Erotici Racconti

La storia di Marc

Scritto da , il 2018-01-10, genere pulp

La storia di Marc non è una storia di amore.
E’ una storia di odio.
Di un odio viscerale, ottenebrante. Un odio alimentato continuamente, attimo dopo attimo da fiumi torrentizi di rimpianti e di voglia di rivalsa. Da sensi di colpa.

Marc è ora un soldato di ventura. Un mercenario.
Fisicamente un bell'uomo, ha il fascino inquietante di un serpente. Il suo corpo da l’impressione di una molla compressa. Che sia sempre fulmineamente pronto a scattare. A colpire.
Bruno. Capelli lisci. Dei baffi neri.
Meno attraente è il suo comportamento. Il suo modo di fare è sprezzante, derisorio. Odioso. Poi... se perdura il contatto… si nota una crepa di fondo nel suo essere. Nel suo carattere.
Per capire il suo personaggio si deve parlare della sua infanzia, della sua famiglia, dell’ambiente nel quale è cresciuto.
Per chi ha letto Conrad… e precisamente Cuore di Tenebra, troverà delle vaghe somiglianze. Senza pretesa alcuna di assomigliare lontanamente al grande Autore… vi dico che questa storia è una storia vera.
Marc nasce nel Congo. Allora conosciuto come Congo Belga. La sua famiglia è una famiglia di latifondisti, proprietaria di immensi territori lungo il corso del grande fiume.
Si deve parlare del trascorso coloniale del Congo. Del genocidio che vi venne perpetrato. Il re Leopoldo II ne promosse la colonizzazione e lo sfruttamento. Ora è chiarito che si tratta di una terra ricchissima di materie prime, alcune delle quali rare o rarissime e di immenso interesse strategico, ma allora l’interesse economico era ristretto al caucciù, all'albero della gomma. La foresta tropicale è lussureggiante e piena di vita ma stranamente poco disposta a concedere una esistenza facile. Le coltivazioni se appena trascurate vengono fagocitate dalla foresta. E’ una lotta durissima e senza tregua. La colonizzazione e lo sfruttamento del Congo causarono un genocidio. Si… è così. Dai tre ai dieci milioni di vittime. I proprietari terrieri bianchi provenienti dal Belgio non avevano modo per costringere al lavoro coatto gli appartenenti delle varie etnie che vivevano a ridosso del grande fiume se non con il terrore.
Avventurieri prezzolati percorrevano il fiume e seminavano la morte. A chi si rifiutava di lavorare e senza retribuzione alcuna veniva mozzata la mano destra. Il Congo era un paese di monchi. Le mani mozzate venivano raccolte in mucchi lungo il fiume e ischeletrite venivano vendute in Europa come oggetto curioso. Aveva un mercato fiorente come portacenere.
Marc nasce in questo ambiente. Studia nel Belgio, la sua famiglia è ricca. Frequenta l’università di Anversa. Poi al ritorno si incarica dell’amministrazione della proprietà. Sposa una del suo ambiente. Simile a lui.
Non è capace di compassione. Vive della certezza della superiorità razziale. Sfrutta senza scrupolo alcuno uomini e ambiente. La sua famiglia si arricchisce durante il secondo conflitto mondiale, la gomma è richiesta per l’approvvigionamento bellico.
Dopo la guerra in tutto il mondo il sistema coloniale va in crisi. Collassa. Kenya, India, altre colonie ottengono l’indipendenza, il Congo ci prova anche ma è ancora oggi terra di conquista.
Marc vive la trasformazione durante l’adolescenza, la gioventù. Vede giorno dopo giorno la sua sicurezza economica della sua famiglia vacillare. Vive i tempi di Lumumba e di Mobuto. Della forza di intervento degli appartenenti dell’ONU, vive le rivolte e le sommosse. Vive la reazione dei latifondisti culminata nella occupazione del Katanga da parte dei mercenari bianchi. E… vive il terrore. Lo vive da possibile vittima ora. Il terrore causato da bande di ex militari neri ormai allo sbando che razziano, uccidono e violentano.
Le sue proprietà vengono nazionalizzate. In pochi mesi il lavoro suo e delle generazioni che lo hanno preceduto viene cancellato. La foresta si riprende tutto.
Alla fine deve lasciare il paese. In fretta e furia e senza alcuna forma di compensazione economica. La moglie da tempo vive in Europa con il loro unico figlio. Lui non li ama. Non li ha mai amati. Non ne sente la mancanza.
Lui ha Shoorai.
La dolce Shoorai. Sua sorellastra. Figlia non riconosciuta di suo padre e di una nera della etnia dei bantu, tribù degli Ngbandi.
E’ bella Shoorai. La sua pelle ambrata di mulatta. I lineamenti fini di un cammeo. I cappelli neri e ricci. Gli occhi lucenti. Una opera d’arte della creazione.
L’amore di Marc per Shoonai è forte ma controverso. Lo vive più di passione che di sentimento. Giacere per amore con una donna sia pur a metà indigena gli causa conflitto. Eppure anche lui ha usufruito senza scrupoli del corpo di molte donne locali. Come il padre. Come il nonno. Lo hanno sempre ritenuto un loro diritto farlo.
Shoonai sa di essere sua sorella.
E’ passionale, si dedica al piacere di Marc con tutta se stessa. Si dona completamente. Il suo corpo madido di sudore durante gli amplessi luccica riflettendo la luce delle lampade. Lei che si inarca mentre lui la possiede. I suoi gemiti. I suoi lunghi orgasmi. L’odore forte, dolce e aspro del suo corpo.
Marc le chiede di seguirlo nell’esilio, Shoonai rifiuta. Sa che Marc non la vuole veramente. Marc si vergognerebbe di lei, la vivrebbe nel disagio. Lei ne è consapevole.
Shoonai pagherà caro l’essere stata la sua amante. Pagherà con la vita. Poco dopo la partenza di Marc verrà violentata e uccisa. Decine di uomini si pasceranno della sua bellezza. Del suo corpo sarà fatto scempio.
Marc lo verrà a sapere più tardi, al suo ritorno nel Congo.
Si… perché tornerà.
Strana la vita.
Qualche mese dopo l’incaricato d’affari della Ambasciata Democratica del Congo lo contatta, gli offre un incarico a tempo. Dovrà riorganizzare la raccolta del caucciù lungo tutto il corso del fiume. Il sistema è collassato e nessuno, in ambito locale, sembra sia in grado di organizzarlo nuovamente.
Marc accetta.
Non accetta per Shoonai, della quale comunque non sa ancora la sorte, non accetta per rivendicare la sua precedente condizione.
Accetta per vendetta. Ha già nella mente cosa e come fare.
Saprà di Shoonai.
Ora si accorge di averla amata.
Nella impossibilità di poterla riavere vive l’angoscia di non aver pensato a lei. Di non averla difesa. Sente la mancanza del suo calore. Del suo corpo. Della sua dolcezza. Del suo amore.
Dura mesi l’opera di organizzare quanto ha progettato. La sua vendetta verso il paese e ora anche verso chi ha ucciso Shoonai.
Quasi ogni mese con molta discontinuità arriva da Kingshasa il soldo per gli addetti alla coltivazione e raccolta del caucciù, soldo che verrà quindi ripartito tra i vari capotribù sotto la supervisione di Marc che ne curerà anche l’inoltro e la consegna.
Non è una cifra enorme. Marc la ritiene solo un piccolo indennizzo.
Nel frattempo individua i responsabili della morte di Shoonai. Alcuni. I principali. Quelli più in vista.
Moriranno.
Uno alla volta, a distanza di tempo.
Sarà il loro giustiziere e si accorgerà di provare piacere ad uccidere, a torturare, a provocare dolore e paura.
Moriranno fra atroci tormenti, lui inciderà loro le carni, li mutilerà, taglierà loro lo scroto, il pene e lo infilerà loro in bocca da morti. E non solo loro... nella sua pazzia lui sterminerà ogni cosa che incontra durante le spedizioni punitive. Si cosparge il suo corpo con una biacca e nudo con una maschera spaventosa corre per uccidere, sterminare, bruciare.
Al ritorno lava il suo corpo nelle acque del fiume.
Sarà la sua dannazione scoprire questa sua inclinazione.
Fugge con il denaro delle paghe, s‘imbarca su un cargo.
Dopo alcune tappe, ormai ricercato per il furto, approda in Centroamerica, dove il suo denaro finisce presto.
Da dei contatti avuti con i mercenari katanghesi si offre alle persone giuste e inizia la sua seconda o terza vita.
Da mercenario.
Spesso è di impaccio ai compagni d'armi.
Perde letteralmente la testa e uccide.
Uccide senza un vero motivo. Uccide uomini e donne di colore. E poi infierisce follemente sui corpi, a volte costringendo i compagni ad allontanarlo a forza.
Una cosa è evidente.
Che non gli interessa vivere. Rischia. Perennemente.
E come spesso accade la morte lo ignora.
Si sa che questa preferisce cogliere coloro che tengono alla vita e evita di intervenire su coloro che l’inferno lo vivono già da vivi.

Che dire ancora?
Nulla…

Tibet

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.