Diario di una madre incestuosa

Scritto da , il 2016-10-12, genere incesti

Primo scritto
Caro diario, non so cosa mi succede, ormai è un po’ di tempo che mi perseguitano delle fantasie incestuose, vorrei dirlo a qualcuno per sapere se sono io la madre depravata o questi pensieri sono comuni anche ad altre mamme, ma non ho il coraggio. Ho pensato di dirlo a te, caro diario, e rivolgermi sempre a te come se fossi una persona. Io sono Katya, una bella donna di poco più di 40 anni, mora, formosa, insomma piacente. Vivo in una cittadina del sud non distante dal mare. Sono quella che una volta si definiva una “vedova bianca”, infatti mio marito, ingegnere per una compagnia petrolifera, lavora all’estero e torna a casa per una sola settimana ogni tre mesi. Nonostante lui guadagni bene, lavoro anche io, sono infermiera presso l’ospedale della cittadina in cui vivo, ci tengo alla mia indipendenza economica. Quando mio marito è via mi fa compagnia mio figlio Alex. Mio figlio è un bel ragazzo, già alto quasi un metro e ottanta, praticamente un uomo. Ama fare sport da quando era ragazzino, questo gli ha formato un fisico muscoloso ed atletico, tanto che le ragazzine gli girano intorno come le mosche sul miele. Ahimè, del suo fisico aitante, me ne sono accorta anche io, le prime volte apprezzavo la sua prestanza,i suoi pettorali, il suo culetto tondo ed in fuori, le gambe tornite, ma poi poco alla volta, ho iniziato a spiarlo quando era nudo con occhio ben diverso di quello di una madre, e soprattutto ho iniziato a desiderare di fare sesso con lui. Oggi sono rientrata a casa prima del solito, l’ho trovato nella sua camera che si stava masturbando davanti al pc guardando dei video porno. Sono rimasta turbata da ciò che ho visto, non sapevo se intervenire o meno, poi ho deciso di rimanere a spiarlo tanto che ho potuto apprezzare le misure del suo sesso. Dopo averlo visto schizzare, sono ritornata sui miei passi ed ho finto di entrare facendo molto rumore e chiamandolo per annunciarmi. Lui, come se niente fosse successo, mi è corso incontro baciandomi e abbracciandomi, io invece non riuscivo a togliermi dalla mente ciò che avevo visto.

Secondo scritto
Oggi sto male, sono molto turbata. Alex, di notte quando non c’è suo padre, dorme nel lettone con me. Questa notte ogni suo contatto mi ha fatto sobbalzare, la mia voglia aumenta sempre più. Non so se nel bel mezzo della notte sono stata io a cercarlo o è stato lui a cercare me, ma mi sono ritrovata con il mio culo appoggiato al suo cazzo. Il suo uccello era in preda a una delle tante erezioni notturne di cui sono vittime i ragazzi giovani. Sentivo che ci sfregavamo inconsciamente uno contro l’altra. Questa mattina, mentre facevo la lavatrice, ho trovato nel cesto della biancheria le sue mutande sporche di sperma. Non so se si è trattato di una delle solite polluzioni notturne o è stato il frutto del nostro sfregamento. Le ho portate al naso ed ho sentito il suo odore. Mi sono eccitata e mi sono, vergognosamente masturbata. Oggi al ritorno da scuola, mentre stavo finendo di preparare il pranzo mi si è avvicinato e, salutandomi, mi ha abbracciata da dietro. Io impudicamente ho spinto indietro il culo cercando il contatto con il suo sesso. Lo desidero. Sta diventando la mia ossessione, ma non ho il coraggio di dirglielo. Mentre scrivo sono le 4 del pomeriggio, il pensiero di passare ancora una serata ed una notte con lui e non poterlo toccare come vorrei mi rende pazza. Vorrei abbraccialo ed accarezzarlo non certo come farebbe una madre.

Terzo scritto
Ieri sera mi sono sentita una zoccola. Che ho fatto? Semplicemente ho sottilmente provocato mio figlio. Dopo cena, come sempre rimaniamo sul divano a guardare la tivù l’uno accanto all’altra. Ieri, anziché indossare il solito pigiama, prendendo la scusa che faceva caldo, ho indossato una leggera camicia da notte corta senza reggiseno e con un ridottissimo perizoma. Mentre ero seduta, inutile dirlo, mostravo le gambe fino all’inguine e cercavo di aprirle per mostrare quel poco che indossavo. Ogni scusa era buona per appoggiarsi a lui con il mio prosperoso seno. La sua risposta non si è fatta attendere. Un grosso bozzo gli è apparso sul pigiama tanto da non lasciare niente all’immaginazione. Il porcello, per nulla intimidito, è stato al gioco. Lui, facendo finta di farmi delle coccole, mi abbracciava e mi sfiorava i seni con le mani facendomi rizzare i capezzoli, appoggiava il suo cazzo sempre più duro sulle mie cosce finche non l’ho visto sparire in bagno e ritornare senza il rigonfiamento inguinale. L’idea che mio figlio si sia fatto una sega per me, ancora adesso mentre sto scrivendo, mi eccita e mi fa bagnare le mutandine. Avrei voluto masturbarlo io e prendere nella mia bocca il suo seme caldo, brucio dalla voglia, una mano mi sta scivolando nelle mutandine, sono tutta bagnata e… scusami non resisto più, ora ho da fare, mi devo masturbare.

Quarto scritto
Sono avvilita. Forse sto sbagliando tutto. La mia voglia incestuosa forse non è corrisposta. Qualche sera fa quando ho provocato mio figlio, anche se lui si è eccitato, ma forse non ha gradito, infatti, accampando delle scuse, da qualche giorno non viene a dormire nel lettone con me, o non mi desidera o mi desidera troppo ed ha paura di mostrarmelo. Non so cosa pensare, lui si comporta normalmente, come se niente fosse successo ma io ho paura di essere andata oltre. Questa situazione non ha comunque spento il mio desiderio anzi, paradossalmente forse lo ha acceso ancor di più. Ho deciso che parlerò con lui, non so in che modo ma voglio scoprire il motivo del suo allontanamento e soprattutto voglio capire se da parte sua c’è veramente desiderio.


Quinto scritto
Ciao, eccomi di nuovo. Ieri a cena ho parlato con mio figlio. Ho preso il discorso alla larga, non volevo essere diretta. Ho iniziato a chiedergli se per lui fossi ancora una donna piacente, se nonostante abbia passato i 40 anni potessi ancora destare desiderio negli uomini ed in suo padre. Lui, ironicamente mi ha risposto di si, visti i rumori che sente provenire dalla nostra camera quando torna il padre. Gli ho chiesto se è turbato nel sentire che noi facciamo l’amore, lui mi ha risposto che più che turbato è invidioso. Invidioso di cosa? O di chi? “Invidioso in generale” mi ha risposto e senza dire altro si è alzato da tavola ed è andato in camera sua. Sarà invidioso delle attenzioni che dedico al padre quando torna o invidioso del fatto che lui fa l’amore con me? Alzandosi da tavola ho visto che un enorme bozzo gli si era formato nelle mutande. L’idea che sia la seconda ipotesi mi sta accendo di nuovo la voglia. Voglio metterlo alle strette ed osare di più. Voglio che sia anche lui a dichiararsi apertamente.

Sesto scritto
Mi desidera! Si finalmente ho capito che anche lui prova attrazione fisica per la mamma. Ieri, domenica, siamo andati al mare. Al ritorno, dopo aver fatto la doccia, sono andato in camera sua e, facendo scendere un poco l’accappatoio dalle spalle, gli ho chiesto se voleva spalmarmi un poco di crema dopo sole in quanto mi bruciava un poco la pelle. Lui, non aspettandosi una richiesta del genere, inizialmente è rimasto un po’ inebetito, poi ha accettato, con un mal celato entusiasmo, di farlo. Mi sono distesa prona sul letto, ho sfilato le maniche, ed ho fatto scivolare l’accappatoio giù fino ai fianchi, forse a metà dei glutei. Lui, partendo dalle spalle ha iniziato a spalmarmi la crema. Una piacevole sensazione mi ha pervasa, la freschezza della crema e la delicatezza delle sue mani hanno fatto uscire dalla mia bocca più di un gemito di piacere. Sentivo le sue mani che sfioravano il mio corpo, prima tremanti, poi molto più audacemente. Il porcellino non si limitava a stendermi la crema sulla schiena ma, prendendosi qualche libertà, anche sui glutei, passando le mani anche tra le mie natiche. Lui, ancora in costume da bagno, non poteva nascondere la sua eccitazione. Allora ho deciso di osare ancora di più. Mi sono girata supina mostrandomi nuda dalla cintola in su. Lui mi ha guardata un po’ spaesato, non sapeva cosa fare. “Dai, ora davanti, come dietro.” l’ho esortato, e lui riempiendosi di nuovo le mani di crema, ha iniziato a spalmarmela. Prima sul ventre, poi, osando sempre di più, anche sul petto e sui seni. Me li massaggiava dolcemente tanto che subito mi si sono eretti i capezzoli. Lui lo ha notato ma ha fatto finta di niente. Le sue mani sempre più impertinenti sono scese anche sul mio basso ventre fino ad accarezzare un poco del mio pelo pubico. Si vedeva che avrebbe voluto scendere di più ma non osava. Eccitatissimo, mentre mi massaggiava, non staccava gli occhi dal mio seno e dai mie capezzoli sempre più gonfi. La sua eccitazione era pari alla mia. Sentivo la mia patatina inumidirsi sempre di più. Ho pensato che forse non era il momento giusto per compiere l’atto più peccaminoso per una madre. Ringraziandolo per il favore l’ho congedato dicendogli che ora toccava a lui fare la doccia. Rosso in viso e coprendosi vergognosamente con le mani l’evidente erezione è corso in bagno. Dopo poco, senza farmi sentire, l’ho seguito ed ho visto che si stava masturbando sotto la doccia. Allora la sua mamma lo eccita a tal punto? Anche io eccitata, mi sono diretta in camera mia e lì mi sono perversamente masturbata ripensando alle sue carezze. Forse ora i tempi sono maturi, devo solo aspettare il momento propizio per dar sfogo alla mia, spero nostra, voglia.

Settimo scritto
Caro diario, lo abbiamo fatto!! È successo tutto, e di tutto, in questo week-end. Non ho rimorsi, chi se ne frega dell’incesto ora sono felice ed appagata. Da qualche giorno Alex è tornato a dormire con me. Venerdì sera, mentre stavamo vedendo la televisione a letto, ha cominciato ad accarezzarmi e mi ha detto: “Mamma ti è piaciuto la scorsa domenica quando ti ho spalmato la crema sul corpo? Sono stato bravo?” “Si, sei stato bravissimo.” “Sai mamma, mentre ti spalmavo la crema non ti vedevo come mia mamma, ma come una bellissima donna, la donna delle mie fantasie.” Così dicendo le sue carezze diventavano sempre più libertine. La sua mano si era infilata sotto la mia camicia da notte ed ora mi stava accarezzando la zona pubica, là dove non aveva osato qualche giorno prima. “Io mi sono eccitato molto nel farlo, mi sa che ti sei accorta” “Si, che me ne sono accorta ma non preoccuparti sai, mi ha fatto piacere sapere che ti ho provocato una simile reazione.” “Ma anche tu mamma ti sei eccitata alle mie carezze?” “Ma Alex! Come sei impertinente!” Gli dissi ridendo. “ Vabbè, si mi sono eccitata, sei contento?” Intanto la mano di Alex stava entrando nei miei slip. Forse perché era ciò che desideravo da tempo, non ho avuto ne la forza ne il coraggio di dire niente, sono rimasta ferma immobile alla sua mercé. Non so dove lo avesse imparato, ma con un’abilità insospettabile si è impadronito del mio clito ed ha iniziato a masturbarlo. La mia fica ormai grondante pulsava dal piacere. Pochi minuti ed il porcello mi ha fatto provare uno dei più intensi orgasmi che abbia avuto negli ultimi anni. “Mamma, adesso sono stato bravo?”. È stato il suo commento al mio piacere. “Si.. si.. molto, ma adesso tocca a me.” Alex era disteso, girato in pancia in su, il suo cazzo duro e svettante gli usciva dagli slip, finalmente potevo farlo mio. Gli ho tolto l’intimo e mi sono impossessata del suo sesso, era grosso e duro, quasi più di quello di suo padre. La cappella era gonfia pronta a ricevere le mie carezze ed i miei baci. Mi sono chinata su di lui e gliel’ho preso in bocca. Subito ho cominciato il classico movimento del va e vieni, alternando leccate alla cappella a massaggi con le labbra. Non ci è voluto molto affinché tutta la sua voglia esplodesse nella mia bocca avida e vogliosa di sentire il suo sapore. “Ohh.. mamma godo, vengo.. vengo.. sborro..” Mai avevo sentito la parola mamma seguita da tali verbi, e ciò mi ha eccitata ancora di più. L’ho ripulito leccandogli tutto il succo del suo piacere quindi retoricamente gli ho chiesto: “Amore ti è piaciuto?” “Si mamma, finalmente si è realizzata la fantasia che ha accompagnato le mie seghe in questi anni, ovvero tu che mi spompini!” Sono rimasta a dir poco allibita! Anche se lo speravo, ora avevo la conferma di essere stato oggetto delle fantasie erotiche di mio figlio. Ci siamo abbracciati e gli ho fatto una promessa. “Domani è il tuo compleanno, ti farò un grosso regalo.” Quindi ci siamo addormentati abbracciati l’uno all’altra. La mattina dopo, sabato, al risveglio, abbiamo fatto colazione ma nessuno di noi ha avuto il coraggio di parlare di ciò che era successo la sera prima. Solo una serie di sguardi e di sorrisini complici accompagnavano le nostre chiacchiere quotidiane. Preparata la borsa ci siamo recati al mare. Non sapevo cosa aspettarmi da quella giornata, il mio pensiero era rivolto alla promessa che gli avevo fatto il giorno prima. Durante il viaggio in auto, Alex senza parlare, aveva iniziato, infilandomi la mano sotto il prendisole, ad accarezzarmi la fichetta facendomi bagnare e macchiare il costume, tanto che ho dovuto farlo smettere per paura di perdere il controllo dell’auto. In spiaggia la giornata poi passò quasi come le altre volte, unica differenza che ci siamo spinti dove l’acqua ci arrivava quasi al collo e sott’acqua abbiamo cominciato a toccarci e masturbarci. A pomeriggio inoltrato siamo tornati a casa, in auto mi ha chiesto quale fosse il regalo che avevo in serbo per lui. Gli dissi di non essere impaziente, sarebbe stata una gradevole sorpresa. A casa dopo una doccia veloce ci siamo cambiati e siamo usciti a cena come due fidanzatini per festeggiare il suo compleanno. “Mamma, è questa la sorpresa? Che bello io e te soli, quanto tempo non accadeva, grazie!” “Amore questa è solo la prima parte, dopo c’è la seconda parte..” Gli ho risposto maliziosamente. “Waaoo.. sono curioso di sapere cosa mi hai riservato per il dopo.” La cena era ottima, ed ottimo anche il vino, mi sentivo un poco brilla, su di giri ma stavo bene, non dovevo guidare, il ristorante era a poche centinaia di metri da casa nostra, ci si arrivava a piedi. Pensavo che sicuramente questo compleanno per lui sarebbe stato indimenticabile. Per strada camminavamo abbracciati come due amanti e la cosa mi faceva piacere. Appena arrivati a casa, prima di qualsiasi altra cosa Alex mi chiese: “Mamma, allora quale è il regalo che mi hai preparato? Sono curioso.” Allora io con le movenze di una spogliarellista, aperta la zip che chiudeva il mio vestito e, lasciatolo cadere a terra restando solo con l’intimo, gli ho risposto: “Eccolo!! Tua mamma!” Lui rimasto paralizzato dalla sorpresa non disse una parola allora, preso per mano, lo accompagnai in camera. Ripresosi dallo stupore ebbe solo la forza di dirmi: “Mamma sei bellissima, ti ho sempre desiderata, ora ti voglio!” Ancora in piedi davanti al letto, con le mani tremanti ci spogliammo a vicenda, poi cominciammo a baciarci ed accarezzarci. Mai avrei pensato di poter baciare mio figlio in quel modo, le nostre lingue si intrecciarono tra di loro in un profondo bacio alla francese. Quasi violentemente Alex mi distese sul letto e la sua lingua iniziò a percorrere il mio corpo dall’alto al basso. Mi leccava le tette e mi mordicchiava i capezzoli ormai eretti e duri come due noccioline. Le sue mani tremanti dall’emozione si erano ormai impossessate del mio corpo ed io, più eccitata di lui, rispondevo con brividi, spasimi e gemiti di piacere. La mia voglia era ormai incontenibile, allora allargai le gambe ed indirizzai con le mani la sua testa verso il mio sesso. Lui, subito capì cosa gli stessi chiedendo e, senza parlare, iniziò un lavoro di bocca degno della più esperta lesbica. Mi solleticava il clito, ormai eretto ed uscito dal suo cappuccio naturale, in modo sublime tanto che non resistetti più di tanto. Ebbi un potente orgasmo accompagnato, per la prima volta ,da una abbondante squirtata tanto da inondare il viso di Alex del mio liquido. Rimasi un attimo distesa sul letto, Alex mi guardava soddisfatto mentre, impugnando il suo cazzo, si masturbava. “Mamma ti è piaciuto? Sono stato bravo?” Senza rispondergli mi avvicinai a lui ed iniziai a spompinarlo. Il suo cazzo era al massimo dell’erezione, duro come un pezzo di legno. Mi distesi sul letto e tirandolo sopra di me indirizzai lo indirizzai verso la mia fica. “Amore, vieni prendimi, scopa la mamma.” gli dissi ancora eccitata nonostante l’orgasmo di poco prima. Lui senza farselo ripetere si distese sopra di me e mi penetrò. L’atto incestuoso si stava compiendo. Non provavo nessun rimorso, solo piacere. L’energia fisica di mio figlio mi stava facendo godere come mai mi era successo. Il suo sesso penetrandomi profondamente, mi faceva urlare dal piacere ad ogni colpo. In quegli attimi tutta la mia vita mi passò per la mente come un film. Da Alex bambino, con i suoi capricci ed i suoi giocattoli, fino ad ora ormai uomo mentre mi stava facendo godere. Il film si interruppe quando lo sentii urlare: “Mamma.. godo.. godo.. vengo.” Ed un potente getto del suo seme caldo inondò la mia vagina. Sentendolo sborrare dentro di me anche io arrivai all’orgasmo. Accompagnata da potenti spasimi addominali gli chiusi le gambe attorno ai fianchi e lo strinsi a me come quando, da bambino, mi chiedeva protezione quando aveva paura del temporale. Rimanemmo qualche minuto in silenzio abbracciati l’uno all’altra, poi lui avvicinando le labbra al mio orecchio mi bisbigliò: “Mamma ti voglio bene..” Mai avevo apprezzato come in quel momento quella dichiarazione d’amore. Dopo poco lui scivolò al mio fianco ed io, accucciandomi contro di lui appoggiando il mio viso sul suo petto, iniziai ad accarezzarlo teneramente. Non so se furono le mie carezze o la forza della gioventù, ma dopo poco il suo cazzo era di nuovo in piedi. Lo sperma che ancora lo imbrattava, chiedeva solamente di essere assaggiato. Scivolai verso il suo pube ed iniziai a leccargli la cappella ripulendola da tutti gli umori di cui era intrisa. Il suo sapore ed il mio si mescolavano, il sapore di muschio era inebriante ed eccitante, la mia voglia di cazzo ancora viva. Mi inginocchiai, mi misi alla pecorina e gli dissi: “Vieni Alex, fai godere ancora la mamma.” Lui mi si avvicinò da dietro, presi il suo cazzo tra le mani e lo avvicinai al mio culetto. “Amore spingi, incula la mamma..” Senza farselo ripetere obbedì, con una fitta di dolore sentii il suo cazzo aprirmi lo sfintere, ormai lubrificato da tutti gli umori uscitimi dalla fica, ed entrare dentro di me. Emisi un grido, erano anni che non lo prendevo più nel culo, lui iniziò a scoparmi lentamente e piano piano il piacere prese il sopravvento sul dolore. Iniziai ad incitarlo: “Si, scopami più forte, aprimi il culo, fai godere quella troia di tua madre, spingi.. spingi.. fammi male.” Senza accorgermi stavo usando un linguaggio che ora, a mente fredda, mi fa vergognare di me stessa, ma forse ad Alex piaceva, infatti lo sentii emettere un rantolo di piacere ed un nuovo abbondante getto del suo caldo seme inondò il mio ventre. Io per l’ennesima volta arrivai all’orgasmo, questa volta lei intense contrazioni mi fecero tremare come in preda ad un attacco epilettico, quindi rimasi distesa quasi senza sensi sul letto con mio figlio a fianco. L’odore del sesso inondava la camera, ci abbracciammo, i nostri corpi uniti sembravano un corpo solo, solo poche parole sussurrate: “Grazie mamma, è il più bel regalo che avresti potuto farmi..” “Si amore, ma questo sarà il nostro segreto, nessuno lo dovrà sapere, tanto meno papà.” Ci addormentammo nudi, esausti ma appagati. Passai una notte agitata, miliardi di pensieri affollavano la mia mente, rimorsi e vergogne mi attanagliarono fino al mattino. Al risveglio bastò la vista del suo uccello duro a farmi passare tutti i pensieri. Mi avventai su di lui e gli feci un pompino assaporando e deglutendo il suo succo. Era la mia colazione. “Buongiorno amore..” “Buongiorno mamma..” La nostra nuova vita iniziava così.


Questo racconto di è stato letto 8 4 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.