Il mio compleanno

Scritto da , il 2019-03-30, genere incesti

Per il mio diciottesimo compleanno non mi sarei mai aspettato quello che successe. Papà mi aveva avvisato che mi avrebbe regalato due animaletti da compagnia e io, per niente felice, avevo risposto fingendo contentezza per non arrecargli una delusione, in fondo da quanto si sentiva in parlare in casa pareva essersi impegnato a fondo per il mio regalo.
Arrivato il giorno fatidico dopo i classici festeggiamenti in pizzeria tra amici e parenti papà mi fece accomodare sul divano e, in preda all’emozione, mugugnò qualcosa e se ne andò nell’altra stanza. Ci vollero dieci minuti abbondanti prima del suo ritorno.
Sei pronto?- mi chiese visibilmente eccitato. Alla mia risposta positiva mi spiego che era da un po’ che ci lavorava su e che dato che stavo diventando un uomo voleva tramandarmi qualcosa. Non capivo il nesso tra i suoi discorsi e il regalo annunciatomi in precedenza e stanco dalla lunga giornata alle spalle mi ceniva sempre più difficile rispondere al suo entusiasmo.
Se ne andò di nuovo e spense la luce. La stanza era rimasta in un buio profondo e, forse, complice la forte luce presente in precedenza e, forse, qualche biccchiere di troppo neo festeggiamenti, mi era impossibile vedere a pochi palmi dal naso.
Sentii rumori di passi, poi un breve silenzio rotto da mio padre, anche lui un po’ brillo, che urto contro qualche oggetto. Imprecò e poi annuncio fiero di essere pronto ad accendere la luce.
Quando la luce si accese pensai di essere più ubriaco di quel che pensavo o di essere direttamente nel mondo dei sogni. Mi papà stava davanti a me con due briglie in mano ma a quei guinzagli non c’erano cani, almeno non come li immaginavo io.
Questo è il tuo regalo mi disse papà porgendomi le briglie. Si raccomando che avrei dovuto prendermi cura del mio regalo da quel giorno in avanti e che avrei potuto farne l’uso che ne avrei voluto. Ancora sbigottito osservai il termine di quei guinzagli. In quei due collari si trovavano mia madre e mia sorella. Entrambe non avevano detto una parola, conscio di quello che era il loro ruolo. Nude e con un collare attorno al collo ma per niente imbarazzate riuscivano tranquillamente a guardami negli occhi, cosa che in quel momento mi veniva difficile. Mio padre a quel punto, anche se noto la mia titubanza, si fece da parte e se ne andò in camera sua.
Non sapevo ne cosa dire ne cosa fare. Era vero che eravamo sempre stati un po’ libertini pronti a parlare di qualsiasi cosa tra di noi, ma questo era qualcosa che mai mi sarei aspettato.
Tra un po’ di codardia nel guardarle in faccia e l’ebbrezza che mi infondeva coraggio, le feci girare dall’altra parte. Giustamente fecero come i cani e sempre a quattro zampe si girarono. Ora a poco più di un metro davanti da me mi ritrovavo i loro bei culi tondi che mostravano ano e fessa a causa della loro posizione. Non potevo fare a meno di guardare. Non avevo mai pensato a mia mamma e mia sorella in quel modo, e non avevo nemmeno perversioni particolari fini a quel momento. Ma lo stare lì seduto ad osservare quei corpi, senza il capire ne il come ne il perché questo era successo, ma solo concentrandomi su di esse mi dava un senso di calma assoluto. Forse in parte mi era trasmessa anche da loro che nonostante tutto erano molto calme e sorridenti, consapevoli di quello che sarebbe accaduto e del loro ruolo.
Chiesi senza pensarci se potevo toccare ma non ricevetti risposta se non un bau di rimando da mia sorella. Incerto sul da farsi, ma curioso, allungai la mano toccando fra le cosce di mamma. Risalii un po’ e lentamente con un dito iniziai a esplorare la sua vagina. La situazione era molto distesa, forse più di quanto una simile situazione dovesse esserlo, così quando notai quanto mia mamma fosse bagnata mi decisi con l’altra mano ad esplorare tra le cosce di mia sorella. Giochicchiai parecchio in questa posizione e piano piano aumentai il numero di dita. Con mia sorpresa scoprii che mia sorella era molto più larga e che probabilmente avessi continuato le sarei potuto entrare facilmente con la mano dentro.
Passai poi a toccare il culo di mia mamma, le tette di mia sorella e così via sempre evitando di mettermi a disposizione dei loro sguardi.
Mi tolsi i pantaloni e rimasi in mutande. Purtroppo anche se ero molto eccitato dalla situazione, il tutto all’improvviso doveva avermi anche traumatizzato perché non mi stava diventando duro.
Ormai volevo solo sborrare, e iniziai a segarmelo anche se era moscio. Non avevo idea di come affrontare quella situazione è iniziai a sentirmi frustrato, soprattutto perché non avevo mai avuto problemi di quel tipo.
Ormai stanco dai vari tentativi di farmelo venire duro dimenticai anche la vergogna provata fino a pochi minuti prima e, con un briciolo di cattiveria strattonai il guinzaglio di mia sorella. Leccalo, le dissi. Appena dette quelle parole la mia mente si placo e ritornai a chiedermi cosa stava succedendo e come io potevo aver reagito in quel modo con mia sorella. D’altro canto lei si giro e iniziò a leccarmi il cazzo moscio. Sborrai, poco anche se era moscio.
Di colpo l’adrenalina se ne era andata e ora sentivo solo un senso di vergogna per il piacere che avevo provato. Tempo che pensai a tutto questo, mia sorella nel mentre aveva continuato a leccarmi il cazzo come gli era stato ordinato in precedenza e stavolta mi era diventato duro.
Mi pervase ancora una volta l’eccitazione e, avendo ormai rotto il taboo, chiamai anche mia madre a leccarmelo. Erano ben coordinate, una lavorava sulle palle e l’altra sulla cappella. Pensai che a quel punto avrei voluto fotterle ma sborrai di nuovo dopo poco imbiancando però la faccia di entrambe e a quel punto ero troppo stanco per continuare.
Pronto a ritirarmi per dormire, mio padre venne a darmi man forte, mi chiese che per ora non dovevo fargli domande, ma che da qui in avanti mia mamma e mia sorella sarebbero state hai miei servizi come e quando volevo.
Stralunato mi diressi a letto ripensando a quella lunga giornata.

Questo racconto di è stato letto 1 1 7 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.