Un maniaco sessuale dominante

Scritto da , il 2019-05-22, genere sadomaso

Dopo anni di sacrifici, rinunce, accantonando soldi, riuscii a farmi realizzare da un progettista una casetta nel mezzo di un folto bosco, dove potevo viverci in santa pace, lontano da strade, da rumori e, per assicurarmi di non avere visite sgradite, feci recintare la mia proprietà con rete alta. Avevo un solo piano a terra dove due camere da letto, un salone, bagno e cucina, più un bel portico, erano la mia proprietà. Sotto terra feci realizzare una stanza di quattro metri per quattro ed un breve corridoio, conduceva ad una stanza simile all'antecedente, divisa in tre stanzini di quattro metri per due, tutti aventi tre cancelli di sbarre di acciaio. Tutto il piano sotterraneo, era stato realizzato con materiale insonorizzante, tanto che volli fare la prova io stesso, ponendo un registratore ad una stanzetta dove io mi misi a gridare a squarciagola per molti minuti. Rimandai indietro il nastro ed andai al piano stradale, chiudendo la porta per l'accesso al sotterraneo. Poco dopo il nastro ripartì da solo ma da dove stavo non sentivo nulla. Era stato realizzato proprio bene quell'ambiante così isolato insonorizzato! Chiaro che al progettista giustificai l'insonorizzazione per tenerci dei vini pregiatissimi da collezione, che non dovevano "sentire rumori dal piano di sopra", altrimenti si sarebbero irrimediabilmente rovinati. Quel gioco mi costò molto ma in seguito si capirà il vero motivo. Una volta arredata casa e sistemato tre brandine nelle celle con tre wc chimici, piazzai un tavolo d'acciaio nella stanza di quattro metri e ganci sulle pareti, ed un armadietto. Terminati i lavori, presi la mia auto e me ne andai a cercare compagnia femminile. In serata, in un locale di incontri di coppie e singoli dove io ero l'unico solitario, solo dopo mezz'ora entrò una stangona mora formosissima che agganciai subito e, dopo drink e chiacchiere, riuscii a portarmi fuori di lì ed andammo a cena su una trattoria di campagna. Dopo una cena bagnata con molto vino ed alcoolici forti, me la portai a casa e passammo la notte a scopare fino all'arrivo del sonno. Al mattino, svegliandoci insieme ma con lei ancora con i riflessi ovattati, non persi tempo e, dopo avere preparato una siringa con soporifero forte, le buco una natica ed inietto tutto il liquido senza che lei capisse cosa accadeva. Sposto l'armadietto che celava la porta comunicante col piano sotterraneo, prendo la morona e la adagio sopra la mia spalla e la porto giù. La adagio sulla brandina e chiudo la cella con la chiave. Vado a finire di sistemare il giardino che abbellii con un laghetto con la cascata. Stanco dei lavori, andai a controllare la mia ospite che appena mi sentì scendere la scala urlò che voleva uscire da lì ed allora la feci subito contenta, facendola uscire dalla cella, accompagnandola sottobraccio alla stanza col tavolo dove la feci sdraiare a pancia sotto, approfittando che era ancora poco lucida di riflessi, infatti riuscii a fissarle, polsi e caviglie agli anelli agli angoli. Poi aprii l'armadio e presi palette per sculacciarla sonoramente, e mollette da bucato che le posi sui seni, stringendole i capezzoli, poi iniziai a colpirla con la paletta al sedere che in poco tempo divenne rosso violaceo. Dopo che la feci urlare a lungo, le passai sulle natiche una spugna con acqua gelata che la fece sobbalzare e dopo procedetti prendendo degli aghi erti e spuntati appositamente per raddoppiare il dolore, infatti, al solo primo ago lei urlò a lungo, singhiozzando amaramente ma non feci un lungo intervallo tra il primo e secondo ago e lei urlò nuovamente a squarciagola. Presi una siringa con ago molto erto e la riempii di acqua distillata che, una volta iniettata, provocò in lei un bruciore da farla nuovamente urlare molto. I giochi durarono per due ore e, preso dai morsi della fame, chiedo a lei se vuole mangiare qualcosa ma chiede solo acqua che le verso in bocca con un imbuto e poi la slego dagli anelli e la porto alla sua cella, chiudendocela dentro. Mangio qualcosa e decido di andare a cercare una nuova mia schiava. Raggiungo la città e, dopo ore di ricerca, nel tornare a casa, vedo una ragazza intenta a cercare di cambiare una ruota bucata alla sua auto. Mi fermo dicendole che ora ci penso io ma subito noto che non ha una chiave giusta ma la mia casa è vicino a lei ed andiamo a prendere la giusta chiave da me. Arrivati lì la faccio accomodare in cucina dove le offro un caffè e mi assento un attimo a prendere la chiave in garage che non ho e torno da lei nascondendo con la mano una siringa con liquido per addormentarla rapidamente. Velocemente le buco una coscia facendola sobbalzare ma non ha il tempo per capire cosa sta accadendo, infatti finisce per terra dove la prendo in braccio a la porto al sotterraneo. Entrando lì la prima mia prigioniera urla aiuto ma la seconda non può sentirla ancora ed io la lascio nella seconda cella richiudendocela. Intanto decido di dare alla prima cibo ed acqua e vedo dopo che lei mangia e beve, poi passo alla seconda che prendo e poso sul tavolo legandola agli anelli ed inizio a bucarla dappertutto sui seni, sulle cosce, sul culo e lei, presa dal dolore si sveglia ma non è cosciente e ripiega la testa per dormire ancora ed io la lascio fare, poi però mi viene la voglia di possederla e, untole bene l'ano, con grasso rancido, la inculo violentemente facendola piangere a dirotto. Dopo che le ho sborrato dentro, la sculaccio a lungo facendola gridare, poi, stanco del gioco, la rinchiudo alla sua cella ed apro la prima dove metto le manette alla donna, fissandole alla testiera della brandina e, apertole le cosce me la scopo violentemente. Lei non vuole ma io sì e continuo sborrandole dentro e dopo mi viene lo stimolo di pisciare e lo faccio dirigendo il getto contro il suo viso e le urla imprecando e così finisce la sua prima giornata di mia "ospite".

Questo racconto di è stato letto 7 1 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.