Io e mia madre 3 - Il giorno dopo

Scritto da , il 2019-03-13, genere incesti

Mi svegliai nudo nel letto dei miei, non riuscivo ancora a credere a quello che era successo quella notte. Mia madre non c’era, guardai l’orologio e vidi che era già quasi l’una, alla fine avevamo passato la notte a scopare e ci eravamo addormentati alle 5, ma lei a quanto pare si era già svegliata.
Uscii dalla stanza e andai in cucina, dove la trovai con indosso solo un sottile perizoma di pizzo.
L: “Hey mamma”
M: “Buongiorno tesoro”
Mi avvicinai e lei mi diede un bacio con la lingua
L: “Allora non è stato tutto un sogno”
M: “Direi proprio di no, a me è sembrato piuttosto… reale”
Accentuò l’ultima parola sorridendo e gli cadde l’occhio sul mio cazzo.
L: “Aspetta mamma, hai un po’ di salsa sul seno”
Le afferrai le tette e iniziai a succhiargliele
M: “Oh sì bravo, meglio stare attenti, mi sono fatta la doccia appena stamattina”
Alternavo tra una tetta e l’altra, succhiando e mordicchiando i suoi capezzoli.
M: “Mmmmh che bravo figlio che ho che dà una mano alla propria mamma… lascia che anch’io ti aiuti”
Si inginocchiò e iniziò a succhiarmi e a segarmi l’uccello, mentre con l’altra mano mi massaggiava le palle. I pompini di mia madre sono fantastici, nonostante la mia misura considerevole riesce a metterselo quasi tutto in bocca.
Mi spompinò per 5-6 minuti, poi si alzò e andò a controllare i fornelli. Mi avvicinai e le diedi una pacca sul culo, poi le spostai il perizoma, mi abbassai e le infilai la testa tra le gambe, leccandola mentre le infilavo due dita su per la figa.
Sentivo le dita di mia madre scivolarmi tra i capelli e i suoi fianchi iniziare a muoversi. Dopo poco però si spostò
M: “Per quando mi piacerebbe proseguire, non riesco a cucinare se continui a leccarmela, mangiamo e poi potremo scopare anche fino a domani”
L: “E va bene”

Mi alzai e andai a sedermi a tavola, appena finimmo di mangiare mi alzai e andai dal lato di mia madre, che per tutto il pranzo non aveva fatto altro che massaggiarmi il cazzo con i suoi piedi da sotto il tavolo. Lei lo prese immediatamente in bocca e si infilò una mano nelle mutandine iniziando a masturbarsi. La feci alzare e le tolsi il perizoma, poi la presi e la misi seduta sul tavolo, che si bagnò degli umori della sua figa già umida. Le allargai le gambe e infilai la lingua nella sua dolce passera, per poi penetrarla col mio cazzo. Misi una gamba sul tavolo in modo da penetrarla più in fondo e lei emise un urlo di piacere che dopo poco si trasformò in distinti gemiti.
M: “BRAVOOOO! FOTTI LA MAMMA COL TUO BEL CAZZONE”
Stavamo scopando già da una buona ora e mezza e mia madre era venuta un gran numero di volte in diverse posizioni. La stavo prendendo a pecora quando improvvisamente sento il citofono squillare
M: “Che palle, proprio adesso?”
L: “Non è che è papa?”
M: “Impossibile, non dovrebbe tornare prima di domenica prossima”
L: “Vado a vedere, tu rimani qui”
Controllo il videocitofono e noto che era Cristian, così mi metto un pantalone e vado ad aprire la porta
C: “Ah ma allora sei vivo? È da stamattina che ti chiamo a telefono e non rispondi”
L: “Ho avuto un po’ da fare, dai entra”
C: “Mica c’è tua madre? Sarebbe un po’ imbarazzante”
L: “Tranquillo, è tutto risolto”
C: “In che senso tutto risolto?”
A quelle parole entrammo nel salone, mia madre era ancora lì a masturbarsi
C: “Ah è riuscito a convincerti alla fine”
L: “In realtà stanotte ha fatto tutto lei”
Dissi sedendomi di fianco a lei sul divano, già senza pantaloni.
M: “Ho capito di non poterne più fare a meno, il suo cazzo sembra fatto apposta per me”
A quelle parole mi si mise sopra e iniziò a montarmi
C: “Beh comprensibile, senti Luca ti lascio qui sul tavolo una penna USB con alcune foto all’interno, se me le puoi modificare come sai tu per piacere, mi servono entro venerdì”
L: “No problem, ma perché non ti unisci a noi?”
C: “Vorrei ma purtroppo non posso”
M: “Mmmh dai che hai da fare di così urgente? Guarda, ho già il culo pronto qui per te”
C: “Per quanto mi piacerebbe ho da fare alcune cose a casa, sarà per la prossima volta, ci sentiamo più tardi”

Uscì così dalla stanza e andò via, mentre noi continuavamo a scopare. Dopo un po’ che mia madre mi cavalcava la afferrai per i glutei e mi alzai dal divano, scopandola in piedi mentre lei avvolgeva le sue gambe attorno ai miei fianchi. La appoggiai poi a terra e la girai a pecorina, dopo un'altra bella leccata presi il cazzo e glielo infilai in culo, penetrandola sempre più forte, finché non sentii che stavo per venire
L: “Mamma ci sono quasi”
M: “VAI VAI VAI, FAMMI SENTIRE LA TUA SBORRA CALDA NEL CULO”
Continuai a pompare, schizzando un fiume di sperma direttamente dentro di lei, non fermandomi fino a quando non sentii di aver svuotato completamente le palle. Quando lo cacciai il mio cazzo era lucido e bagnato della mia stessa sborra, così lei lo prese in bocca leccando tutto lo sperma rimasto sull’asta e sulla cappella.
L: “È stato fantastico”
M: “Sì è vero, si è fatta già sera quasi, forse dovremmo fermarci qui per oggi“
L: “Sì buona idea, così dò anche un occhiata alle foto di Cristian”

Questo racconto di è stato letto 8 7 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.