Erotici Racconti

Così innocente, così perversa

Scritto da , il 2017-08-12, genere incesti

L'aveva trovata sulle scale ad aspettarlo, due settimane prima. - Sono venuta a trovarti, avevi detto che potevo - aveva risposto con la solita aria innocente. I genitori lo sapevano ? Diciamo che era uscita senza dire dove andava, dopo una discussione sul suo futuro dopo il diploma. Dopo si era convinta a chiamare la madre per tranquillizzarla. - Puoi dormire nel letto, io dormirò sul divano - le aveva detto. - Non c'è bisogno che lasci il tuo letto - gli aveva risposto, - io preferirei...dormire sul divano. - Qualunque cosa dicesse, sembrava sempre che ci fosse un sottinteso, che le frasi dette ne nascondessero altre più importanti, non dette. E quel continuo misto di pudore e sfrontatezza, di verginità e di troiaggine, così riflesso nel viso d'angelo che si ritrovava, nel corpo magro ma sensuale con le gambe lunghe, i seni piccoli. E quando sorrideva ti dava l'impressione di sorridere solo per te, per sempre e per nessun altro al mondo. Girava per casa seminuda, con indosso una maglietta e una mutandina, con la stessa noncuranza di chi cammina su una spiaggia affollata. Un giorno lui entrò nel bagno e la trovò seduta sul water, le chiese scusa e uscì. Lei lo raggiunse dopo poco e gli disse: - Potevi restare, non mi vergognavo mica, sono cose naturali. - - Allora siamo diversi, - aveva detto lui, - io mi vergogno di fare pipì davanti agli altri. - - Tu per me non sei gli altri - aveva chiuso lei. Raccontava le sue cose senza nessuna sollecitazione, con naturalezza ma sempre scrutandoti, come per capire le tue reazioni.
- Hai una ragazza fissa ? - aveva chiesto una volta.
- No, non in questo periodo. -
- Ne hai avute molte ? -
- No, io non parlo molto e alle donne non piacciono i taciturni. -
- Strano, tu a ventisette anni forse hai avuto meno esperienze di me che ne ho diciannove. Vuoi sapere quanti ragazzi ho avuto ? -
- Non mi interessa. -
- Invece scommetto di sì. Bè, mi chiamavano la puttanella della scuola. -
- Complimenti. -
- Visto che gli altri sono convinti che lo fai, tanto vale scopare. Ti diverti e regali un pò di felicità a qualcuno. Io l'ho fatto anche con un ragazzo grasso che le altre schifavano, in fondo meritava anche lui la gioia di farsi una bella ragazza. -
Quando uscivano insieme lei lo prendeva sottobraccio e non lo lasciava più. E quelle carezze sulle braccia, sulla schiena, quegli sguardi complici...Una sera si presentò al buio nella sua stanza. - Dormi? Io non ci riesco, questo temporale, ho il terrore dei temporali. Posso restare qui finché non finisce ? Non ti do fastidio. - Si sedette sul letto. La mattina dopo la trovò addormentata al suo fianco, con un'espressione da bambina sul viso. La sera si ripresentò.
- Stasera non piove - disse lui con sarcasmo.
Rispose: - Pensavo che non c'è niente di male se dormiamo insieme. Sai, sono un pò scomoda su quel divano -
- Te l'ho detto dall'inizio che avrei dormito io lì. Scambiamoci i posti, allora -
Si alzò e andò a dormire in soggiorno. La mattina dopo lei aveva gli occhi arrossati e un estraneo avrebbe giurato che lui, evidentemente, si era comportato molto male.
- Perchè fai così? Io vorrei solo un pò di affetto -
- Ti aspetti uno strano affetto da parte mia. Chissà che cosa penserebbe la donna delle pulizie notando che solo il letto è disfatto -
- Ti preoccupi di lei e non di me? Io ti voglio così bene e tu invece... -
Riprese a raccontare le sue gesta erotiche, così assurde da sembrare possibili, in cui verità, menzogna, voglia di provocare erano talmente mischiate da rendere impossibile qualsiasi convinzione. Ora era l'avventura di una sera con il padre quarantenne di una compagna di studi, ora la notte saffica con un'amica del cuore, ora dei frettolosi rapporti orali e manuali nei bagni della scuola. Una volta sostenne di avere avuto rapporti con un tredicenne.
- Non lo raccontare in giro che ti mettono in galera -
- Ero ancora minorenne anch'io, ne avevo diciassette -
- Potevi passarci un guaio lo stesso, sempre che sia vero -
- Certo che è vero, cosa credi? Vuoi sentire come è andata? -
- No, non mi interessa -
- E' per farti capire che non credo che mi avrebbe mai denunciato. Ero a casa di un'amica per studiare insieme e c'era questo ragazzino, suo fratello. Io ero in minigonna e questo qui mi guardava le gambe, poi suona il cellulare della sorella, era il suo ragazzo e quando parlava al telefono con il ragazzo quella ci stava almeno mezz'ora, esce sul terrazzo a parlare, allora dico al fratellino:" Hai finito di fissarmi le gambe?". Lui diventa tutto rosso, allora gli faccio:" Ce l'hai la ragazza?". Dice di no. "Ne hai mai baciata una?". Ancora no. Allora avvicino le mie labbra alle sue e lo bacio, gli tiro fuori la lingua e gliela succhio golosamente. Poi gli dico:"Dov'è il bagno?". Mi ci accompagna, io lo tiro dentro con me. A questo punto... -
- A questo punto puoi anche cambiare canale -
- Guarda che quando uscimmo dal bagno lui era ancora vergine, in senso stretto diciamo, io lo avevo solo aiutato a non fare certe cose da solo. Quando la sorella finalmente tornò nella stanza avevamo l'aria più innocente del mondo. -
Una sera si vestì con degli hot pants scosciatissimi e un top a coprire il seno.
- Esci? Dove vai ? -
- A rimorchiare un ragazzo, visto che qui non si combina niente -
- Così conciata ti scambieranno per una professionista -
- Meglio, tanto già lo pensi che sono così e visto che gli altri lo pensano...-
- Tanto vale scopare -
Uscì. Restò a guardarla dalla finestra. Ragazzi che passavano in auto o in moto le lanciavano fischi e complimenti osceni. Dopo pochi minuti la vide risalire. Aveva gli occhi di nuovo rossi.
- Contento? E' stato un bluff -
- Lo sapevo. Tu sei tutta un bluff -
Il giorno dopo girava per casa con addosso solo lo slip, i piccoli adorabili seni scoperti.
- Non hai più reggiseni ? -
Non aveva risposto, ancora imbronciata dalla sera prima.
- Quando pensi di tornare a casa ? -
- Mi cacci via ? -
- E' solo per sapere -
Lo fissò. - Perchè non vuoi? - gli chiese con una voce dolcissima.
- C'è bisogno di rispondere ? -
- Provami una sola volta, poi me ne vado. Io so come soddisfare un ragazzo -
- Puoi soddisfare tutti i ragazzi del mondo ma non me -
- Per me sei come tutti gli altri, anzi... a te voglio molto più bene. E poi credi che non mi sia accorta che quando ti racconto le mie storie ti ecciti? Anche adesso che mi vedi praticamente nuda è evidente che ti si sta...Perchè non ti lasci andare per una volta, solo una volta? -
Gli si strinse addosso e lo baciò. Lui era più forte, avrebbe ancora potuto respingerla ma non lo fece. Rispose all'abbraccio e al bacio.
- Finalmente, dai, strappamele via -
Si avvinghiò a lui, sembrava un koala. La sollevò e la portò sul letto. Lui si spogliò, lei sorrise quando gli vide il membro eretto.
- Ma come facevi a resistere, eh ? - gli chiese e poi gli fece un pompino favoloso, forse non erano tutte balle quelle che aveva raccontato. Lui la penetrò con forza mentre lei gridava una serie infinita di sì. Stette attento a non venirle dentro, lo tirò fuori giusto in tempo e gli schizzi di sperma la colpirono sul viso e sul petto. Allora glielo prese e lo ripulì con la lingua, bevendo le ultime gocce rimaste. Lo prese per mano e lo condusse in bagno per fare la doccia insieme.
La mattina dopo sul tardi, erano nudi sul letto. Lei dormiva ancora. Suonarono alla porta, lui già sapeva chi era. Aprì.
- Ciao -
- Ciao -
- Dov'è ? -
- Sta dormendo -
- A quest'ora ? -
La portò in camera da letto. Vide il corpo nudo della ragazza, il letto disfatto da entrambe le parti. Cambiò colore.
- Che significa? Voi...dormite insieme...io avevo una sensazione di... - Si portò una mano al petto, le lacrime iniziarono a uscirle in mezzo ai singhiozzi. La ragazza si svegliò, si pulì gli occhi, quello che vide la fece sobbalzare. Si ricoprì alla meglio.
- Mamma, che ci fai qui ? -
La madre iniziò a colpirlo, lo schiaffeggiò una, due volte, lui non si difese.
- Che cosa le hai fatto, che cosa le hai fatto ? -
- Mamma, smettila, non mi ha fatto niente che non volessi, anzi sono stata io a volerlo ! -
- Ma che dici cretina, siete fratelli ! -
- Quando facciamo l'amore non siamo figli della stessa madre ma un ragazzo e una ragazza come tanti che si desiderano -
- Ma ti sei bevuta il cervello! E tu ieri mi hai chiamato per questo, eh? Volevi che vedessi lo spettacolo, i propri figli che scopano insieme! Ti sei vendicato di me, finalmente, mi hai sempre odiata, lo so, ti ho abbandonato quando avevi cinque anni perchè suo padre non ti voleva con noi, ti ho lasciato con quelle stronze di mia madre e mia sorella che non erano in grado di crescere nemmeno un gatto e ti hanno fatto passare un'infanzia di merda. Ho pianto tante notti pensando a te e ora ti sei vendicato. Ti sei scopato tua sorella solo per farmi morire -
- Mamma, stai dicendo solo sciocchezze, guarda che sono io che l'ho provocato in tutti i modi, lui non voleva... -
- Ah, poverino, non voleva! Un vero fratello ti avrebbe mandato subito via o mi avrebbe chiamato il primo giorno per farti riportare a casa. Ha approfittato della tua idiozia, tu lo hai sempre adorato, fin da bambina gli giravi intorno e lui non ti degnava di uno sguardo, forse già pensava a questo...Tu sei malata e la tua malattia gli ha fatto comodo, scommetto che quando sei venuta da lui, aveva già tutto nella mente -
- Non è vero, noi ci amiamo, lui mi ama. Diglielo che mi ami, diglielo, diglielo ! -
Ma lui non disse nulla.

Questo racconto di è stato letto 4 7 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.