Erotici Racconti

Una scoperta mozzafiato

Scritto da , il 2018-01-14, genere incesti

Una scoperta mozzafiato

Mi chiamo Riccardo, ho un fisico leggermente sovrappeso, sono amante della figa, in particolar modo quella matura, ma non disdegno quella anziana, fino ai settantacinque anni.
Tre anni fa all’età di 25 anni, ho notato diverse volte un ragazzino di circa 18 anni, che usciva dal palazzo dove abitiamo.
Dopo alcune volte la cosa m’incuriosì, così un giorno rientrai prima, lo sentii salutare una donna che rispondeva aggiungendo:
“Voglio ancora un bacio caro, se domani avrò casa libera, ti mando un SMS così ci vediamo!”
Non riconobbi la voce, sentii solo la porta chiudersi al quarto piano.
Chi mai poteva andare a trovare, al quarto piano ci sono quattro appartamenti, nel primo abita un signore anziano, nel secondo una coppia di anziani ottantenni, nel terzo una sposina poco più che ventenne e insignificante, brutta e antipatica.
Nell’ultimo abitiamo io e la mia famiglia, composta da mio padre Remo, cinquantacinque anni, dirigente di un’azienda con interessi all’estero, per questo motivo una volta al mese si assenta per quindici giorni, poi c’è mia mamma Sofia, bellissima figa 50enne, infine ci sono io.
Sofia per me è il massimo, che può esprimere una donna di 50 anni, sempre vestita elegante, con un trucco lieve, che la valorizza, rendendola ancora più attraente.
In quella settimana mio padre era all’estero, ogni giorno al mio rientro incontravo il ragazzino, la cosa m’insospettì, ma quello che mi fece dubitare fu che al rientro di mio padre il ragazzino sparì, cioè non l’ho incrociai più sulle scale, sporadicamente lo incontravo in giro, ma non più nel caseggiato.
Due settimane dopo, mio padre partì nuovamente ed ecco riapparire il ragazzotto, questo mi insospettì del tutto, un giorno tornai mezz’ora prima del solito, mi appostai nel androne del palazzo.
Aspettai paziente, poco prima dell’ora del mio ritorno ecco aprirsi una porta, la solita voce irriconoscibile, perché rimbombante per causa della tromba delle scale, che dice la solita frase:
“Voglio ancora un bacio caro, se domani avrò casa libera, ti mando un SMS così ci vediamo!”
Non riconosco la voce, ma prestando attenzione alla chiusura della porta, mi accorgo, che è proprio quella del mio alloggio.
Nel mio cervello s’elaborano diverse domande.
La più assidua è:
“Cosa ci va a fare quel ragazzino da mia mamma?”
Non ho una risposta, ma nei prossimi giorni cercherò di trovarla.
Salito le scale, entro in casa ,mamma mi accoglie con un sorriso e un bacio.
Il pranzo è pronto, mangiamo, mamma è allegra, scherza, ride sembra una ragazzina, ad un certo punto le dico:
“Avrei bisogno di un paio di jeans e alcune camicie, mi puoi accompagnare oggi a comprarle?”
“Certo caro, s’è per oggi non c’è problema, perché domani mattina ho degli impegni!”
“Chissà quali impegni avrà mai una casalinga” dissi ironicamente.
“Se te lo dicessi, poi dovrei ucciderti! Ah! Ah!” replicò.
Il pomeriggio, m’accompagnò per i negozi.
La sera la vidi che armeggiava col cellulare, intuii che mandasse un sms a quel ragazzino, così mi preparai un programma per il mattino successivo, mandai un massaggio alla mia ragazza, spiegandole che il mattino successivo non avremmo potuto vederci.
Il mattino dopo alle 10.00 come al solito sono uscito, giunto all’androne
mi sono nascosto dietro la porta della cantina, 5 minuti d’attesa ed ecco arrivare il ragazzino, salite le scale, ha suonato il campanello del mio alloggio, nel frattempo ero salito fino al terzo piano, dopo una breve attesa ecco aprirsi la porta, apparve Sofia, in intimo, appena lo vide, lo abbracciò e le stampò un bacio alla francese.
Appena richiusa la porta, salii al piano, attesi una decina di minuti, poi piano piano inserii la chiave nella serratura, quindi facendo meno rumore possibile aprii e richiusi la porta.
Mi nascosi nella mia stanza aspettando il momento opportuno, per uscire allo scoperto.
Presi la telecamera per filmare mamma e il ragazzino, non sapendo cosa mi attendeva, anche se potevo immaginarlo.
Dopo una mezz’ora, ho sentito dei gemiti provenire dalla stanza matrimoniale dei miei genitori, visto che mio padre era assente, ho potuto immaginare, chi li emetteva e da chi erano provocati, aprii piano la porta e mi apparve una scena, che mai avrei immaginato di vedere.
Sofia sdraiata nuda sul letto, in autoreggenti nere con cucitura posteriore, scarpe col tacco alto, sopra di lei il ragazzo col piolo piantato nella vagina, che andava avanti indietro a un ritmo veloce.
Lei gridava:
“Oh si, Aldo continua così! Fammi godere! In questi giorni senza mio marito sei tu il mio uomo!”
“Ti piace il mio cazzo, vacca che non sei altro?”
“Si! Si continua! Fai in fretta che tra un’ora rientra Riccardo e tu te ne devi andare prima. Ma prima voglio godere non come ieri, che abbiamo dovuto interrompere a metà! Tutto il pomeriggio sono stata bramosa del tuo manganello”
“Sei proprio una puttana! Pensa se ti vedesse tuo marito o tuo figlio, cosa penserebbero di una troia come te!”
“Se quel cornuto di Remo, fosse più presente e prestante, non avrei bisogno di cornificarlo!”
Nel mentre il ragazzino, che ho scoperto chiamarsi Aldo, se ne veniva sul seno di Sofia, ripreso tutto, richiusi lo spiraglio libero della porta e tornai nella mia stanza.
Sentii mamma andare in bagno, farsi la doccia, dieci minuti dopo, Sofia fece uscire Aldo dicendo la solita frase:
“Voglio ancora un bacio caro, se domani avrò casa libera, ti mando un SMS così ci vediamo!”
Chiusa la porta, mamma venne in cucina dove mi trovò, sbiancando mi chiese:
“E’ tanto che sei tornato caro?”
“Più o meno un’ora!”
“Ah”
“Perché mamma?”
“Niente, niente”
“Forse e per via del bambolotto?”
“Che bambolotto?”
“Ma quello con cui ti sollazzavi in camera da letto!”
“Tu sai! Non vorrai dirlo a tuo padre?”
“E perché mai? Se sei contenta tu di avere un pivellino per amante!”
“Come sarebbe?”
“Sarebbe che almeno ci sapesse fare!”
“E tu che ne sai?”
“Ho visto, che sembra un coniglio!”
“Beh si è un po’ inesperto, ma abbiamo sempre poco tempo!”
“Secondo me una donna come te, va preparata prima di arrivare alla scopata finale”
“Riccardo ti prego di essere meno volgare!”
“Ma mamma stiamo parlando di te, che metti le corna a tuo marito e vuoi che si usi un vocabolo fino?”
“Beh effettivamente hai ragione caro”
“Comunque il ragazzo è proprio incapace!”
“Ha parlato il grande seduttore!”
“Mamma vieni un attimo nella mia stanza, devo farti vedere una cosa”
Con ritrosia venne nella stanza, le mostrai il filmato di lei e il suo amante, poi gli dissi:
“Se appena vi spogliate ti penetra, prendendo quel ritmo, non capisco come fai a godere”
“In mancanza di un manico capace, mi accontento! E poi tu come ti sei permesso di riprendermi, mentre faccio l’amore?”
“Mamma non ti ho ripreso mentre facevi l’amore, ma mentre scopavi!”
Nel mentre parlavo feci arrivare la mia mano sul suo ginocchio, poi poco a poco risalii fino a giungere alla coscia, mamma non diceva niente, allora osai, passando all’interno coscia, introdussi un dito in vagina, muovendolo avanti indietro lentamente, molto lentamente.
Dopo alcuni minuti, vidi Sofia chiudere gli occhi, allora avvicinai le mie labbra alle sue baciandola, un attimo e mamma allungò la lingua introducendola nella mia bocca.
Da quel momento mamma, si lasciò andare, passammo più di un’ora in preliminari, Sofia ebbe tre orgasmi, prima di raggiungere il quarto mi disse:
“Madonna! Figlio mio, tu sei meglio di Aldo ed anche molto meglio di tuo padre, peccato che hai una ragazza da soddisfare”
“Perché dici questo mamma?”
“Ma perché ti vorrei come amante per tutta la mia vita, comunque adesso introduci sto cazzo che ti ritrovi nella mia figa e fammi godere”
“Subito mamma!”
Introdussi il cazzo nella figa di mamma, muovendomi adagio, più adagio che potevo, dopo circa tre quarti d’ora mamma mi disse:
“Amore vai più veloce! Da quando mi hai tamponato il buco, ho già avuto tre orgasmi, il quarto lo voglio avere insieme a te”
“Si mamma, ma sono senza preservativo e non vorrei”
“Dai vienimi dentro, se resto incinta non c’è problema, dico a tuo padre che è suo, oppure c’è sempre l’aborto, ma ora voglio solo godere”
Nel giro di pochi minuti eruttai una quantità enorme di sborra.
Ci alzammo tutti due nudi, andando in bagno a fare una doccia insieme, dopodiché ci recammo in cucina per pranzare, anche se ormai erano la 15.00.
A tavola chiesi a mamma:
“Allora Sofia, il ragazzino, lo trovi ancora soddisfacente?”
“Sai Riccardo, io non sono una ninfomane, ma mi piace fare sesso giornalmente, quando non c’è tuo padre, con Aldo riesco a togliermi questo capriccio. Il ragazzino come lo definisci tu, è molto discreto, sa che se dovesse parlare, oltre a non venire più a letto con me, lo prenderebbero tutti per un racconta frottole”
“Si ma tieni presente, che come ha destato dei sospetti a me, potrebbe destarli in altri”
“E’ vero, tu cosa consigli?”
“Cambia amante!”
“E chi trovo, che voglia una tardona come me?”
“Io presepio!”
“Tu?”
“Già io, ho sempre preferito le donne di una certa età, sai il mio maggiore godimento l’ho avuto il giorno che mi sono fatto Teresa”
“Cosa Teresa, la nostra vicina di casa al paese?”
“Si!”
“Ma se ha più di settanta anni!”
“Già! Ma è stata la mia miglior scopata fino a ieri!”
“Perché fino a ieri?”
“Perché da oggi la mia miglior scopata sei tu mamma!”
“Grazie! Ma se diventiamo amanti, come facciamo con Aldo e con Remo?
“Con Aldo le mandi un sms dicendole, che vi ho filmato e minacciato di fare vedere il filmato a Remo. Con papà basta comportarci normalmente”
E poi c’è la tua ragazza?”
“Beh lei con una scusa la scarico!”
“Ok! Incominciamo col sms!
Mamma mi passò il telefonino, scrissi:
“Caro Aldo, mi vedo costretta a interrompere la nostra relazione, perché mio figlio ha scoperto tutto e minaccia di riferire tutto a mio marito. Ciao caro” inviai il messaggio, dopo poco la risposta:
“Ok ti voglio bene. Addio!”
“Vedi mamma tutto risolto col ragazzino”
“Si ma ora devi risolvere con Anna!”
“Prima voglio trombarti qui in cucina, magari alla pecorina mentre lavi i piatti”
“Si dai che ho una voglia pazzesca!”
Mi posizionai alle sue spalle, le tirai su la gonna, la trovai senza mutandine, appena prese il primo piatto, le introdussi il cazzo in figa, cominciai a pomparla, prima adagio, con movimento perpetuo e costante al limite della monotonia, che la portò al godimento.
Finita la scopata, mi passò il suo cellulare dicendomi:
“Chiama Anna, digli che adesso hai un’altra donna”
“Ma mamma, queste non sono cose, che si dicono per telefono. Se vuoi la chiamo e le do un appuntamento per comunicarglielo”
“Fai così! Da adesso in poi, tu devi essere solo mio!”
“Ma tu sarai solo mia?”
“Si!”
“Come farai con papà?
“Come fanno tutte le donne!”
“Cioè?”
“Cioè quando non vogliono fare l’amore, trovano la scusa del mal di testa”
Da quel giorno diventammo amanti, mamma continuando a negarsi a papà, dopo un anno arrivò al divorzio, infatti da due anni viviamo come marito e moglie.
Per vivere il nostro rapporto, abbiamo cambiato residenza, ora viviamo in un'altra regione.
Papà ci passa un assegno sostanzioso, che ci permette di vivere bene, tanto che mamma ha assunto una colf e fa la signora, il mio unico lavoro è soddisfare le esigenze di mamma, scopiamo tanto, sia la notte che il mattino, a volte quando la colf non c’è anche il pomeriggio.
Sofia è felice, ha trovato l’uomo che la soddisfa, io lo sono altrettanto, visto che ho realizzato il mio sogno di avere come compagna di vita e di letto una donna matura.
L’unico inconveniente, se così si vuole chiamarlo è che a furia di trombare, senza prendere precauzioni, ora mamma è incinta di otto mesi.
Quando ha scoperto di essere in stato interessante, mi ha detto:
“Amore sono incinta, se non vuoi il figlio/a abortisco!”
“Sei matta, mi piacerebbe vederti col pancione, tanto ti scoperò sempre, fino all’ ultimo giorno”
Tra un mese saremo genitori, ma la voglia di prenderci è come il primo giorno, se la menopausa ritarderà, la ingraviderò nuovamente, ho notato che da quando è incinta è molto più vogliosa, non disdegna nemmeno di darmi il culo, mentre prima era ritrosa a farsi inculare.


Questo racconto di è stato letto 1 3 6 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.