Lo schiuma party

Scritto da , il 2018-01-15, genere etero

La musica suonava assordante nel locale.
Sentivo il basso delle casse pomparmi fino in gola.
-siete pronti per lo schiuma party?- urlò nel microfono il dj mentre continuava a suonare senza sosta.
-e tu verresti nella schiuma Così?- mi chiese un ragazzo fissandomi da capo a piedi.
-certo? Cosa ho che non va?- risposi fissando il mio vestitino semi trasparente che faceva intravedere il mio intimo bianco.
-niente. Ma ti conviene coprire quel culetto.- ribattè ridendo e continuando a ballare.
-mmm e se facessi Così?- chiesi nuovamente alzando il vestitino fin sopra i fianchi lasciando in bella mostra il mio culo sodo.
-te lo leccherei. Ovvio.-
-devi solo provarci.- risposi scoppiando a ridere maliziosamente mentre con una mano mi strizzavo una chiappa.
Le mie amiche scoppiarono a ridere baciandosi, in un attimo fummo circondate da altri ragazzi intenti a ballare ma attirati dal loro bacio saffico.
-ragazzi! Pronti per la schiuma?- chiese nuovamente il vocalist del locale.
-si!- si alzò un boato dalla folla di consenso.
Tutti erano pronti a questo momento in cui tutto era concesso, dove immersi nel bianco fin sopra i capelli era tutto lecito.
-3...- iniziò il countdown.
-2...-
- sei pronta?- mi chiese il ragazzo tirando fuori la lingua.
-1...-
-provaci se hai coraggio.- risposi risollevando la gonna e mostrandogli il culo perfetto avvolto nel perizoma bianco.

Sentii una mano da dietro affondare tra le mie natiche con forza.

Ebbi un sussulto di piacere, ma non feci in tempo a girarmi che la stanza si riempì di schiuma bianca.
La mano mollò la presa e mi voltai ma attorno a me regnava solo la confusione generata dalla immensa mole di schiuma che stava cadendo sulle nostre teste.
Iniziai a ballare e saltare urlando a squarcia gola quando vidi apparire il ragazzo che mi aveva provocata davanti a me.
Disse qualcosa che non capii e poi sentii le sue mani affondare tra le mie natiche e lo vidi sparire sotto la mia gonna.
Sentii la sua lingua leccare vogliosamente le mie mutandine.
Ansimai quasi spaventata, ma apprezzai molto questo suo azzardo e, presa dalla voglia decisi di premiarlo.
Mi voltai piegandomi a novanta gradi, divaricai leggermente le gambe e affondai le dita nei capelli del ragazzo spingendolo tra le mie chiappe bagnate.
La sua lingua leccava con gusto mentre la schiuma scivolava lungo il mio corpo sempre più bagnato e voglioso di essere posseduto.
Chiusi gli occhi e accompagnai il suo viso che si era perso nel paradiso.
In quel momento sentii due mani afferrarmi i seni.
Riaprii gli occhi e vidi un ragazzo inginocchiato sotto di me mentre mi baciava le cosce e affondava le sue mani sotto il mio reggiseno.

Schiacciava con forza e il male che provavo lasciava spazio pari passo l'eccitazione per quella situazione così assurda eppure così divinamente erotica.

Con l'altra mano affondai nei capelli del ragazzo inginocchiato dinanzi a me e lo portai tra le mie cosce.
Era una situazione divina che mai avrei potuto sperare potesse avverarsi.
Neanche il mio sogno erotico era così meraviglioso.
Mi trovavo in una stanza piena di schiuma, piegata a novanta gradi con due ragazzi inginocchiati ai miei piedi.
Uno che mi leccava il culo mentre l'altro che mi leccava la figa vogliosa.
Ero tutta bagnata, il vestito da buttare eppure in quel momento non era un problema.
Ci avrei pensato dopo.
Una mano mi afferrò per i capelli lunghi e biondi, era un terzo ragazzo il quale senza troppi complimenti affondò la sua lingua nella mia bocca mentre con l'altra mano mi sculacciava con forza.
A ogni colpo un sussulto e la voglia di urlare il mio piacere.
Nel mentre nella stanza regnava il caos, tutti ballavano, tutti cantavano e facevano l'amore.
Sarebbe durato il tutto ancora pochi minuti ma volevo godermeli appieno.
Fino alla fine.
Ero sconvolta dal piacere.
Tre ragazzi solo per me e tutto grazie al mio culo.
Non avrei mai pensato di riscuotere un così tale successo.
Ero soddisfatta.
Presa da un lampo di voglia incontrollata mollai la Presa dai miei due spasimanti che stavano in ginocchio ai miei piedi e mi voltai verso il ragazzo che aveva dato il via a tutto.
Gli altri due ragazzi non desistettero e anzi, il primo si rifiondò sulle mie tette strappandomi il vestito e sfilandomi il reggiseno.
Alla vista dei miei seni ebbe un sussulto e iniziò ad accarezzarli e leccare i capezzoli senza sosta.
Urlai dal piacere ma la musica alta e la schiuma rendevano quasi impossibile capire cosa stava succedendo a chi era vicino.
Ero felicissima, mancava forse un minuto e tutto questo sogno sarebbe finito.
Il terzo ragazzo si avvicinò al mio viso e tornò a baciarmi, fece per slacciarsii jeans ma non volevo il suo cazzo per cui lo allontanai e mi godetti quell'ultimo istante di delirio inaspettato e insperato.
Questo fino a quando la musica non si fece più bassa e la schiuma cessò.
In quel momento capii che era tutto finito e mi alzai allontandomi dai ragazzi che tanto mi avevano desiderato.
Quella sera qualcuno si sarebbe masturbato pensando al mio corpo e io non potevo che esserne felice.

Questo racconto di è stato letto 3 4 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.