Erotici Racconti

Debora

Scritto da , il 2018-11-08, genere etero

L' avevo lasciata promettendole che avrei trovato un posto...tutto per noi.
Pensavo e ripensavo, ma a parte una camera d' albergo non mi veniva in mente altro.
Il mattino dopo, in studio mi dedicai alla cernita dei biglietti di auguri che erano arrivati dopo la mia partenza per la crociera. Leggevo e gettavo, finchè me ne capitò per le mani uno. Niente lo distingueva dagli altri, nè esteticamente nè per lo scritto augurale. Quello che lo rendeva speciale era il, anzi LA mittente.. Una cliente molto particolare, per tutta una serie di ragioni. Era di nazionalità argentina, molto portata per la moda femminile, decise di venire in Italia e di stabilirsi in Liguria, da dove provenivano i suoi avi e dove aveva ancora parenti, che l' aiutarono ad ambientarsi. Qui divenne una creatrice di moda molto rinomata, con clienti che arrivavano anche da lontano per acquistare un suo abito, caratterizzato da una raffinata eleganza. Se non arrivò ad occupare posti di rilievo nelle riviste di moda, se il suo nome è ancora adesso sconosciuto al grande pubblico, è solo perchè lei non voleva nessuna pubblicità. Le sue clienti appartenevano alla più vasta fascia di età e di condizione sociale, ma comunque non avevano problemi di denaro. Non tutte quelle che volevano indossare i suoi capi erano in grado di comprarli, e così...trovarono il modo per averli senza pagarli. La prima che diede inizio all' attività collaterale della stilista fu una giovane signora milanese assidua frequentatrice dei piccoli "casinò" che stavano spuntando come funghi. Ovviamente, perdeva sempre, e per riavere una somma da rigiocare...e riperdere, le chiese se la poteva far lavorare come indossatrice da atelier. La sua mansione consisteva nel presentare, a chi si poteva permettere l' acquisto, svariati modelli, da cui la, o più spesso il ricco cliente sceglieva l' abito o gli abiti da regalare alla moglie...o all' amante. Purtroppo quel poco che guadagnava non le permetteva neppure una mezza giornata di gioco. Pensò allora di integrare rendendosi disponibile non solo ad indossare, ma anche a togliersi il vestito a richiesta. La stilista, dopo qualche resistenza, decise di accogliere le analoghe richieste che le facevano altre giovani clienti alla ricerca di somme di denaro di cui poter disporre autonomamente per soddisfare i propri capricci...o necessità. Presto dovette affittare, per questa seconda attività, un appartamento al piano inferiore dello stabile in cui aveva sede la casa di moda. Ben presto, l' appartamento era diventato insufficiente alla florida attività. La signora aveva acquistato un vecchio casale appena fuori città e aveva contattato il mio studio per i lavori di ristrutturazione. Lavori che avevano interessato sia il corpo centrale, in pratica sventrato e ricostruito da capo, sia una delle due ali. La committente era rimasta totalmente soddisfatta del mio lavoro, tanto da dirmi che sarei sempre stato ospite gradito della struttura, di cui avrei potuto godere, a titolo gratuito, di tutti i servizi offerti. Io non avevo mai approfittato dell' offerta, ma ora quella poteva essere la soluzione al mio problema.

La faccio chiamare all' atelier per fissare un appuntamento. Lei risponde che io non ho bisogno di appuntamenti e di andare quando sono comodo.
Due ore dopo sono da lei. Dopo i convenevoli di rito, arrivo al sodo. Le chiedo se, una o al massimo due volte alla settimana, posso approfittare di una delle stanze della villa.
"Fra mezz'ora sarà qui la direttrice. Se vuole accomodarsi in salotto, la faccio avvisare appena arriva."
Non poteva farci niente: odiava, disprezzava gli uomini. Una volta mi aveva detto che quello che le dava più soddisfazione nella sua attività di tenutaria, era spillare denaro, il più possibile, a quei porci.
La direttrice arriva con un leggero anticipo. La conosco di vista. L' avevo incrociata qualche volta nel mio studio.
"Monica, tu conosci il dottore, vero? Voglio che quando verrà in villa possa fare tutto quello che vuole. Considera le sue richieste come se a farle fossi io. E ora, architetto, arrivederla."

"Arrivederla, signora."
Poi, rivolto a Monica:
"Penso che farò una capatina, da solo, domani mattina sul tardi, giusto per vedere l' ambiente."
"Benissimo, la villa apre alle dieci, ma lei venga quando vuole."
"Alle undici sarò lì. Arrivederci."
Alle undici suono al citofono del cancello. La luce della telecamera si accende, poi si spegne e il cancello si apre.
Monica mi aspetta sul portone. Esce e mi guida sul retro. Apre un portoncino ed entriamo. Un piccolo ingresso con una porta, adesso aperta, che dà su un minuscolo salottino. Sulla destra c'è una porta, chiusa, e una scala che porta al primo piano. Sopra, un piccolo disimpegno con una arco in muratura che si apre su un corridoio. Su ogni lato, quattro porte danno l' accesso ad altrettante stanze.
Monica apre quella con il numero 6. Naturalmente, conosco tutto il locale, ma non l'ho ancora visto arredato. Ogni stanza ha un bagno, di dimensioni ridotte ma completo di tutto. Appeso al muro di fronte al letto, un piccolo schermo televisivo. Sotto, su una mensola, un lettore DVD. Accanto, una selezione di video porno. La finestra si apre, ma le persiane sono chiuse con una sbarra munita di lucchetto. Apro l' armadio. Dentro c' è un assortimento di abbigliamento sexy di vari colori.Il nero predomina. Chiedo a Monica a chi appartengono...
"A tutte, e a nessuna - risponde - sono della casa. Sono tutti capi puliti e sanitizzati. Dopo l' uso si lasciano sul letto e verrà provveduto al lavaggio. Naturalmente, ognuna può indossare capi di proprietà. Solo l' intimo è obbligatoriamente personale."
Il posto mi piace, ha quel "piquant" che aiuta a creare la giusta atmosfera.
"E...di sotto?"
Chiedo
"Venga, glielo mostro."
Uscendo dalla stanza, ci dirigiamo verso la parte opposta a quella da cui siamo saliti. Aperta la porta in fondo al corridoio, ci troviamo in un disimpegno ampio, da cui inizia la larga scala che scende verso il salone.
Qui troneggia un ampio, maestoso bancone in legno massiccio, il cui piano brilla sotto la luce dei faretti soprastanti. Dietro, una elegante barwoman sulla quarantina. Attorno, divani, poltrone e tavolini. Sedute sugli alti sgabelli imbottiti del bancone due giovani signore, abbigliate con quelle che sembrano vestaglie trasparenti, chiacchierano sottovoce. Altre due sono sui divanetti, ognuna in compagnia di un uomo. Sul fondo del salone, schermati da tendaggi, due salottini. Fra i due, una porta chiusa. Chiedo a Monica cosa ci sia dietro la porta.
"E' la porta della dark room. Una stanza totalmente buia, dove la signora non sa chi incontrerà. E' una prestazione speciale."
"E...si potrebbe vedere?"
Va alla cassa, prende una chiave, torna e apre la porta. La chiude e, automaticamente se ne apre un' altra davanti a noi. Il buio è assoluto, ma lei preme un pulsante nascosto da qualche parte e si accende una luce, flebile ma che è sufficiente ad illuminare l' ambiente. Piccolo, come deve essere...in pratica contiene solo un grande letto rotondo dai bordi imbottiti. Non ci sono altri mobili che al buio potrebbero essere urtati, ma una serie di nicchie scavate nel muro. In una ci sono alcuni flaconi di olii, creme e gel lubrificante, In un' altra tutta una serie di sex toys e in una terza fruste e frustini di varie fogge, e tipi.
- Scusi ma, al buio come si usano questi...attrezzi? -
- Non è così difficile: basta il tatto per individuare il punto su cui usarli.-
Di lato al letto, una porta a scorrimento, senza maniglie, introduce ad un bagno dotato di ogni confort. Sul fondo, un' altra porta con cui si accede al piccolo vano che serve a far sì che la luce dell' ambiente da cui si proviene tramite un' altra porta, non penetri nella dark room.
Mentre torniamo al bancone, un uomo si avvicina alla cassa. Monica si scusa e gli va incontro. Prende il denaro che l' uomo le porge e gli consegna una chiave. Lui torna verso il divanetto dove è seduta la ragazza, lei si alza e salgono la scala.
Monica torna verso di me e mi chiede se voglio bere qualcosa. E' un pò presto, ma di lì a poco andrò a pranzo, e poi sono curioso di valutare l' abilità della barista.
"Prenderei volentieri un Affinity senza angostura...2-1-1, grazie."
Lei non fa una piega, afferra lo shaker, lo riempie di ghiaccio e versa i tre componenti della miscela.
Monica mi porge la mano.
"Io torno al mio posto. Se vuole...consumare qualcos' altro, dice guardando le due ragazze al bancone - non faccia complimenti: è tutto offerto dalla casa."
"Grazie - rispondo - magari un' altra volta."
Il cocktail è pronto.
"Ecco, signore."
Lo assaggio:
"Perfetto - dico - complimenti."
"Grazie, signore." E basta con stò signore...
"Il "signore" si chiama Enrico." le dico sorridendo e porgendole la mano.

"Piacere, Giorgia." risponde ricambiando il sorriso
Finisco la bevanda, saluto le ragazze ed esco.
"Bene - penso - questa è fatta. Non vedo l' ora di vedere la reazione di Debora, ma devo aspettare cinque giorni. Cinque giorni che, grazie a mia moglie, passeranno in fretta. Intanto questa sera faremo una capatina in quel bar...e poi vedremo."
Passato il week end, mando un sms a Debora chiedendole di chiamarmi appena libera. Lo fa subito.
"Ciao, cosa succede?" Il tono è ansioso, preoccupato.
"Buongiorno, cara. Avrei pensato che ci si potrebbe vedere domani mattina, se sei d' accordo."
"Certo che sì. Solito posto e solita ora?"
A quello non avevo ancora pensato. Faccio velocemente mente locale...
" Alla solita ora, ma...ricordi la strada per andare al piazzale?"
"Perfettamente."
"Passato l' imbocco del viottolo, due o trecento metri dopo, c'è un parcheggio. Vediamoci lì."
"Ok. A domani...baci."
"Baci, cara."
Il mattino lei, come al solito, sale sulla mia macchina.
"Dove mi porti?"
"Sorpresa..."
Per andare alla villa si abbandona la strada principale e ci si inoltra nei campi.
In breve arriviamo davanti al cancello della tenuta, al termine della viuzza.
"Cos'è questo posto? Sembra una prigione."
In effetti, l' alto muro di cinta e il cancello in ferro sono un pò inquietanti.
"Ma no, tranquilla, è una specie di agriturismo."
Vado con la macchina direttamente sul retro. Suono al portoncino e guardo verso la telecamera.
Con un click la serratura scatta. Spingo il battente, entriamo e, seguendo le istruzioni di Monica, entriamo nel salottino, chiudendoci la porta alle spalle.
"Dì...ma sei sicuro che sia un agriturismo?"
"Una specie, ho detto, una specie."
L' abbraccio per tranquillizzarla. Poi la mano scende fino al fondoschiena che accarezzo teneramente.
La porta si apre. Entra una donna sulla quarantina che non conosco.
"Ecco a lei." Dice con un sorriso consegnandomi la chiave con il numero 5. Per qualunque necessità faccia lo zero sul telefono."
Esce.
Usciamo anche noi e saliamo la scala. Le tengo la mano. E' sorpresa e forse un pò intimorita.
Passando davanti ad una stanza, ci raggiunge una risata femminile.
Apro la porta della nostra ed entriamo.
Lei si guarda intorno in silenzio.
"Un soldo per i tuoi pensieri." le dico prendendole le mani.
"Allora mi dice male: non ne ho, pensieri. Aspetto, aspetto e basta."
"Io, invece, non ce la faccio più, ad aspettare."
La abbraccio, forte, le sollevo la gonna, stringo le due metà della mela, premo il mio ventre contro il suo.
Poi mi stacco...mi voglio calmare.
"Vado un minuto in bagno. Quando ne esco, vorrei trovarti stesa sul letto, nuda, completamente nuda."
Al mio rientro nella stanza è mollemente distesa, una gamba ripiegata sotto l' altra. Sorride e batte la mano sul letto.
Raccolgo l' invito e prendo posto vicino a lei.
Voglio "vederla". Non guardarla come ho fatto le altre volte. Voglio "vederla" non solo con la vista, ma con il gusto, il tatto, l' odorato. La esploro, lentamente, accuratamente, la rigiro su un fianco, sull' altro, sopra, sotto. Non mi sfugge un centimetro del suo corpo che ora mi sembra nuovo. Nuovo ed eccitante, dannatamente eccitante. Lei, durante tutte le mie manovre ha...aspettato...aspettato e basta, senza parlare, senza chiedere.
Ora mi rialzo, la fisso negli occhi, vorrei dire una parola, una sola ma, malgrado me, ne sussurro due:
"Cara.....tesoro."
Lei mi afferra la nuca, mi porta la testa sulla spalla e mi sussurra.
"Caro, ti sono mancata almeno un pò? A me tanto, questi giorni non passavano mai."
"Sì...mi sei mancata - non è totalmente falso, quindi è vero - da quando ho trovato questo posto non vedevo l' ora di venirci con te. Ora però siamo qui, insieme, ed è questo che conta."
"Sì, caro ora siamo qui, insieme, e non voglio sprecare nemmeno un attimo."
Mi bacia il collo e scende, scende, succhia i capezzoli e scende, scende. Arriva all' ombelico, lo vellica con la punta della lingua e non scende oltre perchè l' erezione che mi hanno provocato le sue manovre hanno portato la punta giusto a lato dell' ombelico. Mentre la stuzzica con la lingua mi guarda. Gli occhi le brillano.
"Vieni - sussurro - vieni qui." Offre la sua umida, morbida intimità ai miei baci, mentre si impadronisce della mia, umida ma non morbida.
E' un piacere, ma anche una tortura. Non voglio l' happy end così, ma nemmeno voglio staccarmi prima che lei venga rapita da quel climax che sento imminente. Ricorro ad una tattica che, per sua ammissione, so che le piace molto. Passo al bocciolo che irroro abbondantemente con la mia saliva e i suoi intimi umori. Poi torno a gustare la mandorla, e intanto introduco il medio e lo muovo avanti ed indietro. Questa gentile sodomizzazione ha il potere di scatenare finalmente il suo orgasmo. Appena in tempo. Vorrei penetrarla subito, per prolungare il suo piacere, ma devo aspettare che le violente contrazioni che precedono l' eiaculazione si plachino. L' erezione però, con lei accanto, non accenna a scomparire.
Decido di ricorrere ad un vecchio metodo: un bidet di acqua fredda. Soffro, ma ottengo l' effetto voluto.
Torno in camera. Lei è davanti all' armadio aperto e sta passando i capi che vi si trovano, l' uno dopo l' altro.
Si volta verso di me:
"Ma dove l' hai lasciato?" domanda sorridendo.
Guardo in basso. A causa dell' acqua gelida tutto l' apparato riproduttivo si è ritratto, raggrinzito.
"Di là a riposare un pò. Questo è il fratellino minore. Poverino, è piccolo, indifeso, bisognoso di affetto, di coccole, di baci."
Ride divertita.
"Vieni, vieni, piccino, che ci penso io."
Ci stendiamo e lei si prodiga in carezze, in baci.
"Ma è gelato davvero."
"Mettiamolo subito al calduccio nel nido..."
Lei mi viene a cavalcioni.
"Senti...mi dici che posto è questo?"
E' chiaro che la spiegazione del "quasi agriturismo" non regge. Però non posso mica dirle che l' ho portata in un casino.
"Come posso dire...ecco, qui siamo a casa mia...nostra. Qui possiamo fare quel che vogliamo in tutta tranquillità, riservatezza e sicurezza. Ti basta come risposta?"
"Immagino che me la devo far bastare, ma se è la verità, ok, non voglio sapere altro. Però, tutto quell' abbigliamento così raffinato, ma così sexy, di chi è?"
"Di chi lo vuole indossare."
"Ma è pulito?"
"Pulito e sterilizzato."
Meglio creare un diversivo. Prendo a ricoprire il corpo di baci posati leggermente qua e là. Quando arrivo ai piedini intensifico i baci, poi prendo in bocca l' alluce e lo succhio muovendo la lingua. Lei mugola di soddisfazione.
"Ti piace, vero?"
"Sì, è un brivido che parte di lì e arriva...qui."
Prende la mano che avevo posata sulla coscia e se la mette sul pube.
"E a te non piace? Vuoi...?
"No, grazie, a me non parte nessun brivido."
Non c'è più niente da dire.
Ora è il tempo dell' amore.
Con la testa fra le sue cosce, ripercorro sentieri conosciuti, grotte già esplorate, assaporo ruscelli di latte e miele finchè l' atteso sisma giunge a scuotere il letto.
Salgo a riscuotere il mio premio. E' lì, caldo frutto che aspetta solo di essere colto.
Debora mi circonda la nuca con le braccia, mi attira a sè, mi bacia...
"Non fermarti, non fermarti, sono pronta."
Stiamo ancora abbracciati, scambiandoci carezze e baci.
Poi ci vestiamo.
Faccio lo zero.
"Sì?"
"Stiamo uscendo."
"Lasci la chiave nella toppa, scenda le scale e quando è da basso prema il pulsante bianco a lato della porta. Grazie e arrivederci."
Nel piccolo ingressino premo il pulsante. Si accende il faretto della telecamera. Un paio di secondi e sentiamo lo scatto della serratura.
Fuori, ci accoglie un sole caldissimo . Saliamo in macchina e usciamo.
Raggiungiamo il vicino parcheggio. Prima di lasciare la macchina...
""Ciao, cara. Ti auguro una buona settimana. Io spero che passi alla svelta. Già non vedo l' ora di riaverti fra le mie braccia."
"Vabbè, facciamo finta di crederci, ma grazie per averlo detto. Ciao."
Lei sale sulla sua macchinina e io la seguo finchè non arriviamo in centro.

Questo racconto di è stato letto 1 9 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.