Erotici Racconti

Memorie adolescenziali di un sesso-dipendente 3

Scritto da , il 2018-04-16, genere voyeur

Mi venne assegnata una stanza un po' defilata, abbastanza grande ma fredda. Vicino c'era un bagno di servizio che normalmente usava la ragazza che faceva i lavori domestici e a volte io. C'erano altri due bagni, il padronale e quello accanto al spogliatoio dell'atelier. Non che mi fosse interdetto l'uso del bagno padronale, no... non era così ma succedeva che lo usavo solo per la doccia e per fare il bagno, mentre per i miei bisogni usavo quello vicino alla mia stanza, più comodo anche se freddo.
Avevo preso a frequentare le lezioni, amministrazione e contabilità, servizio in cucina e altro ma con mediocre profitto dato che la maggior parte del tempo cercavo di passarlo nell'atelier di danza ad ammirare la zia anziché studiare!
Teneva dei corsi per bambine e ragazzine e mi aveva vietato di assistervi, ormai ero un ragazzo adolescente che metteva le allieve a disagio.
Invece avevo libero accesso quando zia e cugina danzavano. Lo facevano per molte ore al giorno.
Quanto erano belle in tutù!
Oppure in maglietta e leggins!
Come erano leggiadre nei movimenti!
Leggiadre e sensuali!
E adoravo l'odore dei loro corpi sudati!
Mi mandava in fibrillazione e mi eccitavo! E facevo fatica a nasconderla la mia eccitazione, avevo timore che accorgendosene mi avrebbero allontanato dalla sala!
E mi masturbavo!
Cosa che non avevo mai smesso di fare con regolarità!
In quel momento trovai modo di dar sfogo alla mia seconda depravazione... il feticismo! Davo la caccia ai loro indumenti usati durante la danza e su di loro passavo il viso, il naso annusando i loro forti afrori, la bocca leccando dove gli indumenti avevano avuto un contatto con le loro parti intime e letteralmente impazzivo di libidine!
Ero diventato alto anche se magro, vi devo dire però una mia particolarità, davvero non so se avessi preso da babbo ma il mio pene era davvero sproporzionato relativamente al mio fisico! Forse era dovuto alle continue masturbazioni?
Zia Cristina aveva anche cercato di interessarmi alla danza, ma dopo un paio di tentativi ci aveva definitivamente rinunciato. Troppo legato! Un vero tronco di legno... diceva!
Adoravo guardarla quando lei danzava sola!
Adoravo vedere il suo seno sodo e sostenuto sotto la leggera canotta che portava! E mi struggevo per lei immaginando il suo spacco fra le cosce, di poterlo guardare, nudo, di annusarla e baciarla... leccarla!
Credo che le piacesse essere guardata, ammirata.
Si era certamente accorta della mia infatuazione.
E la mia eccitazione fisica era così evidente!
La seguivo con uno sguardo adorante, lei smetteva di danzare e io mi alzavo da dove ero seduto, applaudivo e mostravo, imbarazzato, come ero combinato sotto.
Lei guardava, rideva e una volta arrivo persino a passare velocemente una mano sulla verga dura!
Si faceva gioco di me... mi chiedeva ironica se andavo a darmi pace! Oh... certamente sapeva che mi masturbavo fino allo sfinimento!
Poi successe...
Fu in un pomeriggio di tardo autunno, giorno nel quale faceva un caldo anomalo, lei si mise a danzare con solo un minuscolo slip, nero, che dietro le entrava fra le sode e perfette natiche!
Ero seduto... eccitato. In fiamme.
Involontariamente mi stavo toccando, la verga era così dura che mi faceva male costretta dai calzoni!
La spostavo... la massaggiavo, quasi senza accorgermene.
Ma lei invece se ne accorse.
Sempre danzando mi disse...
-Ti sei eccitato anche oggi... ti vedo... stai scoppiando, dai levalo, masturbati mentre danzo per te... -
Mi alzai in piedi, lasciai cadere a terra pantaloni e slip e li scalcia a lato e appoggiato alla parete presi a masturbarmi violentemente mentre l'ammiravo rapito.
“Fai piano... guardami! Ora danzerò nuda per te... non venire subito... godimi... godimi a lungo...”
I suoi movimenti diventarono ancora più lascivi... danzava per il suo piacere, era eccitata dalla danza, dal fatto di essere desiderata.
“Danzo per te come Dalida... che con la sua danza seduce Sansone, come Betsabea che seduce il David re di Gerusalemme, come Salomè che ottiene la testa del Battista... guardami... guarda come sono bella e piena di lussuria... vogliosa di piacere... ”
Si tolse anche il minuscolo e unico indumento!
I suoi movimenti erano quanto di più sensuale si potesse immaginare.
Mi si avvicinava e alzava la gamba in un movimento di perfetto battement e così mi dava la perfetta visione della sua splendida vagina, depilata e aperta!
Bagnata, lucida del suo umore! Nella mia pazza voglia mi sembrava di poterne assaporare il profumo. Un profumo inebriante di femmina.
Danzò a lungo fino ad essere completamente coperta dal sudore e infine ansante appoggiò ambedue le mani alla sbarra, chinò in avanti il busto e aprì le gambe.
Mosse tentatrice il culo...
"Prendimi ora! Ficcami dentro... ficca a fondo il tuo cazzo! Sono eccitata da impazzire! La danza mi ha acceso i sensi! Sbattimi... fottimi! Riempimi di te!"
Che meraviglia era!
Ho ancora nella mente il suo corpo offerto!
Lo splendido culo... le natiche snelle e sode e la sua vagina.
La sua fica offerta!
Devo dire che... la meravigliai non poco, inesperto come ero!
Venni due volte di seguito dentro di lei.
La prima... velocemente e feci anche fatica ad entrare in lei e il penetrare per la prima volta in una fica, così calda, umida e stretta mi portò velocemente all'orgasmo e venni copiosamente dentro di lei.
Ma il mio desiderio non era scemato!
Anzi... si era moltiplicato e presi a spingere, a levare e a spingere ancora con tutto me stesso dentro di lei, nel bagnato suo e del mio sperma, con il rumore di colpi contro le sue natiche causati dalle mie penetrazioni selvagge!
La tenevo forte per i fianchi!
O... pesavo su di lei, sulla sua schiena e le mordevo le spalle, o ancora... stringevo senza pietà i suoi seni con una morsa ferrea delle mie mani per torturarla!
Poi ci trovammo ansanti, sfiniti dagli orgasmi provati.
Senza parole, lei chinata ancora in avanti.
Io ero sbalordito...!
Si, avevo posseduto una donna!
Completamente!
Una bellissima donna che pareva irraggiungibile!
Era come un meraviglioso sogno!
Non parlammo affatto.
Lei raccolse le sue cose e si ritirò. Sentii che entrava nel bagno vicino e il rumore della doccia quando passai accanto alla porta.
Io... mi stesi sfinito sul letto.
In camera mia.
Ero trasognato e non riuscivo a tornare nella realtà.
Cercavo di rivivere l'attimo della intensa e lunga penetrazione.
Di ritrovare il suo odore di femmina.
Successe ancora?
Oh si...!
Successe!
Ancora e ancora!
Sempre nell'atelier, sempre con lei che si eccitava danzando, che si offriva... tutta, senza darsi nessun limite.
La frenesia della prima volta c'era ancora e tutta!
Ma si voleva di più, ambedue.
Lei adulta e esperta voleva insegnare a un ragazzo inesperto e io.... smaniavo per imparare da lei.
Voleva essere presa in mille e mille modi!
Ancora con lei con le mani alla sbarra! Dal davanti... spinta contro lo specchio, a terra in ginocchio, a terra sdraiata sulla schiena e le gambe che scalciavano nell'orgasmo!
Una cosa non mi concesse mai... lasciarsi baciare in bocca.
Poteva farmi tutto... diceva, succhiarmi e bermi, leccarmi il culo ma rifiutava i miei baci.
Oh... quanto la leccavo!
Le piaceva comunque essere presa appoggiata con le mani alla sbarra, mentre godeva si guardava allo specchio e spesso baciava la propria immagine riflessa.
Venivo una prima volta, poi... mi inginocchiavo dietro di lei e mi mettevo a leccare... baciare!
Leccavo fica e culo, bevevo i suoi cospicui umori e il mio sperma!
Mi rialzavo... e premevo l'asta dura, ancora enormemente eccitata fra le sue natiche!
Oh quanto lo voleva lì il mio cazzo!
Quanto voleva prenderlo tutto nel suo culo!
Urlava di prenderla senza nessuna attenzione, che voleva il mio cazzo enorme nelle viscere! Dentro a fondo... a spaccarla tutta!
Già la volta successiva alla prima si fece inculare così. Incitandomi ad essere violento, addirittura bestiale! Mi chiamava porco, bestia... di non risparmiarla!
Mi urlava di violentarla!
Che voleva essere rotta! Sfasciata!
Di farle sanguinare il buco del culo con i miei colpi selvaggi!
Urlava che era una puttana. Che avrebbe preso mille cazzi nel culo e che ancora non le sarebbe bastato!
E... si! A tutte queste esortazioni, io diventavo davvero un animale.
E mi svuotavo nuovamente dentro di lei. E continuavo a incularla violento fino a quando non perdevo l'erezione.
Oh... si! Se godevo! Se godevamo!
Ma solo lì successe, solo nell'atelier, avvenimenti che comunque lei faceva succedere almeno una volta alla settimana. Per il resto mi era vietato parlarne, non dovevo neanche accennarne. Disponeva lei quando.
Quanto la desideravo! Non riuscivo a saziarmi, avrei voluto prenderla ogni giorno, goderla nella sua stanza, nel suo letto. Ma questo non avvenne mai. Naturalmente osservavo i suoi movimenti e la vidi a volte, non rare, tornare a casa con donne, amiche? O più raramente con uomini, ritirarsi con loro in camera e uscire dopo alcune ore!
Mi struggevo in quelle occasioni!
Voglia e gelosia! Ero sicuro che facessero sesso!
Suo marito? Lo zio? Era una persona pacifica, non ebbe mai il minimo sentore per tutto il tempo che durò il nostro pazzo rapporto sessuale.

Dory...?

Questo racconto di è stato letto 2 2 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.