Prime esperienze a scuola

Scritto da , il 2017-03-10, genere prime esperienze

Riverso qui tutte le mie prime esperienze, in modo catartico!
Avevo dei dubbi quando mia madre mi segnò all'Istituto Magistrale...troppe femmine, troppe invidie, troppe troiette e pochi maschi. Avevo da poco conosciuto le piccole gioie del sesso con la masturbazione, insegnatami da mia cugina maggiore e le leggere avventure con i compagni del paese al mare, trovarmi in un liceo quasi tutto femminile fu una delusione. Comunque, qualche maschietto c'era e veniva litigato tra tutte le 200 femmine della scuola!Facevamo a gara per essere le loro "fidanzatine", approfittando in realtà dei loro focosi piselli per fare esperienze sessuali!
Le mie compagne mi tormentavano con i loro desideri sessuali, i loro sogni e le loro "prime volte". I loro racconti mi stimolavano a emularle, con la mia compagna di banco Elena puntammo Franco e Carlo, due ragazzi dell'ultimo anno, e iniziammo a corteggiarli. Ovviamente i due fusti pieni di ormoni ci caddero tra le braccia; ci scambiammo un biglietto in palestra, dandogli appuntamento nel bagno dell'ultimo piano alla ricreazione. Entrammo nel bagno con loro ridendo e scherzando, ma evidentemente imbarazzate e subito i maschi iniziarono a volerci baciare, io e Elena facemmo le ritrose ma appena Carlo mi mise le mani in mezzo alle cosce mi squagliai di eccitazione,ficcandogli la lingua in bocca rudemente! Anche Elena, vedendomi cedere, si lasciò andare a Franco, e ci ritrovammo tutti a pomiciare.Le loro mani si infilarono ovunque,entrambi avevamo le gonne, da brave bambine, e delle magliette aderenti che risaltavano le tettine adolescenziali! Carlo mi raggiunse la patatina e mi masturbò con prepotenza,trovandomi già tutta bagnata, il suo dito si infilò maldestramente dentro di me, io lo strinsi forte al mio petto sentendo i capezzoli indurirsi. Anche Elena era in preda a Franco, che la baciava focosamente e le metteva un dito dietro nel culetto, facendola gemere come una troietta in calore. Io e Elena cercammo di tirare fuori i loro cazzi gonfi e duri da dentro i jeans,ma eravamo ancora inesperte e impacciate, quindi i maschi si slacciarono tutto e si tirarono fuori dalle mutande i rispettivi piselli, fieri e beffardi...ci presero le manine e ci misero dentro i cazzi, invitandoli a fargli una sega. Io ero già pratica con mio fratello, che masturbavo spesso la sera nella nostra cameretta, quindi iniziai a segare Carlo con suo pieno compiacimento "hai capito la puttanella...sa già il fatto suo, e brava Marinella!!" mentre Elena era un pò impacciata, avendo masturbato pochissime volte un uomo. Comunque i maschi erano contenti,i loro cazzetti ci crescevano in mano,le cappelle erano belle gonfie e rosse,noi ci guardavamo contente...ma dovevamo fare in fretta, la ricreazione stava per finire. Carlo mi fece abbassare in ginocchio, spingendomi a forza sulle spalle "dai, adesso fate qualcosa in più...avete mai fatto un pompino?" io non risposi per la vergogna ma accettai di inginocchiarmi ed Elena fece lo stesso. Ingoiai quel giovane cazzo,dal sapore fresco e intenso,iniziando a succhiarlo e leccarlo come un buon gelato,sentendo che si induriva sempre più nella mia bocca.Ogni tanto guardavo in alto Carlo che godeva e sorrideva soddisfatto e poi guardavo Elena, accanto a me con il pisello di Franco in bocca, che lo succhiava e ciucciava come una bambina,perdendo saliva dagli angoli della bocca, e lui che la sollecitava tirandola per la testa, prendendola in giro "dai Eelena, succhia bene...sei proprio imbranata, vuoi fare la femmina e non sai fare i bocchini come si deve! Vedrai come impari bene con noi...dai succhia, succhia bene!" era una scena bellissima! Carlo guardò l'orologio "cazzo è tardi...dobbiamo rientrare in classe, dai sborriamo in bocca a queste due zoccolette e andiamo..." quindi mi prese la mano e mi fece impugnare il cazzo "dai mary, fammi pure una pippa così vengo prima...dai, dai...succhia a fondo" e lo stesso fece fare Franco a Elena. I due ragazzi divennero rossi in viso, ansimavano, i loro cazzi fremevano dall'eccitazione e io e Elena aumentammo il ritmo della pompata e la velocità della mano...finchè i due non gemettero insieme "oooohhh cazzo eccomi eccomi, sto sborrando, sto sborrando...." mi tenni il pisello stretto in bocca, avendo saputo dalle altre amiche più esperte che agli uomini piace eiaculare nella bocca della donna, andai avanti veloce e aspettavo il fatidico momento! Anche Elena faceva lo stesso, imitandomi, e chiuse gli occhi aspettando l'inevitabile come impaurita. Carlo mi tenne la testa e gemette, un fiume caldissimo e appiccicoso di liquido mi invase la bocca...d'istinto mi staccai, un fiotto di sborra mi colpì in viso, poi ripresi in bocca il cazzo e il resto dello sperma mi invase la gola...era aspro...Carlo godeva dentro di me,le sue mani mi strinsero i capelli, il cazzo faceva il pistone dentro la mia bocca virginale, la cappella mi accarezzava le labbra, riuscì a ingoiare quasi tutto lo sperma, il resto lo tenni in bocca...era tutto bellissimo! Elena non riuscì a fare lo stesso, si tirò fuori il pisello dalla bocca e Franco le sborrò in faccia, sulla maglietta, sui capelli, il suo cazzo era un idrante...poi lo rimise in bocca e qualche fiotto lo ingoiò!
Dissi a Elena, con fare da esperta "continua a masturbalo, gli piace così a loro...fallo uscire tutto il liquido, fai come me..." e masturbammo i due ragazzi ancora un pò favorendo la fuoriuscita di sperma all'ultima goccia sulle nostre manine dalle unghie laccate di rosa fucsia! Carlo e Franco, finito l'orgasmo, si rimisero i piselli nei jeans e veloci, senza nemmeno salutarci, uscirono e rientrarono in classe, lasciandoci così in ginocchio sul pavimento del cesso! Ci sentivamo due puttane, ma eravamo fiere dei nostro pompino a scuola. In bocca avevamo i sapori di sesso e sperma dei nostri maschi...ci sciacquammo il viso e la bocca, Elena si pulì i capelli e la maglietta, ma le macchie un pò rimasero e si capiva che gli avevano sborrato addosso. Ma comunque rientrammo in classe, fiere della nostra esperienza e orgogliose di raccontarla alle compagne. Tornata a casa, ancora eccitata al ricordo, mi sdraiai sul letto, nella penombra della cameretta, e mi infilai la manina sotto la gonna, tra le mutandine e mi masturbai, immaginando di essere scopata da Carlo, sul mio lettino da adolescente, con il suo bel pisellone e mi prendeva in tutte le posizioni insegnandomi a fare l'amore per bene...il mio ditino si muoveva veloce sulla rosea clitoride, bagnato di umori vaginali, e faceva un timido "dentro e fuori" dalla micetta...ancora avevo un pò di paura a penetrarmi! Un fremito mi scosse violenta, i seni si indurirono, gemetti mordendo il cuscino e l'orgasmo mi pervase tutto il corpo! Mi accarezzai la fichetta aspettando di calmarmi e lentamente mi godetti quel momento magico. Nei mesi successivi io e Elena, ma anche con altre compagne di classe, facemmo altre meravigliose esperienze sessuali grazie ai pochi ma disponibili ragazzi del nostro liceo, ma ve lo racconterò in altri momenti!! Beata gioventù...

Questo racconto di è stato letto 1 8 5 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.