Vivere in due dimensioni

Scritto da , il 2017-09-29, genere voyeur

Voyeur e etero.

La prima dimensione...

Sono stanco e decido di fermarmi in autogrill.
Devo anche pisciare.
Non mi piacciono gli autogrill, luoghi senza identità fatti per entrare e uscire di corsa.
Caffè discreto, il cornetto fa schifo. Nessuna traccia dei croissant fatti alla vecchia maniera, ma chi se ne frega ormai? Stiamo precipitando nella mediocrità.
Invece mi piacciono gli orinatoi degli autogrill, uno ci si mette davanti, apre la zip, a volte apre anche il bottone del pantalone, magari abbassa anche lo slip sotto i coglioni e... uhm... si libera.
Ahh... goduria vera!
Le donne devono invece fare la fila. Entrare una alla volta nella cabina del cesso. Non hanno nulla di altrettanto veloce.
Una, qualche anno fa che tornavamo da una festa piuttosto hard, alcol e fumo e che era piuttosto fatta di brutto, dichiara in macchina che lei era in grado di usarlo il pisciatoio degli uomini.
Ma davvero?
Noi maschietti ce la portiamo, lei si toglie gli slip e si avvicina, con le dita delle due mani si apre le labbra e lascia andare.
No, figlia mia! Devi prendere l'orinatoio, non pisciare a terra! Abbi riguardo per chi pulirà. Allora pensa ad una altra cosa. Alza un gamba in una posa da acrobata, appoggia il relativo piede sopra l'accessorio e convinta... lascia andare.
Nooooo...! Ora la sua piscia le scivola lungo la coscia!!!
Si arrende... l'aiutiamo a salire sul lavabo e ci piscia dentro.
Non vi ho detto prima che ci avevamo scommesso su sta cosa. Una confezione di profumo a scelta contro una scopata collettiva.
La bottiglia se la sogna ma forse le va bene lo stesso, visto la luce che le si accende negli occhi ogni volta che uno di noi glielo mette dentro nel profondo mentre lei si appoggia al cofano della macchina.

Accidenti a me che divago sempre.
Ero rimasto che sono davanti all'orinatoio, eseguo i rituali magici, apro la zip, apro il bottone e comodo mi abbasso gli slip sotto le palle.
Dio! Magnifico!
Ma... vedo qualcosa muoversi, un uomo che era ai lavabo si mette davanti all'orinatoio vicino al mio, neanche fa la finta di aprirsi, macché!
Guarda, mi guarda.
E' il guardone!
Cazzo... un amico delle tenebre!
Ma quanto è difficile soddisfare le proprie stravaganti perversioni, vero amico?

Io, te... e voi, siamo il popolo della notte, quello nero di anima.
Siamo tanti, siamo i più. Abbiamo tarli che ci minano il cervello.

Poi c'è il popolo della luce, del giorno, ma sono falsi e ipocriti, sono come noi ma sono pavidi e non danno modo ai proprio desideri di manifestarsi.
Fratello... vuoi guardarmi il cazzo?
Guarda... ora lo scappello bene, mi giro verso di te pur continuando a pisciare, ti piace... fratello delle tenebre?
So... sono cosciente che il tuo desiderio è questo, anche se venissi con te nel cesso, non ambiresti a prendermelo in bocca o nel culo.
Non ti andrebbe.
Godi a guardare cazzi nei cessi.
Guardami bene.
Godi. Scopati il mio cazzo con il cervello.
Non mi costa niente fartelo fare. Godi.

Esco.
E' caldo anche se è notte fonda.
Prego che il santo dell'aria condizionata mi protegga.
Chi è? Cazzo ne so.
Rimonto in macchina e parto.
Ora... io guido con una parte del mio cervello. Credo si definiscano riflessi condizionati, vero? Mi basta per guidare, di solito.
Il resto del cervello mi divaga sempre, ora un racconto, ora una donna...

Lei... Tu...

Tibet.

(da sempretibetblog)

La seconda dimensione...

No, non ho mai portato nessuno qui, questo è solo nostro.
Anticipo la tua domanda quando ci fermiamo davanti all'ingresso dell'hotel Zum See, siamo sul lago Tristach, vicino a Lienz, in Austria. E' inverno.
Ho preso per noi la camera migliore, con la vista sul lago, è pomeriggio e sulla sua superficie ghiacciata stanno pattinando, stiamo sul balcone per qualche minuto ad ammirare le traiettorie dei pattinatori, ti sto abbracciando forte, la tua schiena contro il mio petto, le tue natiche contro il mio ventre.
Giri il tuo viso verso di me e ti fai baciare, passo la lingua sulle tue labbra, ma subito la tua bocca se ne impadronisce e mi succhi golosa la lingua, impaziente, senti sulle tue natiche l'effetto che il bacio mi fa e allunghi la mano fra di noi per controllare, mi accarezzi.
Tesoro, facciamo il bagno insieme, c'è l'idromassaggio.
Ti precipiti in bagno e sento il tuo grido entusiasta, ti raggiungo mentre tu hai già provveduto ad aprire i rubinetti.
Ora siamo nella vasca, è grande, siamo abbracciati, io disteso e tu sopra di me, sento i tuoi seni premermi sul petto mentre l'acqua ci accarezza, ho inserito la mia gamba fra le tue e sento che ti piace, stai strofinando il tuo clitoride contro la mia coscia, piano e con movimenti prolungati e decisi, la tua anca preme contro il mio ventre, la tua mano mi tiene forte sull'asta e mi massaggia lo scroto, mentre ci baciamo, ma senza fretta, sappiamo che abbiamo tempo, tutto il tempo che vogliamo.
Poi sul letto, nudi, ci guardiamo, ci esaminiamo, è la prima volta che ci vediamo così, è la prima volta che facciamo l'amore, ho voluto per noi un posto speciale, per far si che sia tutto speciale, tu sei la più impaziente... e va bene ti lascio fare, verrà anche il mio turno, il mio turno di godere della vista del tuo corpo, di godere baciandoti dappertutto, di godere della sericità della tua pelle candida.

Mi distendo sulla schiena e alzo le braccia sopra la testa, mi lascio guardare, tu sei inginocchiata al mio fianco, chiudo gli occhi sento solo le tue mani e la tua bocca. Sul viso, sulle labbra, sulla fronte, sui capelli, sento le mani sul petto, la lingua sui miei capezzoli, i tuoi dentini stringerli fino a farmi gemere, vedrai, cosa ti faro' io, mi propongo, sento le tue mani passare premendo lungo i fianchi e poi tornare su per le braccia, stringere saggiare la consistenza dei muscoli, prendermi le mani ed esaminarle e sento la tua bocca che si inserisce le mie dita, che mi bacia.
Sei di nuovo giù, sul mio addome, sul ventre, sento le tue dita leggere studiare l'ombelico e ancora più in giù, fra il pelo dell'inguine, non mi tocchi dove ti aspetto, mi vuoi far soffrire, sento le tue mani sulle cosce, sulle gambe, sui polpacci, sui piedi, mi chiedi di girarmi, di mettermi a pancia sotto e passi le mani sulle gambe, mi tasti le natiche, provi a inserire la mano fra di loro, rilascio i muscoli e accetto la tua carezza, mi tocchi, si, proprio lì e mi fai saltare, passi oltre e premi le tue mani sulla schiena, sulle spalle, sento che ti distendi su di me, i tuoi seni premere, ti strofini, spingi il tuo ventre contro i miei glutei, i tuoi baci alla base del collo, mi fai rigirare nuovamente, mi fai allargare le gambe e ti inginocchi fra loro, ora si... che le tue mani mi toccano e a fatica trattengo un gemito di piacere, le tue mani unite premono l'asta, mi accarezzano, tirano forte la pelle del prepuzio fino a liberare completamente il glande che è congestionato, la tua mano, stringendomi forte, mi masturba piano, copre e scopre la cappella, sento il tuo alito caldo e la tua lingua che passa dalla cima ai testicoli, calda, bagnata, eccitante, e ancora su, e ancora giù nuovamente ai testicoli, sono solo un giocattolo nelle tue mani e finalmente sento la tua bocca accogliermi, le tue labbra che scorrono sul glande, la tua lingua, il tuo succhiare, metto le mani sulla tua testa, fra i tuoi capelli, voglio che tu mi prenda fino in gola, sento la tua mano fra le natiche.
Si, toccami! Lo voglio, mi piace, mentre mi accorgo che sono al limite, no... basta, mi ribello, ti stacco, ti allontano a forza, tu sei delusa ma poi comprendi, capisci che voglio venire con te, dentro di te.
Ma ora è il mio turno di guardarti, di riuscire finalmente a bearmi di te, della tua bellezza, e si... dovrai soffrire, ti faro' aspettare il piacere, mi prenderò tutto il tempo, ti guarderò così intensamente e a lungo, da imprimermi la tua immagine nel cervello, così da poterla richiamare quando ne avrò voglia.
Ti alzo le mani sopra la tua testa, passo le labbra sul tuo viso, sull'attaccatura dei capelli, passo le mani a dita aperte fra i tuoi capelli. Sono serici, pesanti... che bei capelli hai!
Le mie labbra ti esplorano, vogliono sapere tutto di te, il tuo collo, la nuca, passo la lingua sul tuo orecchio, ti mordo il lobo, la lingua umida si inserisce nella cavità del tuo orecchio, so che ti piace, hai un fremito e poi torno sul tuo viso, sulla tua bocca, passo la lingua sulle tue labbra, ne seguo il contorno, mi piace la linea, la pienezza... ti mordo piano.
Mi alzo e guardo il tuo seno, le tue mammelle e ringrazio la natura!
Tu sai quanto le apprezzo così come sono.
Grazie Natura di aver fatto questo capolavoro! Due emisferi perfetti, passo le dita leggere e trovo i tuoi capezzoli eretti, li passo fra le dita, li stringo, quanto mi piace la loro tenacità! Ti guardo il viso, ricambi lo sguardo attraverso le ciglia socchiuse, hai le labbra dischiuse, un leggero affanno che si ripercuote sul tuo seno che si alza e si abbassa. E' la mia bocca che prende contatto con te, ti lecco, ti bacio, ti mordo i capezzoli, ti rendo con gli interessi il gradevole tormento che mi hai dato prima.
E giù... le mie mani passano sul tuo corpo, l'addome, il ventre, l'ombelico mi attira, te lo bacio, anche qui la lingua vorrebbe penetrarti e ho la tua stessa crudeltà, ti aspetti che ti tocchi, che accarezzi la tua bellissima vagina ma io passo oltre, alle tue gambe, giù fino ai tuoi piedi, che bacio, mi inserisco le dita in bocca e le lecco.
Ti faccio girare a pancia sotto, e torno su, ora sto ammirando il secondo miracolo della natura.
Dio! Che sedere hai! Da togliere il fiato...! E come è liscio, sodo, compatto! Passo le mani sotto il tuo bacino e lo tiro a me fino ad alzarti e bacio i tuoi glutei, le tue natiche, la lingua cerca di violare la stretta valle che corre fra di loro, lecca il tuo buchino, vorrebbe fermarsi, ma ti lascio ricadere e la lingua raggiunge le tue fossette di Venere e le omaggio a lungo, poi corre lungo la tua spina dorsale... su fino alla nuca, ti alzo i capelli e ti mordo lievemente, mi appoggio con il corpo su di te sulla tua schiena, il mio pene duro preme sulle tue natiche, vuole sentire e godere delle tue rotondità, gustare la tua pelle liscia, compatta.
Ti rigiro, e ti allargo le gambe. Si, ora è il tuo turno, la mia bocca vuole finalmente conoscere la tua conchiglia, ora posso sentire il tuo sapore, bearmi di esso e del tuo profumo, ti passo tutta la bocca lungo il solco, sulle grandi labbra, ti apro con le dita e ci ripasso nuovamente, sei bagnata, la tua rugiada è profumata, aspiro il tuo afrore, ora è la mia lingua che prende posizione, tenta di penetrarti, di entrare dentro di te, è la volta del tuo clitoride a diventare il mio bersaglio, leçço, mordo, lo tiro a me con le labbra, la lingua lo stuzzica, le mie dita tirano indietro il suo cappuccetto e la lingua bacia la sua anima.
Sei inarcata, si... stai godendo della mia prolungata carezza, dimmi vuoi venire così?
Vuoi venire?
E poi ancora... verrai con me?
Si?
E allora insisto, ancora e ancora, le mie dita ti toccano, ti frugano, ti penetrano.
Si, dai vieni, dai vieni, dai, che è bellissimo! Sento i tuoi fremiti, il tuo mugolio, i tuoi gemiti e il tuo orgasmo che mi d arrivare, cosa che mi dà un piacere folle.
Ti abbraccio e ti lascio riprendere fiato, ti accarezzo e ti bacio lievemente, qualche attimo e poi ti sento, sei morbida, giri il tuo bacino e lo appoggi al mio. Si, mi vuoi, mi vuoi dentro di te, senti il mio pene che preme, ti distendi, apri le gambe e mi tiri a te.
Si...!
Appoggio il glande e ti penetro piano, sei stretta e aspetto che ti abitui, ma sento già il tuo calore e spingo... e sono dentro, lo spingo fino in fondo e poi lo ritiro fino quasi a farlo uscire e poi ancora! La tua vagina è il fodero naturale per lui.
Si.....!
Ti tocca fino in fondo ed è grosso, grosso il giusto per strofinare sulle tue pareti, non è magnifico?
Prendo con le mani le tue natiche e ti tiro a me, ora le tue mani si posano sui miei fianchi, diventano attive nel nostro movimento, le mie penetrazioni aumentano di intensità e gemo mentre entro in te, sento quanto sei bagnata, alzi le gambe e io te le sostengo alle ginocchia, ti voglio ancora più aperta e me le metto sulle spalle mentre entro con più forza.
E... poi ancora...!
Tu di fianco con una gamba alzata e io dietro di te!
E ancora... tu con due cuscini sotto il ventre e io fra le tue gambe da dietro!
E ancora..... abbracciati forte con te seduta sui miei lombi, con i tuoi seni schiacciati sul mio petto, la tua bocca ansante sulla mia!
E ancora... alla barcaiola...!
E ancora... da dietro, godere del rumore cadenzato dei miei colpi, dell'incontro dei miei lombi contro le tue natiche!!
E sempre le mie dita a toccare..... a penetrare il tuo splendido buchino.
E poi finiamo, si... sentiamo il bisogno di venire, è troppo bello... e finiamo. Io sdraiato e tu che mi possiedi, che mi cavalchi, che mi sfianchi dal piacere...
Si!
Continua... magnifica valchiria, sfiancami, fammi morire!
Si...!
Sento il mio seme spingere, vuole inondarti, vuole riempirti e arriva un orgasmo, pieno, lungo, potente, appagante, unico! Grido e gemo e faccio eco alle tue di urla, ai tuoi di gemiti!
Poi abbracciati... bocca sulla bocca... viviamo un momento di tenerezza infinita, aspettando di riprenderci.
Poi..... durante la notte sarai tu a cercarmi e faremo ancora all'amore.

Alla mattina, si appena svegli, caldi del sonno che abbiamo appena lasciato, ci prenderemo ancora.
Poi...

Poi... torniamo alla nostra vita, torniamo nella normalità, nella nostra vita di tutti giorni.
Però abbiamo la possibilità di sognare, di prendere il volo, di lasciarci prendere completamente dalla nostra fantasia e di vivere in due dimensioni, una delle quali solo nostra, dove ci possiamo amare...

Ho sete, ma perché non ho comperato una bottiglia di minerale all'autogrill?
Ero via di testa, pensavo a te...
A te...

Tibet

(da sempretibetblog)

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.