Erotici Racconti

Una Storia quasi Vera

Scritto da , il 2018-02-14, genere tradimenti

Era impensabile solo pochi mesi fa di vedere mia moglie con la testa in mezzo alle gambe di una ragazza.

Tutto iniziò quattro mesi fa. Sono sempre di corsa e spesso un avvocato correndo dallo studio al Tribunale e viceversa può dimenticare qualcosa, anche se non dovrebbe.
Quel giorno dovevo presiedere un’udienza e gli incartamenti erano rimasti in studio, mannaggia tornare indietro era una gran perdita di tempo. Per un attimo pensai di avvertire Anna, mia moglie, che mi raggiungesse in Tribunale portando le carte processuali. Era già cinque anni che era la mia segreteria, quasi a tempo pieno, da quando la “storica” Elvira era andata in pensione. La sua efficienza era sbalorditiva e mi fidavo ciecamente di Anna, però quel giorno non volevo disturbarla poiché stava imbastendo una procedura giuridica riguardante una sua amica. Avrei perso pochi minuti a tornare e prendere quella cartella lasciata senz’altro sul serrapapier all’ingresso dello studio. Le 9,30 Ok dai si torna.
Aprii la porta dello studio e vidi la cartella proprio dove avevo immaginato fosse. Mentre mi avvicinavo, l’occhio cadde a cercare tra la porta semichiusa della segreteria la figura di Anna, ma osservai ben altro.
Mia moglie con la gonna tirata su, sopra la schiena, con i collant abbassati arrotolati alle mutandine. Era appoggiata con gli avambracci alla scrivania e con semplicità naturale sporgeva il suo bel culo e il sesso verso il cazzo del mio tirocinante.
Mario era un bel ragazzo che aveva appena terminato gli studi universitari ed essendo il nipote di Elvira ed un bravo ragazzo lo avevo preso senza batter ciglio e poi un aiuto fa sempre comodo.
Ora era li che guidava il suo cazzo verso la fighetta di Anna che attendeva eccitata di essere penetrata. Rimasi attonito, senza parole, mi feci piccolo piccolo, invisibile nell’ombra. Fissai per lunghissimi momenti quello che stava succedendo pochi passi da me. Era un movimento lento, accompagnato dalle spinte in avanti del pube di Mario e dagli incoraggiamenti incontenibili di mia moglie verso lui. Come una danza tribale i due corpi si muovevano all’unisono senza interruzioni. Lievi e sensuali gemiti erano effusi da lei ad ogni colpo del bacino. Le gambe di Anna tremavano, brillanti alla luce dai copiosi umori sprigionati dal suo godimento incessante. In breve i colpi si moltiplicarono, i movimenti divennero bruschi e sgraziati, sempre più forte la penetrazione, sempre più acuti i lamenti dalle labbra di Anna. Poi un tremito forte, di entrambi.
Mi cancellai dal corridoio. Chiusi dietrola porta lo scempio e fuggii via, senza rumore, senza voltarmi.

Con una scusa alquanto banale mi eclissai dalla mia precedente vita per un weekend. Passai quei giorni solo in un rifugio alpino che conoscevo bene e che ritrovavo ogni qualvolta avessi bisogno di pensare tranquillo.
Ed è li che crescente in me si configurò il bisogno di una rivalsa, la necessità di sentire un piacere intimo di vendetta e scoprire il miglior modo di averla. Non ero incazzato, non avevo intenzione di fare scenate apocalittiche o di spaccare oggetti, ossa o qualunque altra cosa di loro proprietà. No! La mia era una goduriosa ed immensa soddisfazione nell’escogitare un piano per ottenere una dolce punizione e poi eliminare entrambi dalla mia vita.

Al ritorno a casa ritrovai la mia solita accogliente e premurosa moglie che con amorevole cura mi fece sentire il suo calore di donna. La scopai senza rabbia, con estrema compiacenza, lentamente e a fondo.
Lei non rivelò nulla dell’accaduto con Mario nei giorni successivi, forse era stata una debolezza di un momento, forse no, ma era comunque passata la voglia di altro? La mia curiosità ebbe il sopravvento.

Pochi giorni dopo ebbi la conferma che nulla era stato un caso e una straripante voglia di sesso era ancora compagna di Anna e Mario. Infatti un pomeriggio uscii dallo studio reclamizzando a gran voce la mia intenzione. Rimasi nei paraggi e dopo circa quindici minuti risalii, trovai ancora la porta appoggiata come l’avevo lasciata ed entrai senza rumore. Attraversai piano il corridoio fino alla stanza da dove provenivano rumori indistinti. La scena che si presentò ai miei occhi, dalla porta dischiusa, era eroticamente appagante e mi eccitò oltre misura. Anna era in ginocchio di fronte a Mario seduto sul divanetto giallo su cui molte volte avevo deliberatamente schiacciato sonnellini defaticanti. Era nudo dalla cintola in giù ed Anna, con le gambe leggermente aperte a compasso, si toccava la figa mentre con la bocca baciava il cazzo di Mario masturbandolo con la mano libera. I baci divennero un ardente pompino in un attimo. Le mani aumentarono il ritmo, sia quella sul cazzo che quella in mezzo le gambe e in breve tempo, mentre lei godeva con sordi lamenti, lui le venne in bocca con un colpo intenso del cazzo su per la gola. Lei non si fermò nemmeno a quel punto ed ingoiando il fiotto di seme continuò lasciva ed impudicaa leccare la viola e turgida cappella che sembrava non volesse smettere di eruttare caldo sperma.
Senza accorgermene, quasi che quella scena fosse tratta da un film porno e non eseguita da mia moglie, mi venni addosso, senza toccarmi godetti come un ragazzino alle prime esperienze rubate al caso.
Restai scosso da questa mia reazione incondizionata e completamente irrazionale, ma godetti con estremo desiderio di complicità emotiva.

Nei giorni successivi con Mario micomportai come nulla fosse, anzi lo incoraggiai ad esserci più vicino, a dividere la sua intimità con noi e in breve uscimmoper andare al cinema o a mangiare qualcosa con lui e la sua fidanzata Monica. Alcune volte a ballare. Spesso, sott’occhio, osservavo gli sguardi interrogativi e indiscreti di Anna e Mario. Tra loro era palpabile una certa complicità non detta, non esibita, intensa era la loro partecipazione a piccoli giochi di sguardi e sorrisi. Monica sempre insieme.
Monica era bella, di una bellezza disarmante, di una sensualità imbarazzante. Difficile da comprendere nel suo ruolo di fidanzatina, quando poteva essere serenamente confusa con una puttana d’alto bordo nei suoi spacchi, nelle sue profonde scollature e nelle velate nudità. Una ragazza benestante a cui piaceva essere esibita come raro animale da compagnia. Più di una volta mi eccitai a guardare le sue sinuose curve ed apparenti nudità. Mi chiedevo come poteva essere che Mario avesse preferito chiavarsi Anna, con i suoi piccoli seni, i capelli corti e poco rigogliosa benché con un bellissimo culo. Monica volendo poteva essere l’antitesi di Anna, quasi una porno diva, una che all’apparenza ti svigoriva fin dal primo sguardo; seni turgidi e rigogliosi sempre ben esposti, lunghe gambe, flessuose, una linea che aveva la sua massima eroticità in ogni piega del corpo. Entrambe, in modo diverso, erano sensuali e desiderabili ad ogni qualsivoglia maschio e la voglia di chiavarle la stessa.

La mia punizione destinata a Mario ed Anna si stava gradualmente disegnando e poco alla volta si avvicinava l’ora della vendetta. Il piano era concluso e gli ultimi dettagli li avevo completati in un pomeriggio di primavera inoltrata, quando nel parco poco distante casa avevo incontrato “Zio&Nipote” due pregiudicati più volte tirati fuori dai guai con la giustizia e che ora, redenti alla vita sociale, mi dovevano molti favori. Li ingaggiai per essere coprotagonisti della punizione, per dar seguito alla pena da scontare.

Quella sera nessuno aveva voglia di uscire. La città era calda, afosa al limite della sopportazione.
La nostra casa in campagna era circondata da un verde prato delimitato da un boschetto di betulle e faggi.
Nei primi giorni di caldo ci spostavamo dalla città e per tutto il periodo estivo eravamo pendolari a tempo determinato.
Si respirava una calma e serenità fuori dal comune, l’aria rinfrescava ogni minuto di più fino a rendersi piacevole sulla pelle accaldata. Avevamo invitato Mario e Monica per una cena light e piacevoli bevande che ora ci rinfrescavano. Eravamo comodamente sdraiati sui lettini sotto il portico, la brezza ci coccolava. Monica aveva un vestitino molto sexy, cortissimo e con una profonda scollatura, semi trasparente ricoperto da centinaia di paillette. I seni si intravvedevano nella scollatura e la trasparenza del tessuto esponeva senza misure il roseo colorito dei capezzoli. Sdraiata vicino a Mario giochicchiava con il lino della sua camicia, arricciandolo e rilasciandolo subito dopo. Mia moglie era rilassata e voltata verso di loro esponeva al loro interesse alcuni concetti sulla vita agreste. Anche Anna era bella, mi stava mostrando il suo lato migliore senza farlo apposta. Le sue mutandine trasparenti di pizzo facevano capolino dalla tunica, spiegazzata malamente sotto di lei, ed esaltavano la riga delle sue perfette natiche. Anche il seno nudo sporgeva leggermente fuori dalla veste e mi eccitava il pensiero di poterlo stringere tra le mie dita.
L’incanto e la tranquillità della sera terminarono all’improvviso, due figure sbucarono dall’ombra delle colonne del portico. Due uomini corpulenti a viso coperto s’intromisero nel nostro relax e iniziarono a dettar regola con violenza, deturpando la pace che albergava nel nostro animo con risonanti ordini e relativi gesti.
In men che non si dica bloccarono Mario ammanettandogli polsi e caviglie mentre roteavano su di lui sinistri manganelli. Le donne urlando spaventate con il cuore in gola cercarono di alzarsi e scappare, ma immediatamente furono sospinte nuovamente sui lettini e in quella posizione obbligate a zittirsi intimidite dai manganelli ad altezza viso. Uno dei due si avvicinò, mi strattonò e mi urlò di star tranquillo minacciandomi con un coltellaccio. Non reagii e rimasi pacato ad ascoltare.
L’uomo più alto si girò verso Mario e gli mollò un manrovescio con determinata durezza. Poi si voltò verso Monica ed Anna, le costrinse a girarsi e legò i polsi con dei legacci ad entrambe. L’altro mi spinse dentro casa e mi impose di aprire la cassaforte che avevo nello studio. Con molta calma l’aprii e mi spostai di lato. Lo guardai attentamente, mi dava l’impressione fosse più giovane dell’altro uomo. Anch’egli mi guardò e abbozzò un sorriso velato dal collant che aveva sul volto, poi dopo aver ripulito la cassaforte mi spinse nuovamente verso il portico.
Trovai il “grosso” seduto comodamente sul lettino che avevo lasciato libero che giochicchiava con il manganello contro il viso di Mario.
Mario aveva il volto arrossato dai colpi subiti e l’espressione era moltoatterrita.
Le donne erano sdraiate a pancia in giù, le mani dietro la schiena e le gambe ciondolanti.
Il “giovane” mi disse, posando il sacco della refurtiva a terra, che prima di andare avrebbero volentieri mangiato e bevuto qualcosa. Fui seguito prima in cucina dove si prese alcuni panini avanzati da prima, delle birre e un pezzo di torta, poi mi condusse nel salone dove prima aveva adocchiato una bottiglia di Jack Daniel’s e se la mise sotto il braccio. Tornammo fuori. Il giovane si sedette sul lettino di Monica e iniziò a sbocconcellare dopo aver alzato leggermente la calza dal viso, l’altro grosso si alzò prese una birra e ne trangugiò più di metà in un solo prolungato sorso senza nemmeno scostare la calza. Si avvicinò a mia moglie la obbligò a bere un lungo sorso dalla bottiglia di Jack e fece lo stesso accostandosi a Monica che trangugiò con avidità due lunghi sorsi. Si sedette nuovamente vicino ad Anna e dopo averle nuovamente fatto bere il Jack, con la punta del coltello, iniziò ad alzare il bordo della tunica all’altezza del ginocchio. L’alzò fino a sotto il culo, pressappoco dove arrivavano le mani legate di Anna. La guardò a lungo e poi guardò Monica che impietrita mi lanciava sguardi di terrore. Il “giovane” le diede una pacca sul culo liberando un gridolino soddisfatto. le disse osservandola con lascivia. rispose a tono il “grosso” e così dicendo slegò i polsi prima ad Anna e poi a Monica.
Si girò dalla mia parte e grugnendo mi invitò a sedere sul lettino. Ero stretto tra i due malviventi.
Davanti a me le donne si erano messe a sedere una accanto all’altra massaggiandosi i polsi e sistemandosi le vesti alla bene meglio.
Monica lanciò uno sguardo verso Mario e per tutta risposta venne spintonata malamente dal “giovane” che le disse: Prese il manganello e lo posò non certo delicatamente sulla spalla di Mario che urlò più che altro per lo sgomento.
urlò facendo sobbalzare le ragazze.
aggiunse il “grosso”.
Dapprima si guardarono stupite e incredule per la richiesta. Titubarono per lunghi istanti, poi un urlo intimidatorio smosse Anna che allungò le mani istintivamente verso i bottoncini della scollatura di Monica e iniziò a slacciare il vestitino. Monica,in risposta, sussultando scostò la spallina della tunica ad Anna liberandole una spalla che accarezzò spontaneamente.
Anna smise solo un attimo di sbottonare il vestito per asciugare una lacrima che le scorreva su una guancia.
Continuò e all’ultimo bottone, quando la camicetta si aprì, fuoriuscirono i bei seni sodi di Monica.
disse con un groppo in gola, già eccitato, il “giovane”. Nel frattempo anche Monica abbassò la tunica di Anna da cui sgusciarono i suoi piccoli seni. urlò ridendo il grosso che continuava a tirare sorsate di Jack.
Monica si avvicinò ad Anna e la baciò su una spalla, salì lentamente al collo per poi ridiscendere verso i seni che erano già tra le sue dita. Quando Monica raggiunse il seno destro con le sue labbra umide e la lingua turgida, il capezzolo di Anna si drizzò e le scappò un lamento sordo dalle labbra. Iniziò a ciucciare il capezzolo verso l’interno della sua bocca, poi lo rilasciò e roteò la lingua sulla rosa dell’areola.
Anna iniziava ad eccitarsi e senza che le fosse stato ordinato nulla mise le sue dita tra le mutandine di Monica. I due energumeni erano completamente assorti dallo spettacolo erotico che mia moglie e la ragazza di Mario stavano offrendo.
Anna si liberò dall’abbraccio di Monica e si alzò giusto il tempo per far cadere a terra la tunica e le mutandine, rivelando il culo in tutto il suo prepotente splendore. Monica si coricò e anch’essa si liberò degli slip. La fighetta rasata era carnosa e gonfia, le grandi labbra turgide e pronunciate. Dischiuse le gambe e le dita di mia moglie si intrufolarono tra le pieghe rosa.
Un accenno di Monica indusse Anna a salire a cavalcioni su di lei, la faccia sotto la figa di mia moglie. La sua lingua si fece largo tra i radi peli per raggiungere l’apice del suo desiderio, nel mentre le dita di Anna avevano ripreso il ditalino perfetto sul clitoride ormai rigonfio di Monica.
Anche Mario, nonostante le percosse e le minacce subite, sembrava eccitato e lo sguardo si posava ora su una ora sull’altra donna. I due rapinatori ormai attizzati al limite iniziarono a masturbarsi, dapprima sopra i pantaloni, poi lentamente, ma non titubanti, si tirarono fuori gli arnesi turgidi e pronti ad aprire gli scrigni.
Il “giovane” lo massaggiava lentamente e la rossa cappella usciva piano da sopra il palmo. Il “grosso” non era soltanto di aspetto, ma aveva un enorme cazzo sia in circonferenza che in lunghezza, almeno 25 cm di carne si ergeva come uno scettro in mano a un re. Anche io mi stavo gustando ogni piccola emozione eccitato per quella serata che ripercorro a memoria molto volentieri.
Quando Anna senti il clitoride farsi più grande sotto le sue dita, si abbassò e iniziò anche lei a roteare la lingua dentro le piccole labbra di Monica che incessantemente lappava la figa sopra di lei.
Il “giovane” si alzò si levò i vestiti in un attimo, si avvicinò a Mario gli diede un buffetto sulla testa e gli disse:.
Allontanò, senza violenza, Anna dal sesso grondante di saliva e umori di Monica e con un colpo secco la penetrò alzandole le gambe sulle sue spalle. Monica iniziò a vibrare sotto i colpi potenti del “giovane” e i lamenti di goduria diventarono sempre più nitidi e intensi. Anna restò un attimo a guardare l’atto copulatorio dei due accanto a lei, mi lanciò uno sguardo, ma non ebbe tempo di far altro perché il “grosso” la prese per la testa, la fece inginocchiare di fronte al suo enorme cazzoe iniziò a chiavarle la bocca quasi a farla soffocare. Anna provò a divincolarsi, ma poco dopo non fece più alcuna resistenza ecominciò lei stessa a succhiare con enfasi.
Il “giovane” era intento da alcuni minuti a chiavare la fighetta rasata della ragazza di Mario e spesso, per non venire subito doveva interrompere le spinte,guardava Mario apostrofandolo:. Anche a me il “grosso” lanciò un paio di occhiate e disse:
La fece rialzaresollevandola dal mento, le strinse le tette e i capezzoli fino a farla gemere di dolore, poi la costrinse ad abbassarsi nuovamente voltata di spalle al suo arnese, lui stesso si inginocchiò dietro il culo, la fece piegare ancora più in avanti finché non le mise bene in mostra la rossa e umida figa e irruppe dentro di lei come un coltello nel burro. La spingeva in avanti e senza fermarsi la attirava nuovamente a sé cercando di infilarle tutti i 25 cm in un sol colpo.
Il “giovane” non voleva assolutamente finire subito, ma Monica venne per l’eccitazione, iniziò a vibrare come una corda di violino e sussultando divaricò ancor più le gambe stringendo dentro se il cazzo nerboruto. L’orgasmo di Monica lo colse impreparato e venne anche lui. Urlando per il godimento allagò la figa di Monica. Da vero bastardo si tirò su dalla figa di Monica, si avvicinò ad Anna e gli fece pulire il cazzo ancora imbrattato di sperma e umori della fighetta della ragazza. Anna era ormai presa da due lati, godeva, e le piaceva avere il cazzo non più turgido del “giovane” da succhiare mentre sentiva la figa riempita all’inverosimile dal cazzo del “grosso”.
Monica era esausta e si stava per alzare quando il “giovane” si staccò dalla bocca di mia moglie e la sospinse nuovamente a sedere, la guardò in modo strano, poi si rivolse a me:
Prese Monica sotto la pancia la girò prona le diede uno schiaffo sul culo, lei guardava frastornata, iniziò a implorare di lasciarla stare che dietro non voleva e iniziò ad agitarsi. Il “giovane” senza cortesia e senza fatica gli apri le natiche mostrando il suo buchetto roseo, si bagnò un dito nella bocca di lei e incominciò a strofinare leggermente l’orifizio. Mi scrutò con un sorriso ebete stampato in faccia:. Mi alzai infoiatissimo, le allargai ancora di più il culo, le sputai sull’ano e inizia a spingere senza troppi complimenti.
Guardai Mario:dissi senza farmi problemi.
Le infilai il cazzo con un colpo energico, Monica urlò forte, le diedi uno schiaffo tra la schiena e il culo, tanto vigoroso che le rimase il segno rosso. gridai spingendo sempre più a fondo il cazzo marmoreo. Non passò molto tempo e i lamenti di dolore si trasformarono in gemiti di godimento, le passai una mano sotto la pancia e iniziai a masturbarle con forza il clitoride, mentre sentii il calore sprigionarsi dalla figa al culo ad ogni botta data. Mario si mise a piangere ed implorare di smettere. In risposta il “grosso” ancora dietro al culo di mia moglie si alzò, si mise di fronte a Monica e le allagò la bocca e il viso di sperma, picchiandole sulle guance il mostruoso cazzo durissimo.
Anna si abbandonò a terra spossata, ma per lei non era ancora finita.
Il “giovane” rinvigorito nuovamente, la prese dai fianchi la sollevo a carponi spingendole la testa verso il pavimento, la immobilizzò in quella posizione, prese la bottiglia di Jack e infilò il collo della bottiglia nel buco del culo già bagnato fradicio dei suoi umori. Anna spalancò gli occhi dal dolore che la pervase, ma non si mosse minimamente. Il “giovane” prese a roteare la bottiglia spingendola dentro e fuori dal culo di Anna. Lo sguardo lussurioso era posato sul quell’andirivieni meccanico che continuò per parecchi minuti.
Il “grosso” mi spostò malamente, gettandomi di lato e facendomi uscire da Monica prese il mio posto. Con furia quasi disumana iniziò a fotterle il culo, mentre mi ordinò di andare a scopare la bocca di mia moglie.
Mentre mi avvicinavo per farmi spompinare da Anna, il “giovane” tolse la bottiglia e infilò il suo cazzo nello sfintere ormai abbondantemente dilatato. Con mia sorpresa notai che mia moglie stava godendo moltissimo e non oppose alcuna resistenza a farsi penetrare la bocca dal mio cazzo ancora imbrattato degli umori emessi dal culo di Monica. Godevano tutte e due, come cagne in calore. Mugugnavano il loro godimento senza smettere e i loro sguardi non erano manifestazioni di terrore, ma di enorme piacere.
Venni quasi insieme al “giovane”, lui nel culo ed io in bocca. Ci togliemmo in simultanea ed Anna crollò a terra con il viso inebriato, completamente inzaccherato di sperma.
Anche il “grosso” venne in culo a Monica e lei stessa cadde priva di forze a terra.
I due malviventi sembravano contenti del loro operato, in effetti oltre aver messo mano su un bel bottino erano riusciti a chiavarsi due fighe niente male e come loro bramavano. Si rivestirono e continuando a dileggiare le troie sfatte dall’infinita chiavata non si lasciarono perdere l’occasione di mal menare ancora il povero Mario.
Poi si dileguarono come nel nulla lasciandoci nudi, soli, senza parole, paralizzati e annientati.
Dopo quella notte le nostre vite si divisero per sempre.
La mia vendetta era compiuta: mia moglie fu trattata da cagna come era stata; io mi scopainel culo la troia, fidanzata del coglione, che pensava di farmela; il coglione è stato malmenato e obbligato ad assistere alla chiavata che si era fatta la sua ragazza con grande goduria. Insomma anch’io, pagando un certo prezzo, mi tolsi la soddisfazione che avevo immaginato nel tempo.
Lascia la zoccola di mia moglie e non la vidi mai più. Vendetti tutto, lasciai l’avvocatura e con i soldi risparmiati negli anni riuscii ad aprire un club privè per scambisti all’estero, perché avevo capito che alla fin fine ciò che fa girare il mondo sono il sesso e i soldi facili.

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.