Erotici Racconti

Io Bull, lui Cuck, tu troia

Scritto da , il 2018-02-14, genere tradimenti

Le due macchine parcheggiate a qualche metro l'una dall'altra.
Pieno giorno.. primo pomeriggio..
Nel mio abitacolo io e lei. O meglio io e la sua lei.
Perché questa è la storia vera di una coppia con lei molto sveglia e lui un vero cuckold.
Lei sul mio cazzo.. con la sua bocca famelica..
Sono sposati ed hanno una famiglia.
Da ragazzi su insistenza di lui hanno cominciato a frequentare dei locali per scambisti.. Solo che a lei è cominciato a piacere..
Le corna che le ha messo in capo.. Poi ha smesso.. forse con l'arrivo della figlia si è data una calmata.. Ma non del tutto..
E ogni tanto mettono quell'annuncio su un sito di incontri..
Ed ora eccoci qui..

L'appuntamento in una zona industriale e commerciale della provincia di Bologna, il suo sguardo rapido ed indagatore alla mia persona e l'assenso ad andare oltre..

Ed ora eccoci qui.. Lui che forse si sta segando a pensare a lei che si sta donando ad un perfetto sconosciuto.. E lei mezza nuda che mi fa le linguacce sulla cappella..
Voglio di più.. voglio venirle addosso.. E allora le chiedo di scendere.. Il mese di ottobre in cui è successa la vicenda lo permette ancora..
Ed io mi abbasso le braghe alle caviglie.. il mio cazzo svettante punta a lei. Sono in mezzo alle due macchine per coprirmi da eventuali occhi indiscreti che in ogni caso, sarebbero molto distanti. Mi volto, sono nuovo di queste cose, e un po' di sospetto c'è sempre. chi me lo dice che non se ne esce colto da un raptus di gelosia e me la devo dare a gambe levate? Invece cosa noto? Lo specchietto elettrico si muove.. è lui da dentro ad aggiustare la mira per godersi lo spettacolo.. Vuole vederla..
A torso nudo.. con le ginocchia a terra che mi spilucca il cazzo..

Non dimenticherò facilmente il verso da troia accompagnato da un famelico "oh si.." quando le sono arrivato addosso con il mio getto caldo e possente..

Il resto sono i gesti consumati del dopo.. Il passaggio di un paio di fazzolettini per pulirsi.. I complimenti veramente sentiti.. Un saluto frugale..
I motori delle macchine che si accendono.. Lei che risale sporca di me sulla sua macchina..

Molto bello.. da rifare..
Chissà cosa ha provato lui a vedere me che le sborro addosso alla sua mogliettina una bella dose di seme caldo..
Le perversioni ragazzi.. che mondo che sono..

Si accettano commenti a vicolomiracoli@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 2 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.