Erotici Racconti

Si può fare 5

Scritto da , il 2018-02-12, genere dominazione

Vorrei che fosse chiaro che non sono costretta a fare sesso tutti i giorni, più volte al giorno come se fosse la trama di un film hard.
Per quanto il mio capo sia un vero porco e secondo me abbia un serio problema di dipendenza dal sesso, la media settimanale mi vede impegnata all'incirca tre giorni su cinque lavorativi.
Mai nel week end. E infatti, il lunedì la probabilità di dovermi occupare dei bisogni sessuali del mio capo è praticamente del 100%.
Con questo non voglio dire che ci siano dei giorni in cui vengo lasciata in pace. Questo no.
Che sia per un bacio, più o meno casto, una palpata o un'occhiata alle mie parti intime ...se il mio capo è in ufficio (perché ogni tanto, per lavoro, deve assentarsi anche per qualche giorno), qualcosa succede sempre.

Per esempio, gli piace molto importunarmi durante le videoconferenze o le conference call telefoniche. Con semplici gesti della mano (o con messaggi scritti sui post-it nel caso di videoconferenze) mi fa scoprire i seni o la fica. E in tutta onestà io preferisco la seconda opzione.
Perché quando metto in mostra le tette, nove volte su dieci finisce a pizzicarmi i capezzoli ordinandomi di non fare rumore. E la cosa è molto dolorosa.
Quando le riunioni sono invece semplicemente telefoniche è più probabile che mi dica di fargli vedere la fica, in posizioni sempre più esplicite, per poi ordinarmi di toccarmi, allargando le grandi labbra così che la visuale sia migliore.
A volte resto davanti a lui durante l'intera conversazione. Anche se sembra ignorarmi perché assorbito dal lavoro, se provo ad andarmene con gesti impazienti mi obbliga a rimanere.
E quando c'è un cliente particolare, un tizio che ha l'ufficio in veneto, le cose vanno anche peggio.
Spesso, finita la conference call, restano collegati e mentre la mia bocca si dedica all'uccello del mio capo, questi incomincia a commentare con linguaggio da caserma con il suo compare. Parlano di me, come se io non ci fossi.
Io succhio e pompo il cazzo mentre lui ne descrive le immagini al tizio dall'altro lato della cornetta, il quale è convinto che sia tutto uno scherzo e dunque sta al gioco.
"...lo sai che una volta mi ha ingoiato l'uccello fino ai coglioni?" - dice mentre il mio naso si confonde nel cespuglio odoroso dei suoi peli pubici
"...cazzo! ...sarebbe davvero un cosa pazzesca!"
"Non scherzo!!"
"Si, si. Come no ...e poi ti fai anche leccare il culo vero?"
"Per forza...!" - risponde il mio capo, spingendo la mia faccia sotto il suo culone peloso.
Non è detto che arrivi per forza alla fine. A volte si interrompe prima e io posso tornare al mio lavoro.

E' umiliante. Lo so.
Ma io non riesco più a farne a meno.
A volte mi odio per questo. Ma continuo.
Perché, come vi ho detto, è un ruolo da cui non posso staccarmi.

Così ogni mattina, mi preparo con molta attenzione perché voglio essere eccitante.
Non volgare. Mai.
Ma eccitante.
E anche comoda, perché so che le sue richieste possono essere tante e non sempre "canoniche".
E per questo cerco di essere preparata a tutto.
Ho sempre un cambio pronto. Evito per quanto possibile i pantaloni. Mi lavo dappertutto e in maniera approfondita, davanti e dietro. Fuori e dentro.
E mi lubrifico. dappertutto.


"Dica..."
"Ah eccoti...aspetta un attimo".
Passano interminabili secondi, mentre lui digita sulla tastiera.
"Preparati che ho voglia di mettertelo nel culo..."
La voce non ha cambiato tonalità, né il viso espressione.
Senza ulteriori solleciti e nemmeno lamentele, dò un giro di chiave alla porta.
Sollevo il vestito e sfilo le mutandine tenendole dentro il pugno della mano.
Poi mi reclino appoggiandomi con la pancia sul tavolo da riunioni della sua stanza. Scendo dai tacchi perché so che così la posizione sarà più comoda per entrambi. Apro le gambe e aspetto.
Sento l'aria condizionata sulle mia chiappe sode lisce e nude.
Aspetto.
Finché sento che si alza dalla sua scrivania.
Mi compare davanti alla faccia con l'uccello in mano e mezzo in tiro. Avvicino il viso al bordo del tavolo nella sua direzione, così che sia tutto più semplice.
Nella mia bocca, la cappella lucida di umori contamina tutto dello stesso sapore. Sesso e dominazione.
L'asta diventa subito dura
"Dove lo vuoi?"
Prendo fiato un secondo prima di rispondere con un sussurro a mezza voce.
"Mettimelo nel culo"
Tanto cosa cambia. Lui ha già deciso e di certo non vuole la mia opinione.
E se c'è una cosa che ho perfezionato in questo tempo è quella di saper usare le parole al momento giusto. Le parole aumentano l'eccitazione. La raddoppiano. La triplicano.
E, di conseguenza, i tempi si dimezzano.

Mentre mi arriva dietro, con le mani spalanco le chiappe, mettendo in bella mostra l'obiettivo.
"Dai...spaccamelo!"
L'abitudine e la preparazione mattutina favoriscono un ingresso meno doloroso anche se mi è sempre difficile reprimere il gemito provocato da quella trivella dentro il mio sfintere.
"ahhh...ssiii...dai...scopami...fammi male..."
Confesso ormai non parlo più soltanto per lui. Per la sua eccitazione.
Ma anche per la mia.
Come per la i pompini fatti in conference call, sentire una voce che descrive la mia condizione sottomessa, mi eccita. Lo sento tra le gambe.
E va avanti, finché lui non viene. Di solito in pochissimo tempo.

Mi piace sentirmi montata.
Sentire il suo respiro ansimante sopra di me.
Il rumore che fanno i due corpi sbattendo uno contro l'altro.
Il contatto ispido contro la mia pelle liscia.
La bella e la bestia.
Essere sovrastata. Usata. Abusata.

Ah. Si. Scopami. Così. ah. tutto. si. spaccamelo

Finché lui gode. Viene.
Gode grazie a me. Per merito mio.
Sentire il suo uccello pulsare al ritmo dei fiotti di sperma, che sia nelle mi viscere o nella mia bocca, è come l'applauso alla fine del teatro.

Questo racconto di è stato letto 2 9 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.