Erotici Racconti

Desiderio pluridecennale esaudito

Scritto da , il 2018-11-08, genere incesti

Conosco Daniela, sorella di mia moglie, da circa 30 anni ai tempi del mio fidanzamento.
E' sempre stata poco cordiale con me e, per anni, mi ha dimostrato una certa antipatia.
Da parte mia, essendo innamoratissimo di mia moglie, non le prestavo alcuna attenzione, pur non disdegnando di ammirarla, essendo lei una donna alquanto bella, dotata di bel fisico, grossi seni e forme procaci.
Abbiamo sempre avuto rapporti sporadici sinché, col marito, ci hanno proposto una vacanza al mare insieme.
Abbiamo preso due camere attigue in un hotel ed è iniziata una vacanza fatta di spiaggia, pranzi e cene insieme, durante i quali abbiamo parlato molto più di quanto avvenuto in tutti gli anni passati. Daniela era insolitamente cordiale con me e si avventurava in molte argomentazioni che in gran parte, stranamente, condividevamo.
Una mattina mia moglie era andata in spiaggia da sola e io sono rimasto in camera per sbrigare un affare al p.c.
A un certo punto ho sentito bussare alla porta, ho aperto ed era Daniela che mi chiedeva di sua sorella.
L'ho vista alquanto agitata e le ho chiesto se le fosse capitato qualche cosa. Lei rispose he si trattava di niente di importante e comunque aveva bisogno di sfogarsi.
Le ho detto, che anche se non le ero mai stato particolarmente simpatico, poteva parlare liberamente e rilassarsi.
Mi ha risposto che ciò che sostenevo non è vero, anzi ero stato sempre io a mostrarle indifferenza.
"Ma se ho sempre ammirato la tua bellezza!" le ho risposto.
"Non sapevo che mi trovi bella"
"Ti trovo incantevole e molto desiderabile!"
Quel dialogo mi suscitò una improvvisa eccitazione; ero in accappatoio e lei intravide la mia erezione.
"Ma che ti capita?" mi chiese lei.
"La conferma di quel che ti ho detto: sei bella, attraente, desiderabile!"
La cinsi ai fianchi, la avvicinai a me, l'abbracciai delicatamente. Lei tentò timidamente di svincolarsi, ma cedette subito e si lasciò baciare in bocca.
Le sue labbra carnose erano infuocate, la sua bocca dolce, la sua lingua intrecciata con la mia.
Aveva un sopra costume e sotto il bikini, iniziai a baciarle il collo, l'incavo del suo stupendo seno, tirai fuori le mammelle e iniziai a succhiarle i capezzoli che, grossi e turgidi, denunciavano la sua eccitazione.
Continuai a baciarla e leccarla sul petto e sulla pancia; le leccai l'interno delle cosce meravigliose risalendo verso il suo inguine profumatissimo; la sentivo fremere ed emettere fievoli sospiri. Mi rimisi in piedi, lei mi sfilò l'accappatoio, accostò le sue labbra alle mie e, baciandomi con un ardore incredibile, impugnò il mio pene e iniziò a masturbarlo delicatamente.
"Ce l'hai bellissimo, grosso, lungo, duro..." mi disse.
"Grazie cara, ora voglio spogliarti e ammirare tutta la tua prosperosa bellezza".
La denudai, la feci distendere sul letto e le chiesi di aprire le gambe.
Mi apparve uno spettacolo delizioso! La guardai per un po' senza toccarla. Quello che vidi è un folto cespuglio di peli neri, che poi scoprii morbidi e lisci come la seta. In mezzo c'era la vulva più bella che avessi mai visto: due grandi labbra carnose e rosee sormontate da un clitoride estroflesso per l'eccitazione. Mi inginocchiai davanti a lei e ripresi a leccarle le formidabili cosce sinché non raggiunsi il centro del suo paradiso. Le baciai le grandi e le piccole labbra, poi mi concentrai sul suo clitoride che stimolai con la lingua, strizzandolo un po' con le mia labbra; divenne come un minuscolo pene che presi a succhiare voluttuosamente.
Lei si agitava e si contorceva per agevolare la mia attività; ero eccitatissimo, mi girai su di lei a 69, mi chiese di continuare a succhiarle il clito, impugnò con le due mani il mio pene, divenuto enorme, e dopo averlo leccato lungo l'asta, lo introdusse in bocca dando vita a una irresistibile fellatio.
Mentre succhiava mi accarezzava i testicoli e i glutei, poi mi praticava un massaggio prostatico. Io tenevo la bocca affondata tra le sue cosce, che accarezzavo dall'incavo posteriore delle ginocchia sino ai suoi monumentali glutei, non tralasciano di tastare con un dito il suo magnifico buco posteriore.
Siamo rimasti così avvinghiati, rotolandoci sul letto, sinché non mi sono staccato, lei sempre distesa a gambe spalancate, mi sono disposto per penetrarla alla missionaria.
"No -mi disse- sin qui è stato bellissimo, ma non andiamo oltre ti prego".
Io, sordo ed eccitato, sopra di lei cercavo di introdurmi nel suo ventre, senza però riuscirci perché lei si scansava.
"Daniela non puoi fare così, non vedi quanto ti desidero, mi fai impazzire, ti prego lasciami entrare..."
Lei: "No, no", ma la sua mano guidava il mio membro nel posto giusto, facendolo scivolare all'interno della sua meravigliosa figa.
"Si, siiiiiiiiiiiiii, scopami, fammi godere..." Aggiunse.
Non me lo feci ripetere due volte e facemmo l'amore in maniera stupenda, mi sembrava di rimbalzare sopra un morbidissimo e profumatissimo materasso di carne. Lei spingeva e roteava il bacino sotto di me, incitandomi a insistere quando provava maggiore piacere. Durante l'amplesso ci siamo baciati, le ho succhiato le tettone e lei i miei capezzoli.
A un certo punto l'ho messa a pecora e l'ho presa da dietro prima nella figa e poi nel culo. Era una goduria. Quando entrambi eravamo all'arrivo, l'ho rimessa alla missionaria, mi sono avventato su di lei, e dopo averle scatenato una serie di colpi poderosi, tra urla di piacere, abbiamo raggiunto insieme un orgasmo intenso e prolungato, con abbondante reciproca eiaculazione.
Dopo esserci riposati un po' le ho chiesto se le era passata l'agitazione di prima.
Mi ha detto che era furiosa perché suo marito la sera prima era ubriaco e l'aveva mollata nel meglio, lasciandola delusa e insoddisfatta.
"Ma tu mi hai dato più di quanto potessi desiderare, sei un amante formidabile, hai il cazzo più bello e virile che io abbia mai provato".
"Tu sei la femmina più bella del mondo, mi hai dato emozioni che non ricordo di aver mai provato, hai la figa più incantevole che si possa vedere".
"Ma sei di nuovo eccitato? Ce l'hai di nuovo duro? Sai che ti dico? Scopami un'altra volta, fammi impazzire, fammi godere...sarà l'ultima!"

Questo racconto di è stato letto 6 8 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.