Lo Spazio del Master - terza parte -

Scritto da , il 2019-03-14, genere dominazione

Dopo quel bacio le ammanettò i polsi dietro la schiena, ordinandole di rimanere inginocchiata e seduta sui talloni.

L’attesa fu lunga, e pur restando immobile, Eleonora finì per concentrarsi sui rumori ambientali, costruendosi un’immagine mentale di cosa il Master stesse facendo. Lo sentiva muoversi nell’appartamento, poi fermarsi. Cigolii, crepitii, apertura e chiusura di porte e sportelli, cassetti che venivano aperti e richiusi. Per quanto si sforzasse d’immaginare chissà che, si trattava in fondo di rumori assolutamente normali, associabili ad operazioni che chiunque compie all’interno di un’abitazione. In altre parole, pensò si stesse comportando come se lei non ci fosse stata ed iniziò a dubitare di un limitato interesse di Luca nei suoi confronti. Nulla di più sbagliato ed infatti, proprio in quei momenti il Master le si era avvicinato in silenzio e poco prima di parlarle le aveva tolto la benda dagli occhi.

Fra i tanti argomenti trattati prima di quell’incontro, avevano parlato di bondage, dei vari oggetti di costrizione e punizione. Arnesi strani, meravigliosi e perversi allo stesso tempo. Una volta “spiegati”, la gran parte le erano sembrati decisamente interessanti da provare.
La benda che copriva gli occhi, ad esempio, la trovava perfetta, perché le avrebbe impedito di guardare Luca con quello sguardo strano ed ambiguo che a volte le capitava di adottare, senza che ve ne fosse un reale motivo. Un’espressione involontaria, che molti equivocavano e che le dispiaceva mostrare.

- Di che sei una puttana... la mia puttana. Forza... queste esatte parole devono uscire dalla tua bocca, adesso. -

Non solo, le aveva tolto la benda, ma l’aveva fatto colpendola sotto la cintura.

I muscoli del viso di Eleonora si contrassero. Non se l’aspettava proprio che la benda le venisse rimossa all’improvviso, ma soprattutto, mai avrebbe immaginato che le venisse chiesto di autodefinirsi una puttana, men che meno in quel modo. Le serviva un attimo per riprendersi dalla sorpresa e per riempire i polmoni d’aria, poi gli avrebbe risposto a tono, ma le cose andarono diversamente. Non fece in tempo a completare quel pensiero che un sonoro ceffone, seguito da un manrovescio, la stordì.

- Non permetterti… non azzardarti... e non osare ribellarti… mai più, schiava -

Capì che Luca le aveva letto nel pensiero, e si sentì messa al proprio posto. In fondo, non le era affatto dispiaciuto quel trattamento. Se non l’avesse schiaffeggiata, avrebbe finto per fare qualcosa di cui si sarebbe poi pentita. Con lo schiaffo le aveva impedito un moto di ribellione con cui rischiava di rovinare tutto. Lo schiaffo non era indirizzato a lei, ma al suo personaggio pubblico, quello che tutti ci costruiamo per essere conformi ed accettati dalla società. Se non lo facessimo, se fossimo realmente noi stessi, verremmo emarginati, perché considerati “strani” e “pericolosi”, ma con il Master è diverso.

- Sono una puttana -

Pronunciò quelle parole e si sentì bene, come se ascoltare la propria voce che confessava un aspetto della sua natura fosse stato un atto liberatorio. Era doppiamente grata al Master, per averla messa al suo posto e fatta sentire così.

- Devi ripetere esattamente la frase… così come te l’ho detta -

- Sono una puttana... la Sua puttana, Master -

Stava terminando la frase quando si sentì afferrare per i capelli. Una presa salda, ferma, che non le lasciava scampo. Mentre con una mano la tratteneva, con l’altra Luca si aprì la patta dei calzoni. Questioni di attimi e davanti alle labbra di Eleonora, a pochi millimetri, c’era il glande morbido e caldo di quel membro già parzialmente in erezione.

- Apri bene la bocca e dimostrami cosa sai fare… convincimi che sei quello che hai detto… una femmina nata per dispensare piacere… che ti piace comportarti da puttana… -

Quella situazione e quelle parole l’avevano estremamente eccitata. Forse era stato lo schiaffo, oppure l’umiliazione subita, in ogni caso aveva scoperto che essere trattata così le piaceva.
Leggendo racconti di dominazione ed immaginando situazioni simili si era bagnata, ma non aveva mai davvero considerato l’ipotesi di essere lei la protagonista. Insomma, non aveva mai voluto immedesimarsi nella protagonista, anche se quella sua indole particolare l’aveva in già compresa. Senza un Master capace di creare le circostanze giuste, però, si sarebbe tenuta per sempre il dubbio, e frustrata, ne avrebbe fatto il suo segreto inconfessabile.

Smise di pensare, non riusciva a pensare ad altro che a dare piacere al suo Master. Iniziò a lavorare il cazzo con la lingua e prima lo leccò tutto, dalla radice alla punta, poi lo baciò per tutta la lunghezza, infine e lo succhiò. Delicatamente, lavorò di lingua e di bocca anche i testicoli.
Non era certo il primo pompino che faceva, ma non aveva mai provato nulla di simile, un’eccitazione ed un piacere così intenso. Normalmente, pensava soltanto a farlo diventare rigido il più rapidamente possibile, immaginando cos’avrebbe provato in seguito lei, quando l’avesse avuto finalmente dentro.

Attentissima alle minime reazioni di quell'asta per fare sempre meglio, se lo “lavorava” come una professionista. Eccitata ed allo stesso tempo impegnata a donare tutto il piacere di cui poteva essere capace, la mano le sarebbe alla fine scivolata tra le gambe per toccarsi, ma aveva i polsi ammanettati dietro la schiena ed il Master non aveva alcuna intenzione di volerglieli liberare.
Se ne fece una ragione, ricordandosi che come schiava non aveva alcun diritto di distrarsi, tanto meno di masturbarsi. Il suo piacere apparteneva ormai al Master e non ne avrebbe mai più potuto disporre liberamente. Come schiava, doveva limitarsi ad essere strumento di piacere.

Forse fu proprio per quella ragione, ma il suo desiderio stava raggiungendo livelli parossistici, da ninfomane, un’esperienza che Eleonora non aveva mai sperimentato. Dare piacere al Master comportandosi da schiava e puttana le stava scopando la mente.
Non credeva che la sua foia potesse aumentare ulteriormente, ma quando lui le ordinò di guardarlo sempre negli occhi mentre si comportava da puttana, con il suo cazzo in bocca, scoprì che era possibile.

- ...ti piacerebbe continuare fino a farmi venire? -

Gli rispose di sì con gli occhi.

- Bene… vediamo se riesci a meritare di assaggiare il sapore del Master… Ora affonda sul mio cazzo… e quando lo senti in gola arretra di mezzo centimetro... poi resta in quella posizione finché ti dirò cosa fare. -

Con le labbra avvolte attorno all’asta di carne, Eleonora si protese in avanti col busto e scese, prendendolo tutto in bocca. Si fermò solo quando le sembrò di avere la punta del glande ad un millimetro dalle tonsille. Arretrò poi leggermente, come lui le aveva ordinato per evitarle il riflesso faringeo.

- Ferma così -

Senza preavviso o preambolo, Luca iniziò a colpirla sulle natiche col frustino.
Non trovò poi così difficile restare in posizione nonostante i colpi che riceveva e la sofferenza provava a causa delle natiche che le andavano in fiamme. Presa com’era da una voglia sfrenata ed incontenibile di succhiare e leccare quel grande e lungo cazzo che aveva in bocca, la cosa più ardua era combattere quell’impulso.
Quando Luca le concesse di riprendere il pompino non aspettava altro. Iniziò subito, e più infoiata che mai andava su e giù, dalla punta fin quasi alla radice, leccando di continuo, anche quando lo aveva in bocca e succhiava. Prendeva fiato, ma era solo un attimo, per evitare di soffocare, poi riprendeva subito, instancabile ed appassionata.
La stava facendo sentire femmina ed il piacere che provava nel regalare godimento al Master era così intenso che non avrebbe potuto esprimerlo a parole. Quando glielo sfilò dalla bocca non la chiuse e mise la lingua fuori. Una cagnetta, che invitava il Master a continuare ad usarla.

Sentiva di aver fatto il miglior pompino della sua vita e sapeva che lui si era sfilato perché ormai al limite, quello in cui un maschio sente il bisogno di svuotarsi, anche se volendo, saprebbe trattenersi ancora. Le ordinò di rimanere così com’era, con la bocca ben aperta e la lingua fuori. Le si avvicinò e dopo averle fatto reclinare il capo leggermente all’indietro, le appoggiò il glande sulla lingua.

Le sarebbe piaciuto immensamente venire insieme a lui, ma allo stesso tempo, quella negazione di piacere fisico, stava appagando la sua indole di schiava e la sua vena masochista. In ginocchio, con i polsi ammanettati dietro la schiena, il capo leggermente reclinato all’indietro, a bocca aperta, con il pene caldo ed eretto di Luca appoggiato sulla lingua, e sentiva i capezzoli turgidi, sempre imprigionati nei morsetti, costantemente stimolati dall’oscillazione della catenella che li univa.

Lo desiderava da morire e quando finalmente un ricco fiotto di sperma caldo le invase la bocca si sentì come realizzata. Luca non emise alcun grido e non pronunciò alcuna frase, limitandosi a manipolarsi il pene così da far uscire completamente il liquido seminale. Non le aveva chiesto né ordinato di inghiottire, ma lei lo fece, spinta da un istinto che aveva prevalso su qualunque remora. Raccolse con la lingua perfino le poche gocce che le erano finite sulle guance e che nel frattempo, meno dense, erano scese lentamente fino alle labbra. L’espressione di Eleonora era inequivocabilmente “porca”, proprio quella della “puttana” che si sta gustando avidamente il piacere del maschio dopo averne provocato l’orgasmo.

Restò in ginocchio ad assaporare il sapore di Luca, non facendo caso al fatto che fosse sparito dalla stanza. Era totalmente impreparata quando lui le arrivò alla spalle e senza darle tempo di reagire le infilò in bocca una pallina di gomma rossa piuttosto grande. Provò spingerla con la lingua, ma si accorse ben presto che non c’era modo di liberarsene, poiché un cinturino di pelle nera attraversava quella pallina e lui glielo aveva chiuso ben stretto sulla nuca, infilando il perno della fibbia proprio in uno degli ultimi fori. Era stato fulmineo, così da impedirle qualunque tentativo di ribellarsi.

Luca sapeva dei dubbi di Eleonora a proposito dei bavagli, e che non sarebbe stato possibile convincerla con la logica. Al contrario dell’essere bendata, infatti, gli era evidente l’idea di venire imbavagliata le creava agitazione e preoccupazione. Meritava quel trattamento perché era stata superba e non aveva voluto ammettere la sua difficoltà, né a sé stessa e tanto meno a Luca. Lui però si era subito accorto della cosa per via dell’atteggiamento evasivo che lei aveva assunto. Per qualunque altro strumento gli poneva domande, dimostrando curiosità ed attrazione, ma ogni volta che parlava di bavagli, lei si limitava ad ascoltarlo, come se l’unica preoccupazione fosse che il discorso si chiudesse il più presto possibile.

Eleonora si adattò velocemente al bavaglio, che non era poi nulla di tremendo. Anzi, la faceva sentire aperta e vulnerabile, una sensazione sessualmente eccitante, completamente diversa da quella che aveva immaginato. Si ritrovò nel palmo della mano una pallina da ping pong, ovviamente messa dal Master, ma quando lui le disse che se l’avesse sentita cadere glielo avrebbe subito tolto, le dita della mano di Eleonora la strinsero ancora più forte.

Le venne ordinato di alzarsi e subito dopo, afferrato il guinzaglio che le penzolava dal collare la tirò con decisione, per farle capire che doveva seguirlo.
La portò nel bagno, dove la fece entrare nella doccia. Dopo averle fatto divaricare le gambe, le applicò alle caviglie un’asta di metallo munita di due collari alle estremità, un arnese che le avrebbe impedito di chiuderle. Le tolse poi le manette, ma fu solo per legarle i polsi fra loro con una corda, la cui estremità venne legata in alto, al tubo del soffione, così da costringerla con le braccia distese verso l’alto. Infine, presa dalla tasca una funicella lunga circa un metro, ne legò un’estremità al centro della catenella che le andava da un capezzolo all’altro. Iniziò a tirarla verso l’alto, fino a sollevare leggermente i seni di Eleonora per i capezzoli. Smise solo quando lei si mise in punta di piedi, legando a quel punto anche la funicella, ben tesa, al tubo del soffione.

Questo racconto di è stato letto 1 3 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.