Erotici Racconti

Cornuto - 6 - Leccarla mentre sono ingabbiato

Scritto da , il 2017-09-19, genere tradimenti

Come mi aveva chiesto mia moglie,alle 4 l'avevo svegliata e l'avevo aiutata a prepararsi per unirsi all'amica ed ai suoi sconosciuti accompagnatori che sarebbero passati a prenderla alle 6 di quel pomeriggio.

Mentre si preparava(Doccia-trucco-controllo dei vestiti che le avevo appoggiato sul mio lato del letto e vestizione come se fossi una sua ancella)non aveva smesso un attimo di parlarmi di ciò che si aspettava da quella serata al "buio".

Per tutto il tempo non aveva prestato la benché minima attenzione al mio pene ingabbiato e la cosa mi aveva alquanto stupito considerando l'entusiasmo col quale aveva accolto il mio regalo e la passione con la quale me lo aveva fatto indossare lei stessa.

Solo dopo lo squillo del campanello che l'aveva avvisata dell'arrivo dei suoi amici e nel momento stesso in cui varcava l'uscio,si era fermata sulla porta e scrutandomi dall'alto in basso con fare di sufficienza mi aveva portato la mano sotto i testicoli e soppesando con un colpetto l'arnese metallico,mi aveva guardato negli occhi ed aveva detto:

-Ti sta bene!

Stai proprio bene tesoro così,nudo e ben protetto!-

Il botto che mi aveva inferto sotto i coglioni mi aveva procurato una fitta di dolore che a stenti ero riuscito a mascherare.

Senza riuscire neanche a trovare un logico perché,nel momento stesso in cui si chiudeva la porta,sono scoppiato a piangere.

Quando lei era tornata,mi aveva sorpreso appisolato sul divano.

Erano appena le dieci e mezzo ed era già tornata.

-Cazzo...cazzo...cazzo!

Lo sapevo...lo sapevo che non dovevo fidarmi di Claudia oggi.

Me lo sentivo che sarebbe stata una serata di merda!

Avevo persino dato buca a Sergio per uscire con lei e questo è il risultato!

Due vecchi buzzurri brianzoli arricchiti e con la pancia da schifo.

Chissà che cazzetti mosci avevano li sotto!

Per di più quello che doveva venire con me aveva le mani lunghe e gli puzzava il fiato.

Che schifo!-

Mentre sbraitava girando per tutta la casa io la seguivo nel tentativo di calmarla e mentre si spogliava,gettava a terra i suoi vestiti che io raccoglievo diligentemente.

Alla fine della sfuriata,come distrutta,si era accasciata sul divano.

Io le avevo subito portato un Wiskies per farla riprendere e sedendomi accanto a lei,avevo cercato le parole che potessero consolarla.

-Non ci posso pensare,ci eravamo appena conosciuti e subito mi aveva messo le mani sulla spalla.

Poi,mentre eravamo al bar per l'aperitivo,aveva cominciato a farmi il piedino accompagnato da disgustose espressioni del viso.

La stessa cosa al ristorante dove essendo seduti uno accanto all'altro,allungava le mani tra le mie cosce.

Avevo già deciso che sarei tornata a casa ma per non fare un dispetto alla mia amica,sono rimasta a cena respingendo in tutti i modi le sue volgari avances.

Quando però,alla fine del pasto,dopo aver pagato rivolgendosi a me aveva detto"Andiamo in camera?"come se fossi una puttana.

A quel punto non ci ho visto più,gli ho tirato uno schiaffo e gli ho risposto "Vacci con quella trioia di tua sorella in camera!".

Ho girato i tacchi e sotto lo sguardo dei presenti,sono andata via,ho preso un taxi ed eccomi qui!-

Via via che parlava e scaricava la sua rabbia io ero accanto a lei e l'accarezzavo.

-Amore....toglimi le scarpe e massaggiami i piedi che mi fanno male.-

Io mi sono subito seduto sul tappeto davanti a lei,le ho sfilato le scarpe e le autoreggenti ed ho cominciato a massaggiarle le gambe ed i piedi.

La cosa le piaceva molto e ben presto al mio trattamento si era rilassata con gli occhi chiusi.

-Amore...leccami la pianta e tra le dita che mi stai facendo morire di piacere.-

A quella richiesta avevo avuto un brivido col risultato che mi si era risvegliato il membro che sino a quel momento era rimasto quieto nella sua prigione di metallo.

Mai mia moglie mi aveva chiesto di leccarle i piedi prima d'allora.

Certo,l'avevo massaggiata spesso ma mai l'avevo leccata e per di più senza che si fosse lavata.

Gli odori che emanavano i suoi piedi che erano,un misto del profumo di sapone,dell'olezzo della sua pelle e di sudore,mi avevano inebriato e,come se l'avessi sempre fatto,avevo cominciato a leccarle la pianta per poi passare alle dita che imboccavo e ciucciavo uno per uno come fossero caramelle.

La mia lingua s'incuneava negli spazi tra le dita come fossero le piccole labbra della fica.

Via via che procedevo nell'eccitante operazione,sentivo il respiro di mia moglie farsi più forte,il mio cuore battere ad un ritmo nuovo ed il cazzo gonfiarsi dolorosamente alla ricerca di una via d'uscita.

-Amore.....grazie....come sei bravo...mi stai facendo godere e bagnare tutta.

Ora toglimi il perizoma e leccami li come sai fare tu.-

Sfilandole il perizoma lo avevo trovato davvero umido ma,contrariamente alle volte in cui era intriso di sperma,emanava un intenso profumo che proveniva direttamente dallo scrigno che conteneva la fonte degli umori che preludevano al suo godimento.

Mentre la leccavo avevo gli occhi puntati sui suoi e lei mi guardava gratificandomi con sottili cenni di approvazione e mi accarezzava i capelli mentre accompagnava i movimenti della mia testa tra le sue cosce.

Io conoscevo ogni piega del suo sesso,ogni punto attraverso il quale darle piacere.

Non vi era lembo della sua pelle di cui non conoscessi gli effetti erotici su di lei,sul suo corpo e sul suo cervello

Le leccavo e le mordicchiavo l'interno delle cosce,la clitoride e le piccole labbra.

Le accarezzavo il seno e le strizzavo i capezzoli.

Con la lingua mi incuneavo dentro di lei e regolavo le mie azioni e le mie esplorazioni in funzione dei suoi fremiti,i suoi scatti,i suoi lamenti,le carezze o la pressione che esercitava sulla mia testa o sui miei capelli.

Godeva mia moglie.

Era un godimento che come una sinfonia di Rossini,partiva leggero per poi montare...montare...montare sino all'esplosione finale accompagnato da uno scuotimento del corpo,una scossa,un urlo ed una ricaduta.

Avevo la bocca piena dei suoi umori quando sollevandosi dalla postura distesa,mi aveva preso il volto tra le meni e mi aveva sfiorato le labbra con la bocca,quando mi aveva detto:

-Grazie amore...grazie...mi hai fatto morire.

So che qualunque cosa mi potrà accadere,tu sarai sempre pronto e disponibile per me.-

Io ero completamente sudato e vittima di ogni suo volere.

Avrei voluto dirle quanto dolore mi provocava la cintura che mi ingabbiava.

Avrei voluto implorarla di liberarmi ma era tale la sua indifferenza nei confronti del mio stato che non avevo avuto il coraggio di chiederle aiuto.

-Amore andiamo a letto che domani mi aspetta una giornata pesante.-

Mi aveva ripetuto.

Mentre lei andava a letto,io mi ero attardato in bagno per calmare i miei dolori con dei risciacqui freddi ma per quanto sollievo avessi,avevo i testicoli gonfi che parevano scoppiare.

Avrei avuto bisogno di scaricarmi anch'io ma in quella situazione,non ero riuscito neanche ad avere una eiaculazione spontanea come mi capitava talvolta quando non ero costretto dalla cintura di castità.

Quando ormai rassegnato l'avevo raggiunta a letto,lei già dormiva profondamente.

Coricato accanto a lei,sentivo ancora il mio cuore pulsare come impazzito mentre il cazzo mi faceva male come se me lo avessero martellato su di un incudine infuocato.

segue

NOTA-Il capitolo 7° è stato pubblicato oggi 24/09/17 ma stranamente non appare nella cronologia di questi racconti dal titolo "Cornuto" ma sembrerebbe un racconto a se senza alcun significato.
Me ne scuso coi lettori interessati per lo sforz che dovranno fare se volessero continuare a seguire questo racconto.

Questo racconto di è stato letto 4 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.