Sogno o son desto (Parte 2)

Scritto da , il 2019-02-27, genere etero

Franco si fece una bella doccia nello spogliatoio degli uomini poi si avviò verso casa dove lo aspettava sua moglie. Lungo il viaggio in macchina non riusciva a smettere di pensare all’effetto che le aveva fatto Marta: aveva dato lezioni a diverse ragazze e donne di tutte le età, anche molto attraenti, ma lei aveva qualcosa in più, ci aveva provato spudoratamente con lui. Lui avrebbe ceduto molto volentieri, era davvero molto sexy, ma non aveva voluto rovinare i dieci anni di matrimonio con Nora. In ogni caso lo aveva fatto eccitare e quando entrò in casa salutò sua moglie con un bacio molto più passionale del solito.
«Ciao, amore!», disse Nora felicemente sorpresa dal bacio di Franco, «com’è andata la giornata?».
«Bene, tesoro. E la tua?», Franco cercò di calmarsi un po’. “Se sapesse come mai sono eccitato…”, pensò.
Mentre cenavano Franco non riuscì a non fare un confronto tra sua moglie e Marta: entrambe avevano i capelli lunghi, ma Nora li aveva ricci e castani e la ragazza neri e lisci; all’incirca portavano la stessa taglia di reggiseno, anche se quello di Marta sembrava più sodo, anche grazie ai dieci anni in meno; anche nella statura non c’era molta differenza, ma Marta era più slanciata, con un fisico magro e sodo, Nora, invece, aveva il sedere largo ed un po’ di pancetta.
«Tutto bene?», gli chiese sua moglie vedendolo distratto e assente.
«Si, certo. Sono solo un po’ stanco».
Finirono di cenare e si misero sul divano a guardare la televisione, Franco era al limite, continuando a pensare e ripesare a Marta era molto eccitato, baciò con passione Nora, palpandole il seno coperto solo dalla maglietta. Solitamente non era così focoso, Nora ne era sorpresa, ma compiaciuta, ricambiò il bacio accarezzando e stringendo i capelli di suo marito eccitandosi velocemente, si tolse la maglietta, offrendo i suoi capezzoli turgidi da baciare a Franco. Lo baciò in bocca, poi scese dal divano e si inginocchiò davanti a lui, gli abbassò i pantaloncini e i boxer tirando fuori il suo pene durissimo, lo prese con la sua mano piccola e curata ed iniziò a masturbarlo lentamente. Franco chiuse gli occhi e sentì le labbra morbide di sua moglie avvolgergli il pene ed iniziare a succhiarlo lentamente. Era da tanto che non lo faceva e l’uomo si lasciò andare in un gemito di piacere. Quando riaprì gli occhi, inginocchiata davanti a lui c’era Marta che lo guardava con i suoi occhi furbetti mentre glielo succhiava con gusto. Il suo pene ebbe un sussulto e lui quasi si lasciò scappare un’imprecazione sorpresa. Si stropicciò gli occhi, ma la ragazza stava sempre li, al posto di sua moglie. Vedeva i suoi capelli neri e lisci coprire a malapena i capezzoli piccoli e duri, vedeva le sue labbra carnose andare su e giù sul suo pene, vedeva la sua lingua accarezzare il glande. Chiuse gli occhi e reclinò la testa, godendosi quel momento. Marta, o Nora, chi lo sapeva più, smise di succhiarlo e lo baciò in bocca, lui aprì gli occhi e si trovò a baciare sua moglie che si era tolta i pantaloncini e le mutande, gli salì sopra e guidò il pene del marito, ancora umido di saliva, dentro la sua vagina fradicia e leggermente pelosa lasciandosi andare in un lungo e forte grido di piacere. Franco le mise le mani sul sedere, era più sodo e piccolo di quello di Nora, la guardò in faccia e incrociò gli occhi verdi e sensuali di Marta che lo guardavano eccitati. Le strinse forte il sedere mentre lei iniziava a muoversi su e giù, continuando a guardarlo negli occhi. La sentiva gemere forte con la sua voce esile ed eccitata, avvertiva il profumo dei suoi capelli, più intenso di quello di Nora. Non aveva la più pallida idea di cosa stesse succedendo, ma non gli importava molto, voleva solo godersi il momento. Iniziò a muovere il bacino a ritmo con lei, la tirò a sé e le baciò in capezzoli, strinse i suoi piccoli e sodi seni con le mani e li succhiò avidamente.
«Bravo, amore mio! Mi fai godere tantissimo!», gli disse Nora, Franco si staccò dal suo seno e vide sua moglie che lo guardava godendo, con il viso arrossato e i capelli ricci tutti scarmigliati che le cadevano sul volto. L’uomo non riuscì a rispondere, era sconvolto da quello che gli stava capitando. La fece stendere spina sul divano e si mise fra le sue gambe, muovendosi dentro di lei con vigore. Chiuse gli occhi e baciò sua moglie, avvertì un sapore di fragola, dovuto al lucidalabbra. Nora non lo portava quella sera, riaprì gli occhi e si trovò a baciare la sua allieva di tennis, ebbe la tentazione di staccarsi, ma lei gli mise una mano dietro la nuca e lo tenne fermo. Lui le accarezzò le cosce lisce e rassodate dall’attività fisica. Franco riuscì a staccarsi dal bacio e guardò il viso familiare di sua moglie. Però aveva i capelli lisci e gli occhi verdi di Marta. Sbattè più volte le palpebre ed ogni volta i particolari del viso delle due donne si mescolavano in combinazioni sempre diverse. Franco ne era sempre più confuso ed eccitato. Chiuse gli occhi e raggiunse un fortissimo orgasmo, mentre sentiva le voci di Nora e Marta che si intrecciavano in un unico grido di piacere. Erano venute anche loro.
Quando l’uomo uscì da lei, Nora gli disse con un filo di voce: «Sei stato fantastico, amore».
L’uomo pensò: “Anche voi lo siete state”, però le rispose: «Anche tu amore. Ti amo».


Per commenti, critiche e richieste antom93@libero.it

Questo racconto di è stato letto 3 5 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.