Cecilia - Un fine settimana - CAP II

Scritto da , il 2016-12-19, genere dominazione

Faceva caldo e quella macchinina ronzava per la sala, con Ludovico tutto contento e Cecilia stanca che sfogliava quel libro noioso. Arresasi, poggiò il libro sul tavolino e si mise a guardare quella macchinetta fastidiosa, che andava su e giù, prima lontana e poi vicina. C'era Ludovico che si divertiva, ma poi... nessun altro. Pensava fra se e se, era dubbiosa, c'erano tanti aspetti da considerare certamente, poi c'era tanto tempo ancora, forse non era il caso. Tardi però, perchè ormai il suo labbro disegnava in viso quel sorriso un po' malefico che, ad un attento osservatore, avrebbe detto ogni cosa.

Guardava la macchinina blu passare su e giù, e passarle vicino ai piedi, finchè ad un certo punto, quando stava per arrivare, le mise la scarpa davanti, bloccandola. "Ma che fai?" chiedeva Ludovico, ma lei non rispondeva e sorrideva. Lui allora mise la retromarcia per liberare la macchinina, ma Cecilia spostò anche l'altro piede dietro di essa. Non si poteva più muovere ora. Ludovico cercava di liberarla, accelerando, ma era tutto vano: le rotelline scivolavano, la macchinina si muoveva un po', ma rimaneva prigioniera dei tacchi di Cecilia."La smetti? Lasciala stare!" ma Cecilia lo guardava e sorrideva. Era una faccia strana, diversa da quella che Ludovico conosceva. Uno sguardo nuovo, penetrante, che un po' lo spaventava. "Vuoi che la liberi, vero?" - "Sì." - "Bene..." disse. Allora si alzò, tenendo la macchinina fra i suoi piedi, fra le due scarpe, e aggiuse "Devi prenderla tu.". Ludovico proprio non capiva, ed inizialmente restava lì fermo a pensare il perchè di questa cosa, ma durò poco, sgattaiolò vicino alle gambe di Cecilia per liberare la sua macchina. Allora però, allora sentì qualcosa di diverso, di strano. Mentre con la mano afferrava la macchina, fra i due tacchi che la tenevano stretta, sentì un sospiro da Cecilia. Non era un sospiro normale, era un sospiro nuovo, un sospiro che lui non aveva mai sentito. Leggero, lungo, silenzioso... non sapeva nemmeno descriverlo, se non con una parola, forse; una parola che, inizialmente, non avrebbe mai pensato di usare affiancata al nome della sua amica d'infanzia. Eppure era eloquente... era un sospiro sensuale.
Lentamente tirava via la macchina dalla prigione di Cecilia, e mentre lo faceva, proprio in quell'istante, fece caso a delle cose che prima non aveva mai notato.. Mentre tirava via quella macchina, vedeva dei tacchi alti, neri, che proseguivano con delle gambe lisce, atletiche, le quali si infilavano dentro una gonna gialla che, caspita! Era più corta di quanto gli sembrava prima, e poi da lì sotto... si vedevano bene quelle gambe, si vedevano molto bene. Con questo sguardo a panoramica, osservava quelle gambe che non aveva mai guardato prima, e con la coda dell'occhio scorse anche Cecilia, sì, che lo stava guardando con quegli occhi profondi, e quel sorriso pauroso che lui non aveva mai visto. Un silenzio tombale. Ludovico si ritirò, imbarazzato, indietro con la sua macchinina, mentre Cecilia, che rimaneva in piedi, non smetteva di guardarlo.

Si guardavano, finchè lei non disse "su, continua" e sorrise un po' di più. Ludovico era imbarazzato. "...Ok, beh siediti..." disse. "E perchè devo sedermi? Da qui vedo meglio le tue acrobazie, sai". Ludovico annuì, perplesso, e si rimise a giocherellare. Ma era turbato, molto turbato: non capiva cosa stava succedendo, per niente, ma sentiva il desiderio di guardare Cecilia, di guardare quel fisico a cui non aveva mai fatto caso, quel vestito così leggero, con una scollatura generosa, e quelle gambe così belle... quasi lo ossessionavano. La cosa che però lo imbarazzava era lei, Cecilia, che gli sembrava strana, cambiata, seria.
Faceva andare la macchinina più vicino a lei, così da non farsi vedere mentre guardava le sue gambe. La faceva scivolare vicinissimo a lei, che ora guardava lui, ora guardava la macchinina. Ogni tanto muoveva quei tacchi neri, di poco, ma in un modo... che gli piaceva. Cambiava posizione, appoggiava il peso su una gamba, poi sull'altra, e Ludovico vedeva quelle gambe e quel corpo che si mostrava a lui... e gli piaceva.

Era confuso, e anche distratto: per poco non andava addosso a lei con la macchinina. Ma lei lo fissava, con uno sguardo così strano, penetrante, che lui non capiva. In quel silenzio strano.
PUM! Ecco, aveva perso l'attenzione, e la macchinina si era scontrata con il piede di Cecilia. "Scusami, non volevo" ma lei non rispose. Lo guardò a lungo, lui non sapeva cosa dire, si sentiva come sgridato da lei. "Ho fatto per sbaglio, mi dispiace.." ma lei non rispondeva. Poi, d'un tratto, guardò quel giocattolo che stava ai suoi piedi. Alzo leggermente la scarpa destra, e la premette sopra la macchinina. "Nooo cosa fai!!" Ludovico stava per alzarsi e liberare il suo gioco da quella nuova, mortale prigione, ma Cecilia lo fermò "Ferno dove sei, o la distruggo." Ludovico si immobilizzò. "Adesso mi hai fatto arrabbiare. Non dovevi colpire le mie scarpe" e premette un po' di più con la suola dei suoi tacchi neri. Ludovico era immobile, inizialmente terrorizzato, ma con una strana sensazione che piano piano iniziava a farsi strada nel suo corpo. "Devi essere punito adesso."
Lui non capiva. Stette in silenzio. Poi chiese timidamente: "...cioè?". Cecilia sorrideva, e teneva premuta la macchinina. "Devi eseguire la punizione che adesso ti ordinerò di fare". - "Va bene..." rispose lui, anche se non capiva, non poteva capire.
"Abbiamo tre giorni davanti a noi. Tre giorni in cui ti devo accudire. Tu invece mi disturbi così. Potrei dire brutte cose ai tuoi genitori, oppure no. Loro, di questa macchina, non sanno niente, e io so che non ne vogliono nemmeno sapere" e nel dirlo la premeva, e ci girava la scarpa sopra, come fosse una sigaretta da spegnere. "Tu da oggi non la toccherai più". Ludovico perse un po' la calma, e iniziò "Ma! "... non l'avesse mai fatto, Cecilia premette di più su quel giocattolino che iniziò a creparsi sul vetro. "Cosa vuoi dirmi?" gli chiese. Ludovico ammutolì. "Da oggi, fai tutto quello che dico io. E questa, non la tocchi più. Intesi?". A Ludovico, non restò che rispondere "Va bene, Cecilia".

Restarono lì, a guardarsi, mentre lei sorrideva, e giocherellava con quella macchinina. La spingeva con tacchi, ci camminava intorno. Poi guardava la faccia di Ludovico mentre ci avvicinava la punta del tacco, come per distruggerla, e sorrideva. Lui era immobile, rosso in volto. La schiacciava un po', e poi la guardava soltanto. Si mordeva il labbro, e con la coda dell'occhio osservava le reazioni di Ludovico. Cosa poteva fare, lui? Si sentiva in trappola, come la sua macchinina. Però, allo stesso tempo, qualcosa dentro di lui gli diceva che voleva continuare quel gioco. Gli piaceva vedere come Cecilia faceva quello che voleva della sua macchina. Gli piaceva vedere quei tacchi, così sensuali, che minacciavano di morte il suo giocattolo. Gli piacevano quelle gambe, e quella gonna che, controluce, lasciava vedere moltissimo. Aveva da diversi minuti un'erezione spaventosa sotto i pantaloni.
Cecilia lo sapeva, e continuava il suo gioco

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.