Ho voglia di un caffè-Le storie di Laila

Scritto da , il 2016-12-31, genere etero

Stazione di Ancona. Mi chiamo Laila R.
Sono le 5,30 della mattina e mi trovo sola nella sala d’attesa della stazione. E’ inverno. Mi accorgo che il freddo è veramente pungente; un vento di tramontana soffia da sotto le porte della sala d’attesa e penetra all’interno della stanza, riscaldata a malo modo con vecchi sifoni, provocando una strana sensazione di caldo e freddo insieme.
Mi sono vestita poco, pensando che sul treno e in stazione la temperatura fosse più accogliente, ma evidentemente avevo sottovalutato l’efficienza delle nostre ferrovie italiane.
Sto partendo per Roma per lavoro e non potevo vestirmi diversamente; questa camicetta nera, di seta, mi imbarazza non poco. Sento che il freddo mi fa inturgidire i capezzoli provocandomi un leggero dolore. I miei oltretutto sono molto sporgenti, carnosi di un caldo color cioccolata.
Anna mi dice che assomigliano a due mozziconi di sigaretta e proprio per la sua forma le piace mordicchiarli fino a farmi male.
E’ incredibile come le sue mani e la sua bocca riescano a fare così tanti miracoli sul mio corpo.
Fin da piccola ho provato imbarazzo, durante gli allenamenti di pallavolo e nelle docce del dopo partita, a mostrarli proprio per la loro irruenza e forma. Sono diritti e duri.
Non è la prima volta che mi succede che i brividi di freddo elettrizzino così tanto il mio corpo, anzi tutte le volte che mi capita mi trovo in situazioni in cui invece devo mantenere il self control.
Tre mesi fa, ricordo, durante una riunione con i colleghi del reparto R&D, la temperatura si è abbassata di colpo per un guasto al condizionatore e Alberto, un caro amico e collega liceale, si è accorto immediatamente che i miei capezzoli si stavano indurendo per effetto del cambio di gradi; mi stava proprio di fianco e non poteva non accorgersene. Non che non se ne fosse mai accorto ma si stava soffermando più del dovuto sulla mia scollatura durante l’incontro, provocandomi non poco imbarazzo. Stava guadando la camicetta aperta che lasciava ben poco spazio all’immaginazione, essendo lui in una posizione privilegiata. Il mio seno piccolo non sopporta il reggiseno e tante volte non lo metto neppure per praticità ma in effetti, in questa occasione, un po’ di attenzione era necessaria.
Sentirmi osservata è una sensazione che non mi appartiene - anzi preferisco la riservatezza - ma in quell’occasione Alberto si stava dimostrando molto attento nonostante non fossimo soli nella stanza.
Attenzioni che stavano diventando morbosità sfiorando l’invadenza.
Mi stava mettendo in forte disagio nei confronti dei colleghi anche se, non lo nascondo, questa situazione di essere costantemente osservata (e desiderata) mi stava facendo salire un’eccitazione senza precedenti.
Alberto, che conosco fin dai tempi del liceo, è un caro amico oltre che collega. Si è sempre dimostrato molto vicino e sensibile anche dopo la mia storia tragica con Riccardo ma mai, come in quell’occasione della riunione della scorsa settimana, si è rivelato così audace nei miei confronti.
A suon di occhiate gli feci capire che doveva piantarla.
- Smettila Alberto, stai superando il limite- gli dissi sottovoce, ma con fermezza, incrociando le braccia per evitare altri sguardi.
- Scusami Laila, ma non posso farne a meno- disse.
- Sei bellissima oggi, li voglio mordicchiare i tuo capezzoli color cioccolata - disse, lasciandomi basita.
Fui presa in quell’istante da una scossa che pervase tutto il corpo mandandomi in estasi al solo pensiero che si concretizzasse una qualsiasi situazione piccante con lui dopo le sue frasi così esplicite.
Oramai la riunione, noiosa e triste, aveva lasciato spazio a nuove fantasie e immaginazioni in cui il mio corpo diventava, insieme al suo, una fonte esplosiva di pulsioni e perversioni.
Fui io allora che presi la palla al balzo e lo invitai a prenderci un caffè nella sala attigua a quella della riunione per un piccolo break.
-Alberto, ti va di prenderci una pausa? Mi offriresti un caffè?- dissi ad alta voce per fugare ogni dubbio verso i colleghi.
Stupito della richiesta, in quanto non si aspettava un simile invito, colse al volo la proposta.
-Certo Laila, con piacere-
Ci alzammo con discrezione e ci incamminammo verso la porta che si trovava a 3 metri da dove eravamo seduti.
Mi stava salendo un desiderio fortissimo.
Ero già in un’altra dimensione e tutto stava accadendo così velocemente che anche Alberto, che avevo a pochi passi da me, non penso immaginasse il fuoco che lui stesso aveva acceso.
Non facemmo tempo ad entrare nella piccola stanza del caffè, che io chiusi a chiave la porta e gli feci capire immediatamente che intenzioni avevo.
Mi sbottonai la camicia e prendendogli i capelli da dietro, con forza, misi la sua testa sul mio seno.
- Adesso succhia i miei capezzoli con tutta la forza che hai. Devi farmi male, fammi piangere dal dolore.- dissi.- se è quello che vuoi, perché lo voglio anch’io-
Iniziò da quello destro e succhiò mordicchiandomi tutta mentre con la lingua mi sfiorava l’apice del capezzoli provocandomi un piacere senza eguali. Ero io a guidarlo dove mi dava più godimento e lui si lasciava andare conscio che poteva ancora aspettare prima di penetrarmi.
Gli chiesi di girarsi con il viso verso la porta e piano piano inizia dolcemente ad accarezzargli il petto. Gli sbottonai la camicia e poi piano piano i calzoni. Gli misi la mano nei suoi slip e inizia a massaggiargli il pene con determinazione.
-Alberto, non sai che voglia ho di leccartelo-
-Io non aspetto altro - mi disse lui. - Prendilo piano e assapora tutto il mio profumo. Mi stai facendo impazzire al solo pensiero di averti. Non puoi immaginare da quanto tempo aspettavo questo momento - mi confidò mentre ansimava e godeva delle mie mani.
Lo presi in bocca leccandogli dapprima il glande e poi tutta l’asta con quell’eccitazione che arrivava anche dall’avere i nostri colleghi a pochi metri di distanza.
Alberto mi aveva confidato durante il liceo che si era circonciso e ne ebbi la prova perché tutto il prepuzio era scoperto. Il glande aveva la consistenza delle sue labbra, così leggermente dure e secche. Inizia con frenesia a fargli un pompino mentre lui con le gambe divaricate, ed io, con le spalle alla porta, iniziavo a bagnarmi completamente. L’umore della vagina stava scendendo lungo le cosce e il desiderio era enorme.
Con una mano tenevo il suo pene e con l’altra iniziai a sfilarmi le mutandine da sotto il vestito nero. Stavo morendo di voglia per quel pene circonciso in mezzo alle mie gambe.
- Aspetta, Laila - mi disse.
Mi fece alzare prendendomi con forza e in un secondo mi ritrovai china sul tavolo dove c’era la macchinetta del caffè con le mutandine all’altezza del ginocchio e i gomiti appoggiati.
- Ora voglio farti impazzire - mi disse Alberto.
Prese la monoporzione del burro, la scartò e iniziò a passarmela sull’ano fino ad arrivare alla vulva. Il caldo lo sciolse in pochi attimi e mi ritrovai completamente unta quando sentii la sua lingua ispezionarmi da dietro. Era un maestro inaspettato. Sapeva dove muovere e come, la lingua sl mio sesso. Questa situazione border-line, con i nostri colleghi e poca distanza e Alberto che mi stava leccando da dietro, mi fece venire immediatamente. Se ne accorse ma non terminò il suo servizio e i miei umori arrivarono sulla sua lingua isieme al sapore del burro che mi aveva spalmato.
- Ti piace? - Mi disse lui.
- Come faccio a dirti di no. Ora però penetrami perché sono pronta.-
Prese un’altra monoporzione di burro e invece di spalmarmela sulla vulva si lubrificò il pene rendendolo liscio e caldo.
Con le dita iniziò a massaggiarmi il buco del culo e riuscì ad entrare con tre dita dopo poco. Ero completamente sua e avrei fatto in quel momento, qualsiasi cosa desiderasse.
Mi sodomizzò penetrandomi con forza. il suo pene circonciso dentro il mio culo fu un’esperienza senza precedenti. Il tavolo, su cui mi stava scopando, sbatteva a ritmo contro la parete dando il tempo di ogni suo colpo. Mai avevo provato un’esperienza simile, al lavoro, con un collega, con un amico e in così breve tempo senza nemmeno pensarci.
Alberto venne con vigore ed anche io poco dopo.
Stremati, mi ritirò su le mutandine e si rivestì anche lui.
Mi baciò e disse che non vedeva l’ora della prossima riunione.
Anche io non aspettavo altro.

Laila R.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.