Erotici Racconti

Solitudine riflessiva

Scritto da , il 2017-10-02, genere masturbazione

Un ricordo, un'immagine.


Andrea lanciò la mia gomma per cancellare sopra l'armadietto della classe.
Nessun compagno, nessuna maestra, soli.
Ha aspettato di essere senza testimoni all'infuori della sua vittima, il piccolo bullo della scuola elementare.
Era nuova, la gomma, vecchi i sorprusi.


Un ricordo, un profilo.
L'amato scopre il vecchio flirt, si indigna che sia accompagnata da un giovane dandy.
E io mi chiedo: "Ma hai trovato me, mica male?".
Ma sto zitta.


E così, le prime esperienze sono il filtro con il quale interpreti eventi presenti.
E cosa ne sarà di Claire?
Gemiti nell'oscurità, Claire posseduta, Claire dominante, Claire issata sul pene eretto.
Claire sulla lavatrice, un piede sul vetro dell'oblò, l'altro sul termosifone.
Il desiderio di essero JLo penetrata da Ryan Guzman nella loro scena di sesso.


E arriva l'effimera gioia, l'inarcamento della nuda schiena, la tensione delle gambe, il calore di Claire.


Una donna deve essere discreta, questo ho imparato dalle prime esperienze.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.