Erotici Racconti

Il dopo festa

Scritto da , il 2017-05-18, genere tradimenti

Mi sveglio tardissimo,non è da me ma stanotte ho dormito poco. Sto un po' ferma nel letto a ripensare alla notte appena passata....Ho fatto sesso con Davide,"Cazzo!",e l ho fatto in camera mia mentre le mie coinquiline,soprattutto Valeria dormi vano. Sono una stronza! Mi alzo e mi accorgo di essere sola. Vado in bagno e mi faccio una doccia,è sabato,mi sono laureata due giorni prima...dovrei fare la valigia e tornare dai miei e così faccio. Penso che farò pranzo e poi mi preparerò x tornare a casa...Ci starò fino a dopo le vacanze di Natale. Passo dalla cucina e noto un biglietto...le mie coinquiline sono tutte già partite,mi augurano buone vacanze e ci vedremo a gennaio. Mi vesto e cucino la pasta,c è solo quella. Mentre mangio suona il campanello...Penso subito a Davide,infatti è lui. Lo faccio entrare. Gli offro da mangiare ma lui ha già mangiato. Ci giriamo poco intorno e decidiamo di parlare della notte prima. Io mi scuso,do la colpa all alcool ma lui non è d'accordo. Non se la beve come ipotesi. Lui mi dice che vuole me e che è pronto a lasciare VAleria,io non sono sicura...povera vale. Con lei vado daccordo,preferisco far finta che non è successo niente. Lui non vuole e mi piomba addosso,mi stringe al muro e cerca di baciarmi.Io un po' resisto ma lui mi attrae tanto e ricambio il bacio. Mi infila le mani ovunque,io ho solo l accappatoio e in un secondo sono nuda. Mette le sue dita dentro di me e io fremo. Si tira giù i pantaloni e con l aiuto delle mie mani lo libero anche dai boxer e lo sego. Mi tira su una gamba e con la forza delle sue possenti braccia così definite mi tiene un po' in sospeso e mi penetra. È stupendo farlo appoggiati al muro. Mi prende entrambe le gambe e se le attorciglia intorno. Così sento di più. Io godo e non penso a niente,solo al momento che sto vivendo. È stanco così mi gira e mi penetra da dietro. Va forte e mi schiaffeggia il sedere,non lo vedo ma ho di sicuro la stampa della sua mano. Sono straziata e sento che sta x venire,così gli Chiedo di fermarsi. Mi giro,lo sego e quando viene bevo tutto. Ci guardiamo esausti ma soddisfatti. Nel pomeriggio lo rifacciamo un altra volta poi se ne va.Ho la Camera che sa di sesso. In terra Ci Sono due preservativi usati da buttare ed è piena di fazzoletti. Vado di nuovo a rilavarmi e poi riordino. Quando esco dalla doccia mi trovo davanti Benedetta,era andata dal ragazzo ma è tornata x prendere delle cose, mi guarda ridendo e mi dice:"non per farmi gli affari tuoi ma suppongo che alla tua festa tu abbia abbordato!". Io:"pensavo di essere sola,ora riordino....poi ti racconterò(bugia)". Per poco non ci becca,ci è andata bene.

Questo racconto di è stato letto 5 3 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.