Erotici Racconti

Ti voglio - Capitolo 1

Scritto da , il 2016-11-18, genere incesti

Dopo venticinque anni di matrimonio io e la mia ex moglie avevamo deciso di lasciarci di comune accordo. Per lei io ero cambiato; per me, lei, non sarebbe mai cambiata. Mi accusava di quella che secondo lei era una "crisi di mezza età"; forse aveva ragione, o forse io, inconsciamente, avevo già deciso dentro di me che la nostra storia non poteva andare avanti. Avevo sempre curato il mio aspetto fisico ed ero sempre stato una persona estremamente sportiva, ma mia moglie aveva ragione a dire che improvvisamente, dopo i 50 anni, avevo cominciato a esagerare l'attenzione verso me stesso: non più solo le partitine a calcio settimanali una o due volte la settimana con gli amici, o le corsette al parco la mattina, ma adesso anche la palestra, tutti i giorni, e gli esercizi a casa; c'era stato anche un cambiamento nelle mie scelte di abbigliamento, forse volevo sembrare più giovane senza accorgermene; avevo cominciato persino a depilarmi il petto d'estate, mi lusingavano gli sguardi di alcune donne che potevano ammirare la mia forma fisica ogni volta che andavamo in spiaggia. Lo ammetto, per la prima volta nella mia vita sentivo che il tempo, forse, stava passando più in fretta del solito. Le lamentele di mia moglie riguardo al mio cambiamento mi pesavano sempre di più. E il cambiamento, alla fine ebbe la meglio: lei non mi riconosceva più, io avevo bisogno di una nuova vita. E così, la decisione fu presa.

Non lo sentii mai come un fallimento; a un certo punto della propria vita ci si rende conto che ci sono tante altre cose per cui essere felici, e la fine di un amore è semplicemente un accadimento. Non è colpa di nessuno, o almeno nel nostro caso non sentivo che fosse colpa di qualcuno. Le cose erano cambiate e noi ne avevamo preso atto. Ciò che mi rimaneva era un lavoro sicuro come impiegato al Comune della mia città, gli amici di una vita, una donna ogni tanto, e mia figlia Giorgia. All'epoca in cui tutta questa storia cominciò lei aveva 21 anni e dopo il diploma all'Istituto Tecnico per Geometri e qualche lavoretto occasionale era finalmente riuscita a trovare un lavoro in uno studio di geometri, anche grazie all'aiuto di alcuni amici che lavoravano nell'ambiente. Fino a quel momento aveva vissuto con sua madre, ma era andata a vivere da sola in un monolocale in centro dopo qualche mese dall'inizio del nuovo lavoro. Come ogni genitore ero convinto di conoscerla benissimo, ma si sa, un genitore non è un amico, e ci sono lati nascosti dei propri figli che a noi non è dato conoscere.

Giorgia era una ragazza solare, con un sacco di amici, molto intelligente anche se più pratica che riflessiva, una ragazza diretta e sincera che per la sua giovane età aveva già le idee chiare su un sacco di cose. Non aveva un fidanzato (o una fidanzata, per quanto ne potessi sapere io), ma avevo l'impressione che fosse una sua scelta: oltre a essere una persona fantastica era anche una bellissima ragazza, abbastanza alta, con dei lunghi capelli dorati che le ricadevano mossi lungo le spalle, occhi blu scuro, labbra carnose, un fisico per cui riceveva continui complimenti da chiunque e che era stato per me fonte di gelosia paterna sin da quando, ancora piccola, le sue forme cominciarono a diventare sempre più evidenti.

Io e lei avevamo un buon rapporto, le feci spesso visita al monolocale e lei a volte veniva a cena nell'appartamento che avevo preso dopo il divorzio. Conoscevo tutti i suoi amici e non erano rare le volte in cui, attirati dalla mia cucina, Giorgia si presentasse a casa per cena in compagnia di uno di loro. Le persone che rendevano felice mia figlia erano tutte le benvenute nella mia casa.

Quell'estate avevo deciso di affittare una casa vacanze vicino al mare per tutto il mese di agosto. Ci andavo durante i miei giorni di ferie o quando il lavoro me lo permetteva, di solito nel fine settimana. Durante il periodo di ferragosto chiesi a mia figlia se le andava di passare qualche giorno insieme quell'estate, dato che apparentemente non aveva organizzato nessun viaggio con gli amici. Lei accettò di buon grado, aveva proprio bisogno di una pausa dal lavoro.

La casa al mare era abbastanza grande, distribuita su due piani, con un grande ingresso e una cucina dove preparare i miei manicaretti al piano terra e due grandi stanze da letto con bagno padronale al piano di sopra. Passammo alcuni giorni a rilassarci prendendo il sole, facendo la siesta sull'amaca in giardino, mangiando buon cibo e visitando i piccoli paesi della zona.
Al chiosco dello stabilimento balneare che ci ospitava conobbi un giorno una donna, molto attraente, probabilmente neanche quarantenne. Capii subito che era attratta da me - o forse fu lei a non fare niente per nasconderlo - e dopo una chiacchierata non troppo lunga la invitai a uscire quella sera.

Mia figlia era felice che fossi riuscito a ottenere un appuntamento per quella sera, e non fece nessun problema del fatto che avrebbe dovuto passare la serata da sola. "Tranquillo, papà, una pizza e un film sono la serata perfetta per me!", mi disse abbracciandomi.

Quella sera andò bene, portai la mia nuova fiamma a cena fuori in un ristorantino che avevo adocchiato qualche giorno prima e dopo il pasto andammo a passeggiare sul lungomare. Curzia - questo lo strano nome della donna - era una persona piacevole e anche abbastanza piacente, eppure c'era qualcosa in lei che non riusciva a farmi scattare l'interesse. Alla fine, complice il vino bevuto a cena e la stanchezza data dalla giornata al mare, la riaccompagnai a casa prima delle 23 e decisi di tornare a casa pure io. Giorgia doveva essere ancora sveglia, le avevo detto di non aspettarmi alzata perché avrei fatto tardi, non pensavo che la stanchezza mi avrebbe riportato a casa così presto.

In realtà, quando arrivai, nessuna luce veniva dalle finestre. 'Dev'essere già andata a letto', pensai e così, per non fare rumore, infilai molto piano la chiave nel buco della serratura e aprii la porta per poi richiuderla piano dietro di me senza accendere la luce - il cono giallo dei lampioni che entrava attraverso le finestre mi avrebbe guidato fino alla mia stanza. Stavo per salire le scale quando udii un rumore provenire dal piano di sopra, come un piccolo gemito. Mi fermai e rimasi in ascolto. A distanza irregolare il rumore si ripeteva, seguito da un continuo rumore ritmico, come di qualcosa che sbatteva ripetutamente.

Cosa stava facendo Giorgia? Salii le scale in punta di piedi e arrivato al pianerottolo vidi che la porta della stanza di mia figlia era socchiusa. Da dentro arrivava una debole luce, probabilmente quella dell'abat-jour sul comodino. Mi avvicinai cercando di non fare rumore, non volevo essere invadente, e dalla fessura della porta socchiusa guardai dentro. Mia figlia non era sola.

E non era di certo addormentata. Nella penombra vidi il suo corpo nudo, che mi dava le spalle, a quattro zampe sul letto, mentre un uomo che non conoscevo la penetrava con forza ritmicamente.
Paralizzato, rimasi a guardare qualche secondo. Cosa dovevo fare? Niente, di certo. Mia figlia era una persona adulta ormai, come potevo non immaginare che tutto questo fosse una cosa normale? Ma chi era quel ragazzo, poi?

Malgrado fossi consapevole del fatto che non avrei dovuto né potuto fare niente in quell'occasione, una gelosia estrema mi risvegliò con un'ondata di calore che salì fino in cima alla mia testa. Cercando di essere ragionevole e di evitare scandali mi girai, scesi le scale il più piano possibile, ripresi le chiavi della mia macchina e uscii. Salito in auto misi in moto e cominciai a guidare, senza meta, fino a fermarmi in una zona di collina completamente deserta dalla quale potevo vedere il paese sotto di me e il mare scuro poco più in là.

Continuavo a ripetermi che quello che avevo visto era normale, "non è più la tua bambina, è una donna". Ma un conto è esserne consapevole, e un conto è vedere con i tuoi occhi un bastardo che si scopa tua figlia. "Devi smetterla, calmati" continuavo a dirmi. Decisi di aspettare lì, con i miei pensieri, fino a che la rabbia non sarebbe sfumata, ma più passava il tempo e meno sembrava che sarebbe passata. Presi a pugni il volante, "Cazzo!" urlai, guardai fuori, al cielo e al paese sotto di me, e poi abbassai lo sguardo in un ultimo tentativo di recuperare il senno. Fu allora che qualcosa mi bloccò.

Nella foga della rabbia non mi ero accorto che per tutto il tempo il mio corpo aveva reagito alla scena che avevo visto nel modo più improbabile: avevo un'erezione. Tutta la rabbia venne allora sostituita da confusione. Cosa voleva dire tutto questo? Si tratta di mia figlia, come potevo avere il cazzo duro in una situazione del genere? Nella mia mente rividi quella scena: le mani del ragazzo che toccavano il corpo di mia figlia, il suo pene duro che si faceva strada tra le grandi labbra, mia figlia che nella penombra fremeva e gemeva di piacere. Certo, ero un uomo anche io, e una scena del genere non poteva lasciarmi indifferente. Per quanto cercassi di combattere il pensiero, vedere quella giovane donna che era mia figlia fare sesso mi aveva risvegliato.
"Se non altro, mi calmerà" pensai. Sbottonai i jeans, infilai una mano dentro le mutande e presi il cazzo nella mia mano. Lo guardai: era durissimo. Chiudendo gli occhi cominciai a masturbarmi con una mano, sempre più forte, sempre più forte. Nella mia mente vedevo ancora quella scena, vedevo la verga del ragazzo penetrare la figa bagnata di mia figlia. Stringevo il mio cazzo sempre più forte, avevo cominciato a desiderare quella fighetta così irresistibile, nella mia mente erano le mie mani a stringere i glutei scultorei di Giorgia, era il mio pene in erezione a penetrarla con sempre più foga.

Ancora con gli occhi chiusi arrivai all'orgasmo. Lo sperma schizzò sul volante, e gli ultimi fiotti mi bagnarono le mani, gocciolarono sui miei jeans, sul sedile. Davanti a me il cielo, il paese e il mare scuro.

(Continua...)

Questo racconto di è stato letto 1 2 6 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.