Nel parcheggio autostradale

Scritto da , il 2018-04-18, genere gay

Percorrendo l'autostrada era già mezzanotte mi fermo in un autogrill per un caffè ☕ cerano tre Tir fermi due dormivano uno aveva la luce accesa quando passo vicino lui tira la tenda mi guarda e mi sorrise era un uomo sui trentacinque anni quando torno indietro mi chiede spiegazioni di un paese vicino poi lui mi invitò a salire sul suo camion per indicare sulla carta il paese salgo sul camion lui era nudo mi disse mi ero preparato per dormire aveva un bel cazzò sui ventiquattro cm poi mi invitò a spogliarmi anch'io lui si sdraiò sul lettino mi sdraio anch'io subito lui mi stringe ha lui baciandomi in bocca 💋 bacciandomi così bene poi mi disse ti piace leccare 👅 io le dico di si all'ora mi viene sopra di me ha cavalcioni con le mani si allargò bene le chiappe del culo e cominciò ha spingere come se volesse cagare all'ora leccai quel bel culo aveva le labbra Rosa mi disse lecca bene perché è ancora vergine il suo cazzò diventò durissimo poi mi disse adesso ti voglio fare la festa 🎆 disse adesso alza bene le gambe mi entrò dentro come un siluro lo sentivo tutto dentro di me tutto nella mia pancia lui mi stringe ha lui baciandomi in bocca 💋 cominciò a pompare molto forte cominciai ha godere ebbi anche un orgasmo anale ma poco dopo mi disse mi troia ti voglio fecondare io le dissi si amore mio 😘 sono tua mi sborava dentro nel culo restò dentro di me per dieci minuti poi lo tiro' fuori mi disse prendilo in bocca 💋 troia puliscilo leccai le sue ultime gocce poi mi sono vestito ci siamo scambiati i cellulari ci siamo visti ancora ci siamo visti ancora

Questo racconto di è stato letto 4 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.