Il nuovo vicino

Scritto da , il 2017-04-19, genere gay

Era sabato pomeriggio ed ero solo in casa.
Mi ero messo al computer e, per combattere la noia che mi stava assalendo, cominciai a cercare filmati porno gay; mentre guardavo distrattamente giovani ragazzi incularsi e ficcarselo in bocca mi presi anch'io il cazzo in mano abbassandomi completamente i pantaloni e le mutande. C'era un biondino che lo prendeva in bocca ad un nero che sapeva davvero il fatto suo e la cosa cominciò ad eccitarmi veramente. Mi tolsi completamente i vestiti restando solo con la maglietta: mi segavo a ritmo degli ansimi che provenivano dal filmato e anche il mio cazzo era già bello in tiro.
Sul più bello mi squillò il cellulare: a malincuore, presi il telefono e risposi, senza staccare gli occhi dal biondino e mentre con la mano destra continuavo a scappellarmi il gingillo.
"Ciao Gianni, sono Donato, il nuovo vicino... scusa se disturbo. Sono solo in casa e stavo cercando di collegare la TV ma non funziona. Non so se sia un problema della televisione, del decoder o dell'antenna. Riusciresti a venire con il tuo decoder per provare?"
A malincuore accettai di andare dal vicino... "Ma per chi mi ha preso? Un antennista? Che cazzo! Proprio sul più bello mi tocca smettere!"
Mi infilai solo i pantaloni della tuta, senza mutande, deciso a tagliare corto e tornare in fretta per finire il lavoretto ed accontentare il mio gingillo. Arrivato sul pianerottolo, suonai il campanello e venne ad aprirmi Donato. Era in boxer e maglietta: un boxer attillato che metteva in mostra non tanto il pacco quanto il culetto, bello sodo. Anch'io peraltro, solo con il pantalone della tuta, non facevo intuire nulla: il cazzo aveva ancora un po' di erezione ed alla vista del vicino e soprattutto del culo, ebbe un sussulto e si rialzò, spuntando in modo evidente dal pantalone.
"Scusami un secondo, vado a mettermi pure io qualcosa addosso e torno. Tu accomodati pure" e mi fece entrare in soggiorno, dove avremmo dovuto verificare il funzionamento della TV.
Mentre aspettavo, mi accorsi che sulla scrivania c'era un tablet acceso: il mio occhio cadde immediatamente sul dispositivo perché anche se l'audio era abbassato, scorrevano immagini simili a quelle che stavo guardando io qualche minuto prima. Donato, mentre mi stava chiamando, stava guardando anche lui un film porno gay! I protagonisti erano due uomini sulla quarantina che nudi su un letto scopavano animatamente. Mentre guardavo goduto il filmato e il mio cazzo era nuovamente in tiro anche senza che me lo fossi scappellato, non sentii Donato arrivarmi da dietro. Mi voltai e lo trovai che mi fissava divertito: era completamente nudo.
"Lo sapevo che saremmo andati d'accordo" mi disse, e si avvicinò mordicchiandomi un orecchio, mentre con una mano prese ad accarezzarmi il cazzo da sopra il pantalone.
L'imbarazzo iniziale per l'essere stato beccato a sbirciare i suoi filmati porno e il vederlo nudo, svanirono all'istante e mi abbassai il pantalone facendo uscire il cazzo che scattò come una molla. Senza dirgli nulla, Donato si mise immediatamente in ginocchio davanti a me e si mise il mio cazzo in bocca cominciando a leccarlo e a succhiarmelo avidamente.
Io gli accarezzavo i capelli e massaggiavo i lobi delle sue orecchie e lui succhiava il mio cazzo, poi scendeva a leccarmi e a mettersi in bocca le palle, per poi risalire sbaciucchiando e leccando la verga nella sua lunghezza fino alla cappella che si rimetteva in bocca.
Dopo qualche minuto si alzò e mi prese per la maglietta portandomi di corsa in camera e ci buttammo sul letto. Mi spogliai nudo anch'io: non che avessi ancora molto di indossato. I pantaloni erano abbassati alle caviglie da almeno 5 minuti, gli slip erano rimasti a casa, la maglia me l'ero tolta mentre Donato mi succhiava il cazzo: restava una magliettina slabbrata che mentre Donato mi tirava verso la camera da letto si strappò.
Nudi entrambi sul letto, non riprese subito a succhiarmi, ma si mise di fianco a me e mi sussurrò: "Sono settimane che voglio questo, ma non sapevo come fare... speravo tanto di non essermi sbagliato e di poter essere il tuo amico speciale"
"Come facevi a sapere che non ti avrei riempito di botte e mandato a fare in culo?"
"Anche se nessuno lo sa, sono un esperto.... lo riconosco un uomo che non guarda in faccia nessuno e scopa qualsiasi cosa gli passa accanto. E' dal primo giorno che ti ho visto che ho questa sensazione e oggi ho voluto rischiare" e mentre diceva questo, tornò ad avvicinare la bocca ai mio cazzo tirando fuori la lingua e passandomela ben bene sui coglioni e scendendo a succhiare verso l'ano.
Sapeva il fatto suo Donato: massaggiava bene il cazzo con la bocca, mentre con le mani stringeva i coglioni per farli comprimere bene, poi allentava e si ficcava tutto il cazzo fino in gola. Ad un tratto, mentre lui era chino su di me con il mio cazzo in bocca, gli strinsi le gambe intorno al collo e con i piedi gli abbassai la testa facendogli arrivare il cazzo fino alla gola. Ebbe un conato di vomito, forse più per la sorpresa, perché senza togliere il cazzo dalla bocca, lasciò andare un po' di saliva sul mio pube e tornò a succhiare avidamente. Sentivo la sua ugola stuzzicare la mia cappella, mentre la lingua mi grattava il pene alla base.
"Prendi un preservativo che ti scopo" gli dissi. Ero arrapatissimo e quella gran troia mi aveva fatto infuocare il cazzo a tal punto che volevo scopargli il culo senza pietà.
Non se lo fece dire due volte: prese un preservativo che aveva già preparato in un angolo del comodino e mentre me lo passava affinchè me lo infilassi, si spalmò una bella dose di crema sul buco del culo, prima di mettersi a pecora e di invitarmi a salire su di lui.
Accettai l'invito immediatamente e gli infilai il mio palo direttamente nel culo senza troppi preavvisi. Ebbe un sussulto ed un gemito, ma poi mi invitò a spingere di più ed a scoparlo con forza. Era una troia scatenata ed io avevo intenzione di domare quella puledra. Tirai fuori il cazzo dal culo e gli picchiai le natiche molto forte da lasciargli il segno della mia mano. Si girò con aria di stizza, ma non arrabbiato, più eccitato.
Presi la maglietta che lui mi aveva strappato, l'arrotolai e gliela passai in bocca, tenendola con una mano come se fosse una briglia e lui la mia cavalla. Con l'altra mano, mi presi il cazzo e lo infilai nuovamente nel suo culo salendogli, per quanto possibile, in groppa, prendendo a cavalcarlo ed a tirare con le due mani la maglietta ad ogni colpo di reni.
Piaceva anche a lui questa idea, perchè mentre io tiravo la briglia e spingevo il cazzo dentro, lui inarcava la schiena, favorendo lo scivolamento del mio pene nel suo sfintere.
Cavalcammo così per qualche minuto, poi mi disse: "Voglio che mi finisci mentre ci guardiamo. Voglio vedere mentre godi!".
Uscii da lui, si girò verso di me, alzando le gambe in alto per favorire nuovamente l'ingresso del mio cazzo nel suo culo. Fu quello il momento in cui per la prima volta vidi il suo cazzo: non molto lungo, ma ben fatto, non storto o piegato. Nonostante l'eccitazione di entrambi notai che non era particolarmente in erezione. Tornai a guardare lui e il suo ano che aspettava il mio palo. Il mio cazzo era bello duro e rosso per l'eccitazione e lo sfregamento: il preservativo ormai non aveva più alcun olio; l'unico lubrificante erano le secrezioni del culo di Donato. Presi il tubetto di olio crema che si era messo nel culo prima e ne misi un po' sul preservativo, massaggiandolo con le mani.
Poi cominciai a bussare nel culetto per farmi aprire nuovamente. Non fu difficile, la porta era aperta e il mio passepartout non aspettava altro che entrare. Non volevo però scopare e basta, avevo voglia di giocare un po'. Così cominciai ad entrare, spingendo fino in fondo il cazzo per poi tirarlo tutto indietro fino ad uscire, aspettando che il buco del culo di Donato si richiudesse un po'; allora tornavo a spingerlo tutto dentro fino alle palle lentamente e tirarlo indietro tutto piano piano.
Andai avanti così per un po' finchè vidi che il culo di Donato non si chiudeva più mentre restavo fuori, allora mi avvicinai con la bocca e ci soffiai dentro. L'ano si richiuse immediatamente e Donato ebbe un sussulto al pene simile ad un'erezione. Tornai a spingere dentro il mio cazzo fino in fondo ed a estrarlo subito dopo lentamente: l'ano rimase nuovamente aperto attendendo il ritorno del palo, ma io mi avvicinai nuovamente e ci soffiai dentro facendolo richiudere all'istante.
Dopo qualche ripetizione di questo giochetto, il cazzo di Donato si irrigidì: presi in mano il mio bastone duro e pieno di voglia e glielo diedi sui coglioni un paio di volte. Lui ebbe un sussulto e un gemito, ma non mi disse nulla, anzi aspettava che io lo colpissi provocandogli dolore e piacere.
Un paio di colpi in ripetizione e vidi il suo cazzo spruzzare sperma sui pochi riccioli del pube. Infatti, a differenza di me, lui non era completamente depilato: peletti corti, lisci e sottili coprivano il pube. Ora che aveva sborrato non potevo più perdere tempo, altrimenti non avrebbe più goduto al massimo: sputai sul preservativo e infilai tutto il cazzo dentro il suo culo spingendo il più possibile avanti ed indietro. Ci guardavamo: vedevo che lui godeva e lui vedeva me all'apice del godimento cercare di non fermare quel piacere intenso. Le mie palle sbattevano sulle sue natiche ad ogni colpo e lui ansimava sempre più forte dal piacere. Diedi ancora qualche spinta e anche il mio guerriero decise di sprizzare tutta la panna che ormai da mezz'ora stava montando. Urlai così forte dal piacere che mi stupii io per primo: un piacere intenso, un urlo liberatorio, mentre la sborra riempiva il preservativo.
Il suo ano succhiava il più possibile favorendo la venuta e lo svuotamento del mio cazzo. Tirai fuori il cazzo dal suo culo e lui mi si avvicinò immediatamente, togliendomi il preservativo e pulendo il mio bastone con la lingua. Io, che ero ancora in ginocchio sul letto, mi lasciai cadere, coricandomi al suo fianco. Lui si tirò su, avvicinandosi al mio pube per continuare a succhiare il mio membro.
Succhiò per qualche minuto finchè il mio cazzo non tornò nuovamente in erezione, poi si staccò e mi disse "Promettimi che mi scoperai ancora!" e mi mise la testa sul petto.
Restammo diversi minuti così: lui accarezzava il mio petto ed io i suoi capelli, finchè il mio cazzo stanco perse completamente l'erezione. Mi vestii e tornai a casa mia, soddisfatto e appagato.
Avevo trovato uno scopamico con i fiocchi!


Questo racconto di è stato letto 5 8 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.