Ozzy

Scritto da , il 2019-01-20, genere poesie

Sto sul divano,
Tu accanto a me, immobile, senza aprir bocca.
A fatica mi alzo,
Tu mi segui, in silenzio, con passo morbido,
Non senza dolore mi sdraio sul letto,
Ti accoccoli al mio fianco, gli occhi scuri che mi fissano da sopra la spalla, che sembrano chieder “come stai?”
Mi giro, ti guardo
a modo tuo mi baci.
Arriva un messaggio, prendo il telefono,
Mi colpisci la mano, vuoi le tue attenzioni, vuoi le tue carezze,
Come dirti di no!
Non sono solo il tuo padrone,
Non sei solo il mio cane.

Questo racconto di è stato letto 8 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.