosso e giallo; diverse decorazioni natalizie abbelliscono la sala e la rendono festosa e calda. Parte in sottofondo una musichetta a tema, mentre una schiera di elfi e ninfette applaude sorridente.
«Oh, ragazzi, non dovevate...»
«Beh, abbiamo pensato che fosse carino creare la giusta atmosfera per il tuo regalo»
«Regalo?»
«Vieni Babbino»
In tutto quel trambusto la ninfetta ha approfittato per prendere posizione vicino al divano. Seduta sul bracciolo e con le gambe spalancate ora invita il Babbo in maniera inequivocabile.
Solo ora lui si rende conto di essere ancora completamente nudo e con un'erezione magistrale che in effetti provoca l'invidia di non pochi degli elfi presenti.
Quindi decide di assecondare di buon grado la situazione gentilmente offerta e infilza la fanciulla con un colpo secco, sorreggendola per le candide gambe affusolate. Questa ansima di piacere ad ogni affondo, così potente e profondo da farla sobbalzare in maniera incontrollata.
Attorno a loro il tifo incomincia a farsi sentire «Dai Babbo, forza!», «Fottila più forte!», «Falla venire!», «Fallo venire», «Vediamo quanto sborra!»
I due continuano a scopare in quella posizione finché la ninfetta, esausta, non propone un bel sesso anale risolutivo.
Il Babbo quindi si toglie dalla fica ormai slabbrata da tutti i suoi assalti ingombranti e attende che la ninfetta si giri e gli offra il suo piccolo culetto tondo, finalmente trovando un comodo appoggio sullo schienale del divano.
E tutti in sottofondo, con gli occhi che brillano e saltellando eccitati a dismisura «Siii, nel culo!!!»
Il membro arrossato fa fatica a penetrare l'ano socchiuso, che fa passare a malapena e con grossi sforzi solo l'inizio della cappella. Allora l'esperto Babbo Natale versa il whisky rimasto nel suo bicchiere sulla sua asta, che fa scivolare il liquore dritto nell'apertura anale ostruita. Poi sputa un paio di volte per lubrificare sulla metà della cappella rimasta fuori e inizia ad andare avanti e indietro.
Come previsto il suo cazzo vince ogni resistenza e trova la sua strada invadendo il canale posteriore della fanciulla, trovandosi ora completamente ostruito da tutto quel volume di carne durissima e invitante che si muoveva insidiosa.
Babbo non vuole fare male, ma la fanciulla grida. Il membro forse troppo grosso per quel culo così minuto non le lascia scampo. E poi, lui sente che sta per venire e non vuole di certo proprio adesso abbandonare quel singolar tenzone.
Gli piace la strettezza dell'ano della fanciulla, e come appare enorme (e forse lo è davvero) il suo uccello quando riemerge dalle morbide carni sfondate per poi rientrarvi con prepotenza. E questo, infinite volte, e con ritmo sempre più crescente, fino a quando...
«Girati...girati...!!!»
Il Babbo ha tutta l'intenzione di sborrarle in faccia, anche per riguardo degli astanti, che sono stati così gentili da organizzargli questa "festicciola".
«Si, bravo! Annegala!»
La ninfetta accoglie sorridente i fiotti fendenti di bianco sperma che le solcano le guance e si infrangono addosso alla sua fronte e le accecano gli occhi. Il liquido tiepido che le cola sul seno testimonia la grandezza dell'evento!
Il Babbo ansima e sorride soddisfatto. Poi, dopo aver ringraziato la ninfetta, si rivolge alla folla, domandando una curiosità che lo sollevava fin dall'inizio.
«Ma come diavolo vi è venuto in mente tutto questo?»
«È semplice Babbino. Tu ti fai sempre in quattro ogni anno per portare in giro regali e fare felici miliardi di persone, e noi perciò quest'anno ci abbiamo pensato su e deciso di ringraziarti a nome di tutti con questo nostro personale REGALO DI BABBO NATALE!»

https://bcifrani.altervista.org

Questo racconto di è stato letto 2 3 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.