Un maniaco sessuale dominante 2.

Scritto da , il 2019-05-23, genere sadomaso

Mi sveglio al mattino presto e, voglioso di godermi le mie schiave, faccio una rapida colazione che poi porto anche a loro ed attendo che la consumino. Riprendo tazze ecc., e, preparata una siringa di soporifero, ne inietto metà su un braccio alla prima che cade subito a terra e prendo in braccio per stenderla sul tavolo apposito: ha il piano inclinato in tre parti, in modo che i liquidi corrano in discesa, finendo su un buco al centro che li scarica dentro un grosso recipiente che poi io vuoto altrove. Lego la prima a polsi e caviglie e sto per fare altrettanto con la seconda che però mi fa faticare molto perchè cerca di non farmi fare l'iniezione ma entro nella cella bloccandole le braccia e le infilo l'ago sulla natica che s'irrigidisce facendolo spezzare. Lei urla dal dolore che immagino sia lancinante con un pezzetto di acciaio in corpo e certo sa che se se ne va in giro, può arrivare al cuore uccidendola. Ma io adesso che faccio? La prendo e la porto al Pronto Soccorso per dire che stavo giocando con lei così? Poi lei certo racconterà perchè si trovava da me e come ci era arrivata e come è stata trattata. Bell'affare. Chiaro che non la porto in nessun posto e, considerato che ad un certo punto avrei dovuto eliminarla, la fisso sul tavolo accanto all'altra che intanto si sta risvegliando ed urla con la speranza di essere sentita da qualcuno ma le dico subito che lì dentro è tutto insonorizzato e nessuno la può sentire. Intanto si sveglia anche lìaltra che si lamenta per il pezzetto che le sta martoriando la carne. Ignorando tutto, decido di godermele tutt'e due e scopo la prima, sborrandole dentro e lei urla che non vuole figli da un assassino, così, le libero un polso ed una caviglia facendola roteare su se stessa, ponendola a pancia sotto e rilegandola, mentre le punzecchio le natiche con spilloni d'ottone, causandole un piacevole dolore, per me che l'ascolto solo, e non sento perciò nulla, e poi la sodomizzo sentendo che stringe le natiche il più possibile ma prendo un tubo di gel e le entro dentro velocemente e lei non ci può fare nulla per impedirmelo. Le sborro anche in culo e, mentre con una mano le infilo spilloni sul culo, con l'altra la sculaccio sonoramente. I miei timpani reclamano per le urla, così prendo una cuffia che pongo sulle mie orecchie ed evito di diventare sordo e mi godo i versi che fanno le loro bocche torcendosi per il dolore provato. Mi sto divertendo da matti ma continuo fino all'esaurimento delle mie energie. Intanto eccoti l'ora di pranzo. Rianniento ambedue con mezza siringa per una di soporifero e le richiudo in cella. Vado a preparare il pranzo che poi porto a loro che si tuffano a mangiare e me ne torno di sopra. Mentre mangio, mi viene da pensare come eliminarle. Mi ricordo della cronaca nera dove lessi che un tipo più fantasioso di me, si era attrezzato con una vecchia vasca da bagno, riempita con calce viva ed acqua ed il corpo dela vittima spariva senza lasciare traccia. Andai da un demolitore dove trovai una vasca da bagno vecchia con le zampe di leone. Portatala a casa mi ingegno a rendere lo scarico di liquidi manovrabile a distanza con un gioco di leve e, riempita a metà con calce, aggiungo acqua vedendo ribollire il tutto. Decido di provarla con una delle schiave. Scendo da loro e ne prendo una, la prima, la riscopo, inculo e poi frusto fino a stancarmi il braccio. Le pratico un'iniezione di sostanza velenosa che le fa chiudere rapidamente gli occhi e la porto in giardino dove l'aspetta la vasca fumante e la immergo interamente. Vado a consultare internet e lì ho la conferma che in poco tempo di lei non rimarrà nulla. Infatti, dopo due ore, preso dalla curiosità vado ad aprire lo scarico della vasca e scorre via un liquido torbido che chiaramente scolorisce l'erba del mio praticello

Questo racconto di è stato letto 5 7 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.