Erotici Racconti

Lo stage

Scritto da , il 2016-12-21, genere orge

E' bello avere un hobby, uno sport o altre passioni da seguire. Pratico uno sport particolare, un'arte marziale coreana. Ogni anno c'è un raduno nazionale di una settimana in una bella cittadina di mare dove ci riuniamo tutti i praticanti d'Italia. Ci conosciamo un pò tutti, nascono amicizie, amori e legami di tutti i tipi. La città è invasa da noi sportivi,presi d'assalto hotel, B&B e ostelli, il giorno ci si allena, la sera si festeggia. Dormo in un B&B con Angelo, un caro amico di Asti. Condividiamo una bella amicizia e intimità...A pochi isolati ci sono due amiche di Genova, Marta e Eleonora, anche loro praticanti come me. Hanno un appartamento tutto per loro. Una sera mi invitano a cena, vado da solo mentre Angelo ha un'altro impegno. Vengo accolto con la solita allegria e amicizia, loro due sono le classiche donne sulla trentina, single e in carriera,spregiudicate e indipendenti. Mangiamo e parliamo molto,si ride e si scherza sulla scia di un bottiglione di un discreto vino bianco ghiacciato che scorre a fiumi...A tavola si parla di arti marziali,amici,pettegolezzi e di sesso, che è l'argomento che tira di più. Intuisco che Marta e Eleonora sono parecchio arrapate,mi squadrano ogni minuto,mi toccano e sfiorano ad ogni occasione,gli ormoni nella cucina schizzano alle stelle. Io ovviamente non mi sottraggo,l’attività marziale ci carica di energie e non vedo la mia fidanzata ormai da giorni, lasciata a casa!Rispondo alle provocazioni, inizio a palpare Marta, la più grintosa, le tocco il piccolo culetto sodo,arrivando a sfiorarle il pube, passando tra il tavolo e il lavello le struscio il pacco sulle tette e lei mi sorride maliziosa guardando anche Eleonora, che ricambia con occhiate complici. Ci spostiamo dalla cucina al salotto, con una bottiglia di limoncello da svuotare, l’afa estiva farà il resto. Marta continua a starmi addosso,quasi per testare la mia eccitazione e la mia infedeltà, l’assecondo ma poi forzo la mano prendendola per i suoi capelli ricci e la bacio in bocca focosamente, lei sembra ritrarsi ma poi asseconda il bacio con passione andando con la mano subito sul cazzo che preme nei jeans. Guardo Eleonora che sorride timida da brava ragazza, ma poi si avvicina e si mette vicino a noi, prendo anche lei per la testa e la bacio,dispensando la mia lingua tra le due troiette.L’atmosfera si scalda, inizio a palparle sui seni, sodi e di terza taglia per entrambe, poi sulle cosce e l’interno inguine sentendo un bollore intenso!Marta non perde tempo da brava donna pugliese,mi slaccia arrapata i jeans e mi tira fuori l’uccello,masturbandomi velocemente…ha una bella mano, piccola e agile, è brava!Il cazzo si indurisce come il marmo, faccio la mia bella figura, Marta mi guarda compiaciuta e subito si butta sulla cappella ingoiando tutto l’arnese. Mi bacio Eleonora, spogliandola della maglietta e leccandole poi i capezzoli…lei è più timida,quasi mi resiste,si vergogna ma poi mi lascia fare,ha un seno bellissimo, morbido e a punta, freme alle mie leccate…Marta si alza del mio cazzo e invita l’amica “dai Eleonora, tocca a te, guarda che è buono e bello!” Eleonora sorride,si cala sul mio pisello e inizia un pompino strepitoso,succhiandolo come una bimba col ciucciotto!Sto impazzendo dall’eccitazione,Marta mi accarezza le palle mentre l’amica mi spompina,inizio a succhiare i capezzoli di Marta che si è spogliata quasi tutta, poi le infilo la mano nelle mutandine e la masturbo a fondo,facendola grondare umori vaginali e mugolare come una troietta in calore. Eleonora intanto è impegnata col mio uccello, che però dopo ripassa a Marta, che lo ingoia sino alla radice,sputandoci saliva come una fontana. Non penso di resistere a lungo, le avverto “ragazze…siete fantastiche, mi fate venire…attente che sborro!!” le due amiche si sorridono maliziose, iniziano a passarsi il mio cazzo a vicenda,succhiando e leccandolo voracemente,come per arrivare prima al premio! Mi lascio andare ad un urlo strozzato e parte la sborrata, che prende in piena gola Marta che mi masturba vorace ma poi dirige la schizzata sul viso di Eleonora, che apre in tempo le sue belle labbra per prendersi la sua dose di sperma! Una scena spettacolare…un sogno realizzato. Le due amiche fanno a gara a pulirmi il cazzo, leccandomelo a turno, io sono impazzito di piacere, rimango ancora in erezione. Mi dedico a loro due,mettendole affiancate,spogliandole dell’intimo e aprendogli le cosce inizio a leccargli le fiche a turno,masturbando l’altra con due dita. Le ragazze mi lasciano fare contente, godono come maialine… le loro fiche sono fraciche di umori, le sento fremere poi entrambe esplodono in un orgasmo reciproco. Le ragazze sono avvampate in volto…mi avvento su di loro col cazzo in mano, come un feroce satiro, prendo Marta e le allargo le cosce e la penetro senza remore,scopandola con foga mentre Eleonora ci guarda invidiosa…allora le prendo i lunghi capelli biondi e la porto a leccare il seno di Marta, che mugugna di piacere come una porcellina. Mentre mi scopo la troietta pugliese, inizio a masturbare Eleonora, che si abbandona dolcemente alle mie attenzioni. Poi mi sfilo dalla fica di una e passo nella fica dell’altra, che penetro con altrettanto vigore, sono in piena estasi! Marta d’iniziativa prende a leccare il collo e il seno di Eleonora, scendendo sulla pancia, intono all’ombelico…non sono lesbiche ma come tutte le donne hanno uno scambio di intimità “facilitato” e l’eccitazione del momento fa il resto. Sfilo il cazzo dalla micetta di Eleonora e lascio che Marta mi succhi la cappella,poi lo rinfilo dentro,dando bei colpi di bacino alla bionda ragazza. Eleonora viene con un orgasmo travolgente,si tocca i seni,mi accarezza il petto lasciva…la scopo ancora un poco per poi sfilarmi, prendo Marta e la metto a pecorina sul divano, infilzandola in fica dal bellissimo culo, chiavandola come si deve…meno male che gli integratori sportivi funzionano! Dopo qualche minuto di scopata, anche Marta gode, con sottili urla e mugolii, e a quel punto decido di godere anch’io, scopandola ancora con veloci affondi di cazzo “dio mio Marta…sto godendo…ti sborro dentro… possono??..vengooo” Marta si gira compiaciuta e mi sorride “vieni amico mio, vieni tranquillo…sborra pure dentro daiii…godi pure…” allora mi lascio andare, svuoto le palle dentro quella passerina bollente e umida, sento il mio sperma dilagare nella sua pancia, poi lo sfilo ancora duro e lo dirigo verso Eleonora “dai amica mia, assaggia anche tu un po’ di nettare…” Eleonora si allunga divertita verso il mio cazzo ingoiandolo e pulendolo da puttanella navigata, masturbandomi dolcemente. Vorrei scoparmele ancora, ma ormai è notte fonda e domani dobbiamo allenarci…ma ho realizzato il sogno di scoparmi le mie due migliori amiche del mio sport preferito, e la settimana è ancora lunga!....continua…

Questo racconto di è stato letto 6 2 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.