Cecilia - Un fine settimana - CAP III

Scritto da , il 2016-12-24, genere dominazione

- Capitolo 3 -

Cecilia continuò il suo gioco per un po'. Era una situazione impressionante: c'era quel silenzio imbarazzante, il silenzio eloquente di quelle situazioni dove entrambe gli interlocutori sanno benissimo di cosa si sta parlando: un silenzio che di solito viene rotto dopo pochi istanti, ma che Cecilia non voleva interrompere, proseguendo il suo gioco, e che Ludovico avrebbe sì voluto interrompere, ma senza riuscirci. Aveva un groppo in gola, che lo teneva bloccato. Nei momenti più caldi, quando il tacco di quelle scarpe nere andava a poggiare sul parabrezza della sua macchinina, lui si agitava, faceva per aprire la bocca e dire qualcosa, magari inveire contro di lei, ma... bastavano quegli occhi verdi e profondi a bloccarlo dov'era.

Era lei che decideva il gioco, lei che aveva il pieno controllo della situazione: solo quando vide che Ludovico pareva assuefarsi alla cosa, magari un po' intontito da quella gonnellina gialla che roteava e mostrava le belle gambe nude di Cecilia, allora decise di fermarsi. "Bene Ludovico, questa la tengo io" disse, sedendosi di colpo sulla poltroncina dove aveva abbandonato il suo libro. "Ora vai a fare qualcos'altro, io devo rimettermi a studiare" e sorridendo riprendeva il libro; Ludovico invece rimaneva immobile a guardarla, ancora bloccato dall'esperienza, completamente nuova e coinvolgente, che aveva appena provato. "Dai, cosa dai li fermo?" gli disse, mutando adesso il sorriso da quello nuovo, inquietante e misterioso di prima, a quello della Cecilia di sempre. "Guarda che alle otto sarà pronto da mangiare, cerca di esserci per quell'ora eh!" - "...va bene. A-allora esco a trovare Roberto" - "Ma certo, vai pure!" e sorrideva, come se niente fosse. Un sorriso quasi da thriller, che spaventava Ludovico; non se lo fece comunque ripetere, ed uscì a trovare il suo compagno di classe ed amico, Roberto.

Fu un pomeriggio molto confuso per lui. Mentre, come si erano promessi, i due amici andavano a fare una passeggiata per le campagne, verso quel casolare abbandonato che era diventato il loro regno dei divertimenti, Ludovico non era sereno: la sua mente non riusciva a staccarsi da quelle gambe, da quella gonna, da quei tacchi neri che volevano schiacciare la sua macchinina. Cecilia era una bella ragazza, quelle gambe e quei tacchi lo avevano smosso. Ma perchè non ci aveva mai fatto caso prima? Come mai non aveva mai visto che quel fisico era così simile a quello delle modelle che guardava -la sera, a letto, di nascosto, senza farsi scoprire- negli ormai soliti... siti porno? Non se lo capacitava, e non capiva nemmeno più con chi aveva a che fare: ma che fine aveva fatto la Cecilia, quella di prima, di una volta?
Volente o nolente, la mente decise d cambiare canale, ad un certo punto, quando con Roberto decisero di "ispezionare" una stalla che non avevano mai guardato, trovandoci con grande sorpresa una vecchia automobile!

Tornato a casa, solo alla vista di Cecilia gli tornò in mente quello che era successo nel primo pomeriggio: era lì che rimescolava qualcosa in pentola, con i vestiti da casa, normale come sempre. Quando lo vide, gli disse subito "Dai, siediti che la pasta è pronta. E guarda che non ho mica voglia di cucinare sempre io eh? Domani a pranzo fai tutto te!". Bastarono quelle parole e quel sorriso per fargli capire che sì, era tornata la Cecilia di sempre. Il profumo del ragù, poi, gli fece dimenticare ogni cosa, e quella serata finì serenamente, tra qualche scherzo e quattro risate, come se nulla fosse successo.

La mattina Ludovico si alzò di buon'ora. Cecilia era già sveglia, si stava mettendo a studiare sul tavolo della cucina. Lui fece la sua colazione, e se ne uscì di casa tranquillo.
Clack. Porta chiusa, lui è uscito. Era sulla stessa riga da quando aveva aperto il libro; la mente era altrove. Era inutile fare finta di niente, lei lo sapeva già: inutile fare come se nulla fosse, ci aveva provato tante altre volte, ma non aveva funzionato, con nessuno. Il gioco era iniziato, lo aveva fatto partire lei, e sapeva che sarebbe continuato, d'ora in avanti: aveva provato a combattere questo suo lato, ma non c'era mai riuscita, ed aveva finito per conviverci. Una ragazza, Cecilia, perfetta... ma con questo gusto strano... questo gusto diverso dalle altre ragazze. "Ma no, con Ludovico non posso"- pensava e mormorava -"Ma come faccio se poi non ci sta, se lo scoprono gli altri poi?" - "Però ieri ci stava, eccome se ci stava... questo non lo posso negare dopo tutto. E poi, lo so, ho iniziato e non riuscirò a fermarmi qui: se lui avesse fatto opposizione, sarebbe stata un'altra cosa; ma ieri lui ci stava... lui ci stava...". E mentre pensava, quel sorriso "speciale" le si stampava in volto.
Alzò gli occhi dal libro, e iniziò a pensare alla prossima mossa.

Questo racconto di è stato letto 3 4 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.