Tre amiche al bar del Privé

Scritto da , il 2018-03-18, genere orge

In effetti è una coppia simpatica.
Hanno più o meno la nostra età, non sono scambisti sfegatati ma neppure principianti, e sono entrambi abbastanza piacenti senza essere da urlo. Lui è un po’ appesantito per i miei gusti, però ha un bel sorriso e delle larghe mani calde. Lei è un po’ cavallina, alta, magra e con due tette naturali da quarta misura che piacerebbero molto al mio ex marito e a tutti gli sfigati che pensano solo alle tette grosse…
Sono rimasti un po’ perplessi dall’approccio di Astrid, a cui interessa la lei di coppia anziché il lui, ma il mio arrivo spiega le cose: noi siamo una coppia gay dove Astrid è la lesbica e io sono solo bi, per cui quando veniamo al club lei punta le lei e io i lui…
Beh, è abbastanza credibile.
Loro è la prima volta che hanno a che fare con una coppia lesbo, e dopo un iniziale esitazione la novità comincia ad interessarli.
La lei non è mai veramente stata con una donna, anche se durante qualche scambio precedente le è capitato di interagire a livello baci e carezze, però è incuriosita dalla corte delicata di Astrid… E buffo osservare un’altra intenta a sedurre una donna: il suo stile è completamente diverso dal mio. Là dove io sono aggressiva e dominante, lei è gentile e intrigante: non avrei mai la sua pazienza. Però sembra che funzioni…
Il lui di coppia è più disponibile: all’inizio c’era rimasto male perché sperava in un trio per ripassarsi Astrid, ma sembra che l’idea di scopare me gli sembri un’alternativa passabile.
Astrid è molto più bella di me, però io ho i miei pregi, e il tipo sembra apprezzarli come si deve.
Chiacchieriamo un po’ nel salottino, e il lui sembra apprezzare gli sguardi d’invidia degli altri maschi presenti per essere solo con tre donne.
Tre donne niente male, aggiungerei io: chiunque sarebbe capace di rimorchiare tre ciccione in un locale per scambisti, ma a parte Eva e un altro paio di ragazzine direi che noi tre siamo fra le femmine più attraenti presenti in sala.
Non è una conversazione di quelle che ti appassionano o che ti ricordi per tutta la vita, ma i due sono abbastanza simpatici per andarci a letto.
E’ proprio la loro lei a suggerire di trovare un privé libero dove appartarci un po’: complimenti Astrid, i tuoi metodi saranno pacati ma ci sai fare…

Finiamo in un cubicolo un po’ più piccolo del precedente e già usato da altri, ma non troppo sporco: noi ragazze ci sbrighiamo a cambiare il lenzuolo mentre il lui procura i preservativi dal contenitore in corridoio e ci raggiunge per finire di rincalzare la coperta. Poi Astrid si rivolge alla nuova amica e comincia ad accarezzarla e a sbaciucchiarla teneramente.
Io faccio spallucce e mi rivolgo al lui, come per dirgli “e allora?”.
Lui affera l’antifona e si fa sotto.
Bene, sa baciare decentemente e non puzza troppo di alcol o di fumo. Vediamo come è fornito… Misure standard, va bene così: diamoci da fare!
Mi butto in ginocchio sorprendendolo un po’, glielo tiro fuori e me lo ficco in bocca ancora morbido per spompinarlo a dovere.
Lui apprezza: sospira e mi accarezza i capelli… Mi piacerebbe che mi scopasse la faccia, ma non ha abbastanza iniziativa per questo (scommetto che Alex ne ha da vendere, accidenti a lui!), così mi accontento delle carezze.
Le mie arti fellatorie funzionano: sento il cazzo inturgidirmisi dentro la bocca, diventare più caldo e prendere via via più sapore.
Mentre succhio lo sego con una mano e con l’altra comincio a sbottonarmi i pantaloni: so già che se aspetto che sia lui a spogliarmi, rimarrò vestita.
Più in là, sul letto, Astrid ha schienato la lei della coppia e la sta amando dolcemente. Sono un po’ invidiosa e mentalmente mi do uno schiaffo: sono venuta per prendere cazzi, non per fare l’amore con Astrid… Certo che se il mio lui avesse più iniziativa non avrei bisogno di prendermi mentalmente a schiaffi per ricordarmelo.
OK, il cazzo è duro e i jeans sono allentati.
Mi alzo in piedi e comincio ad abbassarmeli mentre informo il maschio che voglio essere chiavata.
Mi piego appoggiando i pugni sul letto e offro le terga al lui per essere presa da tergo con i piedi ben piantati per terra.
Il tipo traffica un po’ con il preservativo, poi me sento afferrare per i fianchi e avverto la pressione del pene all’imboccatura della vagina: rinculo di brutto e m’impalo di colpo emettendo un gemito di soddisfazione alla sensazione di riempimento improvviso.
Lui esita un momento, poi comincia finalmente a scoparmi; devo dire che non è male: ha ritmo e potenza anche se è un po’ scarso a fantasia…
Mentre mi sbatte da dietro, mi godo lo spettacolo di Astrid che ha finalmente spogliato la sua compagna e le sta succhiando le tettone mentre la masturba lentamente con le sue lunghe dita: la donna sospira deliziata, ormai del tutto abbandonata alle attenzioni della sua più esperta compagna.

Andiamo avanti così per un po’, con il marito che mi scopa mentre sua moglie viene amata dalla mia amica, e direi che siamo soddisfatti tutti e quattro di come si stanno mettendo le cose.
E’ Astrid a rompere l’equilibrio: smette di amare le tette della lei di coppia e scende lungo il suo corpo fino a tuffare la faccia fra le sue cosce spalancate per leccarle la fica ormai sbrodolante: la donna emette un lungo gemito d’estasi, scalcia un po’, afferra i capelli della mia amica e li tira un po’, poi si abbandona al connilinguo con una faccia deliziata… Si sarà resa conto che le donne leccano molto meglio degli uomini.
Ho voglia di cambiare anch’io. Mi stacco, rotolo sul letto anch’io e mi libero dei pantaloni per la seconda volta durante la serata, scalciandoli via e spalancando le gambe per essere scopata nel modo più tradizionale.
Il lui si sega guardandomi la fica con aria spiritata, poi mi monta sopra e mi penetra di nuovo affondandomi in corpo la sua spingarda bella calda e dura…
- Aahhh… - gemo io, piacevolmente sorpresa dalla sua potenza.
Il marito dell’amica di Astrid è completamente privo di senso d’iniziativa, ma se ben condotto ci sa fare. Se continua così, riuscirà anche a farmi godere…
- Più forte… Più forte…
Lo incito in inglese, e lui obbedisce aumentando il ritmo e la profondità dei colpi che mi sferra nel ventre.
Mi piace… Mi piace davvero. Il languore comincia a diffondersi attraverso il mio corpo, le dita dei piedi mi si arricciano dentro agli stivali e il sangue comincia ad affluire al cervello predisponendomi per l’orgasmo…
- OOHHH! Godooo…
Non è una cosa estatica, ma è molto gradevole. Un miniclimax, intenso quanto basta almeno per il momento.
Lui si accorge che sono venuta, e rallenta un po’: evidentemente la sua lei gradisce essere lasciata in pace dopo l’orgasmo. Beh, peggio per lei.
Attiro il mio maschio a me e lo bacio in bocca per esprimergli la mia gratitudine, poi gli dico che voglio finirlo con la bocca.
Lui si stacca un po’ a malincuore, ma quando gli strappo via il preservativo e comincio a spompinarlo di brutto si ricrede: adesso non sto succhiando per tirarlo duro, ma per garlo godere, e la tecnica è tutta diversa… Me lo caccio in gola (tanto non è grossissimo) e gli risucchio il cervelletto attraverso l’intera spina dorsale.
So che si sente improvvisamente debole nelle ginocchia: la gola profonda fa questo effetto agli uomini… Sgolino di brutto, e lui mi afferra di nuovo per i capelli.
Che stia finalmente per scoparmi la faccia?
No, sarebbe chiedere troppo. Però balbetta qualcosa in olandese che deve essere carino perché Astrid smette un attimo di slappare la sua amica e ridacchia divertita.
Poi si rimette a divorare la sua preda, e nel giro di trenta secondi la moglie del mio amante le gode in gaccia con un urlo rauco.
Io continuo a sgolinare con decisione, e intanto le due colombelle accanto a noi si abbracciano e si sbaciucchiano contente sussurrandosi qualcosa in olandese, finché la donna non si decide a contraccambiare. Sono un po’ sorpresa guardandola con la coda dell’occhio mentre si mette fra le gambe di Astrid e dopo un istante di esitazione comincia a leccare a sua volta a fica succulenta della mia amica.
Niente male per una novizia!

Lo spettacolo saffico mi ingrifa a dovere e senza nemmeno accorgermene aumento il ritmo della pompa e allo stesso tempo comincio ad accarezzare i testicoli gonfi del mio amante, che comincia a grufolare come un maiale.
Mi sto spaccando la gola, ma ormai ci ho preso gusto, così continuo…
- Aaargghhhh… - rantola il tipo, passando il punto di non ritorno – Sborro! Sborrooo...
Sento lo spruzzo violento dello sperma dentro l’esofago. Deglutisco in affanno, a rischio di strozzarmi, e mando giù la prima gollata; poi estraggo il glande dalla gola e prendo gli schizzi successivi in bocca tenendo lo sguardo fisso sul maschio mentre bevo la sua sborra.
Lui mi guarda con gli occhi sbarrati come se gli stessi facendo male, e in effetti mi rendo conto che gli sto spremendo i coglioni per aiutare la sua eiaculazione: in pratica lo sto mungendo… Non posso farci niente: la sua sborra mi piace e voglio gustarmela tutt fino all’ultima goccia, a costo di prosciugargli il midollo.
Il trattamento non deve disturbarlo troppo, perché continua ad ansimare ad ogni schizzo, e intanto rantola: - Bevi… Bevi…
Certo che bevo: ingoio tutto, e quando l’ho spremuto a dovere, lo lascio andare e gli faccio vedere la lingua pulita…
Il tipo mi collassa sul letto accanto alla mogliettina convertita ai piaceri di saffo, e rimane lì come morto col cazzo ormai spento e la cassa toracica che va su e giù ad un ritmo che se fosse mio marito mi preoccuperei… Ma la sua lei è occupata e non se ne dà peso, quindi perché dovrei preoccuparmene io?
Hmmm… Bella serata.
Mi tiro in piedi, recupero i jeans e auguro buon diverimento ad Astrid, che continua a mugolare di piacere sotto le slinguate inesperte ma volenterose della sua nuova amica.

Torno nella sala bar a cercare Eva, am non la trovo.
Recupero un drink da uno sfigato grasso e brufoloso che si illude di avermi rimorchiata, poi lo pianto in asso e vado a cercarla di sotto.
La trovo nella prigione: la troia si è fatta legare alla croce per le torture, è nuda con una benda sugli occhi, e ci sono tre baldi giovanotti – di cui due di colore – intenti a leccarla tutta: due le succhiano le tette e il terzo è in ginocchi che le divora la fica.
Lei sta gridando come se la stessero torturando, per fortuna che la stanzetta è insonorizzata o arriverebbe la polizia; comunque non mi preoccupo: so riconoscere quando la mia ragazza fa la scena.

Più in là c’è la camera oscura.
Mi affaccio, e non vedo assolutamente niente: è davvero buio pesto. Però dall’interno provengono gemiti e grugniti confusi, che indicano la presenta di diverse persone…
Mi sembra divertente.
Mi spoglio in fretta tenendo solo gli stivali ed entro guardinga.
Trovo un materasso che sussulta piuttosto violentemente, e mi allungo carponi finché non vengo a contatto con un paio di corpi nudi che si stanno dimenando in modo abbastanza convulso.
Questo è un gioco che non ho mai fatto prima, e m’intriga. Non c’è modo di sapere con chi si ha a che fare in una situazione del genere: potrebbe esserci adone lì dentro, oppure un gruppo di grassoni, o anche un’ammucchiata di gay… O anche tutti questi e magari anche altri, che si ammucchiano su una singola donna, perfino brutta.
Non importa, è proprio il rischio che m’intriga: mi butto.
Tre corpi; no, quattro.
Almeno una donna… Uno dei tipi è decisamente obeso. Un altro è peloso come una scimmia…
Si sono accorti di me. Mi palpano, esplorando il mio corpo.
Ho tre mani addosso… Quattro, cinque.
Ho trovato un cazzo!
Lo sego velocemente, e quello s’intosta.
Me lo caccio in bocca e comincia a spompinarlo. Sento un gemito di soddisfazione.
Il groviglio di corpi si rimescola, adattandosi alla mia presenza.
Mi sento agguantare le tette, qualcuno mi cacia due dita nel culo.
Due mani mi ruotano le chiappe spostandomi di traverso, poi sento un altro uccello fra le cosce che si fa strada, e mi ritrovo chiavata a cucchiaio da qualcuno che mi si è piazzato dietro e mi strizza le tette mentre mi scopa ansimando.
Un cazzo in fica e uno in bocca, non male… Ehi, qualcuno mi sta leccando un piede!
Allungo la mano libera per esplorare anch’io e trovo una tetta piuttosto voluminosa: la strizzo forte e una voce di donna protesta debolmente.
Il cazzo che ho in bocca erutta all’improvviso, e io mi trovo a bere la terza razione di sborra della serata… Domani niente colazione.
Il cazzo che mi scopa continua la sua opera, e io mi ritrovo un altro cazzo fresco per le mani. Che bello!
Se lo sapesse Eva! Non vedo l’ora di raccontarle la mia esperienza, altro che la croce!
Si sa: un cazzo tira l’altro… Anche il secondo uccello mi scoppia in bocca e sono costretta a ingoiare ancora, non che mi dispiaccia… E sono quattro!
Qualcuno brancola nel buio: mi rendo conto che almeno uno dei partecipanti si stia allontanando, e ho l’impressione che sia la donna.
L’ape regina spodestata si allontana e qualcun altro entra a tentoni.
Il tipo che mi scopa emette un rantolo e sborra, riempiendo il preservativo. Peccato, speravo di ingoiare anche quello.
Mi sento succhiare un capezzolo, poi anche l’altro, e un altro cazzo mi scivola nella fica guazza.
Avanti, che c’è posto!

Cerco di far mente locale: devo avere almeno quattro maschi addosso: uno che mi scopa, uno ce l’ho in bocca, un altro in mano, e due bocce mi stanno mordendo le punte, ma immagino che una appartenga al cazzo che ho in mano.
Sembra proprio che io stia recuperando il tempo perduto.
Il primo cazzo che schizza è quello che ho in mano: non sapevo di essere così brava a fare le pippe… Mi schizza lo sperma sulle tette e sul collo, e l’altro che mi succhiava i capezzoli si stacca di colpo, contrariato.
Il successivo è quello che ho in fica: lo sento pulsare violentemente fra le valve, e il calore che avverto è il seme che sta riempiendo il serbatoio del preservativo. Altra sborra sprecata, ma io ho già la bocca piena e non posso farci niente.
Ci sono diverse mani che mi toccano dappertutto mentre continuo a spompinare con entusiasmo: la gola ormai mi fa un male cane, ma voglio la mia quinta bevuta…
- Orgh! – annaspa qualcuno, e mi ritrovo la bocca piena di sperma.
Inghiotto a fatica: questa è proprio collosa e densa, anche se non troppo abbondante, e ne deduco che deve essere un maschio piuttosto anziano.
Mi piace la sborra stagionata, lo sapete: quindi mando giù tutto con entusiasmo, e mi rilasso sentendo tutte quelle mani che mi palpeggano con calma, palesemente stanche e soddisfatte.
Tiro il fiato, poi mi riscuoto e mi alzo in piedi recuperando l’uscita.

Adesso Eva è sul lettino dell’infermeria fetish: i due megroni di prima se la stanno facendo davanti e di dietro facendo cigolare le ruote. Il ragazzo bianco è sparito, Eva deve averlo svuotato del tutto.
Lascio la mia ragazza ai suoi divertimenti innocui e vado in cerca di sua zia.
Nessuna traccia di Astrid al bar, così salgo al piano di sopra, e la trovo nello stesso privé dove l’avevo lasciata, ancora intenta a coccolare la tipa di prima.
Hai capito quelle due? Neanche fosse amore a prima vista…
Il lui di coppia è nel privé accanto, alle prese con la moglie del tipo che ho scopato per primo… Il quale è lì con loro e si sega guardando la moglie che si fa sbattere a gambe larghe dall’amante più giovane.
Tutti contenti, si direbbe… Già, e la Visentin? Ho bisogno di un altro cazzo, e in fretta.

Non è difficile. I cazzi sono una delle merci più diffuse e a buon mercato su questo pianeta, e soprattutto in uno swinger club olandese.
Non ho tempo da perdere, quindi non sto a fare la schizzinosa. Scartato lo sfigato cui ho scroccato il drink poco prima, acchiappo il primo ragazzino dall’aria abbastanza atletica e sufficentemente sobria fra quelli entrati per ultimi (verso le due del mattino di solito aprono ai single anche nelle serate per coppie), gli dico di trovarsi un compare e di venirmi a scopare al divanetto d’angolo in fondo al bar.
Il ragazzo deglutisce a vuoto, s’illumina tutto e si precipita ad acchiappare un amico in tutto simile a lui che ci stava provando con una lei di coppia per niente interessata e intenta a sbronzarsi al banco.
Nel giro di cinque minuti ce li ho davanti con le braghe calate e i cazzi dritti: me li spolpo a dovere restandomene comodamente seduta da brava cougar mentre loro fremono di piacere all’inpiedi davanti a me, pregustando il momento in cui permetterò loro di scoparmi…
Succhio e sego, sego e succhio quei due bei cazzi giovani e duri come paletti di frassino, finché non mi gira di prenderne uno in pancia. Allora smetto un momento, mi abbasso i pantaloni alle ginocchia e mi stendo con lo stomaco sul tavolinetto davanti al divano, così uno dei due maschi mi può infornare da dietro mentre io continuo a succhiare l’altro che mi si piazza di nuovo davanti.
Sono due ragazzini potenzialmente sbrodoloni, quindi li costringo ad alternarsi di continuo per farli raffreddare ogni qualvolta uno dei due mi sembra troppo caldo, e in questo modo andiamo avanti un bel pezzo.
Nessuna speranza che uno di loro riesca a farmi godere, però mi diverto.

Siamo lì da un po’, quando ricompare Eva.
La mia ragazza mi vede nella penombra e si avvicina, ignorando del tutto e due cazzi che mi stanno facendo divertire.
- Hai visto Astrid? – mi chede, in italiano con pesante accento veneziano che ai due ragazzotti deve sembrare greco antico.
Mi tolgo dalla bocca il cazzo che stavo spompinando e le rispondo: - L’ultima volta che l’ho vista si stava ancora lesbicando una tipa nei privé di sopra.
- Ho capito. Tu ne hai per molto?
- Non saprei. Vuoi andare a casa?
- Sento Astrid e poi ti faccio sapere.
Io torno ai miei piaceri innocenti e Eva sale le scale in cerca della zietta.
Passano alcuni minuti durante i quali faccio ruotare i miei cazzi un’altra volta, e vedo Eva che scende di nuovo, questa volta insieme ad Astrid: sono vestite tutte e due, e ne deduco che è ora di andare.
Contraggo la fica raddoppiando di colpo la pressione sul cazzo che mi sta scopando la fica, e lo sento sussultare di brutto; allo stesso tempo ingoio la cappella che sto succhiando, e passo ad un gola profonda che nessun giovincello può sopportare a lungo.
I due ragazzotti guaiscono come due golden retriver alla luna, e schizzano il loro giovane seme all’unisono, uno nel suo goldone dentro la mia pancia, e l’altro dritto nel mio stomaco.
- Gghhh…
- Orrghhh!
…E sono sei!
Inghiotto vorace, e quando le mie compagne mi raggiungono ho già finito.
- Che dici, andiamo?
- Hmmm… - mi forbisco la bocca dopo aver sputato il cazzo – Per me va bene, io qui ho finito.
- Già, vedo… - Eva sogghigna offrendomi un fazzoletto per ripulirmi la faccia, e io mi tiro in piedi.
Sono un po’ stizzita nel vedere che i due giovani portatori di cazzo, ancorché completamente svuotati dei loro spermatozoi, stanno spogliando Eva con gli occhi.
Ma se stanno a mala pena in piedi!
Uomini…
Mi tiro su i pantaloni, chiudo la cintura e sorrido tutta soddisfatta: - Bene: a chi tocca pagare il taxi?

Se era per Eva saremmo dovute tornare a piedi.
Per fortuna Astrid è al settimo cielo e non sta a pensarci troppo, così questa volta paga lei… Sul taxi non sta zitta un momento spiattellandoci la storia della serata, e a me viene da pensare che il tassista non dovrebbe farla pagare visto che dopo aver ascoltato le avventure erotiche della nostra amica si potrà fare le seghe gratis per un mese.
L’amichetta di Astrid ha davvero apprezzato la sua iniziazione lesbica: al punto che prima di andarsene con suo marito, le ha lasciato di nascosto il suo numero di telefono, pregandola di chiamare quando il marito non c’è.
Sembra proprio che le pene d’amore di Astrid per il momento siano risolte…

Questo racconto di è stato letto 7 6 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.