Erotici Racconti

Un paziente della dottoressa Angela - Fabiana

Scritto da , il 2017-11-12, genere etero

Il mio primo giorno di lavoro sarebbe potuto tranquillamente essere l’ultimo se il mio capo lo fosse venuto a sapere. Fortunatamente, ancora oggi, Fabiana mantiene il segreto.
Il mio capo, il signor Rodrigo, è un importante uomo d’affari di San Paolo (Brasile, per tutti coloro non molto bravi in geografia). Un imprenditore edile che, da qualche mese a questa parte, si è trasferito in Italia per affari perché si sa, in Italia non si sta poi così male se si hanno i soldi. Io, dopo quasi dieci anni come tassista, ormai ridotto quasi alla povertà, ho avuto la fortuna qualche giorno fa di ottenere questo lavoro per il signor Rodrigo: sono il suo autista.
Ho pensato che in fondo ero stato fortunato: il lavoro mi piaceva, conoscevo la città di Roma meglio di chiunque altro, ed ero abbastanza bravo a guidare! Inoltre, l’auto del signor Rodrigo è una stupenda Range Rover nuova fiammante (un’auto da 130 mila euro, per dire), decisamente gradevole da guidare!
Il mio primo giorno, vestito in giacca e cravatta, mi presentai da lui nel suo ufficio. Ci stringemmo la mano, gli parlai molto brevemente del mio precedente lavoro e sorrisi. Lui rispose al mio sorriso, si presentò a fatica (non conosceva ancora molto bene la lingua) e lesse qualcosa su un piccolo biglietto di carta.
“Fiumicino… hangar… puoi?”.
Presi il bigliettino dalle sue mani. Erano ovviamente le coordinate di qualcuno in arrivo all’aeroporto.
“Signora Fabiana!” disse lui. Volli chiedergli di più, ossia chi era questa Fabiana, ma il suo collaboratore, un uomo basso e pelato, mi mise una mano sulla spalla, mi sorrise, e si scusò per il tanto lavoro che li aspettava. Un modo carino per dire “Fuori dal cazzo”. Pazienza, avrei conosciuto questa Fabiana all’aeroporto.
Stranamente non vi era tantissimo traffico quel giorno, e arrivai forse con qualche minuto di anticipo. Poi, ricordai che dovevo mostrare all’ingresso un foglio di cartone bianco con la scritta “Fabiana Pereira”, per fare in modo che quella mi notasse. Nel bagagliaio avevo quei fogli di cartone ed il pennarello.
“Ehilà!”
Al mio fianco, una visione celestiale si palesò. Una donna sui 30 anni, bionda ma dalla ricrescita scura, con lineamenti sensuali, naso non troppo piccolo e leggermente all’insù. La bocca era carnosa ma non troppo, e gli occhi scuri. Le sopracciglia lunghe e sottili. Forse un pochino troppo truccata, ma era comunque bellissima: come se non fosse già abbastanza alta, indossava stivali neri con tacco a spillo, jeans attillati e un cappottino con collo di pelo, che a settembre forse era un po’ esagerato… Ma lei veniva dal Brasile, e là faceva più caldo…
“S-salve” dissi un po’ intontito
“Fabiana Pereira sono io!”. Le sorrisi, presi dalle sue mani due gigantesche valigie (fortunatamente con le rotelle sotto) e la scortai all’auto. Misi nel baule le valigie (feci una bella fatica), le aprii lo sportello e la feci salire. E ripartii.
“Come te chiami?” chiese.
“Leonardo… Parla molto bene l’italiano signorina!”. Nel frattempo stavamo uscendo dall’aeroporto ed immettendoci nella strada principale.
“Si ensomma… Diciamo che ho sempre avuto un debole per la Italia. Sai, la moda, eccetera… A proposito, bella macchina! Rodrigo sceglie sempre belle macchine!”
“Suo padre è un appassionato? Io lo sono… È davvero una bellissima macchina; è un piacere guidarla!”
“come hai detto scusa?” chiese lei col sorriso sulla bocca.
“Chiedevo se suo padre…”. Non ebbi tempo di finire che lei scoppiò a ridere. Era ovvio che non era la figlia.
“Leonardo ma secondo te quanti anni c’ho io?”
“25?” (cercai di fare il galante e dire qualche anno in meno di quello che pensavo).
“27, ma grazie. Tu quanti ne hai?”
“32”.
“E Rodrigo? Secondo te quanti anni ha?”
“aehm… è chiaro che ho fatto una gaffe!”
“Dai Leonardo, stiamo giocando! Non gli dico niente a Rodrigo; allora?”
“Il signor Pereira potrebbe avere sulla sessantina ma non so…”. Cercai di restare basso. E invece…
“Ha solo 52 anni… ma hai ragione; sembra molto più vecchio! Meu marito è sempre sembrato più vecchio”.
Figura di merda. Avevo scambiato la moglie per la figlia. Chiunque sarebbe cascato nel tranello (lei 27, lui 52 ma ne dimostrava almeno 15 in più). Avrei dovuto semplicemente starmene zitto.
“La porto a casa signora?” chiesi. Lei si era stravaccata sul sedile posteriore, senza cintura, fissa sul cellulare.
“Nell’ufficio de Rodrigo.” Disse lei distaccata.
D’improvviso, notai nello specchietto retrovisore che si stava dimenando. Nel frattempo parlava al cellulare in tono colloquiale, probabilmente col marito visto che senti dirle “Rodrigo” più di una volta.
Non si stava dimenando, si stava levando le scarpe. Si sfilò gli stivali e li appoggiò sotto i sedili, poi distese le gambe, portando i suoi piedi in nylon scuro praticamente appoggiati sul freno a mano. Muoveva le dita dei piedi, e io iniziavo a sentire un olezzo per nulla spiacevole.
“Te dispiace?”.
“Certo che no” dissi. Con le gambe distese, si tolse sia la giacca di pelo che la camicetta sottostante, rimanendo in canottiera.
“Ma chi lo sapeva che c’era questo caldo a Roma! Sembra de stare ancora a Sao Paulo!”. Sorrisi nello specchietto, poi mi fermai ad un semaforo. Un lungo infinito semaforo, in pendenza per lo più. Così, decisi che potevo tranquillamente tirare il freno a mano. invece del freno a mano, però, sentii un piedino morbido e vellutato, un minimo sudato.
“Scusi signora!”
“scusa me Leonardo! Adesso li sposto”. Alzò le gambe e li appoggiò in alto, sul sedile del passeggero, accanto alla testiera. In quella posizione, se mi fossi girato anche solo di pochi gradi, avrei avuto una straordinaria visuale della sua bella pianta in nylon nero. Iniziai a sudare, e non per il caldo.
Feci ripartire l’auto e Fabiana mi chiese poco dopo di fermarmi sul ciglio di una strada poco trafficata.
“Tutto bene Leonardo?” mi chiese. Mi vide in evidente difficoltà. “Sta tranquillo, guarda che ho capito!”
Aveva davvero capito?
“Guarda che in Brazil io facevo la modella! Lo so che gli uomini quando mi vedono glie viene il cazzo duro!”
Aveva capito… ed era stata incredibilmente diretta ed esplicita!
“NO NO signora Fabiana… non é come crede...”
“Ah no?”. Spostò il piede sinistro dalla testiera del sedile passeggero a quella dell’autista, cioè la mia. In pratica, era seduta in mezzo ai sedili posteriori, con i piedi in alto e le gambe aperte. il suo piede sinistro era a pochi centimetri dalla mia testa, ne sentivo la fragranza.
Si slaccio i bottoni, si abbassò i jeans e le mutandine, e nel mio specchietto retrovisore vidi un indice con una lunga unghia smaltata di rosso che si addentrava nella fica rasata più bella che avessi mai visto. Stava succhiando l’indice dell’altra mano.
“Dai Leo, guarda nello specchietto!” e si mise a ridere.
Non avevo idea del perché lo stesse facendo, ma mi sentii come esplodere.
“Dai Leo, amore, baciami il piede e fatti una sega!”. Obbedii. Piegai la testa dal lato destro ed iniziai e leccare l’esterno del suo piedi coperto dal collant, mentre tiravo fuori dai pantaloni il cazzo e mi segavo.
“Si, così, bravo!”. Lei continuava a farsi il ditalino. Poi d’improvviso, tolse il piede dalla testiera e balzò in avanti. “Ma guarda che serpente!”. Saltò davanti, superando il freno a mano come una cavalletta, e si sedette sul sedile passeggero. Si piegò su di me ed iniziò a succhiarmi l’uccello. Tutto in bocca; nessuna donna c’era mai riuscita perché il mio pisello non è piccolo! Sentivo la mia cappella sbattere contro la sua gola, e ci misi davvero poco a venire. Mentre succhiava su e giù come uno stantuffo, con una mano strizzava le mie palle e la cosa mi piaceva da impazzire. I suoi occhi erano fissi su di me mentre succhiava.
Eruttai sborra come un vulcano nella sua bocca; lei la prese tutta, tant’è che, dopo qualche istante, iniziò a tossire come se si stesse soffocando e una bollicina di sborra si gonfiò dalla sua narice. Senza parlare di quella che sguisciava fuori dalle sue labbra. Con il viso sporco di sperma, si lanciò all’indietro. Riprese a farsi il ditalino e io ripresi a leccarle i piedi, che erano finiti sul mio grembo, appoggiati sul mio cazzo. Dall’impeto, le strappai i collant e sentii sulla mia lingua il sapore della pelle delle sue piante dei piedi, vellutate e umidicce. Allungai la mano destra ed iniziai io a farle il ditalino, mentre con il suo piede destro mi strusciava il cazzo con ben poca delicatezza. Il mio pisello era tornato dopo neanche un minuto ad essere dritto e duro come la roccia, così la brancai e la feci sedere sopra di me, con il mio cazzo dentro la sua vagina tutta bagnata. Era così stretta! Sentivo i suoi piedi avvinghiarsi attorno ai miei polpacci.
Le strappai anche la canottiera ed iniziai a succhiarle i capezzoli, mentre lei tirava come una matta i capelli sulla mia nuca ed ansimava. Il suo bacino faceva movimenti sensuali, spremendo il mio cazzo come fosse una professionista del sesso. Eruttai ancora, tutto dentro di lei, e lei fece un urlo “muto” per così dire. I suoi occhi erano spalancati mentre con la lingua io le leccavo le labbra e il mento. Saltò nuovamente all’indietro, sul sedile del passeggero, ed infilò il suo piede nella mia bocca. Sentivo le sue dita dimenarsi e solleticarmi il palato. Prese dalla borsa il cellulare, mentre con l’altra mano si faceva l’ennesimo ditalino.
“Fatti una sega!”.
“Ancora?” pensai. Poi mi resi conto che lo volevo ardentemente, e quindi iniziai a segarmi. Non avrei mai pensato di venire 3 volte in 10 minuti con tanta facilità.
“Pronto! Salve. Si, dica a meu marito che…”. Mi fissò. “Tu me devi venire sulla fica, chiaro?” disse sottovoce coprendo il microfono del cellulare. Mi alzai in ginocchio sul sedile, colpendo il tettuccio con la testa, sempre col suo piede in bocca. Mi segai per bene.
“Si, gli dica che l’autista me porta prima a casa, così metto giù i bagagli, ok? La ringrazio, buona giornata a lei!”. Gettò il cellulare per terra e fissò il mio cazzo.
“DAI DAI DAI!”. Iniziai a soffiare come un invasato e feci uno strano urlo quando le ricoprii la fica (e la mano con cui si stava masturbando) di sborra. Era praticamente sommersa dalla sborra. Dopo pochi istanti anche lei venne. Lo capii dagli occhi sbarrati e la lingua che si leccava le labbra.
La portai a casa. Pretese di tenere il mio grosso cazzo in bocca durante il tragitto. Poi mi invitò a farmi una doccia con lei, per pulire via tutta la sborra (fortunatamente avevo un completo di ricambio in auto). In doccia scopammo, e lei mi volle nel suo culo. In totale 5 volte. Mi sentivo prosciugato.
Lavati e stirati, finalmente, riuscii a portarla nell’ufficio del marito. Io mi ero cambiato d’abito, lei si era cambiata d’abito e grazie al cielo la macchina non era sporca dei miei fluidi, o per me sarebbero stati guai.
La accompagnai su per le scale, fino all’ufficio del marito. Lui mi sorrise, poi abbracciò la bellissima moglie, dopo di che la fece entrare nel suo ufficio e lei mi fece un occhiolino prima di entrare. La porta rimase aperta. Dopo pochi istanti, una bella signora bionda con gli occhiali, capelli biondi e rossetto rosso fuoco, mi passò davanti, non degnandomi di uno sguardo, e chiuse la porta dietro di sé.
Appoggiai l’orecchio alla porta.
“Tesoro mio, voglio presentarti una mea cara amica: lei è la dottoressa Kavinsky!”
“Angela Kavinsky. Lei deve essere Fabiana! Suo marito aveva ragione: è davvero bellissima!”
“la dottoressa è un’esperta… psichiatra!”
“psichiatra?” chiese Fabiana.
“Fabiana, lei ha una dipendenza sessuale, giusto? Suo marito me l’ha detto. È una ninfomane! Ma tranquilla; con il mio aiuto glielo prometto: tutto tornerà alla normalità!”

Questo racconto di è stato letto 4 0 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.