Erotici Racconti

Sono il bull di mia mamma 4

Scritto da , il 2017-11-04, genere incesti

Partimmo, appena raggiunto il luogo, che conoscevo bene, perché lo frequentavo con Daniela, la mia ex, posteggiai l’auto, scesi quindi facendo il giro attorno all’auto aprii la porta a mamma, la diedi la mano aiutandola a scendere.
Appena scesa la baciai, la mano sinistra andò a sollecitare il suo clitoride, trovai la figa bagnata, domandai:
“Come mai sei tutta bagnata qua sotto?”
“Amore, vedere il tuo cazzo ingrossarsi sotto i bermuda e la capocchia fare capolino, mi ha masso addosso una voglia tale, che non ho resistito, sono venuta bagnando il sedile, spero di non averlo rovinato”
“Mamma, troiona mia, anche se hai rovinato il sedile non importa, ma quello che mi hai detto fa di me l’uomo più felice del globo. Ora vieni! A cento metri c’è un posto nascosto dove possiamo fare l’amore!”
“Andiamo! Non resisto! Ho voglia come mai in vita mia!
“Anche con papà era così?”
“No, solo con te! Con te, faccio cose che non avrei mai immaginato!”
“Spiegati!”
“Beh amore, sai che non mi piace prenderlo in bocca, ma con te non c’è problema. Anche la pecorina, non è una cosa naturale per me, ma tu mi hai convinto la prima volta, adesso quando lavo i piatti e mi prendi di dietro mi piace, tutte le volte, che sono all’acquaio spero che tu lo faccia. Anche l’abbigliamento, non avrei mai pensato di indossare minigonne, calze sexy da porca, con scarpe altrettanto disinibite, ma per te lo faccio con gioia”
“Amore meriti una bella dose di cazzo immediatamente, poi fra qualche giorno ti deflorerò il culo. Voglio sverginarti il tuo bel culetto”
“Roberto ti ho già detto, che quello sarà solo tuo e io mantengo le promesse!”
“Allora promettimi, che da ora in poi anche Francesca sarà solo mia”
“Amore mio, Francesca è più di 15 giorni che ti appartiene, a chi vuoi che la dia, non penso di trovare nessuno, che abbia un cazzo come il tuo e lo sappia usare come te. Sei il mio terzo uomo, ma sei anche il migliore. Con nessuno degli altri due sono mai venuta solo con il solo vedere il cazzo indurirsi”
“A parte il cornuto di mio padre, con chi altro sei stata?”
“Beh con te amore!”
“Si, ma il terzo, che dicevi prima?”
“Era un fidanzatino di quando avevo 15 anni”
“A 15 anni scopavi già mia bella porcona”
“No solo petting”
Nel mentre siamo arrivati nel posto appartato e nascosto, ho estratto il bigolo e appena sollevata leggermente la minigonna lo penetrata, lei che non se lo aspettava ha emesso un sibilo:
“Sssss ahia!”
“Ti ho fatto male?”
“No, dai continua, ho troppa voglia, solo non me lo aspettavo così all’improvviso, ma è stato bellissimo!”
“Ti piace come ti scopo?”
“Amore lo sai, che solo tu mi fai godere così”
“Allora merito un premio, cosa ne dici?”
“Certo amore, chiedimi cosa vuoi?”
“Voglio essere il solo uomo della tua vita, da ora in poi”
“Anch’io lo vorrei, ma come facciamo con mio marito?”
“Parleremo con lui, se accetta abiteremo tutti insieme, se no io me ne vado di casa, ma ora pensiamo a noi! Togli gli stivaletti e la mini gonna, poi siediti nell’acqua sentirai, che godimento l’acqua fresca, che scorre nella tua micia, nel mentre ti infilo l’uccello in gola, così mi fai una pompa, poi sdraiata nel letto del fiume, ti scopo fino a sborrarti dentro”
“Cazzo Roberto, al solo pensiero, che mi sborri dentro, sono tutta un fuoco”
Scopammo per due ore nel ruscello, poi era ora di tornare all’ospedale, così ci rivestimmo, mamma si rimise la minigonna, poi nel momento di calzare gli stivaletti disse:
“Ho tutte la calze bagnate, se metto i tronchetti bagno anche loro internamente”
“Togliti le calze e stai con i piedi e i polpacci nudi a contatto con gli stivaletti”
“Mi vuoi proprio porca!”
“Mamma, ma tu sei porca, la mia porca!”
“Ah, ah! Certo amore, allora mentre guidi voglio, che lasci il cazzo a vista in modo, che possa stringerlo nella mia mano!”
“Ok! Nel mentre, tieni le gambe aperte, che ti faccio un ditalino, voglio che quando entriamo in ospedale tu sprizzi sesso da tutti i pori”
“Eri così porco, anche con la tua ex?”
“No mamma, Daniela non aveva neanche la metà della tua porcaggine, per questo appena tu me l’hai data l’ho mollata”
“Amore sono orgogliosa, che ha 47 anni ho rubato l’uomo a una troietta di 23”
“Mamma per me, non c’è partita fra una donna come te e una sciacquetta qualsiasi”
Viaggiando nel mentre lei impugnava il mio bastone, io con il medio della mano destra, le stuzzicavo la passera, venti minuti di viaggio e mamma è venuta due volte.
Quando ho posteggiato nei pressi dell’ospedale, mamma mi disse:
“E’ stato il viaggio più intenso della mia vita, sono venuta come una fontana, il sedile è una piscina di miei umori”
“Mamma, prima di entrare posso pulirti la bernarda a colpi di lingua?”
“Oh caro, lo sai che è tutta tua, fammi godere, che voglio arrivare da tuo padre farcita di te, anzi sai, che ti dico, mi presento in minigonna e calze a rete, come la zoccola che sono!”
“No mamma, appena ripulita metti solo la gonna con gli spacchi, non destare dubbi in lui, gli parleremo quando sarà dimesso”
“Io non voglio più dividere il letto con lui, ormai voglio solo te, solo tu sai farmi sentire donna, mamma, puttana!”
“Ok, ma davanti a lui trattieniti”
“Fosse facile!”
La leccai per mezz’oretta, poi esplose in un orgasmo, quindi mise la gonna lunga, ci dirigemmo da papà, la capo sala ci disse, che eravamo attesi dal primario per comunicazioni.
Il primario, ci comunicò, che nel giro di alcuni giorni papà, sarebbe stato sottoposto ad un trattamento di cardiochirurgia, perché non era stato possibile intervenire con l’angioplastica.
Ci spiegò, che l’intervento sarebbe durato diverse ore, poi il paziente sarebbe stato trasferito, in una sala apposita per la terapia intensiva post intervento, per una settimana circa sarebbe stato meglio non visitare il congiunto, perché lo avrebbe assistito il personale specializzato.
Mi dispiaceva, che mio padre dovesse subire l’intervento, ma dentro di me ero raggiante, avrei avuto ancora Laura, tutta per me, almeno per una quarantina di giorni, gongolavo al solo pensiero di tutte le volte, che la riempirò di sperma in vagina, in tutto questo tempo penso al giorno, che le romperò il buchino posteriore, sono assente nei miei pensieri, quando mio padre mi chiama a se e mi sussurra:
“Roberto ora sei tu l’uomo di casa, pensa tu a tua madre, soddisfa i suoi desideri, come hai fatto fino adesso. Ho visto una luce diversa nei suoi occhi. Ho notato, che veste più giovanile, sembra una ragazzina, proprio come la tua fidanzata”
“A proposito papà sai ho cambiato fidanzata, ne ho trovata una più matura e più porcellona”
“Bravo, comunque pensa anche un po’ alla mamma!”
“Ci penso papà, sapessi come ci penso!”
“Bravo, adesso andate, riposatevi ci vediamo domani!”
Salutammo papà, poi una volta usciti dalla stanza siamo saliti sull’ascensore, dove ho tolto la gonna lunga a mamma dicendo:
“Meravigliosa porcona mia”
“Senti un po’ furbacchione, cosa ti ha detto papà, quando bisbigliava nel tuo orecchio? Ho visto, che sorridevi e con le dita della mano facevi il segno delle corna”
“Niente, solo di pensare a te, di soddisfare i tuoi desideri”
“E tu cos’hai risposto?”
“Che ci avrei pensato, eccome ci avrei pensato, tanto che appena in ascensore ti ho tolto la gonna lunga e ti ho lasciato in minigonna, ci penserò ancora di più quando saremo in auto, perché nel tornare a casa ti toglierò anche la minigonna, ti voglio col sesso scoperto per farti godere e venire come una fontana”
“Roberto, amore sono venuta solamente con le parole che mi hai detto!”
Giunti all’auto, la feci salire, una volta seduta la baciai, nel mentre le aprii la cerniera, feci scivolare sul pavimento la minigonna, quindi girai attorno alla vettura, salii, misi in moto e partii sditalinando mamma, che incominciò a godere.
Dopo un paio di chilometri mi disse:
“Fermati, che non c’è la faccio più, sto venendo come un colabrodo, in più vorrei tenere in mano il tuo cazzo”
Mi fermai, calai pantaloni e mutande ed ecco apparire Arturo, mamma subito l’impugnò, incominciando a segarmi:
“Sai mi sa, che sono diventata una puttana!”
“Anche a me sa, che sei diventata proprio un mignottone insaziabile!”
“Tutto per colpa tua, quando ti dicevo di no, hai continuato e mi è piaciuto troppo”
Quando mi apprestavo a sborrare rallentava, ma dopo un’ora, non c’è la facevo più, lei avvicinò le labbra al mio cazzo e si bevve tutta la mia sborra.
Finito di ingoiare il tutto, mi pulì il membro, quindi con un sorriso malizioso disse:
“Vedi sto diventando sempre più porca, in più ti dirò, che incomincia a piacermi dissetarmi con la tua panna”
Arrivammo a casa, dopo una cena frugale subito a letto a fottere, il mattino ci alzammo per recarci al solito in ospedale, ma prima di uscire mamma nuda mi chiese:
“Come vuoi che mi vesta?”
“Per me andresti bene nuda, ma visto, che non è possibile mettiti delle calze velate autoreggenti, un perizoma, un reggiseno push up, sopra fai tu, sotto indossa una gonna sensuale, che mi tenga eccitato.
Passammo due giorni tranquilli, solo qualche scopata la notte, poi il terzo giorno Giorgio, fu sottoposto ad intervento cardiochirurgico, dovettero inserirle due by pass.
Andammo in ospedale, per avere notizie sul suo stato, poi come consigliato non saremmo andati a farle visita per tre o quattro giorni, giorni che avremmo passato, come due sposini in un alberghetto in montagna, vicino al ruscello, che ci vide protagonisti di giochi sessuali.
Passammo quattro giorni bellissimi a fare l’amore, il mattino chi si svegliava prima leccava il sesso di quello che dormiva, al risveglio di entrambi era una sinfonia di rumori e sibili di godimento, verso le undici ci recavamo al ruscello, dove mamma immergeva la patatina nell’acqua, poi se ero in piedi mi prodigava un bel pompino, se ero sdraiato immergevo l’uccello nella passera incominciando un andare e vieni strepitoso, mamma lanciava urla, sbatteva i piedi nell’acqua che scorreva.
Verso le quindici si faceva una passeggiata o una gita nei dintorni, a volte si faceva ritorno all’albergo dove erano scintille sessuali, alle 19,00 si cenava, poi subito a letto a trombare.
Mamma non sembrava una donna 47enne, ma una ragazzina 20enne, non diceva mai no, le bastava vedere il mio cazzo che si bagnava come un lago.
Il nostro svago finì il quarto giorno, quando il dovere ci chiamò a visitare papà.
Il ritmo di accoppiamenti tra me e mamma andò avanti con cadenza giornaliera, per un mese, quando mio padre fu dimesso, tornò a casa solo per tre giorni, poi doveva recarsi in un centro specializzato a 150km da noi.
Mamma era nervosa, in quei tre giorni eravamo riusciti a scopare solo due volte, mentre solitamente succedeva almeno tre volte al giorno.
La prima volta citofonai, la feci scendere in cantina, qui la presi a pecorina facendo una sveltina, poco soddisfacente per entrambi.
La seconda volta, fu quando andammo al supermercato per la spesa, presi una stradina, che portava in un boschetto, qui chiavammo per tre ore, poi di corsa al supermercato e a casa.
Il terzo giorno, dovevo accompagnare papà alla riabilitazione, mamma si preparò anche lei dicendo:
“Non voglio, che i miei uomini vadano da soli!”
“Certo mamma, vieni anche tu!”
Lei avvicinandosi mi sussurrò all’orecchio:
“Sono nuda sotto, ho solo un paio di sandali alla schiava con tacco, una gonna sotto il ginocchio e la camicia, poi sotto sono nuda, se mi fai sedere di fianco a te, quando lui si addormenta te lo succhio un po’, magari nel mentre, tu puoi grattarmela!”
“Wow! Che bello farselo succhiare e masturbarti, mentre tuo marito sul sedile posteriore dorme! Wow mamma sei una stupenda porca!”
Partimmo, come mamma aveva previsto, dopo una cinquantina di chilometri papà dormiva, mamma mise la testa sulle mie gambe, con la bocca dopo aver estratto dai jeans il caro Arturo, incominciò un lavoro di lingua, sarà stata la situazione o la paura di venir scoperti, nel giro di pochi minuti riempii la bocca di mamma, che subito dopo aver ingoiato tutto sussurrò:
“Amore oggi sei venuto subito! Adesso mi alzo la gonna, pensi tu a Francesca?”
“Certo! Stai tranquilla ora a te penso io”
Incominciai a lavorarle la caverna, nel giro di pochi minuti, incominciò a guaire, urlare, tanto che svegliò mio padre, che svegliandosi chiese:
“Cosa succede?”
“Niente Giorgio, mi sono spaventata, un camion a momenti ci investiva, allora ho gridato, continua pure a dormire, abbiamo ancora una sessantina di chilometri”
Appena si è riaddormentato, mamma ha preso la mia mano, se l’è portata sulla figa, incominciando a farsi massaggiare.
Al momento di godere, si avvicinò al mio orecchio e disse:
“Caro stanotte la passiamo in un albergo? Ho talmente voglia di te, che non resisto fino a casa!”
“Ok , ma sappi, che sono stanco, non so se resisto tutta la notte!”
“Beh almeno, due volte ci riuscirai?”
“Certo!”

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.