Erotici Racconti

Il verginello timido

Scritto da , il 2018-01-07, genere etero

Una mia amica mi ha di recente confidato di avere dei dubbi e dei problemi col suo
figliolo che sta per aggirare la boa che separa i17 dai 18 anni,ma che secondo lei è
troppo timido ed ancora " verginello", aggiungendo poi un increscioso dubbio:" Non
vorrei che fosse gay!" "Potresti aiutarmi a capirlo?" Mi disse! Ed io cominciai ad ordire
un piano per farlo venire a casa mia,raccontando alla Madre di avere una Nipote
giustappunto della sua età che avrebbe potuto aiutarci a dissipare i dubbi sulla sessualità
del figliolo,mentre io speravo che la mia amica abboccasse nel mio diabolico piano,
che mirava semplicemente a portarsi a letto un bel "filetto di carne" di primissima scelta!
" Ok,disse lei,mi hai convinta,te lo mando a casa tua stasera,poi però fammi sapere il
responso!" Ci salutammo scambiandoci i saluti e i nr.di telefono per definire gli orari ed
eventuali ultimi dettagli! Quel pomeriggio poi lo trascorsi in un negozio di lingerie,a cercare
qualche capo che gli avrebbe fatto perdere la testa subito,e consolarlo del fatto che la mia
fantasmagorica nipotina non sarebbe potuta venire,e quindi lui avrebbe dovuto accontentarsi
di fare la mia conoscenza,ed io la sua( il più a fondo possibile!) Un'interminabile doccia,
con vari olii rilassanti per accoglierlo meglio,fu il prologo al ns.primo incontro! Quando
finalmente suonò alla porta gli andai incontro col mio nuovissimo "capetto" sexy,nonché
con la vestaglia aperta e le cosce( oltre alle chiappe) interamente lubrificate! Il "Verginello"
fugò da subito i timori della Madre,non era affatto gay, ed accolse la mia visione con un
sonoro fischio alla pecorara che fece quasi affacciare l'intero Condominio! Lo trascinai
dentro strattonandolo per un braccio,e lui rise chiedendomi: " Mi ha detto mia Madre di
venire qui,che avrei fatto un incontro particolarmente entusiasmante ed anche se non
ho ancora capito bene di cosa si tratti,le premesse sono decisamente arrapanti!" E difatti
notai subito i suoi pantaloni rigonfi di voglia,anche se poi dovetti spiegargli che quelle
che lui aveva definito "premesse arrapanti" ,sarebbero state comunque l'unico piatto
della serata,e che non poteva sperare di meglio che essere sverginato da una ninfomane
espertissima come me! " Urka,che Sorca," Questo il suo arrapante e gratificato commento
nei miei confronti!Lo feci inginocchiare e spostandomi lateralmente il mio perizoma lo
invitai a leccarmi e mordermi le labbra della mia fica,perfettamente e precedentemente
depilata per l'occasione! Non si tirò indietro ( No,proprio non era gay!) e fece andare
contemporaneamente lingua,labbra e denti per appagarmi nel migliore dei modi,tanto
che per circa 15 minuti mi mandò letteralmente al Manicomio! Quando si rialzò volle
baciarmi in bocca e così mi diede la possibilità di assaggiare i miei stessi umori vaginali!
Era giunto quindi il mio turno di far volare lo "Sparviero ", e credetemi,quello era il termine
più appropriato per descrivere quel suo meraviglioso Uccello! Uno volta che glielo tirai
fuori dai pantaloni mi rimbalzò in mano,grato di essere stato liberato da quella gabbia
troppo stretta per "lui"( un paio di mutandine troppo attillate e " strozzacojoni "!) Quasi
cacciai un urlo alla sua vista( anzi,tolgo il quasi) e fu quindi il mio turno ad accucciarmi,
anche se per la prima volta ero un po' impaurita dal fatto dì doverlo ingoiare interamente!
Ma lo feci piano piano,sleccando prima con maestria quella che sembrava la cappella di
un grosso fungo,per poi fargli un vestito di saliva ,gustandomi tutta la sua lunghezza
prima di ingoiarlo e gustarmelo lentamente ed avidamente centimetro dopo centimetro,
fino a non riuscire più ad obiettare niente( ma tanto in quei momenti non avrei avuto
proprio nulla da obiettare!)! Con mia grande sorpresa arrivò fino in fondo alla mia gola,
senza causarmi nessun rigurgito,ma solo una piacevolissima sensazione che avrei voluto
finisse mai! Poi mentre pian pianino iniziai a farlo uscire dalla mia vorace " bocchina"
lui mi aiutò lubrificandomi la lingua,il palato e le papille col suo bollente sperma denso e
gustosissimo! Lo guardai negli occhi e gli chiesi se a quel punto volesse che al posto mio
ci fosse un'altra,ma lui mi sollevò dalle chiappe nude per tutta risposta,stringendomele e
strizzandomele forte! Risposta più che eloquente,lui aveva una voglia pazza d' incularmi,
ed io emozionata come una Ragazzina alla sua prima esperienza anale,mi misi subito a
90 gradi,allargando con le mie stesse mani il mio ano in fremente attesa! Lui con un
perfettamente ben assestato colpo di reni trovò facilmente l'ingresso che dal mio culetto
andava dritto giù fino al finale del mio " canale - anale" intriso di umori anali,ben accoglienti!
Andò quindi avanti/indietro per un po' col suo Sparviero ben piantato in fondo al mio culetto,
che se lo godeva appieno e che non ne voleva sapere di fare "a tana libera tutti!", no proprio
non voleva sentire quel gran senso di vuoto,una volta che "lui" ne sarebbe uscito!Cercai
quindi di tenermelo dentro il più possibile,contraendo tra l'altro i miei muscoli anali,di modo
che gli risultasse difficile estrarlo prima del tempo,o comunque prima che lo decidessi io!
Ma non ce la fece più (Lui) e mi riempi' con un violento gettito di sperma,che tra l'altro ne
facilitò l'uscita ( con mio immenso rammarico!)! Gli chiesi se se la sentiva di occuparsi
"anche" della mia "micina"',ma mi rispose che in genere le gatte sono solite ingoiarseli
gli uccelli,e quindi non voleva correre quel rischio! E col sorriso in bocca se né andò,
dicendomi di non aver rimpianto il fatto di non aver trovato in casa una sua coetanea per
quel tipo di incontro! Ed io tornai per un attimo a ripensare alle inutili preoccupazioni
della Madre,alla quale avrei telefonato quanto prima!

Questo racconto di è stato letto 4 2 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.