Erotici Racconti

Violentata nel garage

Scritto da , il 2017-01-04, genere dominazione

Una donna si trova da sola vicino alla sua auto in un garage deserto. La violenza che subirà la farà godere contro la sua volontà.

Accidenti questa macchina anche stasera mi fa diventare matta il motorino d'avviamento gira vuoto, la voglia di andare a casa dopo dieci ore d'ufficio è tanta.
Guardo l'orologio, sono le otto, Sandro e Michela mi staranno aspettando ed io sono qui con questa stupida auto che non ne vuole sapere di partire.
Il parcheggio sotterraneo è deserto ed anche il cellulare non ha campo. Accidenti, impreco come uno scaricatore di porto. Sento montare il nervoso poi faccio un respiro lungo e cerco di ragionare e razionalizzare la situazione.
I passi cadenzati mi fanno girare vedo un ragazzo venire dalla mia parte. Tiro un sospiro di sollievo.
Lo chiamo e il giovanotto mi si avvicina. Sento che questo è un vero colpo di fortuna al limite gli chiederò un passaggio.
“Qualche problema signora?”.
Gli dico l'inconveniente e con aria severa lui mi guarda dritto negli occhi estrae una pistola e dice: “Se provi a gridare stasera non torni a casa!”
Le sue parole mi paralizzano, un brivido di paura sale su per la mia schiena. Faccio un lungo sospiro, tento di mantenere la calma.
Ma comincio a tremare dalla paura.
L'uomo si posiziona alle mie spalle e da dietro mi sussurra: “Brava, devi stare calma e vedrai che non ti succederà nulla di brutto”.
Quella frase, il tono... mi fa pensare male, percepisco un lieve doppio senso che mi fa propendere al peggio.
Non voglio pensarci, fingo che non sia successo nulla e continuo a rimanere immobile, mentre dalla paura il cuore nel mio petto ha accelerato i battiti e sembra voglia scoppiare.
Sento il suo corpo aderire al mio da dietro. Quello che prima era un terribile sospetto ora sta diventando un'atroce realtà.
“Sei sposata?”
Alla mia risposta affermativa aggiunge: “hai dei figli?”
“Si una di quindici anni”.
“Come ti chiami”.
“Licia”.
“Sai che sei davvero bella...Licia” mi sussurra all'orecchio.
Sono terrorizzata dalla paura e il solo pensiero di essere alla mercè di uno sconosciuto armato mi fa impazzire.
Una mano mi palpa da sopra il vestito e s'incunea fra le mie gambe sul davanti sollevando il tessuto fino alle cosce, mi sento raggelare il sangue è evidente quello che vuole da me.
Con voce tremolante lo imploro: “La supplico sono una mamma mi lasci andare via la scongiuro”.
Sento la sua mano appoggiata sul mio inguine.
La paura di venire violentata mi fa sentire vulnerabile, non connetto più razionalmente, un ronzio risuona nella mia testa e comincio a valutare se lasciarmi andare per fare finire al più presto questa situazione oppure reagire lottando per un sopruso che non accetto minimamente.
Ora la sua mano si è intrufolata sotto l'abito, il contatto della sua mano sul nylon dei collant mi provoca un moto di stizza e quando le dita strappano la leggera trama del tessuto per accarezzare la mia pelle nuda, un brivido di rabbia mi scuote tutta.
I suoi polpastrelli accarezzano la parte delicata e vellutata del interno coscia e si fermano soltanto quando raggiungono il tessuto delle mutandine.
Sento che sto per essere violentata, la rabbia il nervoso sfociano in un pianto sommesso.
Provo a convincerlo di non farmi passare questa vergogna con la promessa di denaro, ma la realtà non cambia.
Piango silenziosamente mentre la sua mano ora massaggia con veemenza il mio sesso attraverso la stoffa degli slip.
Provo ribrezzo ad essere trattata come un giocattolo, ad essere usata da questo delinquente, ma so che non posso sottrarmi a questa tortura.
Chiudo gli occhi e cerco di trattenere il pianto.
Il movimento della sua mano continua imperterrita a scorrere avanti e indietro sulle labbra della mia vagina e questo mi provoca un eccitazione crescente, anche se indesiderata e non voluta.
Il tassellino delle mutandine si sta inzuppando di umori.
Spero con tutta me stessa che il ragazzo non se ne accorga.
La vergogna che provo per quello che mi sta succedendo e per l'inaspettata resa del mio corpo davanti al mio violentatore mi provoca turbamento.
Inaspettatamente sento che il maiale allenta la presa, ma capisco subito che non riguarda un suo ripensamento bensì sta cercando la soluzione migliore per penetrarmi con una mano, mi spinge verso il cofano dell'auto e mi fa piegare su di esso.
Non ci sono alternative mi sottometto al suo volere... e ho smesso di piangere.
Le sue mani mi hanno sollevato il vestito oltre la vita, con sadismo e cattiveria le sue dita artigliano il bordo alto del collant e lo calano verso il basso fin sotto le ginocchia, le mutandine di pizzo regalo di mio marito per il mio 35 compleanno vengono stracciate con un rumore secco e cosi anche l'ultima difesa a protezione del mio sesso viene abbattuta.
Non essendoci più alcun ostacolo a difesa della mia femminilità, mi aspetto da un momento all'altro il suo attacco decisivo. Ma mi rendo conto che il giovanotto non ha alcuna fretta di consumare la sua violenza.
Vuole giocare con me il porco.
Vuole che io viva quest'incubo il più a lungo possibile.
Un dito sfiora con un movimento rotatorio l'ingresso della mia vagina. Il maiale ride, si diverte, gioca con i peli del mio monte di venere, per poi improvvisamente incunearsi dentro la mia pancia alla ricerca del clitoride.
Il suo tocco mi eccita e, contemporaneamente, una profonda vergogna mi porta alla realtà.
Cristo mi sta violentando il maiale.
Involontariamente dalla mia bocca esce un gemito forzato di piacere, il ragazzo mi guarda e sorride compiaciuto.
“Mi sembra che cominci a piacerti dolce signora. Vedo, cara puttanella, che non sei indifferente alle mie mani” mi dice soddisfatto.
Il suo sarcasmo suona come un insulto, ma non reagisco, non voglio dargli nessun appiglio per farmi del male. La sua voglia potere su di me è più che evidente, vuole sentire la paura dentro me perché questa è la benzina che gli da la forza di sentirsi superiore.
Mentre continua imperterrito nella sua opera di penetrazione della mia fessura, la sua bocca si avvicina al mio collo, le sue labbra si posano sulla pelle delicata e, quasi a voler rimarcare il suo possesso su di me, mi lascia un vistoso succhiotto.
Mentre un lacrima scende dalle mie gote chiudo gli occhi per scacciare questa ennesima umiliazione.
Il mio sesso è già abbondantemente bagnato e i miei succhi imbrattano le sue dita. Mi lascio sfuggire un gemito di piacere e vorrei evitare di farmi vedere coinvolta in un rapporto non desiderato. Ma invece mi ritrovo a provare piacere alle sue carezze e, data la situazione, la mia latenza perversa e masochista esplode in tutta la sua singolarità.
Le sue carezze diventano sempre più pressanti, sento il mio corpo abbandonarsi e rispondere alla manipolazione con contrazioni e sussulti, la mia soglia del piacere sta montando, gradatamente.
Una carezza più decisa delle altre mi fa emettere un forte gemito di piacere.
La voce del ragazzo mi sussurra: “brava mammina stai godendo......... ho piacere ma vedrai come godrai quando la mia verga entrerà in te”.
La sua frase e tagliente ed offensiva come una lama, ma sono troppo prostrata per reagire. Lo lascio parlare, tanto so già a cosa vado incontro, mentre la sua mano continua a masturbarmi facendomi sentire sporca e colpevole.
Lo sento armeggiare dietro me e ho il sospetto di capire cosa sta combinando.
La sua mano ha lasciato il mio inguine, si è chinato, la sua lingua sta leccando il mio l'orifizio anale.
La sua decisione di assaporare il mio sesso diventa subito lampante, mentre con una mano mi afferra una caviglia per evitare che io possa scappare. La sua bocca s'incunea fra le mie gambe e la sua lingua percorre la mia fessura leccandola, succhiando i mie umori vaginali con avidità, la penetra, ne segue ogni anfratto, aspirando e stuzzicando con abilita il mio clitoride ormai allo stremo da questo trattamento.
Non resisto, è un porco, ma è tremendamente bravo e mi scopro sempre più vogliosa e troia.
Sento che sta arrivando il momento della “vera” violenza. La pressione sulle labbra della mia vagina mi fa intuire che il suo pene sta per violare la mia fessura.
Per l'ennesima volta lo supplico di non farmi questo, ma so già che sono parole gettate al vento.
La sua voce ora è più calma più tranquilla e quasi con dolcezza mi dice: “Licia siamo arrivati a questo punto voglio godere dentro di te vedrai piacerà anche a te”.
Sento il suo membro aprirsi la strada dentro di me, le grandi labbra della mia vagina si schiudono come un ostrica e il suo pene viene lubrificato dal mio prodotto vaginale in abbondanza.
Il suo inguine aderisce alla pelle del mio sedere e sento i suoi testicoli urtare le mie cosce.
Il piacere che sto provando è enorme, il mio stupratore si muove con abilità, con movimenti cadenzati e lenti, il godimento che provo mi svuota la mente da ogni altro pensiero.
Passano i minuti e il suo movimento è diventato più irruento, mi sta possedendo con la foga e l'ardore di un ragazzo poco più che ventenne.
Il suo membro s'incunea dentro la vagina sempre più in profondità, i nostri corpi si urtano con un rumore sordo e cupo.
Mi artiglia i fianchi e sono sballottata come una bambola di pezza a destra e a sinistra, sento dentro di me aumentare il godimento, vengo risucchiata dal vortice dei sensi e i miei gemiti aumentano d'intensità, marciando di pari passo con il ritmo sempre più cruento del ragazzo.
Ma ecco il suo corpo s'inarca si tende...... l'orgasmo del mio violentatore marcia di pari passo con il mio..... lo incito a scoparmi ancora più animalescamente voglio che mi spacchi l'utero voglio che mi sventri sono troppo eccitata urlo dal godimento: “Spaccami!! Rompimi!! Sono una Puttanaaaa!!! mi stai violentando e godo come una vaccaaa!!!! Sfondami”.
Per dio, al primo orgasmo ne segue subito un altro fino a quando un urlo disumano mi avverte che il mio stupratore sta venendo dentro me.
Nooo!!! accidenti Nooo!!! non può venirmi dentro, non sto prendendo nessuna precauzione e per giunta sono nel periodo dell'ovulazione, cerco di spostarmi lateralmente ma le sue mani bloccano il mio bacino e i fiotti caldi di sperma riempiono totalmente il mio utero.
Spossata e distrutta mi accascio per terra. In un attimo il ragazzo si alza si sistema gli abiti, mi si avvicina e mi sussurra: “per il tuo bene e quello di tua figlia, per ora vergine, stasera non è successo nulla. Ricordati so dove abiti”.
Con lentezza mi alzo sistemo alla meglio il vestito, getto via i collant e le mutandine lacerate e piano piano, intontita, risalgo la rampa del garage avviandomi verso l'uscita.
Dio, non avevo mai goduto così tanto.

Per fare quattro chiacchiere: evoman@libero.it

Questo racconto di è stato letto 6 6 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.