Cecilia - Un fine settimana - CAP IV

Scritto da , il 2016-12-28, genere dominazione

- Capitolo 4 -

Erano più o meno le dieci e mezza, e Ludovico rientrava in casa dopo le piccole commissioni che aveva avuto da fare. Aperta la porta, si dirige subito in camera per mettere a posto alcune cose, e neanche si accorge di Cecilia.
In sala c'era un grande tappeto rosso, pakistano. Era un tappeto spesso e morbido, con delle decorazioni elaborate e variegate: disegni astratti e geometrici, dove ognuno ci aveva sempre visto qualcosa di diverso.
Al ritorno dalla camera, passandoci davanti, venne colpito dalla scena: su quel letto rosso, Cecilia stava facendo ginnastica. Non ricordava che fosse solita fare esercizi nel mattino, ma in quel momento la memoria era cosa secondaria: davanti a lui si mostrava in tutto il suo splendore quel fisico a cui non aveva mai fatto caso. C'era una maglietta color salmone fluo che disegnava perfettamente le curve dei fianchi, seguivano dei leggins neri che dipingevano quelle gambe divine come lui non avrebbe mai potuto immaginare, per terminare con dei calzini corti, verde chiaro, che coprivano dei piedini piccoli ed aggraziati. Se ne stava lì fermo, un po' nascosto dietro la porta, a guardare imbambolato quel fisico che dal giorno prima lo tormentava; non si era accorto di essere a sua volta osservato.
"Oh Ludo, sei tornato!" - "Sì, ho fatto presto, sono arrivato adesso" rispondeva lui. "Finalmente! Mi devi aiutare sai?". Ludovico allora si avvicinava lentamente, quasi imbarazzato dal potersi avvicinare ad una tale visione di perfezione. Cecilia nel frattempo si era seduta per terra, e lo guardava serenamente negli occhi. "Devo fare alcuni esercizi per le gambe, e bisogna farli in due. Mi aiuti?". L'imbarazzo che era un po' svanito davanti allo sguardo tranquillo di Cecilia, con quelle parole tornò a farsi vedere, arrossendolo in volto; lei ovviamente se ne accorgeva. "Sì, certo, spiegami cosa devo fare allora.."

Scoccava allora il segnale d'inizio: da quel momento in poi, per Cecilia, iniziavano i giochi. "Vieni qui vicino, devi rimanere in piedi davanti a me. Ecco, perfetto. Adesso, dammi le mani" - Ludovico eseguiva - "Devo aiutarti ad alzarti?" chiese un po' dubbioso - "No, no, adesso capirai subito". Già quelle parole avrebbero dovuto insospettire Ludovico, ma anche qualora non lo avessero fatto, "l'esercizio" di Cecilia avrebbe chiarito ogni cosa. Lei, seduta per terra, con lui davanti in piedi, tenendogli le mani si piegava un attimo indietro e alzava quelle gambe così sensuali per appoggiargli i piedi sul pube. Fatto questo, tendeva le gambe fino ad averle dritte, ed allo stesso tempo si piegava in avanti per tenersi stretto Ludovico.
"E' un esercizio per lo stretching delle gambe e dell'addome, non lo fate mai a scuola?" gli chiedeva scherzosamente, sapendo perfettamente che non avrebbe saputo rispondere. Ludovico si trovava, in pochi attimi, in una situazione per lui davvero complicata: sul suo pene, già duro, premevano quei piedini che ieri lo avevano fatto impazzire, e proseguivano con le bellissime gambe tese di Cecilia. Avrebbe potuto provare a guardare oltre per distrarsi, ma alzando anche di poco lo sguardo , si trovava l'amica piegata verso di lui, con due sorprese: la prima, era che quella maglietta aveva un'importante scollatura; la seconda, che sotto quella scollatura non c'era alcun reggiseno. E lei, inutile dirlo, ora lo fissava, di nuovo, con quel suo sguardo penetrante, e quel sorriso furbo che poteva solo dire "sei di nuovo in trappola".

"No, non abbiamo mai fatto queste cose.." - "Peccato, dovreste farle secondo me" e mentre lo diceva, con i piedi e le gambe premeva ripetutamente sul pube di Ludovico, sentendo perfettamente che qualcosa lì sotto era turgidissimo. Lei non solo si divertiva, ma pregustava momenti di godimento, e lo si vedeva: dal suo sguardo, dai suoi occhi, si capiva che Cecilia si stava eccitando.
Premeva e muoveva il piede che poggiava sul pene, guardando dritto negli occhi quel ragazzino imbarazzato che, rigidissimo, non sapeva cosa fare. Perchè a quel punto, lui poteva fare solo una cosa, e quella cosa era eseguire gli ordini di Cecilia. "Ok, cambiamo esercizio, su! Ne ho un po' da fare!" - lui, zitto, anniuva - "Adesso facciamo lo stesso esercizio, ma mi devo sedere sulla poltrona" e nel dirlo si accomodava sulla poltroncina della sala, tirandosi dietro Ludovico. Poi, si fermò un istante, a guardarlo negli occhi, con quello sguardo profondo. Un attimo soltanto, prima di ricominciare, ma che bastò per fargli capire cosa lo attendeva "Hop! Ecco qua. Ora stai ben fermo, perchè devo riscaldare i muscoli" e nel dirlo, iniziava a premere alternatamente i suoi piedini sul pene di Ludovico: prima destra poi sinistra, con moderata velocità, senza mai perderlo di vista. Lui che, davvero, non sapeva dove guardare: se guardare lei dritta negli occhi, o guardare in basso, come il suo pene imprigionato sotto i jeans che veniva eccitato all'inverosimile da quei piedi, da quelle gambe, da quel fisico statuario. Cecilia sorrideva nel vederlo in difficoltà, e godeva. Piano piano, accelerava il ritmo, sentendo quasi vibrare il pene di Ludovico sotto quei pantaloni: man mano che andava avanti, monitorava lo sguardo di Ludovico, per capire a che stadio dell'eccitazione era.
Il tutto, in un silenzio asfissiante: l'unico rumore era quello dei movimenti, decisi ed allo stesso tempo aggraziati, di Cecilia. Lui, davvero non sapeva cosa fare, se non rimanere immobile a subire questo supplizio, come lei desiderava. Ormai, era evidente anche a lui cosa voleva Cecilia, ma non riusciva a concretizzarlo nella sua immaginazione, non riusciva ad accettare il fatto che quella ragazza così dolce, ora si prendesse gioco di lui in questo modo, con questa umiliazione, questo ricatto, rinchiudendolo in una prigione, quella dell'eccitazione, delle più terribili.
A questo punto l'eccitazione di Ludovico era davvero avanzata, era il momento per Cecilia di scatenare la sua passione per questo gioco. Tenendolo per mano, iniziò ad accarezzargli leggermente i polsi con il pollice, e mentre faceva questo, piano piano, sussurrando, lei cominciava ad ansimare. In quel silenzio, le orecchie di Ludovico subito si rizzarono al sentire di quel messaggio arcaico, quel segnale animale che aveva l'unico intento, nel suo inconscio di mammifero, di aumentare a dismisura l'eccitazione. Ora proprio non resisteva più, avrebbe tirato fuori il suo pene per masturbarsi e venire subito, in quell'istante, se avesse potuto, ma le circostanze non glie lo permettevano: doveva soffrire quell'eccitazione infinita. Ad un certo punto, però, durante l'atto sessuale, la ragione viene meno e l'istinto prende il sopravvento sul corpo umano: in quel momento, che Ludovico stava raggiungendo, non funziona più il cervello: è solo il desiderio a dominare il fisico. Un momento che Cecilia colse benissimo, perchè era quello che aspettava: il momento in cui Ludovico, rosso e sudatissimo, iniziò a premere il pene sui piedi di Cecilia, con colpi di reni decisi e secchi.
Era arrivato il momento, l'apice del divertimento per lei: rimaneva solo una cosa da fare, la più bella di tutte, quella che, se non si fosse controllata, avrebbe potuto farle raggiungere l'orgasmo.

Cecilia si fermò.

Abbassò i piedi a terra, mollò le mani a Ludovico. Sorridendo dolcemente, disse "Ho finito, grazie per avermi aiutato Ludovico!". Si alzò in piedi, ed andò lentamente verso il tavolo della sala, dove aveva lasciato i suoi libri. "Puoi andare, sai, e grazie ancora!". Sorrideva affettuosamente, guardandolo in viso. Lui, immobile dove lo aveva lasciato, sudatissimo, con lo sguardo allucinato di chi ha appena visto qualcosa di shockante. Mai avrebbe potuto immaginare una cosa del genere. Era lì, con il pene già pieno di seme pronto ad uscire, fino alla punta, che era stato fermato un attimo prima del momento. Piano piano, si stava di nuovo afflosciando, lasciando Ludovico con una sensazione indescrivibile di sconforto, stupore, incapacità di comprendere cosa stava succedendo. "Puoi andare!" ripetè Cecilia più decisa. Allora Ludovico si mosse, uscendo rapido dalla sala e dirigendosi, confuso, verso camera sua.
Mentre lui, steso a letto, con gli occhi sgranati, non poteva comprendere cosa fosse appena accaduto, lei in sala aveva i brividi dall'eccitazione: si mordeva le labbra, seduta sulla sedia guardando il soffitto, e pensando solo una cosa, solo una cosa le girava in testa
"Il gioco è iniziato"

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.