Erotici Racconti

Fidarsi di Mati

Scritto da , il 2017-10-06, genere etero


Era notte fonda, le tre del mattino, non sapeva come mai, ma si svegliava spesso a quell’ora. Non alle quattro, non alle due, sempre intorno alle 3. Le capitava da quando era bambina, e ancora ora, a 28 anni, non si era riuscita ad abituare. La cosa che più la infastidiva era che a quel ora il suo cervello non si svegliava intorpidito o confuso, no, era puntualmente sveglio. “Si sveglia prima la mia testa che il mio corpo” era solita dire quando raccontava di questa sua peculiarità. Prima cominciava il fiume vorticoso di pensieri, poi gli occhi cominciavano a reagire alle luci dei lampioni che si proiettavano sui muri, ai contorni incerti dei mobili, alla manica del maglione che penzolava stancamente fuori dal cassetto aperto. Quella notte i primi pensieri ad affacciarsi furono i ricordi della sera precedente, qualche ora prima. Come diamine aveva fatto a trovare un tipo così? Lo aveva visto qualche tempo prima tra gli scaffali disordinati della biblioteca universitaria dove andava a prepararsi per gli esami. Lui era seduto qualche sedia distante da lei, i capelli di un biondo quasi bianco, ciocche scomposte scappavano da tutte le parti, quasi a volersi ribellare contro il proprio portatore. Aveva dei lineamenti dolci, il corpo slanciato e snello, privo di una muscolatura massiccia, ma armonioso, elegante, di quella bellezza silenziosa, riservata che non abbisogna di parlare di sé per farsi notare. Era immersa in questi pensieri quando lui si girò, quasi si fosse accorto di essere osservato e le lanciò una occhiata gentile e al tempo stesso enigmatica. Non stava sorridendo, eppure i suoi occhi sembravano chiederle di continuare a guardarlo quanto voleva. Lei aveva subito distolto lo sguardo imbarazzata, ed era sprofondata sul manuale che stava studiando come a cercare una tana dove nascondersi. Non lo vide più per tutta l’estate. Le foglie cominciarono ad appassire e cadere, il vento gelido ad infilarsi sotto i vestiti e a farla rabbrividire, quando un pomeriggio lo vide seduto su di una pancina. In preda all’imbarazzo gli passò davanti a testa bassa, allungando il passo sperando di passare inosservata e al tempo stesso di allontanarsi da lui il prima possibile. E proprio per questa sua fretta impacciata che non si accorse della radice del platano che le si ingarbugliò attorno al piede facendola cadere a terra con un tonfo sordo, accompagnato dallo scricchiolare delle foglie infrante sotto il suo corpo. In men che non si dica lui era su di lei, la prese per un braccio e la aiutò ad alzarsi. “Ti sei fatta male?” gli chiese visibilmente preoccupato mentre le toglieva a rapidi gesti le foglie secche di dosso “Sì, cioè no! Cioè, sì, è stata una brutta caduta e ho battuto, ma niente di che, grazie” rispose arrossendo “ Piacere, Mattia. Tu sei Lila, vero?” riprese lui, lei annui arrossendo “Non mi pare di conoscerti” farfugliò “Non ci conosciamo, no, ma ho sbirciato nel registro della biblioteca quando hai riconsegnato il manuale di filosofia romanza prima della pausa estiva” lei lo guardò perplessa e stupita al tempo stesso “ in realtà ero anche all’esame, seduto in cima all’aula” Lo sguardo di lei a questo punto era vivibilmente turbato, cercava il suo sguardo, ma lui lo evitava volutamente, non sapeva proprio cosa pensare. Certo che, pensava, è proprio un bel tipo, un po’ inquietante magari, ma decisamente attraente. “Il fatto è che… Come dire… io ti seguo da tanto, da molto prima di averti visto in biblioteca. Ad esser sinceri, ti seguo da più di un anno, ma non ho mai avuto il coraggio di parlarti apertamente, io ecco vedi.. io sono MartaMati” lei rimase a bocca aperta “MartaMati? Cosa? Non ci credo!”. Da più di due anni Lila teneva un blog con tutte le sue fantasie erotiche, lei era la classica ragazza con una immaginazione sfrenata, però poi alla resa dei conti si dimostrava schiva, timorosa, piena di dubbi. La causa di questo suo comportamento era banale, le sue stesse fantasie spesso la spaventavano, non che fossero inquietanti o altro, ma erano decisamente poco comuni. Non avendo nessuno con cui condividerle, si era buttata a capofitto in un blog convinta che, dietro la protezione dell’anonimato e dello schermo, nessuno l’avrebbe mai giudicata. Quello che non aveva previsto, è che ci fosse così tanta gente che condivideva alcune delle sue stesse fantasie, dei suoi dubbi e delle sue incertezze a letto. Una di quelle persone era MartaMati, lei commentava sotto ogni suo racconto, le mandava messaggi per esprimerle tutto il suo entusiasmo ad ogni nuova storia, e Lila spesso le rispondeva, tanto che per un certo periodo aveva pure pensato di provare se non proprio un sentimento, almeno una infatuazione.
Aveva sempre pensato a MartaMati come ad una donna, non le era mai venuto in mente che potesse essere un uomo, e che uomo! Ora che lo vedeva più da vicino era decisamente attraente, gli occhi di un verde grigio, le labbra carnose, le mani calde che ancora la tenevano con una presa salda e decisa. E il suo odore, dio se era buono. “Come hai fatto a trovarmi?” Gli chiese cercando di riprendersi dai sui stessi pensieri “dipartimento di informatica, sai, per noi non è molto difficile risalire a chi..” e si interruppe “senti, io, la ragione per cui ti ho cercata, io non riesco più a smettere di pensarti, non ci dormo la notte. E in verità credo che sia me quello che tu stai cercando. In più di un racconto hai scritto di non volere stare con un uomo perché ti spaventano, ma allo stesso tempo non puoi che eccitarti guardano porno etero. Scrivi in continuazione di come ti piacerebbe dominare qualcuno, legarlo, farlo godere mantenendo tu il controllo, ma non riusciresti con un uomo perché ti intimorirebbe e questo ti bloccherebbe. Dici di non essere lesbica anche se a volte ai provato, non so se sia vero, ma mi sembra evidente che non ti è bastato visto che continui a pubblicare racconti su racconti. Io credo che tu voglia qualcosa di più simile a me, lo so che è strano, ma ti andrebbe di venire da me e ti spiego che intendo?” “ non puoi dirmelo qui?” “No, ma so come convincerti, molti dei tuoi racconti iniziano in situazioni surreali di sconosciuti che si incontrano e subito finiscono a letto insieme, senza se e senza ma. Un po’ irrealistico non credi? Io credo, anzi, ne sono persuaso, di avere quello che tu stai cercando, vieni con me e te lo farò vedere”
Ora la guardava con uno sguardo supplichevole, quasi avesse paura di un suo diniego, e fu proprio quello sguardo così docile a convincerla che non ci fosse nulla di male a tentare, lui non sembrava poi così minaccioso.
Tutto questo era successo la sera prima, e ora alle tre di notte stava lì, fissando il soffitto ripensandoci. Che situazione surreale. Poi d’improvviso un felicità mai provata gli esplose in petto, sentiva un’energia bruciarle dentro che non potè fare a meno di svegliarlo. “ Ehi Mati, Mati svegliati” lui si scosse confuso “Che c’è?” disse con la voce impastata, sprofondò di nuovo in un sonno profondo. Beh, pensò, se non ti svegli così dovrò svegliarti in un altro modo. Gli tolse lentamente le coperte di dosso, rimase per un istante a guardarlo al chiaro della luce che avevano dimenticato accesa prima di crollare addormentati. Lui aveva ancora indosso le calze e il reggicalze, le sue gambe perfettamente depilate e al contempo mascoline. Gli sollevò la gonna e guardò il suo pene che dormiva. Era un pene largo anche senza erezione, quando qualche ora prima lui era uscito dal bagno mezzo vestito da donna e con una vistosa erezione sotto la gonna scozzese lei era rimasta di stucco. Non ne aveva mai visti di così larghi e grossi, era intimorita ed eccitata allo stesso tempo. Le basto quella vista per bagnarsi tutta, il feroce contrasto tra i vestiti da donna e una mascolinità così abbondante.
La cosa fantastica di incontrare un proprio fan nella vita vera è che questi già sa cosa tu vuoi, cosa ti piace e cosa no, come farti impazzire di piacere. Lui sapeva alla perfezione quali fossero le paure di Lila, sapeva che lei voleva dominarlo, sapeva che lei voleva un uomo docile e sottomesso, ma che al momento opportuno si fosse rivelato una animale deciso e determinato. Ed era esattamente questo che lui cercava in una donna: qualcuna che al tempo stesso accettasse la sua fragilità, il suo piacere nel mettersi nei panni dell’altro sesso, ma al tempo stesso godesse nel sentire quanto potente poteva diventare se eccitato a dovere.
Per cui non aveva opposto la minima resistenza, anzi era stato proprio lui a dare a Lila le corde per legarlo alla sedia dello studio. Cosa che lei aveva fatto con la massima cura, e solo quando era convinta che lui non si sarebbe potuto muovere e non poteva quindi essere una minaccia aveva cominciato a leccarlo, a stuzzicargli i capezzoli a scendere giù fino a sollevargli la gonna e a scoprire con incredibile malizia quanto grossa fosse la fortuna che quel povero ragazzo immobilizzato le teneva nascosta sotto la gonna. Ci si avventò con foga sgraziata, come volesse colmare una fame che l’attanagliava da tempo. Il pene era così grosso che le servivano entrambe le mani per poterlo stringere a dovere. Le piaceva l’idea di farlo entrare in gola fin quasi a strozzarsi, la eccitava sentirlo gemere sotto il bavaglio che gli aveva legato sulla bocca. Lo pompò per mezz’ora, interrompendosi di tanto in tanto quando cominciava a sentirlo pulsare e lui si dimenava sotto il peso di quella tortura. Voleva venire, voleva venire ad ogni costo, voleva schizzarle addosso tutto il suo sperma e poi prenderla per i capelli e ficcarglielo di nuovo in bocca. La guardava muoversi su e giù per la sua verga con quella quarta di seno che ballava ad ogni suo sussulto. Sudava freddo, non poteva muoversi neanche di un centimetro e sentiva i muscoli esplodergli sotto la morsa delle corde.
Nei momenti in cui lei si scostava per fargli riprendere fiato e non farlo venire, si spogliava in maniera sensuale di fronte a lui, rimanendo in fine completamente nuda. Lui le guardava il sedere tondo e perfetto, immaginandosi mille fantasie su quel culo magnifico. Lei lo rimbeccava canticchiando “vorresti, ma non puoi”, glielo avvicinava, saliva a cavalcioni su di lui, schiacciandole piacevolmente il pene contro il pube, lui sentiva gli umori caldi di lei colargli lungo i testicoli e provava un’eccitazione incontrollabile.
Ma sapeva che il gioco poteva funzionare solo ed esclusivamente se fosse stata lei a decidere tutto. Decidere quando farlo eccitare, quando leccarlo, quando stuzzicarlo. Era una tortura, ma una tortura talmente piacevole che si costringeva a rimanere immobile, per quanto possibile in mezzo agli spasmi di piacere. Non immaginate neanche la liberazione che provò quando lei gli sussurrò all’orecchio dopo un’ora buona “ Va bene Mati, ora vediamo se riesci davvero a convincermi” e così dicendo cominciò lentamente a slegarlo. Lui era stremato, respirava affannosamente, tutto il suo corpo sembrava volesse esplodere tanto era l’eccitazione. Il suo pene era livido, grosso come non lo era mai stato, duro come un palo e gli pulsava senza freni. Sentiva tutto il suo corpo reagire all’allentarsi della tensione delle corde. Sentiva un istinto bestiale impadronirsi di lui, non le lasciò il tempo di finire di slegarlo, si sbrogliò da solo dalle ultime corde, si tolse il bavaglio con foga e la afferrò con forza per il collo, proprio sotto l’attaccatura dei capelli. Poi ebbe un attimo di lucidità e si chiese se avesse esagerato, non voleva spaventarla, non poteva farlo. “ mi vuoi?” le chiese con un filo di voce, lei lo guardò fisso negli occhi “se hai letto i miei racconti lo sai”. Non la lasciò nemmeno finire, la scaravento sul letto e le fu subito sopra. Nonostante le dimensioni di lui, entrò senza difficoltà tanto era l’eccitazione di lei, era bagnata fradicia, ansimava sotto i colpi del suo bacino. Lo sentiva penetrarla in profondità, con foga animale, lo sentiva pulsare sempre di più. Lui le bloccò le mani, la bacio, poi cominciò a stuzzicarle i capezzoli con la bocca continuando a spingere. Un’Ondata febbrile si impossessò di lei, cominciò a contorcersi in spasmi di piacere, quasi urlo e lui le tappo una bocca con la mano e finalmente lui si svuoto violentemente nell’orgasmo di lei.
Gli crollò addosso ansimando, poi scivolò di lato.

Se vi è piaciuto scrivetemelo che continuo in un prossimo racconto. Grazie a tutti della lettura!

Questo racconto di è stato letto 2 1 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.