Erotici Racconti

Il mio primo giorno di ferie

Scritto da , il 2018-03-13, genere etero

Era una calda mattina d'agosto..finalmente erano arrivate le tanto desiderate ferie dopo 11 mesi di duro lavoro..ci incontrammo in quell'albergo vicino il centro.era grande di.desiderio di riaverti tra le mie braccia..entrammo in ascensore e già lì capii che sarebbe stata una mattinata da ricordare..il tuo cazzo era già duro..entrammo in quella stanza avvinghiati.ci baciammo a lungo..le ns lingue che finalmente
potevano intrecciarsi..i nostri corpi uniti.ci siamo spogliati velocemente..avevamo troppa voglia di sentire il calore dei ns corpi.ci siamo buttati su quel letto io ero nuda ma portavo addosso ancora il mio perizoma nero..tu con il tuo sguardo che mi eccita da morire mi guardasti negli occhi come per dire..'ora sei solo mia'..con forza hai afferrato la mia figa ancora nascosta e con un gesto folle sei riuscito a rendere a brandelli il mio slip..io eccitata al massimo non vedevo l ora di sentire la tua bocca sulla mia figa..eccola..la tua lingua che gioca con il mio clitoride..che esplora la mia vagina..io sento che sono già bagnata fradicia..sento la voglia di lasciarmi andare all'orgasmo ma ti scosto la testa e ti invito a baciarmi ad accarezzarmi i seni...lo fai dolcemente e poi con aggressività.i miei capezzoli tra le tue dita..tra i tuoi denti..ma io ho una gran voglia del tuo cazzo..e mentre mi baci e mi strapazzi i seni..lo afferro e sento la sua durezza..la sua erezione.lo voglio in bocca...ti faccio sdraiare e finalmente è mio..assaporo la cappella..lo metto in bocca fino al limite delle possibilità..sento il tuo respiro che mi fa capire che godi come un pazzo..mi afferri per i capelli e mi sussurri guardandoci negli occhi.".È tutto tuo ..succhialo come solo tu sai fare!"lo faccio con una passione infinita..e a ritmo regolare lo, entro e lo esco dalla bocca calda..accarezzo i tuoi testicoli e sento che sono pieni e duri pronti ad esplodere..continuo a spompinare il tuo pene fino a farlo sborrare nella mia bocca..una goduria infinita perché la tua sborra mi riempie la bocca ed io non mi perdo nemmeno una goccia.
Soddisfatto mi inviti a sdraiarmi accanto a te..e mi prepari a ciò che da lì a poco stava per accadere..era il mio momento..mi hai bendato e fatta sdraiare sul letto in posizione supina..la stanza era appena appena illuminata dalla poca luce che arrivava dal bagno..ad un Certo punto sentii partire una musica di sottofondo di quelle che ti rilassano e che non ti fanno pensare a niente..mi hai invitato a stare ferma e a non muovermi..e fu.cosi che iniziai ad essere deliziata da un massaggio con tanto di olio..mi abbandonai totalmente a lui..che mi fece dimenticare il mondo intero con il movimento cosi dolce delle sue mani sul mio corpo..nessuna parte venne risparmiata..dal collo fino alla punta dei piedi..con particolare attenzione ai miei seni.alla.mia figa e al mio culo dietro..naturalmente mi veniva voglia di toccare lui di averlo su di me ma mi era stato ordinato si stare ferma...finché sentii un.rumore strano..la vibrazione del piccolo vibratore usato ogni tanto..anche lui perlustro'il mio corpo..i miei capezzoli turgidi..la mia figa vogliosa..me lo ficco'dentro io iniziai a stringere le lenzuola tra le mie mani..godevo come una matta ma volevo lui e il suo cazzo..il vibratore mi faceva tremare il clitoride ed io ansimavo e mi dimenavo..era il momento giusto..via la benda..mi misi a pecora e finalmente venni sculacciata e penetrata..ecco la troia che c e in me che gode..si si ancora ancora..mi sentivo sua..finche mi liberai con un orgasmo da urlo..!..ci riposammo un po'ma il mio primo giorno di ferie non era ancora finito...

Questo racconto di è stato letto 2 3 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.